ITA | ENG
Laurea magistrale in
PIANIFICAZIONE TERRITORIALE,
URBANISTICA E PAESAGGISTICO-AMBIENTALE
Il nostro corso
Il piano di studi
Come lavoriamo
Iscriversi
Scegliere Torino
Tirocini
Lavoro
Internazionalizzazione
News
Contatti
Scheda istituzionale
Piano degli studi
Guida dello studente
Dipartimento
Collegio
Iscrizione
Studenti
italiani
Studenti
stranieri
Lavoro

Il pianificatore è una figura professionale riconosciuta in Europa e, in Italia, dalla legge di riforma delle professioni del 2001. Dal 2001 esiste l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in ogni provincia, cui si accede attraverso un apposito esame di stato:  il laureato magistrale assumerà il titolo di "pianificatore".

La professione del pianificatore è, quindi, riconosciuta da poco più di una decina d’anni, con un numero di scuole e di laureati  ancora molto limitato rispetto al potenziale bacino di attività, soprattutto - ma non solo - nelle pubbliche amministrazioni.

Il pianificatore che formiamo è un professionista che lavora, in Italia o all’estero, nelle pubbliche amministrazioni, in studi professionali di progettazione e pianificazione, in aziende, agenzie o enti del terzo settore.


Foto di Lorenzo Attardo

Carriere

  • Pianificatore e urbanista, esperto nella formulazione di piani urbanistici o territoriali
  • Pianificatore territoriale, esperto nella formulazione di piani paesaggistici e ambientali
  • Pianificatore e urban manager, esperto nell’elaborazione di strategie e progetti di trasformazione urbana e territoriale
  • Pianificatore e analista spaziale, esperto con capacità di progettazione e gestione di Sistemi Informativi Geografici 

Nell’ultima indagine  svolta nel 2017  da Alma Laurea fra i laureati specialisti (le prime lauree magistrali sono del 2012) del Corso di Torino emerge che il 70,7% degli intervistati ha, ad un anno dalla laurea, un’occupazione, mentre questa percentuale sale all'88,2% a tre anni dalla laurea.

Presentarsi nel mondo del lavoro: come creare un portfolio
Per presentarsi nel migliore dei modi ad un colloquio o ad una selezione è opportuno avere un Curriculum Vitae ben scritto e, data la specificità della formazione di un planner, anche un portfolio che possa dimostrare anche con immagini e una struttura più agile le competenze acquisite. A tal fine si rende disponibile un modello di portfolio e una cartella compressa con il template indesign e le immagini di riferimento, per permettere una più corretta stesura del documento.
Esperienze di laureati magistrali
"Nel mese di dicembre 2016 ho conseguito la laurea magistrale in PTPA. Durante il percorso, ho acquisito competenze tecniche in campo analitico, grazie all'utilizzo di strumenti come il GIS e in campo relazionale, tramite workshop di gruppo e tirocini formativi presso l'ente Città Metropolitana di Torino. A poco più di un mese dal conseguimento della laurea magistrale, sono entrata a far parte del team Lidl, collaborando come sviluppatore immobiliare junior. Mi occupo della ricerca su territorio regionale/provinciale di terreni per le nuove filiali Lidl!  È un'ottima opportunità per un pianificatore territoriale: si possono mettere in atto la abilità analitiche di ricerca di territori favorevoli alla trasformazione; approfondire le conoscenze legislative apprese durante il corso di studi; vedere dal vivo in che modo un territorio si trasforma e quali sono le clausole e i passaggi affinché tutto ciò avvenga. Queste ragioni mi rendono grata al Politecnico di Torino, per essere in grado di formare abili professionisti da inserire nel mondo della pianificazione territoriale, anche a vasta scala!".
Simona Bertelli

"Laureata a Febbraio 2016, ho iniziato una collaborazione trimestrale presso l’Ente Parco del Ticino Lombardo, in quest’ambito mi sono avvicinata alle tematiche urbanistiche legate alle aree protette, partecipando a commissioni paesaggistiche e redigendo elaborati urbanistici tramite l’utilizzo di strumenti GIS. Dal mese di Giugno 2016 ho dato avvio ad una nuova collaborazione presso lo Studio Mellano Associati, sito in Torino, grazie al quale ho la possibilità di applicare le conoscenze acquisite durante il mio percorso di studi tramite la redazione di elaborati costituenti i PRGC. Il corso di laurea in Pianificazione Territoriale mi ha infatti offerto la possibilità di approfondire temi normativi e istituzionali nella pianificazione, di acquisire abilità nell’utilizzo di strumenti GIS e capacità nell’analisi complessa di territori anche ad area vasta; requisiti fondamentali per approcciarsi al mondo del lavoro nella pianificazione territoriale".
Elisa Dell'orfano

"Partire per il servizio civile internazionale è stato un modo per mettermi alla prova. Non ero alla ricerca di un lavoro vero e proprio, ma di qualcosa che appagasse il bisogno di sentirmi utile socialmente. Ciò che mi è stato offerto è stata un’esperienza di formazione intensa: un'occasione per crescere umanamente e professionalmente. Oltre gli aspetti umani e le esperienze di vita, il mio profilo è stato scelto tra i molti perché meglio si sarebbe dovuto adattare al progetto selezionato: un progetto di mediazione di conflitti socio ambientali Caraz, nella regione andina peruviana. Questo lavoro mi ha permesso di valorizzare gli insegnamenti appresi dal corso in Pianificazione Territoriale come le analisi territoriali, i percorsi partecipativi di scenari di sviluppo comunitario, la produzione di database GIS e la creazione di mappe tematiche".
Andrea Mora

"Laurea Magistrale in PTUA nel 2008, Dottorato di ricerca in Ambiente e Territorio nel 2013. Abilitato all'esercizio della professione di Pianificatore Territoriale dal 2009. Ha lavorato nell'ambito della pianificazione territoriale e dell'analisi e valutazione ambientale mediante sistemi informativi geografici, in Italia e all'estero, e nella gestione di progetti di ricerca sull'electromobility e la mobilità sostenibile presso Pininfarina. E' attualmente Geospatial Analyst presso Compass, startup tecnologica con sede a New York che opera nel settore del mercato immobiliare americano. Il corso mi ha permesso di acquisire il bagaglio di conoscenze tecniche e teoriche necessarie per lo studio dei processi territoriali, che mi ha permesso di intraprendere una carriera nel campo dell'analisi dei dati a supporto della pianificazione territoriale e della ricerca a livello accademico e per il settore privato. Personalmente, le conoscenze acquisite nel campo dei Sistemi Informativi Geografici e le loro applicazioni hanno fatto la differenza".
Lycurgo Vidalakis

"Dopo aver acquisito la laurea magistrale in PTUA nel 2013 ho superato l’esame di stato che mi ha permesso l’iscrizione all’albo degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Torino. Tra il 2014 e il 2015 ho collaborato con Unioncamere Sicilia su progettualità (Contratto di Rete) finanziate dal Ministero dello Sviluppo Economico per la promozione e lo sviluppo delle imprese sul territorio. Da novembre 2015 frequento il corso di dottorato di ricerca in Urban and Regional Development presso il Politecnico di Torino su tematiche legate al rapporto tra economia e pianificazione della città. Da gennaio 2016, nell’ambito della mia esperienza formativa di dottorato, collaboro con Ires Piemonte".
Diego Vitello


Promozione e valorizzazione della professione

Nel 2014 è stata inviata una lettera all’Assessore all’Urbanistica della Regione Piemonte, all’Assessore agli Enti Locali della Regione Piemonte, al Presidente dell’ANCI del Piemonte, al Presidente dell’UPI del Piemonte e a tutti i Comuni e le Province del Piemonte, firmata congiuntamente dal Coordinatore del Collegio di Pianificazione e Progettazione del Politecnico di Torino, dal Direttore del Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio, dal Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Torino, dal Presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU)-Sezione Piemonte e Valle d’Aosta, dal Presidente della Federazione degli Ordini degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori del Piemonte per sensibilizzarli (anche nel rispetto dell’art 79 della Legge urbanistica del Piemonte), affinché i laureati nelle discipline della Pianificazione urbanistica, territoriale e ambientale siano esplicitamente inclusi sia nei bandi pubblici di concorso per funzionari e dirigenti nei settori ad essa afferenti, sia nei concorsi di progettazione e di idee e nel conferimento di incarichi professionali che abbiano per oggetto la progettazione o la pianificazione urbanistica, paesaggistica,  ambientale e territoriale.