Mobilità verso l'estero
Emergenza covid-19: FAQ
Studente attualmente all’estero
Sono all’estero e sto regolarmente svolgendo la mia mobilità; come devo comportarmi a seguito dell’emergenza Coronavirus?Attieniti alle indicazioni dell’ente che ti ospita e alle raccomandazioni che provengono dall’OMS sia in merito all’opportunità di non effettuare spostamenti dal luogo in cui ti trovi e sia in merito al comportamento da mantenere per tutelare la sicurezza sanitaria tua e altrui. Se desideri rientrare, puoi farlo nel rispetto delle indicazioni sanitarie del Paese che ti ospita, con i mezzi che ritieni più adeguati e che sono al momento disponibili  
Alla luce del messaggio ricevuto il giorno 13 marzo, devo interrompere la mia mobilità e tornare a casa?
Per quanto riguarda il Politecnico non è necessario, ma ti invitiamo caldamente ad adottare un comportamento responsabile e a rispettare le indicazioni che riceverai dall’ente/università e dal Paese che ti sta ospitando ovvero le indicazioni fornite dall’OMS al fine di tutelare la salute propria e quella altrui.
Cosa devo fare se intendo interrompere la mobilità in anticipo a causa dell’emergenza Coronavirus e tornare a casa?
Devi avvisare l’Ente/Università ospitante, il tuo referente accademico del Politecnico e compilare il modulo di rinuncia inviandolo via ticket all’Ufficio Mobilità Outgoing indicando come causale “rinuncia  per emergenza covid-19”. Ricordati di procurarti i documenti finali di mobilità come da contratto perché saranno indispensabili ai fini della validità della mobilità e del pagamento della borsa di studio. Inoltre, se hai già superato degli esami in mobilità, fai inviare tramite email il transcript of records in formato digitale all’Ufficio Mobilità Outgoing. Ricordati di modificare il LA lasciando solamente i corsi che hai superato all’estero.
Se, a causa dell’emergenza Coronavirus, sono costretto a fermarmi all’estero posso chiedere un prolungamento della mobilità?Sì, dovrai chiedere l’autorizzazione a farlo all’ente/università che ti ospita e al referente accademico del Politecnico e,  se intendi svolgere ulteriori corsi durante l’ulteriore periodo, aggiornare il LA. L’autorizzazione al prolungamento implica l’estensione dello Status Erasmus/IN MOBILITÀ e, se soggiorni in un Paese non europeo, della copertura Assicurativa garantita dal Politecnico.
Se sono costretto a rientrare in Italia senza riuscire a raccogliere tutta la documentazione relativa alla mobilità, come posso farmi rilasciare i documenti per la borsa di studio e per convalidare gli esami?
Data l’emergenza non preoccuparti degli aspetti amministrativi e accademici, tutti i documenti potranno poi essere spediti dall’ateneo/ente estero all’Ufficio Mobilità Outgoing del Politecnico via email.
Se rientro in Italia a causa dell’emergenza Coronavirus pagherò la sanzione?
No, la rinuncia è considerata motivata pertanto non incorrerai in nessuna sanzione e potrai partecipare a futuri bandi di mobilità.
Se rientro in Italia a causa dell’emergenza Coronavirus posso seguire i corsi al Politecnico?
Sì,  appena rientrato contatta l’Ufficio Mobilità Outgoing via ticket e sarai reinserito nelle attività didattiche del Politecnico.
Se anticipo il rientro, mi viene riconosciuto nella carriera del Politecnico quanto sostenuto all’estero?
Sì, tutto ciò che l’università/ente ospitante ti certificherà ti verrà riconosciuto.
Il periodo di quarantena mentre sono all’estero è considerato fuori dal periodo di mobilità?
No, tale periodo - se certificato dall’ateneo/ente estero nella documentazione conclusiva - verrà considerato come un regolare periodo di mobilità
Se, a causa dell’emergenza Coronavirus, sono costretto a fermarmi all’estero e a sospendere momentaneamente il lavoro di tesi posticipando la data per il conseguimento del titolo, non rispettando i vincoli di scadenza previsti dal bando, dovrò restituire il contributo già percepito? NEW
(Solo per beneficiari del contributo "tesi su proposta")  
Al momento no, l’Ateneo farà le opportune valutazioni in considerazione della situazione di emergenza sanitaria e dei casi di “Forza maggiore”, mentre è rimandata a successive valutazioni l’erogazione del saldo della borsa.
Studente rientrato dall’estero 
Se sono rientrato in Italia come posso consegnare tutti i documenti necessari a chiudere la mobilità?
Se ti sono già stati rilasciati dall’università/ente ospitante potrai inviarli all’Ufficio Mobilità Outgoing del Politecnico tramite ticket; una volta riaperti gli sportelli, potrai consegnare gli originali.
C’è una scadenza per la consegna dei documenti di rientro?
Al momento la scadenza rimane quella indicata nel contratto di mobilità. Se dovessero esservi indicazioni diverse l’Ufficio Mobilità Outgoing ti informerà.
Se sono rientrato in Italia a causa dell’emergenza Coronavirus pagherò la sanzione?
No, la rinuncia è considerata motivata pertanto non incorrerai in nessuna sanzione e potrai partecipare a futuri bandi di mobilità.
Cosa devo fare se ho interrotto la mobilità in anticipo a causa dell’emergenza Coronavirus e sono tornato in Italia? UPDATESe non hai potuto farlo prima della partenza, devi avvisare l’Ente/Università ospitante, il tuo referente accademico del Politecnico e notificare tale interruzione all’Ufficio Mobilità Outgoing inviando un ticket avente come oggetto “interruzione mobilità per emergenza covid-19”. Ricordati di procurarti i documenti finali di mobilità come da contratto perché saranno indispensabili ai fini della validità della mobilità e del pagamento della borsa di studio. Inoltre, se hai già superato degli esami in mobilità, fai inviare tramite email il transcript of records in formato digitale all’Ufficio Mobilità Outgoing. Ricordati di modificare il LA lasciando solamente i corsi che hai superato all’estero. Se i documenti di rientro sono difficili da recuperare a causa della situazione di emergenza, segnalalo  immediatamente via ticket all’Ufficio Mobilità Outgoing.
Se sono rientrato in anticipo rispetto alla data prevista da contratto, mi viene riconosciuto comunque in carriera del Politecnico quanto sostenuto all’estero?
Sì, tutto ciò che l’università/ente ospitante ti certificherà  ufficialmente ti verrà riconosciuto.
Se decido di rientrare in Italia ma l’università ospitante eroga i propri corsi online, posso continuare a seguirli o devo essere re-integrato nei corsi del Politecnico?
Potrai continuare a seguire i corsi online erogati dall’università partner continuando la tua mobilità in una modalità “a distanza”.
In questo caso l’Università partner dovrà riconoscerti il periodo complessivo dichiarandolo nell’Attestato di Permanenza finale e certificando il superamento degli esami sostenuti in remoto rilasciando apposito transcript of records.
L’Ente ospitante mi ha proposto di lavorare da remoto alla tesi, posso procedere in tal senso? NEW
Sì, puoi accettare la proposta da parte dell’ente ospitante di lavorare da remoto al tuo progetto di tesi, sentito anche il relatore al Politecnico. Al fine dell’ottenimento dell’intera borsa di studio faranno fede i documenti di fine mobilità (final project assessment e attestato di permanenza, nel quale dovrà essere incluso anche il periodo di lavoro da remoto) firmati dall’Ente ospitante.
Studente non partito per mobilità annullata, cancellata, posticipata
Avrei dovuto svolgere la mia mobilità per corsi o corsi+tesi nel secondo semestre, ma non mi è stato possibile partire. Cosa devo fare? UPDATE
Se la mobilità che avresti dovuto avviare era per corsi o corsi+tesi, la tua mobilità è stata annullataDovrai eliminare i corsi inseriti nel tuo Learning Agreement (senza mandarlo in approvazione al referente) e contattare la segreteria didattica che provvederà a riaprire i termini per la definizione del tuo piano carriera, consentendoti di indicare gli insegnamenti per il secondo semestre.
La mia mobilità per tesi (su proposta del candidato) o Erasmus+ traineeship è stata sospesa a causa del Coronavirus, ma mi è stato proposto dall’università/ente ospitante di svolgere l’attività prevista in modalità di smartworking. È possibile? NEW
Sì, puoi attivare la tua mobilità in remoto, tuttavia se dovessi svolgerla per l’intero periodo solo in tale modalità non avrai diritto al riconoscimento della borsa di studio. L’Ateneo ha posticipato le decisioni sull’eventuale pagamento della borsa in caso di mobilità mista (parzialmente in remoto e parzialmente in presenza) a valle delle indicazioni che l’Agenzia Nazionale Erasmus+ fornirà per questa casistica specifica.
Sono Dottorando assegnatario di una mobilità che è stata sospesa a causa del Coronavirus e mi è stato proposto dall’università/ente ospitante di svolgere l’attività prevista in modalità di smartworking. È possibile? NEW
Sì, puoi attivare la tua mobilità in remoto, tuttavia se dovessi svolgerla per l’intero periodo solo in tale modalità non avrai diritto al riconoscimento della borsa di studio. L’Ateneo ha posticipato le decisioni sull’eventuale pagamento della borsa in caso di mobilità mista (parzialmente in remoto e parzialmente in presenza) a valle delle indicazioni che l’Agenzia Nazionale Erasmus+ fornirà per questa casistica specifica.
La mia mobilità è stata sospesa a causa del Coronavirus, mi è stato proposto dall’università/ente ospitante di posticipare il mio arrivo al termine della situazione di emergenza. Fino a quando avrò la possibilità di svolgere e concludere la mia mobilità e vedermi riconosciuta la borsa di studio? NEW
Potrai posticipare la tua mobilità per l’intero periodo assegnatoti, ma sarai tenuto a concluderla entro il 31 luglio 2021.
Studente selezionato per mobilità nell'a.a. 2020/2021
Ho firmato il contratto per una mobilità di un semestre. Qualora non fosse possibile partire per il primo semestre dell’a.a. 2020/2021 come previsto, sarebbe possibile posticipare la mobilità al secondo semestre?
È consentito slittare la mobilità semestrale all'interno del periodo finanziabile previsto dal Bando di concorso previo consenso da parte dell’università ospitante; per chi ha pianificato la propria mobilità per il primo semestre del 2020/2021, il Politecnico potrà procedere a riprogrammare la mobilità sul secondo semestre in accordo con l’Ateneo partner, qualora l'emergenza in corso non consenta di avviare le mobilità previste al primo semestre. 
Assicurazione sanitaria
L’assicurazione stipulata dall’Ateneo per la mobilità di studenti L/LM verso Paesi non europei copre le eventuali spese mediche in caso di epidemie/pandemie?
La polizza Travel Guard, stipulata dall’Ateneo con la Compagnia AIG Europe S.A., prevede copertura, relativamente alla garanzia “Spese mediche” (per prestazioni mediche, ricovero ospedaliero, esami diagnostici e di laboratorio, servizi di autoambulanza e medicinali) anche in caso di epidemie/pandemie, trattandosi di malattia. Le spese mediche sono escluse solo verso destinazioni oggetto di sconsiglio da parte del Ministero degli Esteri; risulta inoltre esclusa la copertura dei costi per eventuali esami preventivi (tampone, ecc...), in quanto non si tratterebbe di cura a seguito di malattia/infortunio ma di prevenzione e pertanto fuori garanzia. Le spese da te sostenute in relazione alle garanzie prestate ai sensi della citata polizza sono rimborsate dalla Compagnia solo se approvate e coordinate dalla Centrale operativa di assistenza; quindi, in caso di occorrenza, sei tenuto a contattare tempestivamente i recapiti telefonici di riferimento. Per quanto concerne eventuali quarantene con conseguente modifica del viaggio di rientro a seguito dell’emergenza coronavirus, occorrerà attenersi alle disposizioni vigenti nei singoli Stati, dal momento che la situazione di crisi non riguarda il Paese ospitante la mobilità dell’Assicurato ma risulta uno stato di emergenza internazionale.
Polizza di Ateneo (per studenti PhD)
La polizza “Assistenza in missione in Paesi extra-UE” n. IT00021133SP18A, stipulata dall’Ateneo con la Compagnia XL per tutti i soggetti autorizzati allo svolgimento di missione istituzionale, prevede la copertura, relativamente alla garanzia “Spese mediche” (per prestazioni mediche, ricovero ospedaliero, esami diagnostici e di laboratorio, servizi di autoambulanza e medicinali) in caso di malattia (e quindi di pandemia). Le spese mediche sono escluse solo verso destinazioni oggetto di sconsiglio da parte del Ministero degli Esteri; risulta inoltre esclusa la copertura dei costi per eventuali esami preventivi (tampone, ecc),  in quanto non si tratterebbe di cura a seguito di malattia/infortunio ma di prevenzione e pertanto fuori garanzia. Si precisa che le spese sostenute  in relazione alle garanzie prestate ai sensi della citata polizza XL sono rimborsate dalla Compagnia solo se approvate e coordinate dalla Centrale operativa di assistenza, che l’Assicurato è tenuto a contattare tempestivamente, in caso di occorrenza.
Borse di studio
La mia mobilità per attività di tesi o traineeship è stata posticipata, avrò diritto al riconoscimento della borsa di studio per l’intero periodo di mobilità anche se dovessi svolgerne una parte in modalità “virtuale”? NEW
In data 25/06/2020 l’Agenzia Nazionale ha reso nota la pubblicazione della Nota 4 e del relativo Allegato I contenente le nuove disposizioni per la gestione delle mobilità studenti e staff KA103 e KA107, con la quale la Commissione Europea ha ridefinito le modalità di riconoscimento della mobilità e di calcolo dell’importo della borsa di studio, modalità cui l’Ateneo, con decisione della Commissione Mobilità Internazionale del 17/07/2020, si è allineato. La Nota stabilisce che, per tutte le mobilità avviate o da avviarsi successivamente alla pubblicazione della suddetta Nota 4, qualora questa venga svolta in parte in presenza e in parte in remoto, allo studente sarà riconosciuto l’intero periodo di mobilità e sarà riconosciuto l’importo di borsa di studio per il solo periodo svolto in presenza.Per le mobilità avviate prima della pubblicazione della stessa, resta valido quanto indicato nella precedente Nota 3 del 03/04/2020 che prevede il riconoscimento della borsa di studio per l’intero periodo di mobilità, sia se svolto in presenza presso l’istituzione partner, sia se svolto in modalità mista (parte in presenza e parte in remoto).
Se a causa delle misure di contrasto al contagio da COVID-19 e/o dell’aggravarsi dello stato di emergenza legata alla pandemia mi trovassi a svolgere la mobilità in modalità virtuale presso il paese ospitante, avrò diritto a ricevere ugualmente la borsa di studio per il periodo di soggiorno all’estero? NEWAd oggi, la Commissione Europea ha stabilito, con riferimento alle mobilità interamente svolte in remoto, che allo studente non sia riconosciuto alcun contributo economico qualora questa sia svolta presso il proprio paese, mentre si è in attesa di ulteriori comunicazioni relativamente all’opportunità di riconoscere un contributo economico laddove la mobilità venga svolta in remoto presso il paese ospitante.
 
Sono vincitore di una mobilità Erasmus+ che svolgerò nel prossimo anno accademico 2020/2021. Se a causa dell’aggravarsi dello stato di emergenza sanitaria fossi costretto ad iniziare la mobilità in remoto presso il mio paese, avrò diritto ugualmente al riconoscimento della borsa di studio per l’intero periodo del programma di mobilità? NEW In data 25/06/2020 l’Agenzia Nazionale con la pubblicazione della Nota 4 e del relativo Allegato I contenente le nuove disposizioni per la gestione delle mobilità studenti e staff KA103 e KA107 ha ri-disciplinato le modalità di riconoscimento della mobilità e di calcolo dell’importo della borsa di studio, modalità cui l’Ateneo, con decisione della Commissione Mobilità Internazionale del 17/07/2020, si è allineato. La Nota stabilisce che solo nel caso in cui lo studente concluda la mobilità in presenza avrà diritto a ricevere il relativo contributo unitario spettante per i giorni effettivi di mobilità svolti in presenza.
Sono vincitore di una mobilità NON Erasmus+ che svolgerò nel prossimo anno accademico 2020/2021. Qualora mi trovassi nell’impossibilità di svolgere l’intero periodo di mobilità interamente in presenza, mi vedrei applicate, ai fini del riconoscimento dell’importo della borsa di studio, le stesse disposizioni di cui alla Nota 4 e del relativo Allegato I stabilite dalla Commissione Europea per il Programma Erasmus+? NEW
Sì, l’Ateneo ha stabilito durate la seduta della Commissione Mobilità Internazionale tenutasi in data 17/07/2020 di allineare il proprio cofinanziamento/finanziamento delle borse di mobilità alla decisione UE per tutte le tipologie di iniziative di mobilità ad eccezione dei seguenti progetti speciali COL@POLITO, BUMEeTsPOLITO, FIAT-CHRYSLER e WINDSOR&OAKLAND, per i quali allo studente sarà riconosciuto l’intero importo di borsa di studio come indicato al Cap. 6 del Bando di concorso.
Ho dovuto interrompere/rinunciare alla mobilità all’estero a causa dell’emergenza COVID-19. Devo restituire la borsa di studio? 
Nel caso in cui tu sia stato costretto ad interrompere la mobilità, trascorrendo un periodo all’estero inferiore al minimo previsto (3 mesi), la borsa di studio è comunque garantita in proporzione alla durata effettiva della mobilità.
Ho iniziato la mobilità nel paese dell’istituto ospitante e ho proseguito in Italia con attività svolte a distanza a causa dell’emergenza COVID-19. Devo restituire la borsa di studio?
Nel caso in cui la tua mobilità sia iniziata nel paese dell’istituto ospitante e successivamente stia proseguendo in Italia con attività svolte a distanza (lezioni ed esami), la borsa di studio è confermata.
Ho dovuto sospendere temporaneamente la mobilità all’estero a causa dell’emergenza COVID-19 (le attività sono state temporaneamente sospese e ho deciso di rimanere nel paese ospitante o sono stato costretto a restarvi). Devo restituire la borsa di studio?
Nel caso in cui hai dovuto ricorrere alla sospensione temporanea della mobilità a causa dell’emergenza, sarà possibile riconoscerti la borsa anche per il periodo di sospensione purché ti venga certificato nell’attestato di permanenza da parte dell’università ospitante. Il periodo di sospensione non sarà conteggiato ai fini del periodo minimo di attività di 3 mesi, ma sarà conteggiato ai fini della durata massima di 12 mesi. Il Politecnico di Torino potrà riconoscere la borsa durante il periodo di sospensione nel limite delle risorse finanziarie disponibili.
Non sono potuto partire per la mobilità all’estero a causa dell’emergenza COVID-19 ma intendo svolgere l’intera mobilità seguendo lezioni a distanza dall’Italia erogate dall’università all’estero. Posso ricevere la borsa di studio?
Secondo quanto comunicato dall’Agenzia Nazionale Erasmus +, non puoi ricevere la borsa di studio. La borsa di studio deve essere annullata, ma puoi chiedere l’applicazione delle condizioni di forza maggiore e presentare domanda di rimborso delle spese eccezionali per il caso di annullamento.
Non sono potuto partire per svolgere il tirocinio all’estero a causa dell’emergenza COVID-19 ma mi è stato proposto dall’ente/istituto di lavorare in smartworking. Posso attivare comunque il mio tirocinio e ricevere la borsa di studio?
Secondo quanto comunicato dall’Agenzia Nazionale Erasmus +, il tirocinio attivato in modalità di smartworking non è ammissibile ai fini del riconoscimento di una borsa di studio.
Link utili
Informazioni aggiornate al 24/07/2020