Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01CWRGQ
Topografia
Corso di Laurea in Ingegneria Civile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Bellone Tamara ORARIO RICEVIMENTO AC ICAR/06 0 0 0 24 12
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/06 5 B - Caratterizzanti Ingegneria ambientale e del territorio
Obiettivi dell'insegnamento

Scopi



L'ingenere che interviene sull'ambiente esterno ha bisogno di una estesa serie di informazioni: la Topografia gli fornisce quelle di
carattere geometrico (metrico-grafiche).

Si tratta dunque di un corso di base che analizza e applica le tecniche di rilevamento del territorio.

Ma per poter applicare le tecniche di rilevamento, è necessario da un lato che il topografo conosca la superficie di riferimento,
indispensabile per descrivere la più complessa superficie terrestre, dall'altro, poiché ha a che fare con misure,
deve acquisire le conoscenze basilari per il loro trattamento. Il corso quindi si articolerà nei seguenti settori:



  • Principi generali della Geodesia e della rappresentazione cartografica

  • Elementi di Trattamento delle Osservazioni

  • Analisi dele strumentazioni topografiche moderne, dei principali schemi di misura utilizzati e dei mezzi analitici di calcolo
    per la risoluzione di reti topografiche.



Prerequisiti

Non sono previste precedenze d'acquisto.


Si richiede allo studente il possesso delle nozioni fornite dai corsi di:





Programma


  • Geodesia:

    Definizione della superficie di riferimento: geoide, sferoide, ellissoide. Equazioni parametriche dell'ellissoide. Raggi di curvatura.
    Sezioni normali. Teoremi della Geodesia operativa. Campo geodetico e campo topografico

  • Cartografia:

    Sviluppo dell'ellissoide sul piano. Modulo di deformazione. La carta di Gauss. La cartografia ufficiale italiana. Il sistema UTM ED50

  • Trattamento delle osservazioni:

    Variabile casuale e variabile statistica: indici di centro e di dispersione. Variabile casuale e variabile statistica a due dimensioni:
    relazioni statistiche. Trasformazioni di vaLegge di propagazione della varianza e della covarianza. La stima statistica ai minimi quadrati

  • Strumenti e tecniche di rilievo:

    Definizione di angolo azimutale e zenitale. Il teodolite. La misura di angoli. La misura di dislivelli: il livello e la livellazione geometrica.
    Concetto di distanza. Distanziometri a misura di fase. Equazione fondamentale dei distanziometri a onde. Precisione di misura.
    Cenni sulle misure GPS.

  • Metodi di calcolo:

    La compensazione minimi quadrati delle reti topografiche: esempi di rete altimetrica, planimetrica e GPS.



Contenuti del tutorato



  • E1: Geodesia

    Richiami di Geodesia e relativi esercizi: superfici di riferimento (geoide, ellissoide), tipi di coordinate. Sezioni piane, normali, normali
    principali e oblique; raggi principali di curvatura dell'ellissoide.

  • E2: Geodesia

    Richiami e relativi esercizi: Teoremi geodesia operativa. Terna euleriana. Coordinate geodetiche polari. Campo geodetico e campo topografico.

  • E3: Trattamento Ossrevazioni

    Introduzione al calcolo delle probabilità. Variabili aleatorie. Funzione di distribuzione. Funzione densità di probabilità
    Caratteristiche di posizione (media, moda, mediana). Indici dispersione. Varianza, scarto quadratico medio.

  • E4: Trattamento Ossrevazioni

    Alcune importanti leggi di distribuzione: legge binomiale, distribuzione normale. Trasformazioni di variabili casuali. Teorema della media.
    Legge di propagazione della covarianza.

  • E5: Strumenti

    Grandezze topografiche: definizioni. Angoli e unità di misura. Misura di angoli e distanze con stazioni totali: struttura dei teodoliti,
    condizioni operative e di rettifica. Uso di stazioni totali in laboratorio.

  • E6: Strumenti

    Livello e livellazione geometrica. Utilizzo di livelli presso il laboratorio di Topografia.

  • E7: Cartografia

    Principali sistemi cartografici. La carta di Gauss. Cartografia ufficiale italiana: Datum Roma40, ED50, WGS84.

