Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
01JALFU
Cantieri e impianti per infrastrutture II
Corso di L. Specialistica in Ingegneria Civile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Caposio Guido ORARIO RICEVIMENTO     38 18 0 0 7
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/04 5 B - Caratterizzanti Ingegneria civile
Obiettivi dell'insegnamento
Il corso rivolto agli studenti del Corso di Laurea in Ingegneria Civile che propendono per un orientamento di tipo applicativo, mira e garantire una solida conoscenza professionalizzante nell'ambito dei cantieri temporanei e/o mobili.
Si precisa che con il termine cantieri si intendono tutte quelle infrastrutture provvisionali e annessi sistemi operativi (attrezzature di lavoro, apprestamenti, manodopera, materiali) impiantati e dislocati per la esecuzione di lavori 'ex novo' oppure di manutenzione ordinaria o straordinaria di opere sia puntuali che lineari.
Il fine principale del corso è quello della formazione di figure professionali, inseribili nello staff della Committenza o dell'impresa appaltatrice o del Produttore e fornitore di materiali semplici e compositi atte a progettare, dirigere, controllare (collaudazione statica, collaudazione tecnico-amministrativa, controllo della produzione in qualità), contabilizzare l'esecuzione delle attività di cantiere.
Non secondaria è anche la finalità formativa per figure specificatamente gestionali (sotto il profilo tecnico ed economico) dell'opera da realizzare quali il direttore dei lavori nominato della Committenza (figura coincidente nel lavoro pubblico con il coordinatore per la esecuzione) o il direttore tecnico di cantiere, a dirette dipendenze dell'Impresa Appaltatrice.
Competenze attese
Lo studente acquisirà alla fine dell'insegnamento una metodologia atta a svolgere incarichi professionali di:
' Direzione dei lavori nei cantieri (incaricato della Committenza);
' Direzione tecnica dei cantieri (incaricato dall'Impresa Appaltatrice);
' Collaudatore statico;
' Collaudatore tecnico amministrativo;
' Consulente di produzione di qualità dei materiali da costruzione.
Prerequisiti
Le conoscenze necessarie per comprendere al meglio i temi trattati sono fornite nell'insegnamento di:
' Diritto ed economia nei lavori pubblici;
' Cantieri e impianti per infrastrutture I.
Programma
Al fine di un esame sistematico delle problematiche di cantiere relative all'accettazione, controllo di produzione e fornitura, progettazione dei materiali da costruzione, nonché dei controlli in corso d'opera e a fine opera dei manufatti realizzati attraverso la direzione dei lavori, la collaudazione statica e tecnico amministrativa delle opere, nel corso vengono sviluppati aspetti e strumenti operativi relativi a cantieri puntuali e lineari con particolare riferimento al quadro normativo vigente. In particolare si forniscono elementi per la collaudazione tecnico-amministrativa attraverso il controllo delle certificazioni in qualità .
Programma: informazioni integrative
Il corso è articolato in tre unità: materiali per le opere in conglomerato cementizio, materiali per le opere in conglomerato bituminoso, i controlli.
L'unità materiali per le opere in conglomerato cementizio è strutturata per informare lo studente su:
Aspetti legislativi, contrattuali;
- Tipologie e caratteristiche primarie del calcestruzzo cementizio (resistenza, lavorabilità, durabilità, economicità);
- Tipologie e caratteristiche di accettazione dei materiali costituenti: leganti cementiti, aggregati, acqua, additivi;
- Progetto (mix design) delle ricette di cls, con ottimizzazione mediata di una o più caratteristiche primarie:
' curve granulometriche ideali di massima densità; -definizione della curva granulometrica reale e scarto minimo dalla curva ideale (attraverso il metodo del simplesso); -determinazione del tipo e dosaggio di cemento; -determinazione della massa dell'acqua (di presa, di bagnatura, di saturazione) in base al contenuto di umidità degli aggregati; - determinazione delle masse degli aggregati e dei volumi occupati dagli stessi nel volume unitario di cls finito;
- I controlli sul prodotto fresco:
' prelevamento di campioni di cls fresco e finito in cantiere; - preparazione, stagionatura, forma e dimensioni dei provini di cls; - determinazione del quantitativo di cemento, della granulometria e della consistenza;
- I controlli sul prodotto finito (prove distruttive, semi distruttive, non distruttive):
' prove di compressione; - determinazione della resistenza caratteristica; -il metodo combinato Sonreb (velocità degli ultrasuoni e indice di rimbalzo dello sclerometro); -la prova di estrazione; - la prova di carico con valutazione preventiva del grado di vincolo della struttura.
- I1 cls preconfezionato;
- Gli impianti per aggregati e per il cls:
' impianti di estrazione, selezione e accumulo degli aggregati; - impianti di produzione del cls; - mezzi di trasporto e di distribuzione del cls;
- Il laboratorio di cantiere;
- L'analisi di prezzo del volute unitario di cls.
L'unità materiali per le opere in conglomerato bituminoso è articolata per proporre allo studente.
- Aspetti legislativi, contrattuali;
- Pacchetto multistrato della sovrastruttura stradale: funzioni degli strati, classificazione, caratteristiche reologiche e prestazionali delle miscele (analisi dei dati di progetto);
- Tipologie e caratteristiche di accettazione (fisiche, fisico-chimiche. meccaniche, granulometriche e geometriche) in relazione al contratto dei materiali costituenti: leganti bituminosi, aggregai, falla, additivi;
- Progetto (mix design) di cantiere delle miscela in prima approssimazione:
' scelta del tipo di bitume e di aggregato; - curve granulometriche ideali di massima densità fuso granulometrico, curva granulometrica ideale (con numero vuoti residui opportuni); - determinazione della curva granulometrica reale; - determinazione della percentuale di legante con il metodo dei vuoti e della superficie specifica; - determinazione della massa delle singole classi di aggregato e bitume.
- Impasti di prova;
- Controllo delle ipotesi progettuali e del modulo del conglomerato;
- Progettazione in seconda approssimazione (metodo di ottimizzazione Marshall);
- Gli impianti per i conglomerati bituminosi:
' tipologie, componentistica e funzionamento degli impianti di produzione; - mezzi di trasporto, per la stesa e la compattazione; -gli impianti di riciclaggio;
- Controlli e il laboratorio di cantiere;
- La manutenzione delle infrastrutture viarie;
- L'analisi di prezzo del volume unitario di conglomerato-bituminoso.
L'unità controlli è articolata per fornire allo studente nozioni su:
- Il quadro normativo vigente, il collaudo statico di opere puntuali e lineari e prove di carico, il collaudo tecnico-amministrativo di opere puntuali e lineari e prove di carico, la maggiore domanda dell'appaltatore rispetto al contratto e la procedura del contenzioso.
Laboratori e/o esercitazioni
Le esercitazioni sono sviluppate in aula dagli studenti sulla base di un testo, indicazioni per lo svolgimento fornite in aula e col corredo degli appunti e dispense. Segue la correzione in aula. L'inizio delle esercitazioni sarà attivato dopo un periodo di formazione attraverso la frequenza di un congruo numero di lezioni ad esaurire l'argomento di cui al tema della esercitazione. La partecipazione alle esercitazioni è determinante al fine dell'acquisizione della firma di frequenza.
Bibliografia
Testi di riferimento
Il docente mette a disposizione degli studenti una copia dei seguenti documenti:
dispense sui principali argomenti del corso; leggi, normative, regolamenti ; copia di tutti le schede proiettate.
Testi ausiliari (per approfondimenti)
- Mario Collepardi, Scienza e tecnologia del Calcestruzzo, Hoepli - Milano.
- A. M. Neville, Properties of Concrete, A. W. LONGMAN Limited.
- Frank Harris, Modem Construction and Ground Engineering- Equipment and Methods, A. W. LONGMAN Limited
- G. Tesoriere, Strade ferrovie aeroporti, Ed. UTET.
- Paolo Ferrari - Franco Giannini. Ingegneria Stradale - Ed. ISEDI.
- Franco Rossi e Franco Salvi, Manuale di ingegneria civile, Ed. A Cremonese- ROMA
- Giancarlo Borgogno, Normativa tecnica, Edizioni Tecniche, via Cuneo 16/a, 12011 Borgo San Dalmazzo (Cuneo).
Verifica la disponibilita in biblioteca
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
Il controllo dell'apprendimento è attuato attraverso un esame orale. Gli allievi potranno sostenere l'esame se muniti di statino regolare.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti