Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01JESHK
Filtri e reti non lineari
Corso di Laurea in Ingegneria Informatica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-IND/31 5 D - A scelta dello studente A scelta dello studente
Obiettivi dell'insegnamento
Il corso si propone di fornire i fondamenti per lo studio ed il progetto di filtri elettrici analogici e di circuiti elettrici non lineari. ╚ organizzato in lezioni ed esercitazioni che completano da un punto di vista applicativo gli argomenti teorici trattati nelle lezioni, in modo da facilitare il loro apprendimento.
Programma
Introduzione ai filtri elettrici:

GeneralitÓ. Filtro ideale passa basso. Il problema di approssimazione. Approssimazioni alla Butterworth e alla Chebyshev; cenni su altri criteri di approssimazione (filtri ellittici, a fase lineare ecc.).
Progetto di filtri LC mediante manuali. Trasformazioni di frequenza.

- Circuiti RC-attivi lineari:

GeneralitÓ. Funzioni di trasmissione elementari di ordine 2. SensibilitÓ: definizioni e regole di calcolo. Analisi delle variazioni di una funzione di rete. Caso di realizzazione in cascata. SensibilitÓ di circuiti LC caricati dai due lati. Realizzazione di filtri RC-attivi con celle in cascata. Celle biquadratiche con un solo OA. Criteri di confronto tra celle biquadratiche. Il prodotto guadagno-sensibilitÓ. Generazione e classificazione delle
celle biquadratiche con un solo OA. Criteri di progetto. Realizzazione di filtri RC-attivi a bassa sensibilitÓ.

- Circuiti elettrici non lineari:

Descrizione e proprietÓ dei pi¨ comuni dispositi vi elettrici non lineari. Metodi per la scrittura delle
equazioni di stato in reti elettriche composte da bipoli e doppi bipoli lineari e non lineari. Richiami sui sistemi di equazioni differenziali lineari. Sistemi di equazioni differenziali non lineari: teoremi fondamentali, interpretazione geometrica, comportamento asintotico e nomenclatura.
Classificazione dei comportamenti asintotici e tecniche per lo studio della dinamica di circuiti elettrici non lineari.
Comportamento stazionario (punti di equilibrio): definizioni e metodi per lo studio della stabilitÓ;
applicazioni.
Comportamento periodico (cicli limite): teoremi fondamentali, tecniche di analisi nel dominio del tempo e della frequenza; stabilitÓ; applicazioni.
Comportamento non periodico: attrattori toroidali e caotici. StabilitÓ strutturale e biforcazioni.

- Elementi di "Computer Aided Network Analysis":

Formulazione delle equazioni del circuito con le tecniche della matrice sparsa e del metodo nodale modific ato. Esempi. Scrittura delle equazioni e implementazione nel programma Spice nel caso di circuiti non lineari.
Laboratori e/o esercitazioni
Le esercitazioni consistono nella soluzione, da parte degli allievi, di problemi di analisi e progetto di circuiti elettrici sfruttando i metodi illustrati a lezione.
Sono previste dimostrazioni sperimentali per illustrare il comportamento dinamico di oscillatori e circuiti non lineari.





Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti