Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
01BFNFR
Impianti dell'industria alimentare
Corso di L. Specialistica in Ingegneria Meccanica - Mondovi'
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Conti Romualdo ORARIO RICEVIMENTO     64 48 0 0 5
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-IND/25 10 C - Affini o integrative Discipline ingegneristiche
Obiettivi dell'insegnamento
L'industria alimentare fa ampio uso delle attrezzature e degli impianti propri dell'ingegneria meccanica e dell'ingegneria chimica (scambiatori di calore, evaporatori, colonne di distillazione, reattori, ecc.). L'insegnamento prende in esame alcuni dei pi¨ importanti processi produttivi del settore e ne evidenzia le fasi riconducibili ad operazioni tipiche dei due rami di ingegneria, fornendo elementi di progettazione dei relativi impianti. Attenzione viene anche dedicata alla contaminazione chimica degli alimenti ed alla loro conservazione con tecniche puramente fisiche. In tal modo si intende dare agli allievi una conoscenza del settore che ne consenta un pi¨ agevole inserimento nel mondo del lavoro.
Competenze attese
La visione della processistica e dell'impiantistica dell'industria alimentare alla luce delle conoscenze acquisite nel Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica consentirÓ agli allievi di utilizzare nel modo migliore la loro preparazione nella progettazione, nella realizzazione e nella gestione degli impianti produttivi del settore.
Prerequisiti
L'insegnamento pu˛ essere pi¨ vantaggiosamente frequentato dagli allievi al termine dei Corsi di Laurea di primo e di secondo livello in Ingegneria Meccanica che abbiano acquisito i crediti degli insegnamenti di contenuto impiantistico. E' comunque fortemente raccomandabile che tali insegnamenti siano stati almeno frequentati o che siano seguiti contemporaneamente.
Programma
INDUSTRIA OLEARIA. Composizione dell'oliva e dell'olio di oliva; classificazione. Impianti per l'estrazione dell'olio di oliva. Impianti per la raffinazione dell'olio di oliva. Cenni sulle caratteristiche dei reattori chimici miscelati con agitatore meccanico. Composizione dei principali semi e degli oli da essi estraibili. Impianti per l'estrazione degli oli di semi. Evaporatori ad un solo passaggio. Impianti per la raffinazione degli oli di semi. Impianti per il recupero delle lecitine. Impianti per l'idrogenazione degli oli e per la preparazione della margarina. Additivi consentiti. Legislazione.
INDUSTRIA LATTIERO-CASEARIA. Composizione del latte. Impianti per la pastorizzazione e la sterilizzazione del latte (sistemi HTST e UHT). Impianti per la produzione di latte evaporato e di latte in polvere; caratteristiche dei prodotti. Produzione di yogurt, burro e dei principali tipi di formaggio. Produzione dei formaggi fusi.
INDUSTRIA ENOLOGICA. Composizione dell'uva e del vino. Produzione del mosto. Impianti per la produzione di mosti muti, mosti concentrati e filtrati dolci. Evaporatori con ricircolo. Principali tecniche di vinificazione. Impianti per la distillazione delle vinacce e per il recupero dei tartrati e dei vinaccioli. Impianti per la produzione di 'alcol buon gusto'. Produzione dell'aceto.
INDUSTRIA DELLA BIRRA. Produzione del malto. Impianti di essiccamento. Produzione delle farine e delle semole. Ammostamento, saccarificazione e decantazione (o filtrazione). Luppolaggio. Refrigerazione e filtrazione. Fermentazione, maturazione e chiarificazione. Pastorizzazione. Produzione di birre con particolari requisiti. Produzione di birra analcolica.
INDUSTRIA PER LA LAVORAZIONE DELLA FRUTTA. Impianti per la produzione di succo conservabile e di polpa concentrata. Impianti per la produzione di succhi di frutta limpidi e torbidi, di sciroppi e di gelatine di frutta.
INDUSTRIA DELLO ZUCCHERO. Processi ed impianti per la preparazione dello zucchero. Impianti di diffusione, di concentrazione a multipli effetti e di cristallizzazione.
ALTERAZIONE DEGLI ALIMENTI E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Cause dell'alterazione delle sostanze alimentari. Tecniche di conservazione basate sulla disidratazione: impianti utilizzanti il calore (concentrazione ed essiccamento), processi a membrana (osmosi ed ultrafiltrazione) ed il freddo (crioconcentrazione e liofilizzazione). Tecniche di conservazione dell'alimento tal quale basate sul calore e sul freddo; principali tipi di impianto. Conservanti chimici.
NOTA: dove necessario la trattazione degli argomenti viene integrata con le indispensabili nozioni di ingegneria chimica ( in particolare di impianti chimici).
Laboratori e/o esercitazioni
L'insegnamento prevede tre esercitazioni di laboratorio di quattro ore ciascuna dedicate ad esperienze ed analisi relative ai settori lattiero-caseario, oleario e degli zuccheri. Le esercitazioni di laboratorio sono svolte a squadre e coinvolgono direttamente gli allievi.
Sono previste tre visite guidate di impianti produttivi.
Bibliografia
Testo consigliato: P. Cappelli e V. Vannucchi, 'Chimica degli alimenti ' conservazione e trasformazioni', Zanichelli, Bologna, 1990.
Testi ausiliari: le biblioteche della Sede di Mondový e del Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica dispongono di molti testi, anche dedicati a settori produttivi specifici, utili per la consultazione. Di uso pi¨ frequente possono risultare: J.C. Cheftel e H. Cheftel, 'Biochimica e tecnologia degli alimenti', Edagricole, Bologna, 1988 e G. Quaglia, 'Scienza e tecnologia degli alimenti', Chiriotti, Pinerolo (TO), 1992.
Verifica la disponibilita in biblioteca
Controlli dell'apprendimento / ModalitÓ d'esame
L'insegnamento prevede un esame orale sugli argomenti trattati a lezione.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti