Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  

SCIENZA DELLE COSTRUZIONI



COD INS B4600
Docente

Silvio VALENTE

Periodo 1
Precedenze
Crediti 10

Presentazione


Il corso introduce la meccanica dei solidi elastici lineari con le equazioni di equilibrio, di congruenza e costitutive. Tali relazioni vengono dedotte nel caso dei solidi tridimensionali (corpi tozzi) e unidimensionali (travi) e quindi unificate in una formulazione del tutto generale, utile soprattutto per le applicazioni numeriche. Viene trattata poi la teoria dei sistemi di travi (solidi di Saint Venant), sotto il duplice aspetto statico e cinematico. Vengono infine illustrati i fenomeni di instabilitÓ dell'equilibrio elastico e di propagazione della frattura fragile.

Programma


(2 ore ) Introduzione al corso: classificazione degli elementi strutturali, modello geometrico della struttura, modello delle sollecitazioni, modello del comportamento del materiale, modelli numerici.
(4 ore ) Analisi della deformazione: tensore delle deformazioni; dilatazioni e scorrimenti; proiezioni del vettore spostamento; legge di trasformazione del tensore delle deformazioni per rotazioni del sistema di riferimento; direzioni principali di deformazione; dilatazione volumetrica.
(4 ore) Analisi della tensione: vettore tensione; tensore degli sforzi; proiezioni del vettore tensione; legge di trasformazione del tensore degli sforzi per rotazioni del sistema di riferimento;
direzioni principali di tensione; tensori idrostatico e deviatorico; cerchi di Mohr; stato tensionale piano.
(2 ore) Equazioni indefinite di equilibrio; equazioni di equivalenza al contorno; formulazione matriciale e dualitÓ statico-cinematica; Principio dei Lavori Virtuali per il corpo deformabile.
(4 ore) P otenziale elastico; potenziale elastico complementare; legge costitutiva elastica: elasticitÓ lineare; isotropia; modulo di Young e coefficiente di Poisson; problema elastico; equazioni di Lame' in forma operatoriale; teorema di Clapeyron; teorema di Betti.
(4 ore) Criteri di sicurezza: diagrammi tensione-deformazione per materiali duttili e fragili; energia di frattura; criterio di Tresca; criterio di Mohr-Coulomb, criterio di von Mises.
(10 ore) Solido di Saint Venant: ipotesi fondamentali; sforzo normale; flessione retta; sforzo normale eccentrico; flessione deviata; nocciolo centrale di inerzia; ortogonalitÓ energetica; torsione (sezioni circolari e generiche, sezioni sottili aperte e chiuse); centro di taglio, taglio retto
(trattazione semplificata di Jourawsky, sezione rettangolare, scorrimento medio).
(3 ore) Solido di Saint Venant: sollecitazione di taglio nelle sezioni sottili, possibile non-ortogonalitÓ energetica tra Tx e Ty, taglio deviato.
(2 ore) Verifiche di resiste nza nel solido di Saint Venant. Teoria tecnica della trave: rapporto tra deformazione flettente e tagliante; equazioni cinematiche, statiche e costitutive per la trave (rettilinea e curva).
(4 ore) Il principio dei lavori virtuali applicato ai sistemi di travi: determinazione degli spostamenti nelle strutture isostatiche e risoluzione delle strutture iperstatiche. Il teorema di Castigliano, il teorema di Menabrea.
(5 ore ) Calcolo automatico, con il metodo degli spostamenti dei telai piani. Cenni sulla applicazione di questo approccio alle strutture reticolati, piane e spaziali, ai grigliti ed ai telai spaziali.
(6 ore) Fenomeni di collasso strutturale: instabilitÓ dell'equilibrio elastico (limiti di validitÓ della formula di Eulero, trave rettilinea con varie condizioni di vincolo, instabilitÓ locale e glo-bale), meccanica della frattura (analisi energetica di Griffith).

Prerequisiti


╚ opportuna una buona conoscenza degli argomenti di Analisi I e II, Geometria, Fisica I e Meccanica Razionale.

Laboratori


(5 ore) Geometria delle aree: leggi di trasformazione del vettore dei momenti statici e del tensore dei momenti di inerzia per roto-traslazioni del sistema di riferimento; direzioni e momenti principali d'inerzia; circoli di Mohr; simmetria assiale e polare.
(8 ore) Cinematica dei sistemi di travi: gradi di libertÓ, vincolo di rigiditÓ, linearizzazione del vincolo, vincoli piani, maldisposizione dei vincoli, atto di moto di un corpo rigido. Statica dei sistemi di travi: studio algebrico e studio grafico, teoremi delle catene cinematiche.
(4 ore) DualitÓ statico-cinematica, statica grafica, curva delle pressioni, caratteristiche interne della sollecitazione, equazioni indefinite di equilibrio per le travi curvilinee piane.
(10 ore ) Sistemi di travi isostatici: determinazione delle reazioni vincolari con le equazioni ausiliarie e con il Principio dei Lavori Virtuali; archi a tre cerniere; travi Gerber; strutture chiuse; travature reticolari.
(1 ora) Esercizi sul tracciamento dei ce rchi di Mohr.
(2 ore) Determinazione di spostamenti e rotazioni negli schemi elementari mediante integrazione dell'equazione della linea elastica; composizione di rotazioni e spostamenti.
(10 ore) Esercizi sul solido di Saint Venant.
(4 ore) Il principio dei lavori virtuali applicato ai sistemi di travi: distorsioni termiche e cedimenti vincolari, strutture reticolari iperstatiche, archi e anelli.
(4 ore) Sistemi di travi iperstatici: simmetria ed anti-simmetria assiale e polare.
(10 ore) La risoluzione di strutture iperstatiche con il metodo dei telai piani: il caso a nodi fissi, il caso a nodi spostabili, l'iperstaticitÓ assiale.
(2 ore) Esercizi sull'instabilitÓ dell'equilibrio elastico.

Bibliografia


A. CARPINTERI, Scienza delle Costruzioni, Vol. I , Ed. Pitagora, Bologna,1995.
Per consultazione:
O. BELLUZZI, Scienza delle costruzioni, Zanichelli, Bologna.
M. CAPURSO, Lezioni di Scienza delle Costruzioni, Ed. Pitagora, Bologna,1971.
P. CICALA, Scienza delle Costruzioni, Vol.1 e 2, Ed. Levrotto & Bella, Torino, 1981.
A. DI TOMMASO, Fondamenti di Scienza delle Costruzioni, Ed. Patron, Bologna, 1981.
F. LEVI, P. MARRO, Scienza delle Costruzioni, Ed. Levrotto & Bella, Torino, 1986.
Per le esercitazioni saranno utili i seguenti volumi:
A. CARPINTERI, La Geometria delle masse, Ed. Pitagora, Bologna, 1983.
E. VIOLA, Esercitazioni d i Scienza delle Costruzioni, Vol.1 e 2, Ed. Pitagora, Bologna, 1985.
A. CARPINTERI, Scienza delle Costruzioni, Vol. II, Ed. Pitagora, Bologna, 1995.

Modalita' esame


Al termine del secondo emisemestre, coloro che hanno superato la valutazione realtiva al modulo A sono ammessi alla valutazione scritta sui contenuti del modulo B, consistente nella analisi di una struttura iperstatica volta a determinare i diagrammi delle tre sollecitazioni (M,N,T) in tutte gli elementi (travi e/o bielle) componenti la struttura. A completamento dei diagrammi Ŕ richiesto il tracciamento della curva delle pressionie ed il tracciamento qualitativo della deformata elastica.
╚ inoltre prevista una seconda domanda riguardante la sezione di un solido di Saint Venant.
Essa pu˛ riguardare uno stato tensionale indotto da una sollecitazione di Taglio Torsione, oppure da una sollecitazione di sforzo normale eccentrico. In questo secondo caso pu˛ anche essere richiesto il tracciamento della regione di nocciolo.
Coloro che hanno superato le valutazioni scritte relative ai moduli A e B possono completare l'esame sostenendo la prova orale nell'ambito della prima sessione Per colo ro che non hanno superato le valutazioni realtive ai moduli A e B (o che non hanno ritenuto di sfruttarne la possi-bilitÓ) l'esame finale sarÓ costituito da un unica prova scritta sugli argomenti illustrati in precedenza a proposito delle due valutazioni di esonero.
Quanto segue vale per tutte le prove scritte, siano esse di valutazione internedia o di esame.
Per ciascun esercizio sono previsti due gruppi di domande. Per raggiungere la sufficienza Ŕ necessario rispondere correttamente almeno al primo gruppo di domande per ogni esercizio.
Si suggerisce di attrezzarsi convenientemente per lo svolgimento della prova scritta (carta quadrettata, squadra, ecc.). Si segnala invece che non Ŕ permesso l'uso di testi ed appunti, ma solo l'uso dei formulari che verranno presentati ad esercitazione. Per essere ammessi all'orale Ŕ necessario ottenere, nella prova scritta, una votazione maggiore o uguale a 15/30. In ogni caso il voto finale Ŕ la media tra quello ottenuto nella prova orale e quell o ottenuto nella prova scritta.
Quanto segue vale solo nel caso di esame unico finale. Per la prova scritta vengono concesse 3,5 ore, per le prime 2 ore non Ŕ possibile lasciare l'aula. ╚ possibile ripetere la prova scritta rispettando le limitazioni stabilite dal Consiglio di FacoltÓ.
La prova orale pu˛ essere sostenuta nei giorni subito successivi alla prova scritta oppure nell'appello immediatamente successivo.





© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
m@il