PORTALE DELLA DIDATTICA
Progetti Studenteschi
A.K.A.NOAH PoliTo - Also Known As Noah
 
AUT - Autocostruzione Urbanismo Tattico
 
B-UP
 
BIT PoliTO
 
Competitive programming PoliTo (CPPoliTo)
 
FoRTI: Intervento di recupero tramite cantieri didattici di un edificio in pietra in Ossola_correz
 
La raccolta differenziata 2.0
 
MALTO
 
OFF TALKS
 
Panda 4WD-H PoliTO
 
Progetto PoliTorbital
 
Robomasters POLITO
 
Smart-In 4.0
 
Solar Decathlon China
 
Squadra Corse Driverless
 
TEDxPolitecnicodiTorino
 
Viaggio di studio a Berlino: Le trasformazioni dello spazio pubblico e Mostra fotografica
 
Progetti Studenteschi
La progettualità studentesca – presentazione

  • Regole operative per il riconoscimento di attività e il finanziamento di progetti dei Team e delle Associazioni studentesche del Politecnico di Torino - valido dal 06/05/2021

  • Regole operative per l’assegnazione e la gestione dei contributi destinati al finanziamento della progettualità, dei Team e delle attività culturali degli studenti del Politecnico di Torino - valido dal 12/12/2018 al 05/05/2021

  • Regolamento per l'assegnazione e la gestione di contributi destinati al finanziamento della progettualità studentesca e delle attività culturali degli studenti del Politecnico di Torino - valido fino all'11/12/2018

    • A.K.A.NOAH PoliTo - Also Known As Noah : Il team A.K.A.Noah, acronimo di Also know as Noah, nasce ufficialmente all'inizio dell'a.a 2019/2020 con l'obiettivo di realizzare un sistema di raccolta rifiuti da attrezzare su un'imbarcazione che navighi il Po e rendere l'imbarcazione anche atta al monitoraggio ambientale: attraverso indagini sulla qualità delle acque e valutazione sullo stato ecologico del contesto fluviale sarà possibile valutare lo stato di salute del fiume. I campionamenti verranno analizzati sia in situ con un dispositivo raspberry Pi, che nei laboratori del DIATI, Dipartimento di Ambiente, Territorio e Infrastrutture. Tutte le attività di campo, in collaborazione con il CUS Torino Canoa e Canottaggio, si estendono nel tratto navigabile del Po dal confine con Moncalieri ai Murazzi. Il team realizzerà inoltre un cortometraggio che sarà uno degli strumenti, insieme a collaborazioni con alcune associazioni di tutela ambientale, per diffondere nella collettività la consapevolezza della necessità di salvaguardare l'ecosistema fluviale. Gli obiettivi del team abbracciano molti dei Sustainable Development Goals proposti dalle Nazioni Unite per il 2030. Il tutor accademico è la prof.ssa Comino, del DIATI, docente di Ecologia Applicata all'Ingegneria e Procedure per la sostenibilità ambientale. Le diverse competenze necessarie allo sviluppo del progetto fanno sì che i membri del team siano afferiscano molteplici aree dell'ingegneria ( ambientale, chimica e dei materiali, aerospaziale, meccanica, informatica, meccatronica), del design e dell'architettura

    • AUT - Autocostruzione Urbanismo Tattico: Il team studentesco si pone come obiettivo la formazione personale dei partecipanti verso una coscienza critica sui temi dell'autocostruzione, dell'urbanismo tattico, dell'attivismo pubblico e delle trasformazioni urbane a basso costo ed alto impatto. Il fine pratico è la realizzazione di opere temporanee come installazioni e microarchitetture autocostruite che vadano a inserirsi nello spazio urbano fragile, ma anche sperimentazioni di piazze o pedonalizzazioni momentanee come iniezioni di potenziale rigenerazione, uscendo dai confini dell'Ateneo e proiettandosi anche verso lo spazio pubblico e/o ad uso pubblico. AUT vuole proporsi come opportunità di approfondimento professionalizzante, attraverso dibattiti, talk, incontri, momenti di riflessione, ma anche come laboratorio pratico per gli studenti del Politecnico, con l?organizzazione di Workshop e cantieri. Per le nostre attività proponiamo una costante collaborazione con tutori interni ed esterni all'Ateneo, perché riteniamo che il coinvolgimento di professionisti specializzati sia essenziale per la formazione di una panoramica più ampia sui temi trattati. Lo scopo è quello di ragionare insieme sulle trasformazioni che stanno caratterizzando le nostre città, e di capire quali sono gli strumenti a disposizione dell'architetto per operare in maniera efficace, rapida e leggera.

    • B-UP : Il gruppo nasce dall'atelier 'FINAL DESIGN STUDIO - 01QMIQN', AA 2018/19. Durante il corso abbiamo partecipato al concorso di progettazione RESILIENT HOMES DESIGN CHALLENGE, indetto tra altri da World Bank, United Nation, Build Academy. L'obiettivo era la progettazione di una soluzione abitativa resiliente. La nostra proposta, la Core House, una casa galleggiante in bamboo in grado di resistere ad inondazioni e forti venti, ha vinto. Da qui è iniziato un iter di mostre ed esposizioni dei progetti vincitori nel mondo. Alla cerimonia di premiazione, Washington, marzo 2019, abbiamo intessuto legami con gli altri vincitori che attualmente stanno realizzando prototipi delle loro proposte. Nasce quindi l'idea del TEAM STUDENTESCO, che mira a mantenere il passo con queste realtà. Miriamo all'elaborazione di disegni esecutivi e la successiva costruzione in primavera del 2021 di parte del modulo abitativo, quello che da progetto risulta essere il cuore resistente della casa, la Core Unit. Il prototipo in bambù dovrà essere strutturalmente stabile e pronto a resistere ad inondazioni e forti venti. Il sistema di galleggiamento dovrà essere realizzato e testato. Allo stesso tempo, il prototipo dovrà garantire autosufficienza ai suoi abitanti in caso di pericolo e non. In primo luogo, quindi, porteremo avanti analisi strutturali e simulazioni virtuali così da garantire fattibilità costruttiva, autonomia energetica e resilienza. Successivamente, costruiremo.

    • BIT PoliTO: Ci occupiamo di divulgazione, ricerca e sviluppo a tema Bitcoin e Blockchain. Siamo organizzati in sotto-team che portano avanti diversi progetti parallelamente. Fra questi segnaliamo il podcast, lo sviluppo del sito web, la sperimentazione degli algoritmi crittografici utilizzati nelle principali blockchain, l'implementazione di diversi nodi Bitcoin, l'organizzazione di eventi, i corsi formativi e molto altro. Siamo aperti a studenti di tutti i corsi di laurea, anche provenienti da UNITO. Non è necessario avere particolari competenze per entrare nel team, ci occupiamo della formazione di tutti i nuovi membri. Contattateci su t.me/bitpolito

    • Competitive programming PoliTo (CPPoliTo):

    • FoRTI: Intervento di recupero tramite cantieri didattici di un edificio in pietra in Ossola_correz:

    • La raccolta differenziata 2.0: EcòPoli e l'associazione Mu Nu Chapter of IEEE-Eta Kappu Nu propongono un Progetto atto a ottimizzare la raccolta rifiuti al Politecnico. La corretta gestione dei rifiuti è un tema di fondamentale importanza poiché ad esso sono correlate una serie di problematiche ambientali, etiche ed economiche. Prendendo spunto dai progetti di raccolta dati già attivi nel nostro Ateneo relativi a consumo e produzione di energia elettrica e al consumo di acqua, l'idea è quella di estendere il monitoraggio anche ai flussi di rifiuti all'interno del Politecnico. Alla base del Progetto vi è un miglioramento degli attuali cestini ai quali verranno applicati dei sensori di rilevamento (di volume, di peso e di prossimità) senza alcuna modifica che possa ostacolare il lavoro degli operatori o modificarne lo stato esteriore. L'obiettivo è quello di raccogliere dati sul conferimento dei rifiuti, in modo da poter individuare le aree in cui questo non venga eseguito correttamente e quelle in cui sia necessario un maggior impiego degli operatori per lo svuotamento dei cestini. In secondo luogo, si prevede l'installazione di isole "intelligenti" dotate, unitamente ai sensori precedentemente descritti, di una videocamera e di un display che permettano il riconoscimento dell'oggetto tramite una foto e indichino all'utente dove gettare il rifiuto.

    • MALTO:

    • OFF TALKS: pubblico eterogeneo sul rapporto tra uomo e natura, utilizzando il cinema come strumento narrativo e punto di contatto tra le due realtà, seguendo un approccio che sia, allo stesso tempo, di carattere scientifico e artistico. Il progetto prevede di sviluppare un piano di comunicazione destinato ai social network: Instagram e Facebook, utilizzando i profili di Ortometraggi Film Festival, per portare all'attenzione di un pubblico giovane le seguenti tematiche: ● Obiettivi di Sviluppo Sostenibile ● Cibo ● Città Sostenibile ● Moda Etica ● Intelligenza delle Piante ● Inquinamento Digitale Il progetto prevede la realizzazione di contenuti informativi, grafici, interviste e un Festival Digitale dedicato alla proiezione dei migliori Cortometraggi che hanno partecipato alle tre edizioni di Ortometraggi Film Festival, festival di cortometraggi a tema Uomo-Terra realizzato dall'associazione culturale Gomboc. ortometraggitalks@gmail.com IG: ortometraggi_film_festival FB: Ortometraggi Film Festival

    • Panda 4WD-H PoliTO: Il Panda 4WD-H PoliTO è un team studentesco del Politecnico di Torino che si occupa della conversione di una Fiat Panda 1108 F.I.R.E in quattro ruote motrici ibrida per partecipare alla competizione rallistica Panda Raid, sponsorizzata da FCA, prevista per Marzo 2022. La scelta è ricaduta su questa competizione e su questo mezzo per mantenere i costi contenuti, garantendo comunque un'esperienza altamente formante per gli studenti. L'obiettivo principale del team è sviluppare software ad-hoc per gestire la dinamica del veicolo per renderlo competitivo e mettere in risalto la parte elettronica ed informatica. Per quanto concerne la parte di programmazione lo scopo principale è creare un modello software capace di simulare correttamente il comportamento longitudinale del veicolo e sviluppare software capaci di separare la coppia tra l'asse anteriore e l'asse posteriore e programmare una VMU capace di implementare tutti i controllori necessari per far funzionare il veicolo correttamente.

    • Progetto PoliTorbital : Siamo PoliTOrbital, un team di studenti che sviluppa il progetto preliminare di un velivolo suborbitale in grado di garantire l'accesso allo spazio e la sperimentazione della microgravità al maggior numero di passeggeri possibile nel rispetto degli standard ambientali. Ogni anno partecipiamo al Défi Aérospatial Etudiant, un concorso studentesco sponsorizzato dall'Agenzia spaziale europea ESA, ArianeGroup e Dassault Aviation. Professoressa responsabile: VIOLA Nicole

    • Robomasters POLITO: RoboMaster is a robotic competitions and worked for academic exchange founded by Da-Jiang Innovations (DJI) and specially designed for global technology enthusiasts. Since its establishment in 2013, RoboMaster has been committed to cultivating young engineering talents and showcasing the possibilities of technological innovation to audiences around the globe. The RoboMaster University Series has been expanding its influence year by year, attracting more than 400 colleges and universities around the world to participate annually and nurturing the engineering talents of over 35,000 young learners. RoboMaster has also continued to develop various training and laboratory co-construction programs with hundreds of colleges and universities. RoboTO is the team from Politecnico di Torino, also the first and the best team from europe. We welcome every student who is interested in robotics to join our team.

    • Smart-In 4.0 : Smart-In 4.0 è un team studentesco composto da studenti e studentesse del Politecnico di Torino, con l'obbiettivo di trovare, discutere e risolvere in maniera innovativa tematiche e bisogni legati al mondo dell'industria 4.0. L'obiettivo è contribuire alla crescita professionale degli studenti e delle studentesse e di favorire il loro inserimento nel settore manifatturiero, creando tavoli di discussione, sviluppando progetti formativi e condividendo le loro conoscenze e la loro passione con i colleghi dell'università, gli studenti delle scuole secondarie, gli impiegati del settore, i professori e gli imprenditori. La collaborazione tra i membri di questo team, inoltre, vuole essere un esempio di organizzazione dinamica che non ha bisogno di spazi fissi e che sia in grado di perseguire diversi obiettivi in parallelo.

    • Solar Decathlon China: Docenti PoliTO: Mauro Berta (Coordinatore scientifico) (DAD), Michele Bonino (DAD), Orio De Paoli (DAD), Enrico Fabrizio (DENERG), Marco Filippi (DENERG), Francesca Frassoldati (DAD), Matteo Robiglio (DAD), Valentina Serra (DENERG); con Edoardo Bruno (DAD) Gruppo di Ricerca LINKS-SiTI: Romano Borchiellini (DENERG), Sergio Olivero, Paolo Lazzeroni, Federico Stirano Docenti SCUT: Sun Yimin, Wang Jing, Xiao Yiqiang, Xu Haohao, Zhang Yufeng, Zhong Guanqiu Team studenti italiano Architectural Design: L. Ranzani, A. Aimar, C. Cordopatri Structural Design: C. Alberto Monteverde, I. Gramaglia Outreach: L. Filippini Solar Application: A. Bonetto, V. Attanasio, I. Durando Simulation: M. Miliddi, F. Pino, G. Sicardi HVAC: L. Civalleri, A. Messina, C. Lisciandrello Nell'agosto 2018 il team composto dal Politecnico di Torino e dalla South China University of Technology (SCUT) di Guangzhou, è risultato vincitore assoluto nella seconda edizione del concorso Solar Decathlon China. Lo scopo è progettare, costruire e testare un NZEB ' Net Zero Energy Building: una residenza monofamiliare esclusivamente alimentata da energia solare. Il lavoro del team SCUT-PoliTO, formato da docenti e studenti di architettura e ingegneria, ha messo in discussione l'impiego - molto frequente in questo genere di realizzazioni ' della villa isolata: capace da un lato di sfruttare al meglio l'irraggiamento solare, ma scarsamente sostenibile a scala vasta, poiché associato a un consumo di suolo molto elevato. La scelta è stata quindi di lavorare sul modello della 'narrow house' (case a schiera monofamiliari) storicamente presente in molti contesti urbani, dalla Cina meridionale al nord Europa, che consente densità decisamente maggiori, un livello di privacy e una spazialità interna superiori rispetto a un tradizionale appartamento. 'Low rise, high density' è la chiave di un nuovo modello rivolto non ad un pubblico facoltoso, ma al mercato - in costante espansione in Cina - della nuova classe media, sempre più in grado di esprimere una richiesta di qualità dell'abitare. La casa, battezzata 'Long Plan', è dotata di un sofisticato sistema integrato di climatizzazione e trattamento aria, ma può avvalersi anche di un funzionamento passivo, che sfrutta i naturali moti convettivi; per questa ragione il suo comportamento può essere assimilato anche a quello delle case passive. I patii interni ospitano due giardini verticali che contribuiscono a migliorare il controllo bioclimatico e acustico. Sulla parete verde accanto alla cucina sono coltivate piante commestibili con la tecnica dell'acquaponica, che sfrutta l'accoppiamento tra una tradizione coltura idroponica e un acquario per acquacoltura. Al riscaldamento provvede un sistema di tubi capillari inserito al di sotto della pavimentazione. Completano la dotazione impiantistica i pannelli fotovoltaici double side, che consentono un incremento di potenza dal 10 al 30% grazie allo sfruttamento della luce riflessa. Grazie al controllo remoto di un'interfaccia domotica, i diversi impianti dialogano per ottimizzare il microclima e permettono di risparmiare molta dell'energia prodotta; essa - in una futura applicazione su scala urbana - potrebbe essere quindi scambiata tra i singoli utenti, anche utilizzando le stesse auto elettriche come accumulatori di energia, come ha dimostrato lo scenario elaborato ad hoc dal gruppo di ricerca della fondazione LINKS del Politecnico di Torino e Compagnia di San Paolo, con il contributo di General Motors. La competizione funge anche da vetrina: gli edifici sono esposti al pubblico e saranno trasformati in un quartiere modello. Nell'assolata piana di Dezhou, nella Provincia dello Shandong, dove sono stati realizzati gli edifici dei vari team, due milioni di visitatori hanno toccato con mano un nuovo modello che non rappresenta un futuro auspicabile, ma una possibilità già realizzabile, dal momento che sono state impiegate solo tecnologie già presenti sul mercato.

    • Squadra Corse Driverless: Il progetto prevede la progettazione, costruzione e verifica di un veicolo elettrico da competizione a guida autonoma. Il veicolo potrà così partecipare alle competizioni internazionali, nelle quali sarà valutato sulla base delle sue qualità di progettazione e di efficienza ingegneristica. Nel panorama internazionale, la competizione più nota è quella proposta dalla Society of Automotive Engineers (SAE), denominata Formula SAE, alla quale possono partecipare team composti da studenti di laurea triennale e magistrale. Fino al 2016, la competizione prevedeva due sole categorie: una per veicoli a combustione interna ed una per veicoli elettrici. A partire del 2017, Formula SAE ha introdotto una terza categoria per i veicoli autonomi, ovvero veicoli senza pilota. Pertanto, gli studenti universitari saranno impegnati nella realizzazione di un veicolo conforme al regolamento della competizione e capace di muoversi senza pilota grazie ai dati raccolti ed elaborati, rispettivamente, da sensori ed algoritmi di perception, controllo e pianificazione della traiettoria. La competizione è organizzata in una serie di prove statiche ed una serie di prove dinamiche condotte senza pilota.

    • TEDxPolitecnicodiTorino: L'obiettivo del progetto è quello di organizzare il primo evento TEDx con il nome del Politecnico di Torino. Il progetto, prima di tutto, si pone l'obiettivo di far nascere una vera e propria community tra gli studenti del Politecnico (e non solo) per portare questo format sempre più conosciuto nella nostra realtà, dando un'opportunità tangibile agli studenti per maturare esperienze di progettazione e realizzazione di un evento dal vivo, di poter lavorare in team, di sviluppare soft skills e di mettere in gioco la propria creatività. Infatti, questo è TEDx (Technology, Entertainment, Design). Fine ultimo del progetto è quello di organizzare il primo evento standard TEDxPolitecnicodiTorino (oppure TEDxPoliTO, in base alla licenza rilasciata da TED) a fine 2019, con l'idea di continuare negli anni futuri, dando agli studenti un'opportunità importante per maturare esperienze che si differenzino dal corso di studi ma che sono fondamentali per la crescita personale mediante lo sviluppo delle soft skills quali il saper parlare in pubblico, la comunicazione e le attività di HR . Un altro obiettivo del progetto, ancora più importante, è quello di creare una vera e propria community TEDx all'interno del Politecnico che partirà tra gli studenti e i dottorandi ed arriverà ai dipendenti dell'Ateneo. Il progetto, con l'organizzazione dell'evento TEDxPolitecnicodiTorino e la creazione di una community TEDx all'interno del Politecnico, aiuterà a valorizzare e promuovere il Politecnico di Torino, prima di tutto nella città di Torino, ed estendendosi poi sia a livello nazionale che a livello internazionale. Difatti, i talk avranno la possibilità di divenire virali tramite la diffusione su Youtube e il sito TED.com. Inoltre l'evento attirerà persone con percorsi e background molto diversi dato il suo carattere multidisciplinare, incoraggiando anche una maggiore contaminazione di idee tra pubblici diversi, come ad esempio tra il Politecnico di Torino e l'Università degli Studi di Torino. SITO WEB: https://tedxpolitecnicoditorino.it/ EMAIL: info@tedxpolitecnicoditorino.it PAGINA FB:https://www.facebook.com/tedxpolitecnicoditorino/ PAGINA IG:https://www.instagram.com/tedxpolitecnicoditorino/

    • Viaggio di studio a Berlino: Le trasformazioni dello spazio pubblico e Mostra fotografica :




© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti