Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
01IMBET
Bioingegneria elettronica
Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Knaflitz Marco ORARIO RICEVIMENTO PO ING-INF/06 84 0 0 0 15
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-INF/06 7.5 B - Caratterizzanti Ingegneria biomedica
Obiettivi dell'insegnamento
L'obiettivo principale dell'insegnamento è presentare agli studenti i principi di funzionamento delle più comuni ed importanti apparecchiature elettromedicali per diagnostica e terapia, nell'ambito del quadro normativo comunitario e con particolare attenzione agli aspetti legati alla corretta gestione ed all'uso sicuro della strumentazione.
A tal fine, dopo aver inizialmente inquadrato il quadro normativo di riferimento a livello europeo, ogni apparecchio sarà presentato analizzando contemporaneamente i dettati delle norme particolari applicabili e delle eventuali guide d'uso e manutenzione, in modo da chiarirne le motivazioni e fornire le basi per una corretta interpretazione delle direttive e delle norme di riferimento applicabili.
Competenze attese
Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà essere in grado di:
 descrivere schemi a blocchi e principi di funzionamento delle apparecchiature elettromedicali studiate, comprese le soluzioni circuitali e costruttive relative a specifici blocchi funzionali
 individuare, per ogni apparecchio considerato, le possibili situazioni di rischio derivanti da uso scorretto dell'apparecchio stesso o da un suo eventuale malfunzionamento
 per alcuni degli apparecchi studiati redigere procedure di manutenzione preventiva ed indicarne le modalità di messa in opera
 redigere schede tecniche da utilizzarsi come supporto alle procedure di acquisto al fine della selezione tra più alternative di quella più adatta dal punto di vista tecnico e clinico
Prerequisiti
Elettronica
Programma
Il quadro normativo vigente
 La Direttiva Dispositivi Medici 93/42 (D. Lgs. 46/97): motivazioni, contenuti, classificazione di dispositivi medici, marcatura CE e limiti di applicabilità
 Norme generali per la sicurezza, collaterali e particolari (IEC 601): contenuti, utilità e loro utilizzazione nelle fasi di progetto e gestione delle apparecchiature elettromedicali.

Apparecchi per il prelievo di segnali biologici ed elettrofisiologia
 Elettrodi per il prelievo di biopotenziali: principi di funzionamento, materiali di contatto, principali caratteristiche elettriche dell'elettrodo, modelli circuitali, guida alla scelta dell'elettrodo per specifiche applicazioni
 Elettrocardiografi: principi di funzionamento, schema a blocchi, norma particolare, rischi connessi all'uso e precauzioni
 Elettroencefalografi: principi di funzionamento, schema a blocchi, norma particolare, rischi connessi all'uso e precauzioni
 Elettromiografi: principi di funzionamento, schema a blocchi, norma particolare, rischi connessi all'uso e precauzioni
 Elettrogastrografi, elettroretinografi, apparecchi per lo studio di potenziali evocati cerebrali
 Elettrocardiografi endocavitari: rischi connessi all'uso e precauzioni

Apparecchi di sala operatoria e di tipo terapeutico
 Lampade scialitiche: principi di funzionamento, norma particolare, rischi connessi all'uso e precauzioni, scheda tecnica di prodotto finalizzata alla scelta
 Tavoli operatori: costituzione, norma particolare, rischi connessi all'uso e precauzioni
 Apparecchi per elettrochirurgia: principi di funzionamento, classificazione in base al tipo di stadio di uscita, schema a blocchi, sistemi di sicurezza e prevenzione del rischio di ustione, norma particolare, precauzioni d'uso e manutenzione preventiva
 Defibrillatori e cardioversori: principi di funzionamento, classificazione, schemi a blocchi, norma particolare, precauzioni d'uso e manutenzione preventiva
 Pompe d'infusione: principi di funzionamento, classificazione, schemi a blocchi, norma particolare, precauzioni d'uso e verifiche funzionali
 Emodializzatori ed apparecchi per ultrafiltrazione: principi di funzionamento, schemi a blocchi, norma particolare, sistemi di sicurezza e precauzioni d'uso
Laboratori e/o esercitazioni
Sono previsti sei laboratori di due tipologie differenti: a) sperimentali, per consentire agli studenti di vedere applicati alcuni tra gli argomenti trattati nel corso; b) di preparazione procedure, per mettere gli studenti di fronte ad uno dei compiti che più frequentemente è affrontato dai servizi d'ingegneria clinica per consentire una corretta gestione delle tecnologie sanitarie.
Laboratorio 1: classificazione di dispositivi medici ai sensi della DDM 93/42 ed individuazione delle procedure da seguire per la marcatura
Laboratorio 2: caratteristiche di differenti tipi d'elettrodi di prelievo di biopotenziali, relativi modelli circuitali e loro implicazioni sul progetto del front-end dell'amplificatore.
Laboratorio 3: preparazione di una scheda tecnica finalizzata alla comparazione di caratteristiche di lampade scialitiche da sala operatoria e cenni alle diverse procedure d'acquisto.
Laboratorio 4: misura delle correnti di dispersione in diversi apparecchi elettromedicali
Laboratorio 5: preparazione delle procedure di manutenzione preventiva per elettrobisturi
Laboratorio 6: caratterizzazione di pompe d'infusione e misura della corrente di dispersione nel paziente.
Bibliografia
Sono messi a disposizione i lucidi utilizzati dal docente che però devono essere considerati unicamente una traccia e non sostituiscono in alcun modo gli appunti presi dagli studenti. Sono inoltre resi disponibili i testi delle direttive comunitarie o delle norme di legge a libera diffusione.
Testi consigliati per approfondimento:
 Biomdical Instrumentation: Technology and Applications, R.S. Khandpur, The McGraw-Hill Companies Inc., 2005, ISBN 0-07-144784-9
Verifica la disponibilita in biblioteca
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
L'esame è svolto sotto forma di prova scritta consistente in due parti:
 una prima parte costituita da dodici domande a risposta guidata
 una seconda parte costituita da tre esercizi
Le modalità di valutazione verranno presentate agli studenti e saranno pubblicate sul portale della didattica con largo anticipo rispetto al primo appello d'esame. Saranno inoltre messi a disposizione degli studenti esempi di temi d'esame proposti negli anni passati.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti