ITA | ENG
Laurea magistrale in
INGEGNERIA DEI MATERIALI
Presentazione
Esiti occupazionali
Dicono di noi
Collaborazioni con enti e aziende
Struttura organizzativa del CdS
Attività Internazionali
Borse di Studio e Premi di Laurea 2018
Videopresentazione
Iniziative internazionali
Scheda istituzionale
Piano degli studi
Guida dello studente
Dipartimento
Collegio
Iscrizione
Studenti
italiani
Studenti
stranieri
Iniziative internazionali
  • Accordo di  Doppio Titolo che consentirà agli studenti dei corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali di frequentare un anno presso l'università partner e conseguire, al termine del percorso, il titolo di entrambe le università. L'accordo – il primo del Politecnico con una università giapponese - si inserisce all'interno della collaborazione tra Politecnico e KIT, sancita dall'accordo siglato il 27 giugno 2017 e focalizzata su nuovi materiali e biotecnologie, architettura, design, riprogettazione e sviluppo urbano. L’accordo ha previsto anche la creazione di un Centro Congiunto di ricerca e formazione, una piattaforma nella quale convergeranno ricerca, formazione e trasferimento tecnologico, che avrà due sedi fisiche: una a Kyoto e una al Politecnico. Poliflash  magazine

  • Le attività didattiche condotte all’estero nell’ambito degli accordi SOCRATES-ERASMUS.
Agli studenti iscritti al corso di laurea magistrale è offerta la possibilità per un semestre di frequentare corsi e sostenere i relativi esami presso numerose università europee, tra cui:
  • Universidad Rovina i Virgili;
  • École Nazionale Superieure des Tecniques Industrielle d’Albi;
  • Université de Savoie;
  • Université Joseph Fourier;
  • INPG de Grenoble;
  • École Polytechnique Universitarie de Montpellier;
  • Université de Limoges;
  • INSA de Lyon;
  • Università Paris-Sud 11;
  • Tchnische Universiteit Delft;
  • Tchnische Universiteit Eidhoven;
  • University of Krakow;
  • Universitatea din Craiova;
  • Universitatea Politehnica din Bucuresti;
  • Athlone Institut of Technology.
I corsi e gli esami sostenuti dagli studenti italiani all’estero sono riconosciuti in sostituzione di corsi del piano di studi italiano e le votazioni conseguite convertite e convalidate. Nel contempo sono integrati nelle classi dei corsi tenuti in Italia studenti provenienti sia dalle suddette Università sia da altre istituzioni universitarie latino americane e cinesi.