Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
01LHNKG
Ottica applicata
Dottorato di ricerca in Fisica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Miraldi Elio ORARIO RICEVIMENTO     25 0 0 0 9
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
*** N/A ***    
Obiettivi dell'insegnamento
Dopo un breve richiamo dei fenomeni inerenti la propagazione per onde in un mezzo elastico, ed in particolare l'interazione delle radiazioni elettromagnetiche, nel campo del visibile, con le superfici di materiali opachi e la propagazione delle onde stesse in quelli trasparenti, il corso si propone di mettere lo studente in grado di conoscere, discutere e usare le principali tecnologie di indagine con metodi 'non a contatto'. Non meno di 4 ore saranno dedicate alle prove di laboratorio.
Programma
Un po' di storia delle teorie e delle scoperte in ottica. La matematica del moto ondulatorio; le onde armoniche; la rappresentazione complessa. Lo spettro delle onde elettromagnetiche, con particolare riguardo: all'energia e alla quantitą di moto da esse trasportate, in funzione della lunghezza d'onda (frequenza); alle sorgenti naturali e ai principali strumenti usati per produrre e rivelare le onde stesse. La propagazione della luce polarizzata nei mezzi lineari isotropi e anisotropi. Le approssimazioni dell'ottica geometrica e loro utilizzo pratico. Sovrapposizione di onde: principali dispositivi interferometrici inventati e usati per lo studio delle proprietą della luce e per la rivelazione di spostamenti di superfici o variazioni dell'indice di rifrazione di mezzi trasparenti. Principio di funzionamento dei laser a gas e a stato solido. La diffrazione della luce da parte di difetti superficiali (effetto 'speckel'), da parte di modulazioni periodiche del'indice di rifrazione, da parte di corpuscoli immersi in un fluido. L'ottica di Fourier e sue applicazioni per il riconoscimento di forme e l'olografia. Alcuni accenni alla natura quantistica dell'emissione e assorbimento della luce: lo spettro di corpo nero (legge di Planck), l'effetto fotoelettrico e i principali rivelatori di luce. Le esercitazioni di laboratorio (almeno 4) saranno introdotte dall'ing. M. Mattone, e riguarderanno l'uso dell'interferometria 'speckle' per la determinazione dello spostamento-deformazione di una superficie, dei modi di vibrazione di una superficie con appoggi, delle onde d'urto in aria (metodo 'Schlieren').
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma provvisorio per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti