Servizi per la didattica
PORTALE DELLA DIDATTICA

ChallengePoliTo by Firms - Programmare risorse e pianificare territo

01VHPQA

A.A. 2020/21

Course Language

Italian

Course degree

Course structure
Teaching Hours
180
Teachers
Teacher Status SSD h.Les h.Ex h.Lab h.Tut Years teaching
Cotella Giancarlo
Challenge@PoliTo by Firms - Programmare risorse e pianificare territori: gli Ambiti di Integrazione Territoriale
Professore Associato ICAR/20 0 0 0 0 1
Teaching assistant
Espandi

Context
SSD CFU Activities Area context
2020/21
La Challenge@PoliTo_by Firms è un'attività di didattica innovativa svolta al Politecnico di Torino. È parte integrante della strategia di PoliTo per promuovere la formazione learning by doing e la cultura imprenditoriale tra gli studenti. Queste attività sono organizzate con partner esterni che propongono una "sfida" proveniente dalle loro pratiche. Durante l'attività, 30 studenti delle lauree magistrali, divisi in team multidisciplinari, lavorano, competono e sviluppano le loro soluzioni innovative. Le Sfide si svolgono all’interno del laboratorio di didattica sperimentale del PoliTo: il CLIK - Connection Lab & Innovation Kitchen. Nel laboratorio CLIK, durante la fase di sfida, gli studenti possono sperimentare e mettere in pratica quanto appreso durante le lezioni, in un ambiente informale e multidisciplinare che promuove lo spirito di creatività e collaborazione. Challenge@PoliTo_by Firms - Programmare risorse e pianificare territori: gli Ambiti di Integrazione Territoriale. A dieci anni di distanza dall’approvazione del Piano Territoriale Regionale (PTR), la Regione Piemonte ha intrapreso il processo di aggiornamento di tale strumento. Centrale in tale revisione è il supporto operativo ai sistemi locali, aggregati di Comuni a livello sub-provinciale - gli Ambiti di Integrazione Territoriale (AIT) - affinché rappresentino davvero i “mattoni” della costruzione del PTR ed i nodi di una rete su cui si basa la coesione territoriale della Regione. Situati a un livello intermedio fra Province e Comuni, gli AIT dovranno favorire la declinazione delle priorità e delle strategie di sviluppo locale, delle strategie regionali alla scala provinciale, e contribuire a supportare queste ultime nell’attività di pianificazione di area vasta. Pertanto, attraverso tale attività, gli AIT diverranno un riferimento cardine per la pianificazione intercomunale. In tale ottica, la Challenge proposta mira alla definizione di metodologie “innovative” finalizzate: • alla definizione di un ruolo operativo per gli AIT, come ambiti territoriali di progettazione integrata dello sviluppo locale (i.e. community led local development) nell’ottica di un sistema di governance territoriale multilivello che integra Comuni, Province, Quadranti, Regione, Macroregioni; • all’utilizzo degli AIT quali catalizzatori di integrazione orizzontale fra i diversi temi della pianificazione (infrastrutture, ambiente, tutela e sicurezza, sviluppo socio-economico etc.); • all’accompagnamento degli attori del territorio nella definizione di visioni, strategie ed azioni intercomunali finalizzate al posizionamento all'interno di una o più politiche di sviluppo sostenibile. Operativamente, gli studenti saranno chiamati a: • Riflettere sulle caratteristiche e sul ruolo giocato dagli AIT fino a questo momento e sulla loro efficacia, attraverso una prima analisi a campione e grazie al coinvolgimento degli attori territoriali in alcuni contesti selezionati; • Costruire una metodologia di sostegno e accompagnamento delle progettualità degli AIT, in grado di fare leva sui legami sociali (le reti locali) e sui legami territoriali (le risorse e i valori del capitale territoriale), predisponendo un set di indicatori che permettano un processo valutativo (ex-ante, in itinere ed ex post) dei progetti, anche in relazione alle politiche di sviluppo di interesse regionale (programmi operativi regionali, strategia nazionale per aree