Servizi per la didattica
PORTALE DELLA DIDATTICA

Virtual Design

01NYVPO

A.A. 2018/19

Lingua dell'insegnamento

Italiano

Corsi di studio

Organizzazione dell'insegnamento
Didattica Ore
Lezioni 20
Esercitazioni in aula 40
Tutoraggio 21
Docenti
Docente Qualifica Settore h.Lez h.Es h.Lab h.Tut Anni incarico
Vicario David
Virtual Design (Cultura della fotografia)
Docente esterno e/o collaboratore   20 40 0 0 9
Tamborrini Paolo Marco
Virtual Design (Design per la virtualità)
Professore Associato ICAR/13 20 10 0 0 3
Gagliarducci Riccardo
Virtual Design (Set virtuale)
Docente esterno e/o collaboratore   60 0 0 0 5
Collaboratori
Espandi

Didattica
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
2018/19
Il laboratorio di Virtual Design intende fornire le competenze necessarie per progettare l’interazione con un prodotto, uno strumento o un servizio digitale complesso. L’analisi di casi studio, attraverso la lente dei tre moduli interdisciplinari, mostrerà i paradigmi cardine dell’Interaction Design, a partire dalle interazioni semplici e quotidiane one-click caratteristiche del web o delle app, passando per il comando e controllo dei sistemi complessi come, ad esempio, le interfacce automotive o aeronautiche, fino alla gestione dell’automazione. Il modulo mostrerà quali sono gli strumenti culturali e tecnologi necessari per poter non solo progettare, ma anche rappresentare e comunicare un progetto di Interaction Design. Il focus dell'apprendimento verterà sull'analisi e l'interpretazione delle abitudini, le capacità e le esigenze dell’uomo all’interno del suo contesto, sulle nuove tecnologie in grado di abilitare e supportare comportamenti sostenibili. Particolare attenzione verrà posta nei confronti: della validazione del progetto utilizzando tecniche e metodiche, della componente esperienziale chiamata User Experience.
The Virtual Design Lab aims to provide the skills needed to design the interaction with a complex product, tool, or digital service. Case study analysis, through the lens of the three interdisciplinary modules, will show the core paradigms of Interaction Design, starting from simple, daily one-click web or app features interactions, through the command and control of complex systems such as, for example, automotive or aeronautical interfaces, to automation management. The module will show which are the cultural tools and technologies needed to design, represent and communicate a project of Interaction Design. The focus of learning will be the analysis and interpretation of: user's habits, abilities and needs within its context; new technologies capable of enabling and sustaining sustainable behaviors. Particular attention will be given to the project’s validation using techniques and methodologies of the experiential component called User Experience.
Capacità di analizzare e gestire la complessità dell'interazione tra uomo ed artefatto o servizio digitale; capacità di innovare il progetto di interazione seguendo la metodologia insegnata; capacità di progettare l’intero sistema tenendo conto dei limiti e delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie e dai linguaggi interattivi; capacità di rappresentare l’intero sistema attraverso le tecniche caratteristiche dell’interaction Design e della User Experience.
Ability to analyze, represent, design and manage the complexity of interaction between man and artifact or digital service.
Si richiede un'ottima conoscenza delle metodologie caratteristiche della cultura del design e dello Human Centered Design unite ad una buona conoscenza dei principi di ergonomia cognitiva. Viene considerata fondamentale un’ottima conoscenza degli strumenti necessari alla rappresentazione digitale vettoriale, una conoscenza base delle tecniche di montaggio video.
Good knowledge of design methods and Human Centered Design methodologies with a good understanding of cognitive ergonomics principles. An excellent knowledge of the tools needed for digital vector representation and a basic knowledge of video editing techniques, is considered fundamental.
Lo studente apprenderà la metodologia specifica dell'Interaction Design e la applicherà, attraverso l'apporto delle tre discipline, ad un progetto da svilupparsi con aziende ed enti. Lo studente acquisirà le parti culturali necessarie a padroneggiare la gestione metaprogettuale, le tecniche e gli strumenti tecnologici per finalizzare e rappresentare il progetto, le principali metodiche di validazione. I tre corsi saranno strutturati affiancando lezioni ex cathedra ed esercitazioni hands on continue, lavoro in gruppo e discussione con i docenti. Il corso prevede lo sviluppo di un progetto in gruppo e l'approfondimento delle singole discipline attraverso esercitazioni. DESIGN PER LA VIRTUALITÀ L'insegnamento fornisce gli strumenti metodologici e culturali dell'Interaction Design attraverso lezioni ed analisi di casi studio caratteristici della letteratura e della storia della disciplina. Imposta le modalità di analisi e rappresentazione delle problematiche del progetto e della sua complessità sistemica, dello scenario attuale, dei casi studio di riferimento, dell'utenza futura (utilizzando i Personas). Supporta gli studenti nella creazione e nel racconto del concept dell'interazione. Discute in maniera iterativa con i gruppi di studenti le fasi progettuali fino alla sperimentazione sul campo degli aspetti concordati con le aziende e gli enti. Fornisce gli elementi fondamentali per una corretta comunicazione del progetto di interazione. CULTURA DELLA FOTOGRAFIA L'insegnamento fornisce gli strumenti culturali e tecnici necessari per la rappresentazione del progetto e dell'interazione attraverso la sperimentazione delle nuove forme di comunicazione. In particolare il corso fornirà gli strumenti per: la formazione di una cultura visiva attraverso la ricerca di materiale fotografico, filmico, artistico del rapporto tra uomo e tecnologia; la rappresentazione del progetto di interazione, dal progetto dello storyboard alla comunicazione; la rappresentazione dell’interazione, dal rapporto con gli oggetti analogici a quelli digitali, a quelli affettivi, a quelli invisibili; l'analisi delle nuove forme di comunicazione che utilizzano il mezzo fotografico/video per esprimere e raccontare l’urgenza espressiva; la sperimentazione attraverso le nuove forme di comunicazione interattiva. SET VIRTUALE L'insegnamento fornisce gli strumenti necessari per la creazione e gestione di piattaforme interattive virtuali, a partire dalla fase di mock-up per giungere ai prototipi verticali fino al prodotto realizzato. In base al progetto collegiale, di anno in anno verranno maggiormente approfondite tematiche caratteristiche delle applicazioni web based, mobile app, sistemi per la visualizzazione di informazioni complesse (cluster HMI – Human Machine Interface).
The student will learn the specific methodology of Interaction Design and, through the contribution of the three disciplines, will apply it to a project to be developed with companies and institutions. The student will acquire the cultural elements necessary to master the meta-design management, the techniques and the technological tools to finalize and represent the project and the main validation methods. The three courses will be structured alongside ex cathedra lessons and hands on continuous exercises, group work and discussion with teachers. The course involves the development of a group project and the in-depth study of individual disciplines through exercises. DESIGN FOR VIRTUALITY This course provides the methodological and cultural tools of Interaction Design through lectures and analysis of characteristic case studies of literature and history of discipline. It sets the methods for analyzing and presenting project issues and their systemic complexity, the current scenario, reference case studies, and future user (using Personas). It supports students in creating and telling concepts of interaction. Teacher will discusse iteratively with student groups about the design phases up to field experimentation on the issues agreed with companies and entities. The course provides the basic elements for a correct communication of the interaction project. PHOTOGRAPHIC CULTURE This course provides the cultural and technical tools needed for project representation and interaction through the experimentation of new forms of communication. In particular, the course will provide the tools for: the formation of a visual culture through the search for photographic, movie and artistic material of the relationship between man and technology; the representation of the interaction’s project, from the storyboard’s planning to the communication; the interaction’s representation, from the relationship with analogic objects to digital ones, from the affective ones, to the invisible ones; the analysis of new forms of communication using the photographic / video medium to tell and convey the expressive urgency; the experimentation through new forms of interactive communication. VIRTUAL SET This course provides the tools needed for the creation and management of virtual interactive platforms, starting from the mock-up stage to reach vertical prototypes up to the product. Based on the collegial project, year-to-year, the course will examine in depth features of web based applications, mobile apps, complex information visualization systems (cluster HMI - Human Machine Interface).
I tre insegnamenti sono organizzati in modo da esporre una parte teorico-culturale ed una immediata sperimentazione sul campo degli insegnamenti. Durante le prime fasi del modulo si presterà maggiore attenzione all'apprendimento del linguaggio specifico, sia esso caratteristico della metodologia o del software, per poi convergere in modo multidisciplinare sul progetto. All'inizio del corso verrà fornito un calendario con le tappe fondamentali del progetto e le scadenze, strumentali alla gestione del progetto, che gli studenti dovranno rispettare. I tre corsi a loro volta organizzeranno un calendario di esercitazioni e revisioni utili all'apprendimento. Verranno strutturati, in base al progetto ed alla committenza, incontri di revisione e discussione comune tra gli attori coinvolti.
The three lessons are organized to expose a theoretical-cultural part and immediate field experimentation. During the initial stages of the module, greater attention will be paid to specific language learning, whether it is characteristic of the methodology or the software, and then all the work will be directed to the multidisciplinary project. At the beginning of the course, a calendar will be provided with the project's key phases and project management deadlines, which students have to respect. The three courses in turn will organize a calendar of practical exercises and evaluations. Based on the project and the committee, joint review and discussion meetings will be organized between the actors involved.
DESIGN PER LA VIRTUALITÀ A. Cooper, R. Reimann, D. Cronin, About Face 3: The Essentials of Interaction Design, Wiley 2017 B. Moggridge, Designing Interactions, MIT Press, 2007 J. Raskin, Interfacce a misura d'uomo, Apogeo, 2003 D. A. Norman, Emotional Design, Apogeo, 2004 D. A. Norman, Il design del futuro, Apogeo, 2007 D. Saffer, Design dell'interazione, Pearson, 2007 D. Saffer, Designing gestural interfaces Touchscreens and Interactive Devices, O'Reilly, 2008 CULTURA DELLA FOTOGRAFIA Testi di riferimento per l’insegnamento: D. Vicario, CULTURA FOTOGRAFICA, FotoEvo, 2017 Testi consigliati per frequentare il corso: R. Barthes, LA CAMERA CHIARA, Einaudi (Gli Struzzi), 2003 W. Benjamin, L’OPERA D’ARTE NELL’EPOCA DELLA SUA RIPRODUCIBILITA’ TECNICA, Einaudi, 2010 W. Kandinsky, PUNTO LINEA SUPERFICIE, Adelphi, 1968 B. Munari, ARTE COME MESTIERE, Laterza 2006 SET VIRTUALE La bibliografia verrà comunicata in virtù del tema progettuale scelto e integrerà le dispense fornite dal docente.
DESIGN FOR VIRTUALITY A. Cooper, R. Reimann, D. Cronin, About Face 3: The Essentials of Interaction Design, Wiley 2017 B. Moggridge, Designing Interactions, MIT Press, 2007 J. Raskin, Interfacce a misura d'uomo, Apogeo, 2003 D. A. Norman, Emotional Design, Apogeo, 2004 D. A. Norman, Il design del futuro, Apogeo, 2007 D. Saffer, Design dell'interazione, Pearson, 2007 D. Saffer, Designing gestural interfaces Touchscreens and Interactive Devices, O'Reilly, 2008 PHOTOGRAPHIC CULTURE D. Vicario, CULTURA FOTOGRAFICA, FotoEvo, 2017 Testi consigliati per frequentare il corso: R. Barthes, LA CAMERA CHIARA, Einaudi (Gli Struzzi), 2003 W. Benjamin, L’OPERA D’ARTE NELL’EPOCA DELLA SUA RIPRODUCIBILITA’ TECNICA, Einaudi, 2010 W. Kandinsky, PUNTO LINEA SUPERFICIE, Adelphi, 1968 B. Munari, ARTE COME MESTIERE, Laterza 2006 VIRTUAL SET The bibliography will be communicated on the basis of the chosen design theme and will complete the lecture notes provided by the teacher.
Modalità di esame: elaborato grafico prodotto in gruppo; progetto di gruppo;
La partecipazione al laboratorio è fondamentale per poter discutere con i docenti tutte le fasi progettuali e sperimentare, attraverso le esercitazioni, le conoscenze mostrate durante le lezioni. La partecipazione attiva garantisce allo studente un adeguato grado di apprendimento e un continuo feedback con i docenti. L'esame sarà composto da una fase propria di ciascun corso, in cui verranno valutate singolarmente le conoscenze acquisite, e da una fase collegiale, in cui i gruppi di lavoro discuteranno gli esiti del progetto con i tre docenti del modulo. Il voto sarà dunque singolo per ogni studente e racchiuderà il lavoro svolto nell’intero modulo. Per accedere alla discussione collegiale gli studenti dovranno presentare: un book che descriva le fasi del progetto attraverso l'uso di testi ed immagini; il prototipo o mock-up del progetto che contenga parti interattive in stato avanzato; la comunicazione adottata per il progetto. La discussione farà emergere il grado di qualità, completezza ed accuratezza del lavoro svolto, sommata alla consapevolezza culturale e tecnica raggiunta. Le competenze acquisite verranno verificate singolarmente attraverso: un test scritto per la parte relativa a Design per la Virtualità sulla parte culturale e metodologica; le esercitazioni richieste durante l'anno ed un test scritto per Cultura della Fotografia; un'esercitazione finale utilizzando i software insegnati per Set Virtuale. Nel dettaglio il docente di Cultura della Fotografia valuterà gli studenti attraverso verifiche svolte durante il corso e una prova scritta alla fine del corso. Per la valutazione complessiva si somma il voto della media non aritmetica delle verifiche, (che vale un massimo di 30%) con il voto della prova scritta (che vale un massimo di 70%). Alla fine delle esercitazioni viene valutata la crescita tecnica e compositiva di ogni partecipante. La prova scritta finale consiste nel rispondere correttamente a domande a risposta multipla e aperta e svolgere una prova fotografica sul campo a tempo stabilito.
Exam: group graphic design project; group project;
Laboratory attendance is crucial to discuss with the teachers all the design phases and to experience, through the exercises, the knowledge shown during the lessons. Active participation ensures the student an adequate degree of learning and continuous feedback by the teachers. The exam will consist of a collegial phase in which the working groups will discuss the project outcomes with the three faculty members of the module and a specific phase of each course in which the acquired knowledge will be assessed individually. The vote will therefore be single for each student. In order to access to the collegial discussion, the students will have to present: a book describing the phases of the project through the use of texts and images; the prototype or mock-up of the project that contains interactive parts in advanced state; the communication used for the project. The acquired skills will be verified through: a written test for the part about Design for Virtuality on the cultural and methodological part; the exercises required during the year and a written test for Culture of Photography; an exercise using the software that are taught for Virtual Set. In detail, the Professor of Photography Culture will evaluate students through exercises during the course and a written test at the end of the course. For the overall evaluation, the vote of the non-arithmetic average of the audits (up to 30%) is added with the written test (up to 70%). At the end of the exercises the technical and compositional growth of each participant will be evaluated. The final written test consists on answering correctly on multiple and open questions and to conduct a photographic test on


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
m@il