ITA | ENG
Laurea in
PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA
E PAESAGGISTICO-AMBIENTALE
Presentazione
Studiare pianificazione a Torino
Iscriversi
Come lavoriamo
Alcuni esempi di lavori prodotti all’interno dei nostri Atelier
Tirocini
Carriere
Proseguire gli studi
Internazionalizzazione
Erasmus+
News
Contatti
Scheda istituzionale
Piano degli studi
Guida dello studente
Dipartimento
Collegio
Iscrizione
Studenti
italiani
Studenti
stranieri
Come lavoriamo
L’attività didattica prevede sia corsi teorici sia atelier (laboratori di più discipline): in genere, la disciplina appresa in un corso teorico viene applicata in un’atelier immediatamente successivo. Alcune discipline vengono apprese direttamente in atelier, ossia “facendo”.

Le esercitazioni, nei corsi e negli atelier, si svolgono su casi studio concreti, per applicare gli strumenti interpretativi e simulare i processi decisionali e progettuali. Sono svolte in piccoli gruppi, per allenare l’abilità a motivare e illustrare le proprie scelte, per confrontarsi e prendere decisioni condivise. Alcune esercitazioni sono collegate a temi di ricerca, sviluppati in collaborazione con amministrazioni territoriali o altri enti: ciò consente di sperimentare non solo metodologie innovative, ma  anche il rapporto con le esigenze di un territorio o di un soggetto reale.

All’interno dei corsi sono organizzate anche visite guidate, incontri e seminari con esperti esterni. Gli studenti sono informati ed incoraggiati a partecipare a eventi di aggiornamento scientifico e professionale (segnalati in aula e spesso nella pagina "News" di questo sito), promossi dal Corso, dal Dipartimento o da Enti esterni (ad esempio, in occasione della presentazione di nuovi strumenti di settore, leggi, piani, progetti).
Il nostro corso, rispetto ad altri, ha un rapporto numerico docenti/studenti molto favorevole: un numero non elevato di studenti favorisce la creazione di un senso di comunità utile alla vita accademica.

Alcuni docenti seguono la carriera degli studenti sia per quanto riguarda i tirocini sia per quanto riguarda le possibilità di studio e svolgimento di tesi all'estero (si vedano le pagine dedicate su questo sito).



Il Politecnico di Torino offre aule informatiche attrezzate (inoltre, tutte le nostre aule permettono ad ogni studente di collegare il proprio PC e di connettersi alla rete WI-FI di ateneo). 

I risultati del questionario CPD a.a. 2018/2019 per il corso di laurea
I risultati del questionario CPD a.a. 2018/2019 vedono ottimi risultati per il corso di laurea in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Paesaggistico-Ambientale.
In particolare, sono importanti i risultati molto sopra la media di ateneo per il carico di studio, l'organizzazione dell'orario e della didattica integrativa, l'interesse per l'argomento di studio e l'utilità della frequenza delle attività didattiche. Cliccando sulle icone dei singoli temi è possibile scaricare un particolare della tabella complessiva per una lettura agevole del dato.
Carico didattico
Organizzazione dell'orario
Didattica integrativa
Interesse per l'argomento
Utilità della frequenza

Le specificità del corso
Il "tecnico del territorio" svolge un’attività che richiede la conoscenza di molte discipline, e soprattutto di saper lavorare con specialisti diversi, saper lavorare in gruppo, dialogare con soggetti che rappresentano interessi diversi, scegliere insieme. 
Queste capacità vengono sviluppate soprattutto attraverso le attività degli atelier: qui si applicheranno gli strumenti conoscitivi, interpretativi e tecnici appresi, simulando processi decisionali, progettando interventi.
Per pianificare, e più in generale per il governo del territorio, bisogna prima di tutto conoscere le caratteristiche del territorio, avere dati e rappresentazioni aggiornate di ciò che cambia. A questo obiettivo risponde la costruzione di Sistemi Informativi Territoriali (SIT) che consentono di raccogliere dati legati alla loro localizzazione geografica (dati georeferenziati), di renderli disponibili ad utenti diversi (ad esempio ai Comuni di un certo territorio), di produrre rappresentazioni delle diverse situazioni territoriali. Per questo si acquisiranno conoscenze tecniche e strumentali e fra queste i software che consentono la gestione di un Sistema Informativo Territoriale.
Il Corso può contare anche sulla collaborazione di un Laboratorio che possiede specifiche competenze e strumenti in questo campo: il LARTU (Laboratorio di Analisi e Rappresentazioni Urbane e Territoriali del Dipartimento DIST).

(Accanto: elaborato degli studenti M. Bocci, I. Cappello, S. Carlucci, D. Vitello, Atelier di Pianificazione Paesaggistica e Territoriale, a.a. 2012-2013)


Urbanistica, architettura, ingegneria

La città contemporanea non nasce per sommatoria di progetti di architettura, ma attraverso un progetto d’insieme, che stabilisce le regole generali della trasformazione: il piano urbanistico. L’urbanistica è il progetto del sistema di regole e del disegno d’insieme delle trasformazioni urbane.
Rispetto ai corsi in architettura, quindi, ci distingue l’oggetto dei nostri progetti, e la relativa scala dei fenomeni: parti di città, l’intera città, parti di territorio, fino alla scala sovranazionale (tipica, ad esempio, di reti infrastrutturali, o sistemi ambientali come grandi parchi).
Il "governo  del territorio" non riguarda solo la città e le sue trasformazioni, ma anche l'organizzazione di aree vaste, il paesaggio, la gestione, attraverso il piano, delle risorse  di cui i diversi territori sono dotati.
Rispetto ai corsi in ingegneria (ad esempio Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio), con il quale condividiamo in parte l'oggetto di studio, l'ambiente e il territorio, non ci concentriamo su strumenti e tecniche per progettare e realizzare interventi specifici, ma sulla capacità di analisi multidisciplinare dei fenomeni urbani e territoriali, e sugli strumenti per compiere le scelte generali relative alla loro organizzazione e gestione attraverso piani e programmi.

Elaborato degli studenti T. Bazzi, F. Bonavero, E. George (Atelier di Pianificazione Paesaggistica e Territoriale, a.a. 2011-2012)