Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2010/11
01KFCGK
Laboratorio: pianificazione territoriale e paesistica
Corso di L. Specialistica in Pianificazione Territoriale, Urbanistica E Ambientale - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Cavaliere Andrea ORARIO RICEVIMENTO     24 0 0 0 1
Devoti Chiara ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/18 24 0 0 0 1
Finotto Francesca ORARIO RICEVIMENTO     36 0 0 0 4
Grisoglio Riccardo ORARIO RICEVIMENTO     24 0 0 0 1
Matassi Ennio       72 0 0 10 1
Mosca Paolo ORARIO RICEVIMENTO     24 0 0 0 6
Thomasset Federica       24 0 0 0 2
Quaglino Alberto ORARIO RICEVIMENTO     24 0 0 0 3
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
BIO/07
ICAR/02
ICAR/05
ICAR/05
ICAR/15
ICAR/18
ICAR/21
ICAR/21
2
2
2
2
3
2
2
6
A - Di base
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
A - Di base
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Ecologia, geografia e storia delle trasformazioni del territorio
Ambiente
Ingegneria e scienze del territorio
Ingegneria e scienze del territorio
Urbanistica e pianificazione
Ecologia, geografia e storia delle trasformazioni del territorio
Urbanistica e pianificazione
Urbanistica e pianificazione
Obiettivi dell'insegnamento
Il Laboratorio costituisce l'esperienza conclusiva del percorso formativo offerto dal Corso di laurea magistrale, contestualmente al tirocinio e prima della prova finale. Esso tende quindi a sviluppare e approfondire la preparazione dello studente acquisita negli anni precedenti mettendolo di fronte ad un terreno concreto di sperimentazione progettuale, sul quale esercitare la capacità di coordinare i diversi contributi analitici, valutativi e propositivi con la produzione di strumenti per la pianificazione integrati tra diversi aspetti: territoriale, paesistico, ambientale, urbanistico e strategico, a partire da considerazioni d'area vasta sino alla progettazione di ambiti a scala urbana. A tal fine il Laboratorio si avvale della convergenza di una pluralità di contributi: riguardanti la Pianificazione territoriale (6 crediti), la Pianificazione dei parchi (2), la Pianificazione dei trasporti (2), la Difesa del suolo (2), l'Analisi e la pianificazione paesistica (3), l'Ecologia del paesaggio (2) e la Valutazione ambientale (2).
Competenze attese
Capacità di comprendere paradigmi disciplinari eterogenei (teorici e di tecniche applicative) e di applicare le conoscenze generali con modalità interdisciplinari adeguate alle esigenze avanzate dai casi studio, per ottenere un efficace supporto conoscitivo per la progettazione integrata.
- Autonomia nella ricerca e nel reperimento di informazioni e metodologie adatte a completare ed integrare il quadro conoscitivo necessario per la soluzione di temi progettuali realisticamente proposti nei casi studio.
- Autonomia nel formulare valutazioni e quadri strategici sostenibili di azioni, orientati alla soluzione dei temi di politica e di governo del territorio emersi dai casi studio, e di riflettere sulle responsabilità sociali legate a politiche e strategie territoriali
- Capacità di comunicazione efficace e sintetica degli aspetti propositivi del progetto e degli apparati tecnico-scientifici e valutativi a sostegno delle tesi progettuali proposte, da esporre a tecnici, amministratori locali e soggetti non esperti.
Prerequisiti
Capacità di apprendimento e di valutazione speditiva di testi e metodi disciplinari specifici, con conoscenza specifica delle tecniche e modalità attuative della pianificazione alla scala urbanistica ed attuativa, della lingua inglese almeno scritta e delle tecniche di disegno ed elaborazione cartografica e di GIS.
Programma
Il Laboratorio indirizza gli studenti, per gruppi, a redigere un progetto complesso su un ambito definito, a specificazione dello Schema direttore di Corona verde, approvato per l'area metropolitana di Torino nell'agosto 2009, accentuando gli aspetti di interesse paesistico e ambientale e di ridisegno dei bordi urbani e delle infrastrutture del progetto strategico, tenendo conto degli strumenti di pianificazione di area vasta messi a punto da Regione e Provincia.
Nella prima parte del laboratorio si riconoscono, con un approccio integrato, gli aspetti strutturali del territorio oggetto di intervento, le principali risorse disponibili, le problematiche conseguenti alle criticità e le strategie di intervento più appropriate, con riferimento agli aspetti di fattibilità (operatori, progettualità preesistente, coerenza con altri piani e progetti d'area vasta etc.).
Nella seconda parte del laboratorio si individuano una o più aree entro l'ambito individuato, per le quali si redige un progetto di qualificazione territoriale e paesistica, coerente con gli obiettivi e le problematiche individuate in prima fase e attento agli aspetti morfologico paesistici risultanti, sia per l'assetto insediativo che per le aree libere.

I contributi in tema di Mobilità, Storia, Difesa del suolo ed Ecologia del paesaggio corredano la parte di impostazione territoriale del progetto, fornendo ai gruppi i criteri ed i riferimenti:
- per l'analisi della situazione in modo da costituire uno scenario integrato del progetto;
- per l'individuazione degli obiettivi e delle risorse in modo da definire un quadro adeguato e realistico di azioni strategiche da avviare.
I contributi consentono di tener conto nel progetto dei vari aspetti interdisciplinari; in particolare per la:
Mobilità, si indirizzano sia al miglioramento della accessibilità locale in termini di servizio di trasporto pubblico, sia alla riduzione degli impatti del traffico, sia in termini di inquinamento che di incidenza sul paesaggio percettivo;
Storia, si indirizzano a ricostruire il ruolo strutturante degli impianti storici, dei quali sono da valorizzare sia le centralità e il ruolo degli insediamenti urbani o rurali, sia di tracce dei percorsi, delle canalizzazioni e delle infrastrutture produttive industriali o agricole;
Difesa del suolo,si mettono in evidenza sia le potenziali valorizzazioni comportate dal coinvolgimento delle aree interessate dalle fasce fluviali, dai versanti acclivi e sia le attenzioni da apportare alla attuale gestione di tali aree;
Ecologia, si indirizzano a riconoscere le potenzialità di valorizzazione delle aree libere periubane, integrando gli aspetti che possono svolgere un ruolo nella rete ambientale e quelli di potenziale qualificazione naturalistica e fruitiva dei luoghi con quelli che possono contribuire alla qualificazione paesistica e dei bordi urbani con adeguati aggiustamenti della gestione agricola ordinaria.

I contributi in tema di Paesaggio, Pianificazione aree protette e Valutazione corredano la parte di messa a punto del progetto localizzato, fornendo ai gruppi i criteri ed i riferimenti:
- per l'analisi delle risorse e delle criticità locali, utilizzando criteri di valutazione integrati da porre alla base del progetto;
- per la specificazione degli obiettivi generali e delle strategie dei piani sovrordinati nelle situazioni locali di progetto, con riferimenti a tecniche e soluzioni progettuali già sperimentate, adeguate ai requisiti specifici dei luoghi e delle loro problematiche.
In particolare i contributi di:
Paesaggio, si indirizzano nella prima parte del laboratorio ad un'analisi del paesaggio percettivo, con l'evidenza dei punti critici e delle opportunità di cui tener conto nel progetto, mentre contribuiscono con esempi e indirizzi progettuali nella seconda parte, in particolare nella redazione del disegno urbano e territoriale conseguente alla definizione strategica del progetto
Pianificazione aree protette, consentono di accedere al quadro di strumenti utilizzati per i piani ambientali dei Parchi, diversi da quelli della pianificazione urbanistica, ed utili nel progetto di aree aperte e di strategie con significativa presenza di aspetti di governance.
Valutazione, si indirizzano ad un utilizzo sistematico dei processi valutativi come sistema di controllo e assestamento dei progetti in itinere, attraverso un sistema integrato di verifiche dell'adeguamento delle prestazioni previste dal progetto ai requisiti stabiliti in sede di piano strategico.
Laboratori e/o esercitazioni
Nel Laboratorio oltre i due terzi del tempo sono dedicati alla discussione collegiale dei casi studio e alle elaborazioni analitiche e progettuali con l'ausilio della strumentazione informatica. La parte iniziale è destinata all'illustrazione dei riferimenti teorici e metodologici dei diversi contributi e della presentazione dei casi studio.
Bibliografia
I riferimenti bibliografici, come pure le documentazioni relative ai casi studio saranno fornite con congruo anticipo nel corso stesso delle attività di Laboratorio.
La docenza utilizza materiali prevalentemente informatici e bibliografici per la parte informativa, mentre per l'assistenza alla redazione degli elaborati progettuali si dispone di basi cartografiche in scala 1:5000 o inferiori
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
I controlli del processo d'apprendimento sono effettuati, sia dai singoli docenti sia (in almeno due occasioni lungo il corso dell'anno) a livello collegiale con la partecipazione di tutti i docenti, con la revisione continuativa dei prodotti delle esercitazioni. L'esame consiste in una discussione collegiale dei prodotti finali delle esercitazioni. Alla fine del laboratorio è opportuna una presentazione pubblica degli elaborati degli studenti, condotta invitando gli amministratori locali ed i tecnici interessati alla pianificazione delle aree individuate come casi studio.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2010/11
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti