Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2011/12
01MOOOA
Teoria ed elaborazione dei segnali
Corso di Laurea in Ingegneria Informatica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Anni incarico
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-INF/03 10 B - Caratterizzanti Ingegneria delle telecomunicazioni
Precedenze:
05BQX
Presentazione
Obiettivo dell'insegnamento Ŕ fornire le basi dell'analisi dei segnali e dell'elaborazione numerica dei segnali. Data la multidipliscinarietÓ degli argomenti trattati, le conoscenze acquisite sono utili praticamente in tutti i corsi seguenti affrontati dallo studente.
Nella prima parte si analizzano i segnali nel dominio del tempo continuo e in quello della frequenza, sia per segnali deterministici sia stocastici. Nella seconda parte si introducono le metodologie di base per il trattamento numerico dei segnali a tempo discreto.
Risultati di apprendimento attesi
- Conoscenza delle diverse classificazioni dei segnali. Conoscenza delle tecniche di analisi in frequenza dei segnali a tempo continuo. Conoscenza dei sistemi lineari tempo-invarianti (LTI), e della loro rappresentazione nel dominio del tempo e della frequenza. Conoscenza delle tipologie fondamentali di filtri. Conoscenza dei processi stocastici e della loro rappresentazione spettrale.
- CapacitÓ di classificare i segnali in base alle loro proprietÓ. CapacitÓ di trasformare ed analizzare un segnale nel dominio del tempo e della frequenza. CapacitÓ di classificare ed analizzare un sistema LTI nel dominio del tempo e della frequenza.
- Conoscenza delle tecniche per il passaggio da segnali a tempo continuo ai segnali a tempo discreto, e viceversa. Conoscenza delle tecniche per il processamento in frequenza dei segnali a tempo discreto. Conoscenza delle tecniche per l'analisi dei sistemi LTI a tempo discreto, e della trasformata Z. Conoscenza delle tecniche di filtraggio numerico, delle tipologie di filtri numerici (FIR, IIR), e delle relative tecniche di progetto.
- CapacitÓ di passare da segnali a tempo continuo agli equivalenti segnali a tempo discreto, e viceversa. CapacitÓ di processare segnali a tempo discreto nel dominio del tempo e della frequenza. CapacitÓ di analizzare e progettare sistemi LTI a tempo discreto.
La capacitÓ di applicare le conoscenze acquisite sarÓ verificata mediante esercitazioni in aula e in laboratorio, e nella fase di esame orale. L'esame orale permetterÓ anche di migliorare le capacitÓ di comunicazione.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Analisi reale e complessa di funzioni a una o pi¨ variabili. Calcolo delle probabilitÓ. Varabili casuali gaussiane. Equazioni differenziali lineari del primo ordine. Distribuzione delta di Dirac. Trasformata di Laplace.
Programma
Argomenti trattati nelle lezioni e relativo peso in ore.
- Classificazione dei segnali; energia e potenza (4 ore)
- Serie e trasformata di Fourier (10 ore)
- Sistemi LTI, risposta all'impulso e funzione di trasferimento (10 ore)
- Spettro di energia e funzione di autocorrelazione. Segnali periodici e spettro di potenza (12 ore)
- I processi stocastici (14 ore)
- Calcolo della probabilitÓ di errore di un sistema numerico in banda base (4 ore)
- Teorema del campionamento (6 ore)
- I segnali a tempo discreto: operazioni basilari, concetto di energia e potenza (6 ore)
- La trasformata di Fourier a tempo discreto, la convoluzione circolare, la DFT (10 ore)
- Sistemi LTI a tempo discreto: analisi temporale, analisi in frequenza, analisi tramite la trasformata Z (12 ore)
- Filtri numeric FIR e IIR. Progetto di filtri FIR con la tecnica a finestra, la trasformata bilineare (12 ore)
Organizzazione dell'insegnamento
Le esercitazioni in aula consistono nella soluzione di esercizi di calcolo che riguardano il programma svolto a lezione. Gli esercizi possono essere svolti alla lavagna dal docente, oppure essere proposti dal docente e risolti dagli studenti con l'aiuto del docente. Sono inoltre previste 6 ore di laboratorio software (opzionali) riguardanti il progetto di filtri numerici.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Testi di riferimento:
1. L. Lo Presti e F. Neri, L'analisi dei segnali, CLUT, 1992.
2. L. Lo Presti e F. Neri, Elaborazione numerica dei segnali, Pearson, 2007.
3. M. Laddomada e M. Mondin, Introduzione ai processi casuali, CLUT, 1992.
Testi consigliati per approfondimenti:
4. A. Papoulis e S. U. Pillai, Probability, Random Variables and Stochastic Processes, McGraw-Hill, 2002.
I testi, scelti tra quelli elencati, saranno comunicati a lezione dal docente titolare dell'insegnamento.
Criteri, regole e procedure per l'esame
L'esame finale comprende uno scritto e un orale. Lo scritto comprende 2-3 esercizi numerici relativi agli argomenti principali, e ogni esercizio Ŕ ulteriormente articolato su 4-6 domande. Il tempo assegnato per la soluzione Ŕ indicativamente di 2 ore, e per superare lo scritto ed essere ammessi all'orale occorre ottenere un voto di scritto superiore o uguale a 15/30. L'orale ha una durata di 15'-20', e riguarda tutti gli argomenti trattati nelle lezioni e nelle esercitazioni.
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2011/12
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
m@il