Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
01JAKEV
Cantieri e impianti per infrastrutture I
Corso di Laurea in Ingegneria Civile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Caposio Guido ORARIO RICEVIMENTO     38 18 0 0 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/04 5 B - Caratterizzanti Ingegneria civile
Obiettivi dell'insegnamento
Il corso, rivolto agli studenti del terzo anno del Corso di Laurea in Ingegneria Civile, mira a garantire una solida conoscenza professionalizzante nell'ambito dei cantieri temporanei e/o mobili.
Si precisa che con il termine cantieri si intendono tutte quelle infrastrutture provvisionali e annessi sistemi operativi (attrezzature di lavoro, apprestamenti, manodopera, materiali) impiantati e dislocati per la esecuzione di lavori "ex novo" oppure di manutenzione ordinaria o straordinaria di opere sia puntuali che lineari .
Le molteplici e complesse attività che ivi si sviluppano sono fortemente interconnesse con il contratto, stipulato tra un Committente pubblico/privato ed un appaltatore, al fine di soddisfare un interesse pubblico/privato e per costituire un accrescimento od una trasformazione duratura ed essenziale del patrimonio del Committente.
Il fine principale del corso è quello della formazione di figure professionali, inseribili nello staff della Committenza o dell'Impresa appaltatrice, atte a progettare (coordinatore per la progettazione), dirigere, controllare, contabilizzare l'esecuzione delle attività di cantiere in sicurezza (coordinatore per la esecuzione) a garanzia di tutti gli operatori coinvolti.
Non secondaria è anche la finalità formativa per figure specificatamente gestionali (sotto il profilo tecnico ed economico) dell'opera da realizzare quali il direttore dei lavori (figura coincidente nel lavoro pubblico con il coordinatore per la esecuzione) o il direttore tecnico di cantiere, a dirette dipendenze dall'Impresa Appaltatrice
Competenze attese
Lo studente acquisirà alla fine dell'insegnamento una metodologia atta a svolgere incarichi professionali di :
o Coordinatore per la progettazione ( progettista del piano di sicurezza e coordinamento della sicurezza per l'esecuzione di lavori pubblici e privati incaricato dalla Committenza);
o Coordinatore per la esecuzione ( direttore dei lavori del piano di sicurezza e coordinamento per l'esecuzione di lavori pubblici e privati incaricato dall'Impresa Appaltatrice)
o Progettista del piano operativo di sicurezza per l'esecuzione di lavori pubblici e privati (incaricato dall'Impresa Appaltatrice);
o Direttore del piano operativo di sicurezza (incaricato dall'Impresa Appaltatrice);
o Direzione dei lavori nei cantieri ( incaricato dalla Committenza);
o Direzione tecnica dei cantieri (incaricato dall'Impresa Appaltatrice)
Prerequisiti
Le conoscenze necessarie per comprendere al meglio i temi trattati sono fornite nell' insegnamento di :
o Diritto ed economia nei lavori pubblici
Programma
Al fine di un esame sistematico delle problematiche di cantiere, con particolare riferimento ai temi della sicurezza esecutiva dei lavori, nel corso vengono sviluppati quegli aspetti e strumenti di base del processo costruttivo comuni a tutti i cantieri puntuali e lineari con riferimento al quadro normativo vigente . In particolare si forniscono elementi per la progettazione di piani di sicurezza armonizzati nel quadro sistemico per la conduzione e gestione dei cantieri .
Programma: informazioni integrative
Il corso è articolato in tre unità : quadro normativo, sistemi operativi, gestione.
L'unità quadro normativo è strutturata per informare lo studente su :
- gli elementi essenziali del :
' quadro normativo vigente per i lavori pubblici (codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE )/ privati e gli orientamenti di sviluppo del quadro stesso;
' quadro normativo vigente relativo alla sicurezza nei cantieri per i lavori pubblici / privati e gli orientamenti di sviluppo del quadro stesso;
L'unità sistemi operativi è articolata per proporre allo studente:
- gli elementi essenziali della:
' classificazione dei sistemi operativi per cantieri puntuali e lineari
' classificazione delle macchine principali ed impianti fissi in uso nei cantieri (apripista, caricatori, escavatori
idraulici, livellatrici, ruspe, compattatori, mezzi di trasporto,mezzi e impianti di sollevamento, di perforazione,
impianti di produzione di conglomerati etc.)
- gli strumenti operativi per:
' la scelta dei sistemi operativi ottimali da impiegarsi per un specifico cantiere o attività;
' la valutazione delle produzioni orarie e produttività, dei costi orari, dei costi di unità di elemento prodotto, (costi di produzione) dei costi della sicurezza per i vari sistemi operativi.
L'unità gestione fornisce allo studente:
- gli elementi essenziali per:
' la formazione e la conduzione del contratto di un lavoro pubblico e privato e della relativa sicurezza
- gli strumenti operativi per:
' la gestione del lavoro con modelli di simulazione organizzativi,computazionali. ( la simulazione dell'esecuzione
' con le tecniche lineari diagramma di Gantt. La simulazione dell'esecuzione con le tecniche reticolari
P.E.R.T., C.P.M., con metodologie deterministiche e semiprobabilistiche , attraverso lo sviluppo delle fasi di
pianificazione e programmazione: analisi del progetto, scomposizione in sottoprogetti,
pacchetti di lavoro, attività; studio dei vincoli; rappresentazione grafica della rete e
numerazione del reticolo; calcolo della durata delle attività in base a risorse tecniche
illimitate; calcolo del reticolo -eventi, attività, scorrimenti; determinazione dei percorsi critici, sub-critici, ipercritici; decisioni. Ottimizzazione delle risorse tecniche: confronto tra le risorse -materiali, manodopera, macchine- programmate e le risorse disponibili con bilanciamento delle stesse -eliminazione delle anomalie. Traduzione in date calendario e lancio delle attività. Livelli di simulazione. Controllo dell'attuazione del piano, uso degli scorrimenti. Decisioni e operatività in aree ipercritiche).
' la pianificazione e il controllo finanziario con modelli di simulazione per la previsione e controllo della spesa. (Costo dell'opera attraverso l'analisi dei prezzi. Il piano finanziario. Il piano della qualità dell'opera. Il flusso di cassa preventivo. La scopertura finanziaria e bilanciamento delle risorse economiche. La redditività dell'investimento o la valutazione dei costi/benefici. Il pagamento del prezzo dell'opera e le modalità di contabilizzazione. Il confronto tra bilancio a preventivo e bilancio a consuntivo.)
' la formazione e il controllo dei piani di sicurezza e di coordinamento (analisi di rischio, la medicina del lavoro, il grado di criticità delle attività, la progettazione del piano di sicurezza e di coordinamento, la progettazione del piano operativo di sicurezza, i controlli e le decisioni relative all'attuazione dei piani di sicurezza, il coordinamento tra le figure responsabili della sicurezza e del cantiere, gli aspetti sanzionatori).
Laboratori e/o esercitazioni
Le esercitazioni ( n. 9 x 2 ore su tutti gli argomenti trattati nel corso) sono sviluppate in aula dagli studenti sulla base di un testo , indicazioni per lo svolgimento fornite in aula e col corredo degli appunti e dispense. Segue la correzione in aula. L'inizio delle esercitazioni sarà attivato dopo un periodo di formazione attraverso la frequenza di un congruo numero di lezioni ad esaurire l'argomento di cui al tema della esercitazione. La partecipazione alle esercitazioni è determinante al fine dell'acquisizione della firma di frequenza
Bibliografia
Testi di riferimento
Il docente mette a disposizione degli studenti una copia dei seguenti documenti:
dispense sui principali argomenti del corso; leggi, normative, regolamenti ; copia di tutti le schede proiettate.
Testi ausiliari (per approfondimenti)
 Gaetano M. Golinelli, IL PERT una nuova tecnica di pianificazione e controllo dei programmi di lavoro, CRESME, Ed. A. Giuffrè - Milano.
 G. Tesoriere, Strade ferrovie aerporti, Ed. UTET.
 Paolo Ferrari - Franco Giannini, Ingegneria Stradale - Ed. ISEDI.
 Caterpillar Tractor Co., Caterpillar Performance Handbook, Printed in USA.
 Fiat Hitachi S.p.A, Fiat Hitachi performance handbook, Stampato da Grafica Dessì, Torino.
 Franco Rossi e Franco Salvi, Manuale di ingegneria civile, Ed. A. Cremonese - ROMA.
 C.P.T., Manuale della sicurezza, dell'igiene e dell'ambiente di lavoro nelle costruzioni edili, Ed. S.E.P.I.T. ' Torino.
 C.P.T., Manuale operativo per la valutazione dei rischi nel settore delle costruzioni, Vol. I ' II, Ed. EDILSCUOLA ' Torino.
 C.P.T., Valutazione del rischio derivante dall'esposizione a rumore durante il lavoro nelle attività edili.
 Giancarlo Borgogno, Normativa tecnica, Edizioni Tecniche, via Cuneo 16/a , 12011 Borgo San Dalmazzo (Cuneo)
Verifica la disponibilita in biblioteca
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
Il controllo dell'apprendimento è attuato attraverso un esame scritto di durata di 2 ore. Gli allievi potranno partecipare all'esame se muniti di statino regolare ; riceveranno testi differenti per file ( pari, dispari).
Il tema di esame è composto di due parti valutate con peso equivalente:
- la prima è costituita da esercizi numerici consimili a quelli sviluppati nelle esercitazioni durante l'anno;
- la seconda propone quesiti di cultura generale o specifica su argomenti trattati nel corso.
Non è possibile consultare durante l'esame alcun testo, appunti etc.
I risultati della prova verranno apposti in bacheca del dipartimento entro una settimana dalla data della prova scritta
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti