Servizi per la didattica
PORTALE DELLA DIDATTICA

Exhibit design

01NCZPN

A.A. 2020/21

Course Language

Italian

Course degree

Course structure
Teaching Hours
Teachers
Teacher Status SSD h.Les h.Ex h.Lab h.Tut Years teaching
Teaching assistant
Espandi

Context
SSD CFU Activities Area context
2018/19
Il Laboratorio, a carattere multidisciplinare, include contributi da settori disciplinari differenti (Design dell'Esporre, Luce,suono,clima, Principi di Statica) che si integrano con l'obiettivo primario di sviluppare nello studente una base di cultura generale nel campo dell'esporre, facendo riferimento sia al settore dell'Exhibit (mostre, eventi, esposizioni) sia a quello del Retail (punti vendita, negozi, concept store, temporary store), sviluppando la conoscenza dei riferimenti esigenziali e dei principali metodi e criteri per esporre. Un secondo obiettivo è quello di far seguire all'impostazione metodologica un'applicazione progettuale che spinga lo studente a misurarsi con aspetti di dettaglio, di sperimentazione del comportamento dei materiali e degli elementi strutturali per progettare (capacità metodologica di come si affronta il problema) e costruire (capacita di realizzazione) i sistemi espositivi. Saranno inoltre prese in considerazione le relazioni funzionali e tecniche tra evento espositivo e contesto ambientale e architettonico. Il Laboratorio è semestrale e collocato al 2° periodo didattico - indirizzo DESIGN DI PRODOTTO -: completa ed approfondisce le acquisizioni teoriche fornite da altri corsi nei semestri precedenti. Al Laboratorio afferisce la ricercatrice RTDA Louena Shtrepi per un carico di 30 ore
The multidisciplinary Laboratory includes contributions from the various disciplinary sectors (Exhibit Design, Light, Sound, Climate, Static Principles) which are integrated with the main goal of developing in the student a base of general culture in the field of exhibiting, referring both to the sector of the Exhibit (exhibitions, events, shows) and that of Retail (sales points, shops, concept stores, temporary stores), developing the knowledge of demand references and the main methods and criteria for exhibiting. A second goal is that of following the methodological set up a design application that encourages the student to compete with aspects of detail, experimentation of the behaviour of the materials and the structural elements to design (methodological ability on how to deal with the problem) and build (ability to create) the exhibitive systems. Furthermore, the functional relationships and techniques between exhibitive event and environmental and architectural context will be taken into consideration. The Laboratory is six-monthly and found in the 2nd didactic period – PRODUCT DESIGN course; it completes and continues the theoretical acquirements supplied from other courses in the previous semesters. The RTDA researcher Louena Shtrepi is attached to the Laboratory for a 30 hour load.
• Comprendere l'esperienza progettuale del prodotto espositivo e del suo rapporto con lo spazio attraverso contributi interdisciplinari: a partire da tematiche definite di interventi espositivi. • Sviluppare soluzioni innovative, sostenibili e condivisibili approfondendo le problematiche tecniche correlate. • Identificare, analizzare e risolvere i problemi progettuali utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati. • Verificare la validità delle soluzioni proposte anche dal punto di vista tecnico-costruttivo e fruitivo nello spazio. • Descrivere e interpretare i problemi posti dal contesto al fine di predisporre strategie e soluzioni progettuali appropriate e pertinenti. • Sviluppare capacità decisionali nella consapevolezza del proprio ruolo, coscienza delle responsabilità professionali, etiche, sociali del lavoro del designer. Più in particolare: 1. Conoscere l'evoluzione del mostrare, con particolare riferimento alle innovazioni nei settori dell'exhibit e del retail. 2. Sviluppare una proposta che risulti corretta sia dal punto di vista della rispondenza a criteri esigenziali e prestazionali, sia dal punto di vista della fattibilità costruttiva, sia della contestualizzazione della proposta negli spazi scelti. 3. Sviluppare autonomia progettuale. 4. Approfondire conoscenze di base e capacità di scelta tra diverse soluzioni tipologiche e strutturali. 5. Dimostrare abilità comunicativa spiccata, nel proporre soluzioni per 'mostrare'. 6.Maturare un atteggiamento di grande attenzione al passaggio graduale dall'elaborazione dell'idea iniziale , allo sviluppo del concept e del moodboard, alla realizzazione dettagliata e alla costruzione del manufatto espositivo, corredando il lavoro con le verifiche del comportamento statico degli espositori e con tutte le soluzioni di Lighting Design e di acustica utili per rendere completa la proposta progettuale,
Understanding of the design experience of the exhibitive product and its relationship with space through interdisciplinary contributions: starting from the themes defined by exhibitive interventions, developing innovative, sustainable and sharable solutions studying in depth the technical problems linked to it. Ability to identify, analyse and resolve the design problems using updated methods, techniques and tools: checking the validity of the solutions proposed also from the technical-constructive viewpoint and that using the space. Ability to describe and interpret the problems posed by the context in order to predispose pertinent and appropriate design strategies and solutions. Decision-making abilities in the awareness of one’s role, conscience of the professional, ethical, social responsibilities of the work of the designer. More in particular: 1. To know the evolution of exhibiting, with particular reference to the innovations in the sectors of the exhibit and retail. 2. To develop a propose that is correct from both the point of view of correspondence to demand and performance criteria, as well as the point of view of constructive feasibility, and the contextualisation of the proposal in the chosen spaces. 3. To acquire Design independence. 4. To develop a basic knowledge and ability to choose between various type and structure solutions. 5.To clear communication skills, in proposing solutions to “display”. 6. To develop an attitude of great attention to the gradual transition from the elaboration of the initial idea, to the development of the concept and moodboard, to the detailed realization and construction of the exhibition, accompanying the work with the control of the static behavior of the exhibitors and with all the solutions of Lighting Design and acoustics useful to complete the design proposal.
Si richiedono ottime conoscenze della geometria descrittiva e delle tecniche della rappresentazione, indispensabili per affrontare e redigere il progetto e in particolare: - ottima conoscenza della geometria cartesiana e delle tecniche di rappresentazione sia manuali che informatiche; - una spiccata capacità di osservazione del mondo circostante e grande curiosità nei confronti delle tecnologie costruttive e dei materiali; - buona capacità di analisi e di sintesi.
Excellent knowledge of the descriptive geometry and the techniques of representation are required, as they are indispensable to deal with and draw up the project and in particular: - excellent knowledge of Cartesian geometry and the techniques of representation, both manual and computer; - a strong ability of observation of the surrounding world and great curiosity in the constructive technologies and materials; - good analysis and synthesis capacity.
Il Laboratorio intende illustrare le seguenti problematiche specifiche: - l'evoluzione dell'esporre sia nell'Exhibit che nel Retail - i rapporti tra esposizione/informazione/comunicazione/ interattività e multimedialità/grafica e comunicazione. Nel corso delle lezioni verranno inoltre illustrati e discussi i seguenti argomenti: - le principali categorie espositive - criteri espositivi - principi di statica: forze, equilibrio, sollecitazioni e tensioni negli elementi strutturali - principi di fisica tecnica ambientale: luce, suono e clima nel design dell'esporre - caratteristiche di elementi e sistemi di produzione seriale - materiali e finiture - luce e colore Particolare attenzione sarà rivolta: - all'analisi ambientale, esigenziale e prestazionale - al comfort delle raccolte, del pubblico, del contenitore edilizio - alla conoscenza dei materiali e alle loro applicazioni in campo - all'integrazione del progetto espositivo con il progetto della luce e con la grafica Il Laboratorio ha carattere multidisciplinare e comprende i seguenti contributi disciplinari: DESIGN DELL'ESPORRE (6CFU, 60 ore) Sviluppa in particolare le conoscenze metodologiche e applicative inerenti il mostrare. Fornisce allo studente una base di cultura generale sui seguenti temi: - riferimenti esigenziali, metodi e criteri per il progetto e cultura dell’exhibit (15 ore) - cultura del retail (15 ore) - protagonisti del mostrare (20 ore) - progettazione di eventi (10 ore) All’impostazione metodologica fa seguito un’applicazione progettuale che spinga lo studente a misurarsi sia con aspetti di dettaglio e di costruzione, sia con le relazioni tra evento e contesto ambientale e architettonico. LUCE, SUONO, CLIMA (6CFU, 60 ore) Sviluppa le conoscenze relative alla caratterizzazione delle condizioni ambientali di esposizione con particolare riferimento agli aspetti luce, suono e clima. Durante le lezioni verranno definiti i parametri e le grandezze di caratterizzazione dell'ambiente luminoso, acustico e termico ed i principi per il comfort ambientale e la conservazione dei materiali; verranno forniti gli strumenti per la valutazione delle prestazioni fotometriche, acustiche e termiche di materiali e componenti di impianto utilizzati nell'esporre, con particolare attenzione agli impianti di illuminazione artificiale, e verranno illustrati gli strumenti numerici ed informatici per la simulazione dei risultati riferiti al progetto della luce intesa come elemento essenziale per la fruizione e la valorizzazione dell'oggetto dell'esporre. Particolare attenzione verrà dedicata allo sviluppo di soluzioni improntate al contenimento dei consumi energetici e all'uso di tecnologie innovative. In particolare il contributo fornisce allo studente una base di cultura generale sui seguenti temi: - I requisiti del progetto illuminotecnico, acustico ed energetico (10 ore) - La normativa tecnica di riferimento (5 ore) - I componenti dei sistemi di illuminazione, materiali acustici e la prestazione energetica dei materiali (10 ore) - La rappresentazione grafica del progetto illuminotecnico, acustico ed energetico (5 ore) - Strumenti informatici per la simulazione (5 ore) - Elaborazione del progetto (25 ore) PRINCIPI DI STATICA (6CFU, 60 ore) Sviluppa le conoscenze relative alle condizioni di equilibrio, deformabilità e resistenza delle strutture. Attraverso lo studio dei concetti teorici fondamentali per la comprensione del comportamento meccanico degli elementi strutturali, presenta i metodi da utilizzare per la risoluzione dei più comuni problemi statici che si incontrano nell’ambito del design dell’esporre. I temi affrontati sono i seguenti: • Studio dell’equilibrio:
determinazione delle reazioni vincolari, forze che nascono in risposta alle azioni esercitate sulla struttura dall’ambiente in cui si trova (20 ore). • Calcolo delle sollecitazioni:
definizione delle azioni interne, grandezze fisiche necessarie per dimensionare gli elementi che compongono una struttura e loro valutazione quantitativa (10 ore). • Calcolo di tensioni e deformazioni:
introduzione dei concetti che permettono di descrivere la risposta del materiale alle sollecitazioni indotte dalle azioni e di dimensionare gli elementi strutturali (10 ore). • Applicazione dei concetti appresi all’analisi degli elementi di rilevanza strutturale del progetto (20 ore).
The Laboratory intends to illustrate the following specific problems: - the evolution to display, both in Exhibits and in Retail - the relationships between exposition/information/communication/interactivity/graphics and communication. Over the course of the lessons, the following topics will also be illustrated and discussed: - the main exhibitive categories - exhibitive criteria - principles of statics: forces, equilibrium, internal actions and stress in structural elements - principles of technical environmental physics: light, sound and climate in the exhibit design - characteristics of elements and systems of mass production - materials and finishes - light and colour Particular attention will be on: - environmental, demand and performance analysis - the comfort of the collections, the public, the building - the knowledge of the materials and their application in the field - the integration of the exhibit project with the project of light and with the graphics The Laboratory is multidisciplinary and includes the following disciplinary contributions: EXHIBIT DESIGN (6CFU, 60 hours) : the Course develops the methodological and applicative knowledge regarding the act of exhibiting. It gives the student a base of general culture in the sector of exhibit and retail together with the knowledge of demand references and the main methods and criteria for the project in the following sectors: -Needs References, Methods and Criteria for Exhibit Project and Culture (15 hours) -Retail culture (15 hours) -Protagonists of the show (20 hours) -Planning events(10 hours). The methodological set up is followed by a design application that encourages the student to measure himself with aspects of retail and construction as well as with relationships between the event and the environmental and architectural context. LIGHT, SOUND, CLIMATE (6CFU, 60 hours) This course develops knowledge regarding the characterisation of the environmental exhibition conditions with particular reference to light, sound and climate. In particular, during the lessons we will define the parameters and the quantities of characterisation of light, sound and climate and the principles for the environmental comfort and the materials conservation. All the necessary tools will be provided to evaluate the photometric, acoustic and thermal performance of the materials and components of the exhibiting system, focusing on artificial lighting systems, and the numeric and computer processing tools will be illustrated to simulate the results referring to the light design intended as an essential element for the use and evaluation of the object to be exhibited. Particular attention will be dedicated to the development of solutions aimed at reducing energy use and using innovative technologies. In particular this contribution will provide a cultural basis on the following topics: - Lighting, acoustic and energy project requirements (10 hours) - Technical standards (5 hours) - Lighting systems components, materials and their acoustic and energy performance (10 hours) - Graphical representation of the lighting, acoustic and energy project (5 hours) - Computer simulation tools (5 hours) - Project Development (25 hours) INTRODUCTION TO STATICS (6CFU, 60 hours) This course develops knowledge about the conditions of equilibrium, deformability and strength of structures. Through the study of theoretical concepts for understanding the mechanical behaviour of structural elements, it presents the methods to be used to solve the most common static problems encountered in exhibit design. The topics addressed are: • Equilibrium study: determination of reactions, i.e., forces that arise in response to the actions applied to the structure by the environment in which it is located (20 hours). • Calculation of internal actions: definition of these physical quantities needed to choose the size the elements that make up a structure and their quantitative evaluation (10 hours ). • Stress and deformation calculation: introduction of concepts that describe the material response to the stress induced by the actions and to dimension the structural elements (10 hours). • Application of the learned concepts to the analysis of the structurally relevant elements of the project (20 hours).
Per quanto riguarda le applicazioni progettuali verrà proposto un tema espositivo; detto tema viene desunto di anno in anno da contatti con ditte, aziende ed enti operanti nei settori di interesse (mostra al Circolo del Design, eventi nella Palazzina GreatLab del Politecnico, allestimento di mostra nella sede di Mirafiori del Politecnico), da sviluppare da parte degli studenti organizzati in gruppi, alternando lezioni in aula e visite esterne. Per quanto riguarda poi l'utilizzo di materiale didattico, nella prima parte del laboratorio verranno messi a disposizione degli studenti mediante il portale della didattica i file delle lezioni svolte in aula; nel periodo successivo di sviluppo delle applicazioni progettuali verranno inseriti sempre sul portale documenti relativi a casi di studio significativi per rapporto al tema dell'esercitazione progettuale, insieme con schede di materiali di interesse per la costruzione dell'exhibit.
Regarding the design applications, an exhibition theme will be proposed and developed through a main exercise shared by all courses; this theme is taken year by year from contacts with companies and institutions operating in the fields of interest (exhibition at the Circle of Design, events at the GreatLab Palazzina of the Politecnico, exhibit at the Mirafiori Polytechnic site) to be developed by students organized in groups, alternating classroom lessons and outdoor visits. As far as the use of didactic material is concerned, in the first part of the workshop the files of the lessons carried out in the classroom will be made available to the students through the didactic portal; in the following period of development of the project applications, documents relating to case studies that are significant in relation to the theme of the project exercise will always be inserted on the portal, together with sheets of materials of interest for the construction of the exhibit.
Principali testi di riferimento: DESIGN DELL'ESPORRE -Vaudetti M.,Canepa S.,Musso S.,Espore Allestire Vendere, Wolters Kluwer Italia, Milano 2014 - Vaudetti M., Biblioteche e musei, Utet Scienze e Tecniche, Torino 2005 - Vaudetti M., Edilizia per il commercio , Utet Scienze e Tecniche, Torino 2007 - Polano S., Mostrare, Lybra Immagine, Milano 1988 - Scodeller D., Negozi-l'architetto nello spazio della merce, Electa, Milano 2007 - Domus Dossier, Esporre ' numero monografico della rivista DOMUS, Aprile 1997 PRINCIPI DI STATICA - Guagenti E., Buccino F., Garavaglia E., Novati G., Statica: fondamenti di meccanica strutturale, metodi di analisi di strutture reali, terza ed., McGraw-Hill, Milano, 2009 LUCE, SUONO, CLIMA - Forcolini G., Lighting - Lampade, apparecchi, impianti, progettazione per ambienti interni ed esterni, HOEPLI, Milan 2004 - Frascarolo M., Manuale di progettazione illuminotecnica, Mancosu Editore, 2010. - R. Spagnolo, Acustica: Fondamenti e applicazioni, UTET, 2015 - P. D’Antonio and T. J. Cox, Acoustic absorbers and diffusers theory, design and application, Spon Press, New York, 2004 - G. Alfano, F.R. D'Ambrosio, G. Riccio, La valutazione delle condizioni termoigrometriche negli ambienti di lavoro: comfort e sicurezza, CUEN, Napoli, 1997 Sintesi degli argomenti trattati e copia delle slide in powerpoint usate durante le lezioni sono disponibili sul portale della didattica. Altre indicazioni bibliografiche più specifiche saranno contenute nelle sintesi presenti sul portale o verranno fornite durante il Laboratorio.
Main reference texts: -Vaudetti M.,Canepa S.,Musso S.,Espore Allestire Vendere, Wolters Kluwer Italia, Milan 2014 - Vaudetti M., Biblioteche e musei, Utet Scienze e Tecniche, Turin 2005 - Vaudetti M., Edilizia per il commercio , Utet Scienze e Tecniche, Turin 2007 - Polano S., Mostrare, Lybra Immagine, Milan 1988 - Scodeller D., Negozi-l'architetto nello spazio della merce, Electa, Milan 2007 - Domus Dossier, Esporre ' numero monografico della rivista DOMUS, Aprile 1997 - Forcolini G., Lighting - Lampade, apparecchi, impianti, progettazione per ambienti interni ed esterni, HOEPLI, Milan 2004 - Frascarolo M., Manuale di progettazione illuminotecnica, Mancosu Editore, 2010. - R. Spagnolo, Acustica: Fondamenti e applicazioni, UTET, 2015 - P. D’Antonio and T. J. Cox, Acoustic absorbers and diffusers theory, design and application, Spon Press, New York, 2004 - G. Alfano, F.R. D'Ambrosio, G. Riccio, La valutazione delle condizioni termoigrometriche negli ambienti di lavoro: comfort e sicurezza, CUEN, Naples, 1997 - Guagenti E., Buccino F., Garavaglia E., Novati G., Statica: fondamenti di meccanica strutturale, metodi di analisi di strutture reali, terza ed., McGraw-Hill, Milano, 2009. Summary of the subjects undertaken and a copy of the powerpoint slides used during the lessons are available on the teaching portal. Other, more specific, bibliographical instructions will be contained in the summaries found on the portal or will be supplied during the Laboratory.
Modalità di esame: prova orale obbligatoria; progetto di gruppo;
Il voto del laboratorio di Exhibit design è calcolato come media dei voti di Design dell’esporre, Luce, suono, clima, e Principi di statica. Il Laboratorio richiede una assidua frequenza anche in considerazione del giudizio finale che sarà espresso con un unico voto d'esame. Le attività svolte saranno monitorate sia attraverso momenti di presentazione collettiva in aula delle fasi di progetto in corso di elaborazione, sia attraverso momenti di consegna di elaborati di lavoro, commentati dai docenti in aula in occasioni di tipo seminariale. I risultati di tali momenti concorreranno al giudizio finale, basato sulla presentazione e discussione di elaborati finali (tavole in formato A2 e A1, book integrativi e di commento delle tavole, relazioni tecniche). Le attività di Laboratorio sono svolte dagli studenti accorpati in gruppi, ma il giudizio per ciascuno studente sarà un giudizio individuale (espresso con unico voto), che terrà conto delle correzioni in aula degli elaborati di progetto sviluppate a integrazione delle lezioni secondo un calendario prestabilito e comunicato per tempo agli studenti, delle valutazioni intermedie (scritte, orali, grafiche) monodisciplinari e seminariali, e infine della valutazione della presentazione orale di ciascun gruppo alla commissione d’esame con discussione degli elaborati finali (del tipo tavole grafiche in formato A1 e A2), della partecipazione individuale a tale lavoro, delle conoscenze acquisite attraverso i contributi di lezione. Il voto di Principi di statica è ottenuto con tre accertamenti: A. prova scritta (durata di 1 ora) con soluzione di un problema di calcolo delle reazioni e tracciamento dei diagrammi delle sollecitazioni;
 B. prova scritta (durata di 30 min) con domande a risposta aperta sugli argomenti trattati nel corso;
 C. valutazione dei contenuti strutturali del progetto assegnato e della conoscenza acquisita su di essi.
 Per essere ammessi alla prova B occorre aver ottenuto A ≥ 15/30 Per essere ammessi alla discussione del progetto occorre aver ottenuto B ≥ 15/30 e A + B ≥ 36/30 (A, B e C sono i voti conseguiti nelle rispettive prove). Il voto finale V è dato da: V = 0,4 A + 0,3 B + 0,3 C.
Exam: compulsory oral exam; group project;
The Exhibit Design score is calculated as the average of Exhibition Design, Light, Sound, Climate, and Introduction to Static results. The Laboratory requires a frequent attendance in consideration of the final judgment that will be expressed with a single examination. The activities carried out will be monitored both through moments of collective presentation in the classroom of the phases of the project being drafted, and through moments of delivery of work papers, commented by the lecturers in seminars on a seminar. The results of these moments will compete for the final judgment, based on the presentation and discussion of final drafts (drawings format A2 and A1, supplementary and commentary sheets, technical reports). Laboratory activities are carried out by students organized into groups, but the judgment for each student will be individual (single vote) judgment, which will take into account the corrections in the classroom of project work developed to supplement the lessons according to a predetermined schedule (Written, oral, graphic), monodisciplinary and seminar evaluation; the final evaluation will consist in the oral presentation of each group to the examination committee with discussion of the final papers (drawings A1 and A2 format) ), individual participation in such work, knowledge gained through lecture contributions. The Introduction to Static score is obtained by means of three tests: A. written test (duration of 1 hour) with solution of a problem of calculation of reactions and tracing of internal actions diagrams; B. written test (duration of 30 minutes) with open-answer questions on all the topics covered in the course; C. assessment of the structural contents of the assigned project and knowledge gained on them. To be admitted to test B a score A ≥ 15/30 is required. To be admitted to the discussion of the project, scores B ≥ 15/30 and A + B ≥ 36/30 are needed (A, B and C are the scores obtained in the respective tests). The final V score is given by: V = 0.4 A + 0.3 B + 0.3 C.


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
m@il