  • E8: Cartografia

    Modulo di deformazione lineare, riduzione della distanza. Convergenza dei meridiani. Distanze e angoli topografici e cartografici.
    Uso delle carte: lettura e misura di coordinate.

  • E9: Trattamento Ossrevazioni

    La stima statistica minimi quadrati. Significato geometrico. Esercizi di stima di parametri di modelli lineari.

  • E10: Reti

    Compensazione minimi quadrati di una rete altimetrica.

  • E11: Reti

    Minimi quadrati non lineari e compensazione di una rete planimetrica.

  • E12: Reti

    Richiami sul GPS e cenni sulla compensazione di una rete GPS.

Bibliografia

Testi consigliati dal docente responsabile del corso:



  • Giuliano Comoglio, Topografia e Cartografia, CELID, 2007

  • Alberto Cina, Trattamento delle osservazioni topografiche, CELID, 2002




È disponibile il seguente materiale didattico di supporto in formato PDF fornito dal tutore per l'anno accademico 2006/2007:







Libro di testo di riferimento:


Giuliano Comoglio, Topografia e Cartografia, CELID, 2007


Sono da conoscere i capitoli:



  • 1: Geodesia,

  • 2: Elementi di Cartografia,

  • 3: cenni di Statistica,

  • 4: Il trattamento statistico delle misure è sostituito dalle dispense di Trattamento delle osservazioni

  • 5: La misura degli angoli (fino a pag. 183 e poi da pag. 196 a 206, esclusa pag. 197),

  • 6: La misura delle distanze (fino a pag. 225),

  • 7: La misura dei dislivelli fino a pag. 256 (escluse anche le pagine riguardanti i paragrafi 7.3.2 e 7.3.3);

  • 8: Metodi di rilevamento,

  • 9: Rilievo di dettaglio (fino a pag. 295)



Videocorso utilizzato: Topografia



  • Prof.ssa Anna Spalla, Università di Pavia


Il videocorso è disponibile in formato DiVX.




  • DiVX 1 - [1.] Prolusione (prima parte)

  • DiVX 1 - [2.] Prolusione (seconda parte)

  • DiVX 1 - [3.] Strumenti (prima parte)

  • DiVX 1 - [4.] Strumenti (seconda parte)

  • DiVX 1 - [5.] Strumenti (terza parte)

  • DiVX 2 - [6.] Strumenti: il teodolite

  • DiVX 2 - [7.] Strumenti: il teodolite, i distanziometri, gli strumenti integrati

  • DiVX 2 - [8.] Il livello

  • DiVX 2 - [9.] Problema cartografico

  • DiVX 2 - [10.] Geoide e storia

  • DiVX 3 - [11.] La carta di Gauss

  • DiVX 3 - [12.] Inserimento di misure nelle carte di Gauss

  • DiVX 3 - [13.] L'inquadramento altimetrico

  • DiVX 3 - [14.] Il sistema GPS

  • DiVX 3 - [15.] Rilievo topografico

  • DiVX 4 - [16.] Angoli di direzione

  • DiVX 4 - [17.] Rilievo topografico

  • DiVX 4 - [18.] La cartografia in Italia. Enti di stato, committenze, produzione

  • DiVX 4 - [19.] Dalla cartografia tradizionale alla cartografia numerica

  • DiVX 4 - [20.] Strutturazione dei dati nella cartografia numerica (prima parte)

  • DiVX 5 - [21.] Strutturazione dei dati nella cartografia numerica (parte seconda)

  • DiVX 5 - [22.] Metodi di produzione della cartografia numerica

  • DiVX 5 - [23.] Modelli fisici di cartografia numerica a grande scala

  • DiVX 5 - [24.] Operazioni topografiche nell'ingegneria civile

  • DiVX 5 - [25.] Metodi topografici per il controllo e il collaudo di grandi strutture



Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame


L'esame è preceduto da un test a risposta multipla (tempo concesso dieci minuti): occorre rispondere esattamente a 4 domande su cinque.

Chi supera il test può sostenere l'esame, che consiste in una prova scritta (la risoluzione di un problema simile a quelli svolti
durante le esercitazioni e visibili sul sito) e in una prova orale che verte sugli argomento del corso.


Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami
MATERIALI PUBBLICI

Programma definitivo per l'A.A.2011/12
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti