Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01GJVGB, 01GJVAS, 01GJVFT
Meccanica strutturale
Corso di L. Specialistica in Ingegneria Energetica E Nucleare - Torino
Corso di Laurea in Ingegneria Chimica - Torino
Corso di L. Specialistica in Ingegneria Chimica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Goglio Luca ORARIO RICEVIMENTO O2 ING-IND/14 36 20 0 0 7
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-IND/14 5 C - Affini o integrative Discipline ingegneristiche
Obiettivi dell'insegnamento
Fornire agli allievi le conoscenze per comprendere le modalità di cedimento strutturale sotto carico costante e ciclico di componenti meccanici e collegamenti. Illustrare le teorie con le quali si studiano le membrature dei recipienti in pressione e descrivere il quadro normativo del settore.
L'attività didattica è costituita da lezioni ed esercitazioni, organizzate in blocchi omogenei di argomenti. Le lezioni sono dedicate alla presentazione degli argomenti dal punto di vista teorico; le esercitazioni comprendono la presentazione di esempi (da parte dell'esercitatore) e la risoluzione in aula (da parte degli allievi) di problemi relativi agli argomenti delle lezioni, nonché l'esecuzione del calcolo di un recipiente secondo normativa.
Competenze attese
Comprendere e valutare quantitativamente il cedimento strutturale sotto sollecitazione costante o di fatica, verificare la resistenza di componenti meccanici semplici. Essere in grado di eseguire calcoli di progetto strutturale dei recipienti in pressione, tenendo conto della normativa di settore.
Prerequisiti
Si richiedono conoscenze pregresse di principi fondamentali della statica (equilibrio, diagramma di corpo libero), della cinematica (moto dei corpi rigidi) e degli stati fondamentali di sollecitazione (trazione, flessione, torsione).
Programma
- Richiami e integrazioni delle conoscenze sullo stato di tensione e deformazione.
- Cedimento sotto carico costante. Tensioni ideali per materiali fragili e duttili, scorrimento viscoso ad alta temperatura, frattura, coefficienti di sicurezza.
- Cedimento sotto carico ciclico (fatica). Nucleazione e propagazione della cricca, diagrammi per la presentazione delle caratteristiche (Woehler, Haigh) fattori influenzanti la resistenza.
- Giunzioni saldate. Tipi di giunti, procedimenti di saldatura, cenni sui controlli non distruttivi. Stato tensionale nei giunti di testa e a cordone d'angolo, calcoli relativi alla resistenza statica e a fatica.
- Giunzioni filettate. Caratteristiche, materiali, sollecitazioni al serraggio, ripartizione dello sforzo tra le spire. Comportamento sotto carico, resistenza statica e a fatica. Viti serranti guarnizioni.
- Recipienti. Comportamento membranale dei gusci assialsimmetrici. Cenni sull'instabilità dei cilindri soggetti a pressione esterna e sui fondi piani. Effetti di bordo (guscio cilindrico): compatibilità delle deformazioni, tensioni aggiuntive. Cilindri di elevato spessore: impostazione dello studio, stati di sollecitazione dovuti alla pressione e alla temperatura, forzamenti. Quadro normativo: direttiva europea 97/23 PED sulle "attrezzature a pressione", norme armonizzate, norma italiana ISPESL VSR.
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
L'esame finale comprende una parte scritta e una orale. La parte scritta prevede la soluzione di esercizi di progetto o verifica. La prova orale consiste in un colloquio sugli aspetti teorici degli argomenti, volto ad accertare la comprensione dei metodi di calcolo e dei fenomeni fisici in gioco, e nella discussione del progetto svolto nelle esercitazioni.
Note


prova
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti