Servizi per la didattica
PORTALE DELLA DIDATTICA

Future storytelling

01QXZPD, 01QXZQA

A.A. 2019/20

Lingua dell'insegnamento

Italiano

Corsi di studio

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Del Cinema E Dei Mezzi Di Comunicazione - Torino
Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Paesaggistico-Ambientale - Torino

Organizzazione dell'insegnamento
Didattica Ore
Lezioni 60
Docenti
Docente Qualifica Settore h.Lez h.Es h.Lab h.Tut Anni incarico
Monaci Sara Professore Associato SPS/08 40 0 0 0 6
Collaboratori
Espandi

Didattica
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
SPS/08 6 C - Affini o integrative Attività formative affini o integrative
2018/19
Da Hal 9000, il computer di bordo di 2001 Odissea nello Spazio a Poe, l’intelligenza artificiale dell’hotel di Altered Carbon, l’immaginario mediale ci ha presentato molteplici esempi di automi narrativi, robot e software che dialogano con gli umani inventando e raccontando storie capaci di persuadere, coinvolgere emotivamente, muovere all’azione. E’ possibile immaginare Intelligenze Artificiali in grado di raccontare storie nei social media? A partire dall’immaginario mediale dedicato alle intelligenze artificiali narrative, l'insegnamento esplorerà le direzioni più innovative del digital storytelling (data driven, immersive, adaptive, A.I.) e offrirà agli studenti gli strumenti teorici e pratici per sviluppare chatbot narrativi per i social media. Obiettivo finale del corso è il design e la produzione di un piano editoriale orientato ai social in grado di integrare e implementare chatbot narrativi nel contesto di uno o più casi studio che saranno individuati all’inizio del corso.
Da Hal 9000, il computer di bordo di 2001 Odissea nello Spazio a Poe, l’intelligenza artificiale dell’hotel di Altered Carbon, l’immaginario mediale ci ha presentato molteplici esempi di automi narrativi, robot e software che dialogano con gli umani inventando e raccontando storie capaci di persuadere, coinvolgere emotivamente, muovere all’azione. E’ possibile immaginare Intelligenze Artificiali in grado di raccontare storie nei social media? A partire dall’immaginario mediale dedicato alle intelligenze artificiali narrative, l'insegnamento esplorerà le direzioni più innovative del digital storytelling (data driven, immersive, adaptive, A.I.) e offrirà agli studenti gli strumenti teorici e pratici per sviluppare chatbot narrativi per i social media. Obiettivo finale del corso è il design e la produzione di un piano editoriale orientato ai social in grado di integrare e implementare chatbot narrativi nel contesto di uno o più casi studio che saranno individuati all’inizio del corso.
Conoscenze Teorie e quadri analitici: - Social media e comunicazione - Circolazione, spreadability - Teorie dell'influenza - Social divide Competenze - Come definire un piano editoriale per i social media - Come progettare un automa o chatbot narrativo - Come integrare automatismi narrativi in un piano editoriale
Conoscenze Teorie e quadri analitici: - Social media e comunicazione - Circolazione, spreadability - Teorie dell'influenza - Social divide Competenze - Come definire un piano editoriale per i social media - Come progettare un automa o chatbot narrativo - Come integrare automatismi narrativi in un piano editoriale
E’ consigliabile aver seguito l’insegnamento Media e Progetto del III anno del corso di studi; diversamente si raccomanda l’approfondimento delle teorie e delle metodologie progettuali nell’ambito della transmedialità e pertanto lo studio di Negri, E. (2016) “La rivoluzione transmediale. Dal testo audiovisivo alla progettazione crossmediale di mondi narrativi”, Torino: Lindau oppure Bernardo, N. (2017) “Transmedia 2.0”, Roma: Armando.
E’ consigliabile aver seguito l’insegnamento Media e Progetto del III anno del corso di studi; diversamente si raccomanda l’approfondimento delle teorie e delle metodologie progettuali nell’ambito della transmedialità e pertanto lo studio di Negri, E. (2016) “La rivoluzione transmediale. Dal testo audiovisivo alla progettazione crossmediale di mondi narrativi”, Torino: Lindau oppure Bernardo, N. (2017) “Transmedia 2.0”, Roma: Armando.
Il corso comprende una prima parte teorica sulla comunicazione nei social media (2 cfu) e una seconda parte (4 cfu) dedicata ad attività di progettazione e implementazione di metodologie di design orientate alla produzione di chatbot narrativi.
Il corso comprende una prima parte teorica sulla comunicazione nei social media (2 cfu) e una seconda parte (4 cfu) dedicata ad attività di progettazione e implementazione di metodologie di design orientate alla produzione di chatbot narrativi.
Organizzazione dell'insegnamento Il corso si articola in 2 parti: - la prima parte (20 ore) comprende lezioni frontali sul tema dei social media e degli spreadable media. - la seconda parte di laboratorio (40 ore) include alcune lezioni frontali sulla definizione del piano editoriale per progetti di storytelling su social media e lezioni sulle forme più innovative di digital storytellling: data storytelling, immersive storytelling, adaptive storytelling attraverso automi narrativi (15 ore ); nelle restanti 25 ore gli studenti suddivisi in gruppi impareranno a progettare e a implementare, utilizzando piattaforme e tool di sviluppo chatbot (come Chatfuel, Sequel, Userbot, Smooch) chatbot narrativi all’interno di un ambiente social.
Organizzazione dell'insegnamento Il corso si articola in 2 parti: - la prima parte (20 ore) comprende lezioni frontali sul tema dei social media e degli spreadable media. - la seconda parte di laboratorio (40 ore) include alcune lezioni frontali sulla definizione del piano editoriale per progetti di storytelling su social media e lezioni sulle forme più innovative di digital storytellling: data storytelling, immersive storytelling, adaptive storytelling attraverso automi narrativi (15 ore ); nelle restanti 25 ore gli studenti suddivisi in gruppi impareranno a progettare e a implementare, utilizzando piattaforme e tool di sviluppo chatbot (come Chatfuel, Sequel, Userbot, Smooch) chatbot narrativi all’interno di un ambiente social.
Per chi frequenta le lezioni e il laboratorio : 1) Jenkins H., Ford S., Green J. (2013) Spreadable media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione, Milano: Apogeo. Per i non frequentanti 1) JENKINS H., FORD S., GREEN J. (2013) Spreadable media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione, Milano: Apogeo. 2) ROSE F., Immersi nelle storie. Il mestiere di raccontare nell'era di internet. Torino: Codice, 2013. 3) MAESTRI A., POLSINELLI P., SASSOON J., Giochi da prendere sul serio. Gamification, storytelling e game design per progetti innovativi. Milano: FrancoAngeli, 2016.
Per chi frequenta le lezioni e il laboratorio : 1) Jenkins H., Ford S., Green J. (2013) Spreadable media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione, Milano: Apogeo. Per i non frequentanti 1) JENKINS H., FORD S., GREEN J. (2013) Spreadable media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione, Milano: Apogeo. 2) ROSE F., Immersi nelle storie. Il mestiere di raccontare nell'era di internet. Torino: Codice, 2013. 3) MAESTRI A., POLSINELLI P., SASSOON J., Giochi da prendere sul serio. Gamification, storytelling e game design per progetti innovativi. Milano: FrancoAngeli, 2016.
Modalità di esame: Prova orale obbligatoria; Progetto di gruppo;
Per gli studenti frequentanti la valutazione finale si compone di due parti: 1) Valutazione del progetto di gruppo realizzato in laboratorio durante una sessione di presentazione plenaria; 2) Prova orale obbligatoria: colloquio (15’) in sede di appello sul testo indicato. Per gli studenti non frequentanti: La valutazione si concentra sulla prova orale obbligatoria (30') in sede di appello sui 3 testi indicati.
Exam: Compulsory oral exam; Group project;
Per gli studenti frequentanti la valutazione finale si compone di due parti: 1) Valutazione del progetto di gruppo realizzato in laboratorio durante una sessione di presentazione plenaria; 2) Prova orale obbligatoria: colloquio (15’) in sede di appello sul testo indicato. Per gli studenti non frequentanti: La valutazione si concentra sulla prova orale obbligatoria (30') in sede di appello sui 3 testi indicati.


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
m@il