Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01KDBGQ
Costruzioni stradali
Corso di Laurea in Ingegneria Civile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Vivaldi Alberto       0 0 0 40 3
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/04 10 B - Caratterizzanti Ingegneria civile
Obiettivi dell'insegnamento

Scopi



Il corso si propone di fornire e consolidare i concetti che sono alla base dell'ingegneria delle Costruzioni Stradali. Lo studio si articola in
tre parti: il progetto, le opere in terra, le sovrastrutture stradali. Preliminarmente, vengono esaminate le caratteristiche e le prestazioni dei
veicoli per i quali la strada deve garantire soddisfacenti standard di: sicurezza, efficienza, durata. In pił settori, l'accezione del
termine "strada" si amplia comprendendo anche le ferrovie (strade ferrate). In tutto il corso molti sono i riferimenti agli aspetti normativi.


Prerequisiti

Non sono previste precedenze d'acquisto.




Programma

Parte prima: Il progetto



  • Caratteristiche della sede stradale e ferroviaria

    La sede della strada ordinaria. Distinzione fra autostrade e strade ordinarie. Piattaforma e solido stradale. La carreggiata e le
    banchine. Le delimitazioni della sede. La carreggiata in galleria e sui ponti. Tipologia delle strade. La sagoma della carreggiata.

    La sede ferroviaria. Piattaforma, scudatura, ballast. Le traverse. Le rotaie.

  • I veicoli su strada e ferrovia con cenni di meccanica della locomozione

    Introduzione. I veicoli su strada ordinaria. I veicoli ferroviari. L'aderenza. Le resistenze al moto. Le resistenze addizionali.

  • L'andamento plano-altimetrico delle strade ordinarie

    Concetti generali su: tornanti; tracciamento delle curve ad arco di circonferenza; raccordi progressivi. Andamento dei rettifili e delle curve nei
    tracciati stradali. Generalitą sull'andamento altimetrico: la pendenza massima. Lunghezza critica delle livellette. Concetti generali sui
    raccordi verticali e sul coordinamento plano-altimetrico.

  • La redazione del progetto stradale

    I gradi di progettazione. Lo studio della poligonale d'asse. La planimetria. Il profilo longitudinale. Le sezioni trasversali. Il volume del
    solido stradale. Determinazione analitica del volume del solido stradale.

  • Le norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade ' D.M. 05/11/2001

    Definizione e riferimenti normativi. Le reti stradali. Classificazione delle strade e criteri compositivi della piattaforma. Organizzazione della
    sede stradale. Geometria dell'asse stradale.



Parte seconda: Le opere in terra



  • Il terreno e le sue caratteristiche generali

    Il suolo e la sua costituzione. Il binomio acqua-suolo. Effetti di capillaritą. Pressione effettiva e pressione neutra. Le caratteristiche
    fisiche del suolo (il contenuto d'acqua, il peso specifico, la granulometria). La misura della suscettivitą delle terre all'acqua:
    limiti ed indici di Atterberg. L'indice di gruppo e la classificazione dell'Highway Research Board.

  • Costipamento delle terre

    Il costipamento, la prova Proctor, il controllo della densitą in sito. Osservazioni sulla percentuale di addensamento. Le macchine per
    compattare. La costruzione dei rilevati.

  • Portanza dei sottofondi e delle sovrastrutture stradali

    Definizioni e caratteristiche generali delle prove. Le prove di carico con piastra. Studio della portanza in base alla prova CBR (California Bearing
    Ratio). Modulo di reazione e di compressibilitą.

  • Instabilitą riguardanti il corpo stradale ed opere relative

    Premesse. Corpo stradale e generalitą sui fenomeni di instabilitą ad esso relativi. Sulle cause di instabilitą. Opere relative
    ad instabilitą della sede stradale.



Parte terza: Le sovrastrutture



  • I materiali stradali ed i loro requisiti tecnologici

    Generalitą sui materiali stradali

    I materiali lapidei. Classificazione e caratteristiche generali. Prove per la determinazione delle caratteristiche fisiche. Prove
    di caratterizzazione e di accettazione dei materiali lapidei.

    I leganti per gli usi stradali. Generalitą e definizioni. Elasticitą, viscositą, plasticitą e
    visco-elasticitą. Caratteri fisico-chimici dei bitumi e dei catrami. I prodotti bituminosi per gli usi stradali. Adesione del legante alle
    pietre. Prove sui bitumi. Suscettivitą termica e rigidezza dei bitumi. Influenza del filler sulle propriet' reologiche dei bitumi.

  • Sovrastrutture per strada ordinaria

    Premessa. I tipi tradizionali di sovrastrutture flessibili. Le moderne sovrastrutture flessibili (le fondazioni, gli strati di base, gli strati
    superficiali). Strato di fondazione e strato di base: fondazione con terreno stabilizzato, la stabilizzazione terra-calce, fondazione in terra
    stabilizzata a cemento, strato di base in misto cementato, fondazione o strato di base in terra stabilizzata con bitume, strati di base in misto
    bitumato. Strati superficiali. Studio granulometrico di un terreno stabilizzato. Composizione di un conglomerato bituminoso. Altre caratteristiche
    dei conglomerati bituminosi. Le prove per i conglomerati bituminosi: la prova Marshal; prova di rottura a compressione diametrale. Determinazione
    della percentuale di bitume in un conglomerato bituminoso. Controllo dopo la stesa della densitą e dei vuoti residui nei conglomerati. Manti
    bituminosi di tipo speciale e procedimenti particolari. Il gelo e le pavimentazioni stradali. Problemi di manutenzione; interventi e rinforzi; il
    riciclaggio. Apparecchiature e mezzi di prova sulle sovrastrutture stradali.

  • Il calcolo delle sovrastrutture per strada ordinaria

    Generalitą sul calcolo delle pavimentazioni. Il traffico sulla strada al fine del dimensionamento della sovrastruttura. Metodi razionali o
    degli strati: criterio dei due strati secondo Burmister.



Bibliografia

Testi consigliati dal docente responsabile del corso:




Guida alla lettura


Nel testo a) la "Parte prima: Il progetto" va considerata in molti punti propedeutica allo studio di b). Si richiede agli allievi una conoscenza
delle Norme b) completa ed approfondita, particolarmente finalizzata alle esperienze applicative nel campo delle strade extraurbane.



Controlli dell'apprendimento / Modalitą d'esame

Esame orale imperniato su pił domande attinenti al programma del corso.


Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami
MATERIALI PUBBLICI

Programma definitivo per l'A.A.2012/13
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti