ITA | ENG
Corso di laurea magistrale in
PETROLEUM AND MINING ENGINEERING
Presentazione
Petroleum Engineering
Mining Engineering
Materiali divulgativi
Scheda istituzionale
Piano degli studi
Guida dello studente
Dipartimento
Collegio
Iscrizione
Studenti
italiani
Studenti
stranieri
Presentazione
Laurea magistrale in Petroleum and Mining Engineering
Petroleum Engineering
Dall’anno accademico 2017/18 il corso di laurea magistrale in Petroleum Engineering è trasformato in Petroleum and Mining Engineering prevedendo l’affiancamento di un percorso “Mining Engineering” all’esistente percorso “Petroleum Engineering”. Il corso di laurea si è, quindi, completato, abbracciando l’intero settore della estrazione e produzione di risorse fluide e solide dal sottosuolo. 

SUGGERIMENTO: Per saperne di più sugli obiettivi del corso e sul piano di studi dell'intero biennio, 
Obiettivi formativi specifici del Corso e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Le figure professionali che il corso di laurea intende formare sono ingegneri in grado di operare proficuamente e fin da subito nel settore petrolifero e minerario, che si contraddistingue per l’elevato livello tecnico e tecnologico, per l’interdisciplinarietà e per la dimensione internazionale che impone agli specialisti di essere in grado di operare in contesti socio-ambientali molto diversi e ad affinare le proprie capacità di relazione e di comunicazione.
Anche per questo il corso di laurea è fornito esclusivamente e interamente in lingua inglese.   

Al termine del percorso di studi gli ingegneri del petrolio e minerari saranno in grado di:
  • caratterizzare i giacimenti di idrocarburi sia in termini di quantità di idrocarburi in posto sia in termini di capacità produttiva e identificare le migliori strategie produttive di olio e/o di gas naturale in base a criteri di fattibilità tecnica ma anche di sostenibilità economica e ambientale (orientamento in Petroleum Engineering)
  • caratterizzare i giacimenti minerari per stimare le riserve e identificare le migliori strategie per lo sfruttamento minerario in base a criteri di fattibilità tecnica ma anche di sostenibilità economica e ambientale (orientamento in Mining Engineering).    
I laureati del corso di laurea saranno in possesso di conoscenze idonee a svolgere attività professionali in diversi ambiti, anche
concorrendo ad attività quali la fattibilità tecnica ed economica di un progetto esplorativo o di sviluppo di un giacimento di idrocarburi o minerario, la gestione e la definizione delle strategie di coltivazione delle risorse non rinnovabili, inclusa la progettazione e l’organizzazione delle strutture e degli impianti necessari per la produzione, l'analisi del rischio e la gestione della sicurezza in fase di prevenzione ed emergenza.  

Le professionalità dei laureati del corso di laurea, che potranno essere definite in rapporto ai diversi ambiti applicativi tipici del corso di laurea, saranno idonee a svolgere attività di alto profilo tecnico sia all’interno delle compagnie petrolifere o minerarie sia nelle società di servizi, che acquisiscono e elaborano dati e che sviluppano progetti per conto delle società petrolifere o minerarie, sia delle amministrazioni pubbliche che si occupano del settore energetico e delle materie prime. 

L’orientamento professionale dei laureati, una volta inseriti nel mondo del lavoro, potrà anche dipendere dalla personale predisposizione ad attività di tipo speculativo o maggiormente applicativo.
Il profilo professionale che il CdS intende formare
Principali funzioni e competenze della figura professionale
Ingegnere di giacimento
Collabora alla realizzazione, o è responsabile, di studi integrati di giacimento. Si interfaccia con i tecnici di differenti discipline per la caratterizzazione dei fluidi e della roccia serbatoio, simula il comportamento produttivo del giacimento e ne individua le possibili strategie produttive. Ha attitudine al lavoro di squadra, scrupolosità e accuratezza.
Ingegnere di perforazione
Collabora alla stesura e/o realizzazione, o è responsabile, del programma di perforazione e completamento dei pozzi petroliferi. Ha conoscenza di procedure e di materiali. Ha predisposizione per le attività di cantiere, senso pratico ed elevata capacità di adattamento.
Ingegnere prospettore e progettista delle miniere
Collabora alla realizzazione, o è responsabile, di studi integrati sul giacimento. Si interfaccia con i tecnici di differenti discipline per la caratterizzazione delle rocce, simula il comportamento statico delle cavità previste e ne individua i possibili rischi di instabilità. Ha attitudine al lavoro di squadra, scrupolosità e accuratezza.
Direttore dei lavori minerari
Collabora alla gestione, o è responsabile, della produzione della miniera e degli impianti di trattamento in superficie. Ha conoscenza di procedure e dei materiali. Ha predisposizione per le attività di cantiere, senso pratico ed elevata capacità di adattamento.
Descrizione del percorso formativo
Il percorso formativo, strutturato in due anni, prepara gli allievi sulle discipline fondamentali del settore petrolifero e minerario. Le materie scientifiche specifiche del settore dell'ingegneria petrolifera e mineraria permettono di fornire inizialmente le nozioni e gli strumenti per poter comprendere le discipline tecnico-ingegneristiche che sono impartite successivamente.

Nel primo anno i corsi riguardano le proprietà chimiche e fisiche delle rocce, le proprietà petrofisiche delle rocce mineralizzate, i fondamenti di geologia del petrolio e di geologia mineraria, la meccanica delle rocce, la teoria dell’analisi del rischio, l’ingegneria delle materie prime, le tecniche per l’esplorazione geofisica dei giacimenti di idrocarburi e dei giacimenti minerari. In seguito, vengono acquisite competenze relative all’analisi e alla revisione quantitativa delle informazioni e dei dati acquisiti. Tali competenze vengono consolidate anche attraverso esercizi di calcolo mirati per risolvere problemi di interesse pratico. Il secondo anno è invece rivolto specificatamente all’istruzione tecnica e ingegneristica. Oltre a discutere metodi e strategie per lo sfruttamento delle riserve e dei giacimenti, le esercitazioni pratiche giocano un ruolo fondamentale per un approccio interdisciplinare. 
La preparazione tecnica ad ampio spettro è in grado di fornire tutti gli strumenti per poter approfondire le tematiche di interesse o specializzarsi in un settore più ristretto durante la propria vita lavorativa.
Le materie propedeutiche forniscono cognizioni utili nei settori dell'economia delle risorse, della bonifica ambientale dei siti inquinati, dell'analisi di rischio e della sicurezza degli impianti e dei processi.

La formazione può essere completata attraverso moduli riservati alla formazione tecnica o mediante un tirocinio.