Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01CTPCG, 01CTPCW
Teoria dei segnali
Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica - Vercelli
Corso di Laurea in Ingegneria Informatica - Vercelli
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Poggiolini Pierluigi ORARIO RICEVIMENTO PO ING-INF/03 64 0 0 0 7
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-INF/03 5 B - Caratterizzanti Ingegneria delle telecomunicazioni
Obiettivi dell'insegnamento
Questo insegnamento si propone di fornire gli strumenti metodologici fondamentali per la descrizione, l'analisi e la modellizzazione dei segnali, sia di tipo determinato sia di tipo aleatorio, nonché i principi delle tecniche di trattamento ed elaborazione dei segnali utilizzate nei successivi insegnamenti dell'area telecomunicazioni.
Competenze attese
Lo studente acquisira' la capacita' di studiare ed analizzare i segnali, sia di tipo determinato, sia di tipo aleatorio, tanto nel tempo quanto nella frequenza. Sara' in grado di analizzare il comportamento di sistemi lineari e tempo invarianti a singolo ingresso e singola uscita.
Prerequisiti
Conoscenza approfondita di quanto insegnato nei corsi di matematica del primo anno. In particolare, e' necessario conoscere i numeri complessi, le teoria delle variabili casuali e nozioni introduttive sulla trasformata di Fourier e Laplace.
Programma
- Segnali determinati a tempo continuo e loro
rappresentazione geometrica su di una opportuna base.

- Analisi tempo/frequenza:
a) segnali ad energia finita
(spettro di ampiezza e di energia e funzione di
autocorrelazione);
b) segnali periodici (spettro a righe);
c) segnali a potenza media finita (spettro di potenza e
funzione di autocorrelazione).

- Sistemi lineari a tempo continuo: risposta all'impulso,
funzione di trasferimento, relazioni ingresso/uscita nel
dominio del tempo e della frequenza, condizioni di fisica
realizzabilità e stabilità.

- Segnali analogici campionati: teorema del
campionamento, filtro anti-aliasing, approssimazioni
realizzabili del processo di campionamento e
ricostruzione.

- Introduzione ai processi casuali: definizioni,
statistica del primo e del secondo ordine (media,
autocorrelazione e densità di probabilità).

- Processi stazionari e ciclostazionari e
stazionarizzazione dei processi ciclostazionari.

- Processi gaussiani.

- Trasformazione di processi casuali: integrazione,
derivazione, trasformazioni lineari e invarianti.

- Teoria dell'ergodicità.

- Analisi spettrale. Rumore bianco e rumore filtrato.
Laboratori e/o esercitazioni
Le esercitazioni consisteranno nella soluzione di
problemi ed esercizi, con riferimento per quanto possibile ad esempi tratti dal mondo delle telecomunicazioni, applicando le metodologie esposte nelle lezioni.
Bibliografia
TESTI UFFICIALI DEL CORSO:

L. Lo Presti, F. Neri, "L'Analisi dei Segnali", CLUT, 1992.

L. Lo Presti, F. Neri, "Introduzione ai Processi Casuali",
CLUT, 1994.

TESTI AUSILIARI (per approfondimenti)

A.V. Oppenheim, R.W. Schafer, "Discrete-Time Signal
Processing", Prentice-Hall, 1989.

A. Papoulis, "Probability, Random Variables and Stochastic
Processes", Mc Graw Hill, 1984.

W. Gardner,"Introduction to Random Processes with
Applications to Signals and Systems", Mc. Graw Hill, 1990.
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
L'esame e' orale. Nel corso dell'esame orale e' possibile che venga richiesto allo studente di risolvere alcuni esercizi di calcolo. L'esame orale puo' altresi' comprendere ogni argomento teorico trattato nel corso.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti