Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2017/18
01BLKNB
Laboratorio di progettazione integrale
Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Caldera Carlo       72 48 0 48 2
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/10
ICAR/21
10
2
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Architettura e urbanistica
Architettura e urbanistica
Presentazione
L'insegnamento, svolto in forma di Laboratorio interdisciplinare, intende approfondire e rafforzare le conoscenze e le capacità di comprensione acquisite nel percorso formativo di primo livello nel campo della progettazione tecnologica dell'architettura.
Tali conoscenze e capacità sono affrontate con il metodo della progettazione integrale, che coordina aspetti urbanistici, funzionali, distributivi, spaziali, compositivi, strutturali, energetici, impiantistici, realizzativi, economici, con visione sistemica e secondo principi di eco-sostenibilità.
I metodi e le tecniche di progettazione dell'organismo edilizio vengono sviluppati, con cultura tecnico-scientifica, a partire dalla conoscenza acquisita del contesto e dalla valutazione dell'inserimento nel tessuto urbano e territoriale, tramite l'analisi e la messa a sistema delle esigenze funzionali, tramite l'analisi e l'applicazione dei requisiti spaziali e tecnologici, tramite l'analisi comparativa e l'applicazione dei sistemi territoriali, strutturali, costruttivi, energetici, impiantistici e delle relative risposte prestazionali. Il progetto dell'organismo edilizio è concepito in riferimento anche alla sua realizzazione in cantiere e alla tutela della salute e della sicurezza.

L’insegnamento è finalizzato alla formazione delle conoscenze e delle capacità di comprensione necessarie alla gestione della complessità ed al conseguimento delle abilità selettive e sintetiche necessarie per la risoluzione di temi progettuali complessi; tali conoscenze, anche di carattere antologico, sono acquisite attraverso l’esame di edifici esemplari e confronti nella manualistica e interessano inoltre materiali, prodotti, componenti e sistemi costruttivi, sia innovativi che tradizionali, al fine dell’ottenimento e del mantenimento dei livelli di qualità prestabilita e mirata. Queste conoscenze e capacità vengono acquisite attraverso lezioni frontali, esercitazioni in aula e in laboratorio e con sopralluoghi didattici. Le attività sono condotte dagli studenti in modo autonomo, organizzati in gruppi di lavoro secondo modalità indicate dai docenti.
Risultati di apprendimento attesi
L’insegnamento sviluppa capacità, sia critiche che selettive e sintetiche, di applicare conoscenza e comprensione nell’apprendimento della progettazione integrale dell'organismo edilizio, con specifico riferimento ai legami con il contesto, alla cultura tecnologica e secondo principi di eco-sostenibilità. Tali capacità consistono nell’acquisizione di una metodologia di lavoro in grado di gestire la complessità attraverso il progetto e di coordinare le differenti e specifiche competenze inerenti e sono acquisite tramite l'analisi e la progettazione guidata di organismi edilizi anche non convenzionali. Le applicazioni di tipo progettuale interdisciplinare stimolano nello studente la necessità e l'opportunità di compiere scelte, basate anche sulla integrazione di informazioni talvolta limitate o incomplete e sulla loro interpretazione, incoraggiando autonome capacità di apprendimento e di giudizio e riflessioni sulle responsabilità sociali ed etiche, collegate all’applicazione delle loro conoscenze.
Le attività di apprendimento sono sia singole che di gruppo ed avvengono tramite lezioni ed esercitazioni in aula, fortemente correlate in attività progettuali, anche integrando conoscenze conseguite in altri insegnamenti svolti contestualmente nello stesso anno. All'interno dei gruppi si sviluppano e si sperimentano le abilità e le capacità di lavoro tramite collaborazione, confronto, rispetto e disponibilità a essere guidati. Nel confronto tra i gruppi e nelle verifiche in itinere si sviluppa inoltre la capacità di comunicare con chiarezza e decisione gli esiti delle attività, esplicitando le ragioni delle scelte con linguaggi specialistici e non specialistici.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Sono richieste capacità di applicare conoscenza acquisita e comprensione nell'attività della progettazione funzionale-spaziale e tecnologica dell'organismo edilizio, documentata e avvalorata dall'impiego di strumentazioni e tecnologie informatiche per la rappresentazione grafica e per la gestione della documentazione tecnica, dalla scala di territorio a quella del dettaglio costruttivo.
Tali capacità sono di regola acquisite con il completamento del percorso formativo di primo livello nella classe L-23 (D lgs 270/04).