interne, etc.); • Ripensare il ruolo degli AIT quale livello chiave del sistema di governance multilivello regionale, al quale declinare e portare a sintesi le strategie e gli strumenti regionali e provinciali, e sul quale impostare l’attività di pianificazione locale in ottica intercomunale; • Ripensare il ruolo degli AIT quale scala adeguata all’integrazione spaziale di priorità e azioni afferenti a tematiche diverse, quali la definizione dei tracciati infrastrutturali, la tutela e la sicurezza del territorio, la pianificazione paesaggistico ambientale, la programmazione dello sviluppo socioeconomico etc.; • Cimentarsi con la definizione di un sistema di indicatori finalizzato all'identificazione di sub-ambiti di aggregazione (interni a, o a cavallo fra gli AIT del PTR vigente), sui quali impostare l’attività di pianificazione intercomunale. La Challenge proposta si inserisce perfettamente nella finestra di programmazione della nuova politica di coesione 2021-2027 e dei fondi di Next Generation EU.
La Challenge@PoliTo_by Firms è un'attività di didattica innovativa svolta al Politecnico di Torino. È parte integrante della strategia di PoliTo per promuovere la formazione learning by doing e la cultura imprenditoriale tra gli studenti. Queste attività sono organizzate con partner esterni che propongono una "sfida" proveniente dalle loro pratiche. Durante l'attività, 30 studenti delle lauree magistrali, divisi in team multidisciplinari, lavorano, competono e sviluppano le loro soluzioni innovative. Le Sfide si svolgono all’interno del laboratorio di didattica sperimentale del PoliTo: il CLIK - Connection Lab & Innovation Kitchen. Nel laboratorio CLIK, durante la fase di sfida, gli studenti possono sperimentare e mettere in pratica quanto appreso durante le lezioni, in un ambiente informale e multidisciplinare che promuove lo spirito di creatività e collaborazione. Challenge@PoliTo_by Firms - Programmare risorse e pianificare territori: gli Ambiti di Integrazione Territoriale. A dieci anni di distanza dall’approvazione del Piano Territoriale Regionale (PTR), la Regione Piemonte ha intrapreso il processo di aggiornamento di tale strumento. Centrale in tale revisione è il supporto operativo ai sistemi locali, aggregati di Comuni a livello sub-provinciale - gli Ambiti di Integrazione Territoriale (AIT) - affinché rappresentino davvero i “mattoni” della costruzione del PTR ed i nodi di una rete su cui si basa la coesione territoriale della Regione. Situati a un livello intermedio fra Province e Comuni, gli AIT dovranno favorire la declinazione delle priorità e delle strategie di sviluppo locale, delle strategie regionali alla scala provinciale, e contribuire a supportare queste ultime nell’attività di pianificazione di area vasta. Pertanto, attraverso tale attività, gli AIT diverranno un riferimento cardine per la pianificazione intercomunale. In tale ottica, la Challenge proposta mira alla definizione di metodologie “innovative” finalizzate: • alla definizione di un ruolo operativo per gli AIT, come ambiti territoriali di progettazione integrata dello sviluppo locale (i.e. community led local development) nell’ottica di un sistema di governance territoriale multilivello che integra Comuni, Province, Quadranti, Regione, Macroregioni; • all’utilizzo degli AIT quali catalizzatori di integrazione orizzontale fra i diversi temi della pianificazione (infrastrutture, ambiente, tutela e sicurezza, sviluppo socio-economico etc.); • all’accompagnamento degli attori del territorio nella definizione di visioni, strategie ed azioni intercomunali finalizzate al posizionamento all'interno di una o più politiche di sviluppo sostenibile. Operativamente, gli studenti saranno chiamati a: • Riflettere sulle caratteristiche e sul ruolo giocato dagli AIT fino a questo momento e sulla loro efficacia, attraverso una prima analisi a campione e grazie al coinvolgimento degli attori territoriali in alcuni contesti selezionati; • Costruire una metodologia di sostegno e accompagnamento delle progettualità degli AIT, in grado di fare leva sui legami sociali (le reti locali) e sui legami territoriali (le risorse e i valori del capitale territoriale), predisponendo un set di indicatori che permettano un processo valutativo (ex-ante, in itinere ed ex post) dei progetti, anche in relazione alle politiche di sviluppo di interesse regionale (programmi operativi regionali, strategia nazionale per aree interne, etc.); • Ripensare il ruolo degli AIT quale livello chiave del sistema di governance multilivello regionale, al quale declinare e portare a sintesi le strategie e gli strumenti regionali e provinciali, e sul quale impostare l’attività di pianificazione locale in ottica intercomunale; • Ripensare il ruolo degli AIT quale scala adeguata all’integrazione spaziale di priorità e azioni afferenti a tematiche diverse, quali la definizione dei tracciati infrastrutturali, la tutela e la sicurezza del territorio, la pianificazione paesaggistico ambientale, la programmazione dello sviluppo socioeconomico etc.; • Cimentarsi con la definizione di un sistema di indicatori finalizzato all'identificazione di sub-ambiti di aggregazione (interni a, o a cavallo fra gli AIT del PTR vigente), sui quali impostare l’attività di pianificazione intercomunale. La Challenge proposta si inserisce perfettamente nella finestra di programmazione della nuova politica di coesione 2021-2027 e dei fondi di Next Generation EU.
L'obiettivo principale è quello di coinvolgere gli studenti in iniziative di apprendimento in grado di colmare il divario tra ciò che l’Università insegna e le competenze richieste per lavorare in team. Cultura imprenditoriale: promuovere la cultura imprenditoriale tra gli studenti del PoliTo. Dimensione istituzionale: promuovere tra gli studenti PoliTo la capacità di agire a supporto delle istituzioni pubbliche. Squadre multidisciplinari: collaborare in un contesto complesso e multidisciplinare. Ricerca di informazioni: recupero, raccolta dei dati e utilizzo delle informazioni a supporto delle attività di lavoro di squadra. Competenze concrete: mettere in pratica ciò che hanno appreso durante le lezioni al fine di risolvere un problema reale proveniente dal partner esterno. Competenze trasversali: lavoro di squadra in condizioni simili a quelle di un contesto reale, autovalutazione e organizzazione del lavoro. Al termine di questa attività, gli studenti saranno più pronti a lavorare in team, capacità sempre più richiesta dagli enti locali e dalle aziende, e ad analizzare il problema con una visione completa delle problematiche tecniche e politiche.
L'obiettivo principale è quello di coinvolgere gli studenti in iniziative di apprendimento in grado di colmare il divario tra ciò che l’Università insegna e le competenze richieste per lavorare in team. Cultura imprenditoriale: promuovere la cultura imprenditoriale tra gli studenti del PoliTo. Dimensione istituzionale: promuovere tra gli studenti PoliTo la capacità di agire a supporto delle istituzioni pubbliche. Squadre multidisciplinari: collaborare in un contesto complesso e multidisciplinare. Ricerca di informazioni: recupero, raccolta dei dati e utilizzo delle informazioni a supporto delle attività di lavoro di squadra. Competenze concrete: mettere in pratica ciò che hanno appreso durante le lezioni al fine di risolvere un problema reale proveniente dal partner esterno. Competenze trasversali: lavoro di squadra in condizioni simili a quelle di un contesto reale, autovalutazione e organizzazione del lavoro. Al termine di questa attività, gli studenti saranno più pronti a lavorare in team, capacità sempre più richiesta dagli enti locali e dalle aziende, e ad analizzare il problema con una visione completa delle problematiche tecniche e politiche.
La Challenge è aperta a tutti gli studenti Magistrali del Politecnico di Torino. Non sono necessarie competenze specifiche per partecipare. Gli studenti, per candidarsi a questa attività, devono inserire sul portale della didattica, nell’apposita sezione di iscrizione alle Challenge@PoliTo_by Firms,: • Lettera di presentazione: auto-presentazione e motivazioni di interesse per la challenge oggetto dell’iscrizione; • Curriculum Vitae. La selezione degli studenti si baserà sulla lettera di presentazione, sul curriculum vitae e sulla multidisciplinarietà richiesta dalla Challenge. La Challenge verrà erogata in Italiano.
La Challenge è aperta a tutti gli studenti Magistrali del Politecnico di Torino. Non sono necessarie competenze specifiche per partecipare. Gli studenti, per candidarsi a questa attività, devono inserire sul portale della didattica, nell’apposita sezione di iscrizione alle Challenge@PoliTo_by Firms,: • Lettera di presentazione: auto-presentazione e motivazioni di interesse per la challenge oggetto dell’iscrizione; • Curriculum Vitae. La selezione degli studenti si baserà sulla lettera di presentazione, sul curriculum vitae e sulla multidisciplinarietà richiesta dalla Challenge. La Challenge verrà erogata in Italiano.
Le Challenge hanno durata di 14 settimane, inizio il 1° Marzo 2021 e conclusione entro il 18 Giugno 2021. Durante la Challenge gli studenti dovranno lavorare in team multidisciplinari supportati da tutor, provenienti dal PoliTo e dal partner esterno, con background complementari e sotto la direzione dei Prof. G. Cotella e C. Rossignolo. Ogni team dovrà auto-organizzare il proprio tempo di lavoro e la propria metodologia, ma dovrà incontrare almeno un mentor a settimana per almeno 1,5 ore/settimana presso il CLIK Lab, in uno spazio simile o in modalità remota. Gli studenti dovranno, inoltre, partecipare agli incontri di allineamento comuni (specificati successivamente). Verranno richiesti dei report mensili, per notificare lo stato avanzamento del progetto del team. Le modalità di insegnamento potrebbe cambiare a causa delle condizioni pandemiche. Ulteriori informazioni saranno fornite nei prossimi mesi.
Le Challenge hanno durata di 14 settimane, inizio il 1° Marzo 2021 e conclusione entro il 18 Giugno 2021. Durante la Challenge gli studenti dovranno lavorare in team multidisciplinari supportati da tutor, provenienti dal PoliTo e dal partner esterno, con background complementari e sotto la direzione dei Prof. G. Cotella e C. Rossignolo. Ogni team dovrà auto-organizzare il proprio tempo di lavoro e la propria metodologia, ma dovrà incontrare almeno un mentor a settimana per almeno 1,5 ore/settimana presso il CLIK Lab, in uno spazio simile o in modalità remota. Gli studenti dovranno, inoltre, partecipare agli incontri di allineamento comuni (specificati successivamente). Verranno richiesti dei report mensili, per notificare lo stato avanzamento del progetto del team. Le modalità di insegnamento potrebbe cambiare a causa delle condizioni pandemiche. Ulteriori informazioni saranno fornite nei prossimi mesi.
L'evento si svolgerà presso il Lab CLIK, situato nell'edificio centrale del Politecnico di Torino (Corso Duca degli Abruzzi, 24) o in uno spazio simile, con il seguente programma: • Kick Off & Team Building: i prof. responsabili, il partner esterno ed i tutor terranno delle lezioni sui temi della sfida. Durante queste giornate si svolgerà l’attività per la creazione dei team multidisciplinari. Durata di 2 giorni. • Analisi del problema e creazione dell'idea: due settimane in cui i team analizzeranno il problema in dettaglio. I mentor supporteranno i team attraverso incontri programmati; • Presentazione dell'idea: ogni squadra presenterà (tramite pitch) il problema e la soluzione proposta. Durata mezza giornata. • Prototipazione e sviluppo: i team si incontreranno al lab. CLIK su base settimanale per incontrare i tutor che forniranno supporto allo sviluppo del progetto. 11 settimane di lavoro di gruppo. • Presentazione SAL – stato avanzamento lavori: due incontri di mezza giornata ciascuno per mostrare gli avanzamenti del progetto. Durata due mezze giornate nell’arco delle 11 settimane di prototipazione e sviluppo. • Presentazione finale: i team presenteranno i loro progetti attraverso dei pitch. Durata di mezza giornata alla fine della quattordicesima settimana. Le date degli incontri verranno rese note durate prossimamente. Durante la sfida, il PoliTo fornirà altri contenuti educativi utili per lo sviluppo delle idee del Team e della cultura personale. Ad esempio, creazione di Business Plan, Social Impact, Communication & Pitch Learning, ecc. Le date saranno definite nei prossimi mesi. Ogni team dovrà lavorare circa 1,5 ore / settimana nel lab. CLIK o in modalità remota, supportato dai tutor della challenge. La struttura di Challenge fornita è solo un esempio, potrebbe essere modificata durante la sfida.
L'evento si svolgerà presso il Lab CLIK, situato nell'edificio centrale del Politecnico di Torino (Corso Duca degli Abruzzi, 24) o in uno spazio simile, con il seguente programma: • Kick Off & Team Building: i prof. responsabili, il partner esterno ed i tutor terranno delle lezioni sui temi della sfida. Durante queste giornate si svolgerà l’attività per la creazione dei team multidisciplinari. Durata di 2 giorni. • Analisi del problema e creazione dell'idea: due settimane in cui i team analizzeranno il problema in dettaglio. I mentor supporteranno i team attraverso incontri programmati; • Presentazione dell'idea: ogni squadra presenterà (tramite pitch) il problema e la soluzione proposta. Durata mezza giornata. • Prototipazione e sviluppo: i team si incontreranno al lab. CLIK su base settimanale per incontrare i tutor che forniranno supporto allo sviluppo del progetto. 11 settimane di lavoro di gruppo. • Presentazione SAL – stato avanzamento lavori: due incontri di mezza giornata ciascuno per mostrare gli avanzamenti del progetto. Durata due mezze giornate nell’arco delle 11 settimane di prototipazione e sviluppo. • Presentazione finale: i team presenteranno i loro progetti attraverso dei pitch. Durata di mezza giornata alla fine della quattordicesima settimana. Le date degli incontri verranno rese note durate prossimamente. Durante la sfida, il PoliTo fornirà altri contenuti educativi utili per lo sviluppo delle idee del Team e della cultura personale. Ad esempio, creazione di Business Plan, Social Impact, Communication & Pitch Learning, ecc. Le date saranno definite nei prossimi mesi. Ogni team dovrà lavorare circa 1,5 ore / settimana nel lab. CLIK o in modalità remota, supportato dai tutor della challenge. La struttura di Challenge fornita è solo un esempio, potrebbe essere modificata durante la sfida.
Modalità di esame: Accertamento (esame senza voto);
La Challenge è aperta a tutti gli studenti Magistrali del Politecnico di Torino. Lo studente dovrà registrarsi individualmente. I CFU, curriculari ed extra, saranno assegnati al termine della sfida e solo se lo studente avrà superato il corso. La procedura di verifica si basa su: - Lo sviluppo del progetto su una griglia di valutazione; - La qualità della presentazione durante gli incontri di avanzamento; - Report (mensili e finale); - Autovalutazione dei membri del team. Questa attività non riconosce un voto, solo superato / non superato
Exam: Check;
Modalità di esame: Accertamento (esame senza voto);
La Challenge è aperta a tutti gli studenti Magistrali del Politecnico di Torino. Lo studente dovrà registrarsi individualmente. I CFU, curriculari ed extra, saranno assegnati al termine della sfida e solo se lo studente avrà superato il corso. La procedura di verifica si basa su: - Lo sviluppo del progetto su una griglia di valutazione; - La qualità della presentazione durante gli incontri di avanzamento; - Report (mensili e finale); - Autovalutazione dei membri del team. Questa attività non riconosce un voto, solo superato / non superato
Exam: Check;
Esporta Word


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
Contatti