ITA | ENG
Laurea magistrale in
PIANIFICAZIONE TERRITORIALE,
URBANISTICA E PAESAGGISTICO-AMBIENTALE
Il nostro corso
Il piano di studi
Come lavoriamo
Iscriversi
Scegliere Torino
Tirocini
Lavoro
Internazionalizzazione
News
Contatti
Scheda istituzionale
Piano degli studi
Guida dello studente
Dipartimento
Collegio
Iscrizione
Studenti
italiani
Studenti
stranieri
Il nostro corso
Immagine tratta da un elaborato degli studenti M. Falceri, S. Leardi, F. Mosna, M. Zampieri (Atelier di Pianificazione Paesaggistica e Territoriale, a.a. 2012-2013)

Questa Laurea Magistrale forma pianificatori capaci di risolvere problemi complessi connessi alla situazione attuale e al futuro di città e territori: sostenibilità ambientale, inclusione sociale, gestione del cambiamento climatico, efficienza energetica, mobilità, consumo di suolo, protezione del patrimonio paesaggistico.
Il nostro corso in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Paesaggistico-ambientale, quindi, intende formare pianificatori sensibili agli obiettivi del Sustainable Development Goal 11 delle Nazioni Unite: "Make cities and human settlements inclusive, safe, resilient and sustainable".

Il programma offre una combinazione di corsi, che forniscono conoscenze e abilità in diverse discipline, e atelier interdisciplinari, che propongono casi studio sui quali imparare concretamente formulando o attuando politiche, strategie, programmi, piani, progetti. Il programma ha due orientamenti:
  • Pianificare la città e il territorio (in Italiano)
  • Planning for the Global Urban Agenda (in inglese)


AESOP Certificate of Quality

Il corso di laurea magistrale in Pianificazione Territoriali, Urbanistica e Paesaggistico-ambientale ha ottenuto, nel gennaio 2016, l'AESOP Certificate of Quality. Questa certificazione di qualità del percorso formativo è promossa dall'AESOP (Association of European Schools of Planning, http://www.aesop-planning.eu/) e riguarda i corsi migliori che, in tutta Europa, formano figure di pianificatori.


La pianificazione in agenda: comprendere e cambiare il mondo

Nell'ottobre 2016 è stata approvata a Quito (Ecuador) la nuova Agenda Urbana delle Nazioni Unite Habitat III.
Tra le azioni individuate nella "Dichiarazione di Quito sulle città sostenibili e gli insediamenti umani per tutti" (documento costitutivo della nuova Agenda Urbana) è importante segnalare l'articolo 102 ("We will strive to improve capacity for urban planning and design and providing training for urban planners at national, sub-national, and local levels"*) che sottolinea l'importanza di una formazione nel campo della pianificazione urbana, territoriale, paesaggistica e ambientale.


* "Ci batteremo per migliorare la capacità di incidere della pianificazione e progettazione urbane e per assicurare la formazione per i pianificatori ai livelli nazionale, infra-nazionale e locale" (trad. nostra).


Il pianificatore

Il pianificatore che formiamo è un esperto capace di cooperare con altri esperti di campi disciplinari diversi: la sua formazione è interdisciplinare, affronta i temi della pianificazione a scale diverse, è in grado di elaborare strategie, di contribuire alla definizione di politiche, di progettare per indirizzare le trasformazioni urbane e territoriali.

Il pianificatore interagisce con soggetti diversi - istituzionali, economici, sociali - anche non esperti, stimolandone la partecipazione attiva nei processi decisionali.

Il pianificatore opera nel contesto locale, nazionale e europeo.


Visite alle aree oggetto di studio

Link al video creato dai nostri studenti (di Camilla Guadalupi e Andrea Mora, con il contributo di Lorenzo Attardo):
https://youtu.be/aQGXuq-4FSc

Organizzazione del corso

Il corso magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale è organizzato in due modalità didattiche (corsi e atelier) che strutturano il primo anno (1° e 2° semestre) e il 1° semestre del secondo anno.
I corsi hanno durata semestrale e si concludono con un esame. Possono essere mono- o pluri-disciplinari, ossia possono vedere il contributo di più discipline. I corsi forniscono contributi sistematici fondativi per la formazione culturale del pianificatore.

Gli atelier hanno anch'essi durata semestrale e si concludono con un unico esame ma sono multidisciplinari e vedono il contributo di più docenti di discipline diverse. Sono incentrati sulla definizione di strumenti di pianificazione a scale diverse che simulano l'integrazione di una pluralità di punti di vista. Permettono agli studenti di applicare a casi concreti le conoscenze acquisite e di partecipare a visite guidate, incontri e seminari con esperti esterni.

Il corso di laurea si conclude con una tesi che può essere svolta con due modalità:
  • il laureando può elaborare una tesi di ricerca (30 crediti, corrispondenti al 4° e ultimo semestre), con l'obiettivo di approfondire uno specifico tema. La tesi di ricerca consente di applicare le conoscenze acquisite e di incrementare la capacità di approfondire autonomamente le tematiche affrontate, sviluppando le capacità di auto-apprendimento attraverso l'acquisizione di una metodologia di ricerca;
  • il laureando può, in alternativa, elaborare una tesi di carattere maggiormente professionalizzante, all'interno della quale è previsto un periodo di tirocinio (30 crediti in totale, 20 per la tesi e 10 per il tirocinio, sempre in corrispondenza del 4° e ultimo semestre).
Il corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale ha un rapporto numerico docenti/studenti favorevole alla creazione di un senso di comunità.

Elaborato degli studenti R. Amatobene, E. Errante, R. Germano, C. Nigro (Atelier di Pianificazione Paesaggistica e Territoriale, a.a. 2012-2013)
Il Politecnico di Torino  è membro fondatore di UNISCAPE, la rete europea di università per l'attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio.
Il nostro corso di laurea magistrale è tra quelli segnalati da UNISCAPE.

Link utili