Programma
L’insegnamento si sviluppa a partire da considerazioni riguardanti i sistemi complessi. Il progetto è assimilabile ad un sistema complesso così come lo sono le realtà con le quali esso si confronta: il sistema delle esigenze, il sistema normativo, il sistema del costruito, il sistema delle tecnologie, l'ecosistema. Individuati i modi per gestire il sistema complesso questi vengono trasferiti alla progettazione, alla sua organizzazione di tipo reiterativo ed al controllo della sua qualità.
Argomento fondamentale è l'introduzione, anche a livello applicativo, del valore che assume l'integrazione tra le differenti discipline al servizio del progetto. Possono pertanto essere richiamati ad esempio contenuti indispensabili a livello applicativo di discipline come la tecnologia dei materiali (per quanto riguarda alcuni processi di lavorazione), la fisica tecnica dell'edificio, la tecnica delle costruzioni, l'ergotecnica edile, l'elettrochimica (per quanto attiene la corrosione dei metalli), la petrografia, la chimica organica (per quanto attiene a leganti, adesivi, sigillanti) ed inorganica (per quanto attiene le malte), ecc., anche con l'eventuale collaborazione di specialisti di singoli settori.
L'autonomia di giudizio nelle scelte progettuali dei materiali, dei prodotti e dei sistemi costruttivi viene formata anche con l'applicazione di strumenti di controllo normalizzati per le verifiche di completezza e di coerenza e per la valutazione dei parametri di eco-sostenibilità.
Viene inoltre dato particolare peso al valore che devono assumere, lungo lo svolgimento del progetto, gli aspetti del contesto territoriale e urbano, gli aspetti strutturali, operativi e di sicurezza del processo esecutivo per la sua organizzazione in fasi e il controllo della coordinazione dimensionale, come costante verifica della eseguibilità dello stesso sino a livello del cantiere in un’ottica di project management.
L'attività formativa è completata dalla illustrazione approfondita di alcuni "casi di studio" esemplari e da sopralluoghi didattici in cantiere.

Sono di seguito riportati gli argomenti trattati:
INTRODUZIONE
Complessità e visione sistemica. Sistemi complessi
Eco-sostenibilità, principi, metodi, discipline
Etica e sostenibilità
PROGETTAZIONE
Progettazione integrale, responsabile, inclusiva, sostenibile
Qualità del progetto. Qualità del processo
Prevenzione e sicurezza
Classificazione del sistema tecnologico
Normative prestazionali, criteri di posa, codici di pratica
Principi e metodi di valutazione dell’eco-sostenibilità come guida e supporto alla progettazione
Aspetti energetici nella progettazione tecnologica dell’involucro
Sistemi, tecniche e materiali per l’isolamento degli edifici
Sistemi costruttivi in muratura, in conglomerato, in acciaio, in legno
Aspetti operativi del progetto. Il cantiere edile
Integrazione degli impianti tecnologici. Il sistema edificio-impianto
Coordinazione dimensionale, giochi funzionali, giunti, sigillanti, luoghi e dispositivi di connessione e fissaggio
Studio e classificazione dei dettagli costruttivi in ottica di manutenibilità. Influenze sugli aspetti compositivi
Alterazioni dei materiali: calcestruzzo, acciaio. Compatibilità tra materiali
Casi di studio
URBANISTICA
Livelli e attori della pianificazione urbana
Gestione della pianificazione urbanistica e delle pratiche edilizie
Elaborazione automatica dei dati territoriali
Principi metodi e norme per lo studio e la valutazione di impatto ambientale
Infrastrutture urbane per la logistica
Opere di urbanizzazione primaria e secondaria
Organizzazione dell'insegnamento
Lo svolgimento della parte teorica del programma segue passo passo la sua applicazione pratica, che consiste nella elaborazione da parte degli studenti - suddivisi in gruppi di progettazione ciascuno organizzato per competenze specifiche prestabilite a simulazione di un vero team di progettazione - di un progetto tecnologico a partire dall’impostazione "preliminare" sino quella "esecutiva" di cantiere e, ove necessario, con approfondimenti sino a quella "costruttiva", senza mai perdere di vista le verifiche di reiterazione lungo l’iter progettuale, sino a giungere allo sviluppo completo del progetto stesso con l’obiettivo di "imparare facendo". L’attività progettuale è coordinata con quella degli insegnamenti: Laboratorio di rilievo e progettazione urbana, Progetto di strutture, Fondazioni, Sperimentazione dei materiali, modelli e strutture, Pianificazione operativa e cantiere, Idraulica tecnica, Progettazione energetica dell'edificio, previsti dal manifesto degli studi nello stesso anno di corso.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Il materiale didattico a supporto dell'attività viene messo a disposizione degli allievi attraverso una specifica documentazione annualmente aggiornata e completa dei riferimenti bibliografici per gli approfondimenti. Il materiale è reso disponibile tramite il Portale della didattica.
La biblioteca del DISEG sezione ingegneria edile offre una raccolta di numerosi testi in argomento (http://www.biblio.polito.it/biblioteche/biblioteca_di_ingegneria_edile_edi). In particolare il FONDO VALENTINA DI STEFANO presso il DISEG (ingresso 3), costantemente aggiornato, raccoglie recenti volumi in tema di eco-sostenibilità e progetto. Si richiama l'utilità di consultare anche le risorse elettroniche del Sistema Bibliotecario del Politecnico (http://www.biblio.polito.it/biblioteca_digitale/risorse_elettroniche.html)

A titolo esemplificativo si citano inoltre:
CONZETT J.; CHIORINO M.A.(a cura di), Architettura nelle opere di ingegneria, collana: Conferenze Roberto Gabetti, Allemandi, 2007, ISBN-13: 9788842215110, ISBN:8842215112
GREGOTTI V. Sulle orme di Palladio: ragioni e pratica dell’architettura, GLF Laterza, 2000, ISBN-10: 8842060518
NERVI P.L., Scienza o arte del costruire?, Milano, Città Studi Edizioni, 1997, ISBN 8825172036
GOTTFIED A. (serie diretta da), Quaderni del Manuale di Progettazione Edilizia, Milano, Hoepli, 2002-2007
ZEVI B. (coordinatore), Il Nuovo Manuale dell'architetto, Roma, 1996
BARDELLI PG, COPPO S. (a cura di). Il Cantiere edile: prassi, innovazione esperienze, Dario Flaccovio Editore, 2010, ISBN 9788857900131
CAPRA F., LUISI P.L., Vita e natura. Una visione sistemica, Aboca Edizioni, 2014, ISBN: 8895642988
Riviste di settore: per esempio Modulo, Materiali edili, Costruire in laterizio, Costruire, Casabella, Bioarchitettura, Arca, Detail, Architectural detail, Archetipo, Il Progetto sostenibile, A zero, ecc...
Criteri, regole e procedure per l'esame
Il controllo dell’apprendimento avviene in itinere mediante continue revisioni e discussioni anche collegiali delle scelte progettuali, durante le reiterate fasi del processo integrale di progettazione.
L'accertamento dell’acquisizione di conoscenze e della capacità di applicazione della loro comprensione avviene tramite la prova d’esame svolta in forma scritta da svolgere nel tempo assegnato di almeno 60 minuti, che comprende quesiti relativi ad aspetti teorici ed applicativi, valutata secondo criteri di chiarezza espositiva, completezza, correttezza delle valutazioni critiche sullo sviluppo dell’iter progettuale; l’accertamento si completa inoltre tramite la discussione orale dei risultati delle attività progettuali autonome, singole e di gruppo. Si richiede la capacità di integrare le conoscenze acquisite in insegnamenti e contesti diversi, e la capacità di spiegare, documentare e valutare criticamente le scelte di sintesi e la loro congruenza alle diverse scale.
Gli argomenti di Urbanistica sono oggetto di prova scritta da svolgersi preferibilmente al termine del primo periodo didattico, con validità di esonero, oppure contestualmente alla prova d’esame.
La verifica del grado di autonomia di giudizio e la valutazione delle abilità comunicative avviene tramite la preventiva presentazione del progetto in forma sintetica a tutta la classe alla fine delle lezioni e la successiva esposizione e discussione degli elaborati progettuali, gruppo per gruppo in sede d’esame.
Il voto d'esame media le valutazioni della prova scritta e della prova orale, singolarmente per ciascun studente.
Altre informazioni

SUPPORTI ALLA DIDATTICA IN USO ALLA DOCENZA
Videoproiettore, lavagna luminosa per supporti opachi o trasparenti, PC, videoregistratore, in aula/laboratorio attrezzato.
STRUMENTI DIDATTICI E MATERIALI DI CONSUMO
Specifica documentazione a supporto dell’attività didattica, disponibile in forma cartacea e digitale.
Materiale bibliografico, schede tecniche e campioni di materiali e prodotti, modelli di componenti (in consultazione e costantemente a disposizione durante le esercitazioni progettuali in aula/laboratorio).
Attrezzature per l'elaborazione grafica manuale ed assistita (computer, tavoli da disegno, stampanti e plotter) in LAIB, fuori orario.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2017/18
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti