Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2015/16
01NBYPN
Design dell'esplorazione
Corso di Laurea in Design E Comunicazione Visiva - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Bravi Marina ORARIO RICEVIMENTO     42 0 0 19 5
De Giorgi Claudia ORARIO RICEVIMENTO O2 ICAR/13 42 0 0 38 7
De Giorgi Claudia ORARIO RICEVIMENTO O2 ICAR/13 42 0 0 38 7
Milanese Daniel ORARIO RICEVIMENTO     48 12 0 19 7
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/13
ICAR/22
ING-IND/22
6
6
6
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
C - Affini o integrative
Design e comunicazioni multimediali
Scienze economiche e sociali
A14
Presentazione
Il designer esploratore ricerca nuovi ambiti e significati per la ricerca progettuale, ampliando l'orizzonte dell'innovazione. Affronta, come campo di indagine, meta-ambiti allargati (es. l’interazione con l’acqua, la luce, il suono, il confort termico, la flessibilità... ) con l'obiettivo di comprendere la natura dei fenomeni e sviluppando soluzioni non precostituite né confinate nella consuetudine.
Gli ambiti considerati saranno affrontati proponendo una lettura trasversale dei temi attraverso casi studio di prodotti, semilavorati e materiali da cui sono nate visioni e soluzioni innovative.
Nella prima fase dell'esplorazione lo studente è libero da vincoli, anche relativi alla fattibilità del progetto di un prodotto o servizio. Una volta individuato, tra i molti possibili, il proprio approccio al meta-ambito (es: fare trasparente alla luce, flessibile ed elastico) egli procede alla definizione del prodotto/servizio secondo le attività apprese nella formazione degli anni precedenti, riassumili nelle figure del designer di scenario e del designer di concept.
Questa nuova metodologia, che ha come obiettivo la formazione di un designer esploratore, risponde ad esigenze che provengono dal mondo della produzione e del marketing sostenibili: oltre alle domande, ormai consuete, del COME FARE e COSA FARE, va allargandosi una richiesta reale sul DOVE FARE, in quali settori, con quale atteggiamento, attraverso quali tecnologie e investimenti.
In risposta a questa domanda la formazione universitaria risponde con un Laboratorio interdisciplinare, che accanto all'esplorazione progettuale (Design 3) colloca l'esplorazione economica (Valutazione economica del progetto) e una ulteriore disciplina dell'esplorazione contemporanea (Nuovi materiali per il design), campo di indagine di grande interesse per tutti i settori produttivi e merceologici.
Il Laboratorio è propedeutico ai successivi del 2° semestre: Design per l'industrializzazione (indirizzo Design di Prodotto) e Communication design II (indirizzo Design Grafico&Virtuale). E' collocato al 1° semestre, 1°periodo didattico.
Risultati di apprendimento attesi
- Capacità di comprensione e di decisione del ruolo contemporaneo del designer, delle sue responsabilità professionali, etiche, e sociali
- Capacità di comprensione delle ricadute che possono derivare da un diverso approccio progettuale
- Consapevolezza delle potenzialità di contributo del design all'innovazione, nella produzione e nel consumo
- Conoscenze della complessità del progetto di design contemporaneo, mediatore tra humanities e technologies
- Conoscenza del significato di marketing strategico (territoriale, sociale, culturale)
- Competenza gestionale e del rischio di investimento sia relativo al progetto sia alla produzione
- Conoscenza delle potenzialità della ricerca integrata nel campo dei nuovi materiali
- Capacità di lavorare in team mono e multidisciplinari;
- Capacità di presentare in pubblico il proprio lavoro in lingua italiana e inglese.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Conoscenze consolidate e verificate nel campo del progetto di design, ovvero della metodologia esigenziale-prestazionale, della capacità di costruire scenari di produzione e di consumo, della storia del design e della comunicazione visiva, dei campi tecnologici di base (fisica tecnica e strutture), degli atteggiamenti sostenibili per il progetto e la produzione.
Programma
Il Laboratorio, comune ai due indirizzi, affronta tematiche progettuali 'esplorative' di meta-ambiti, in cui interagiscono le discipline:

DESIGN 3 (6CFU, 60 ore)
E' la disciplina che coordina il Laboratorio, in cui si procede all'analisi del contributo del design all'innovazione in senso lato. Liberi da vincoli di fattibilità e di committenza, attraverso il brainstorming gli studenti riflettono sull'approccio al meta-ambito individuandone e analizzandone i sottoambiti; in seguito, attraverso un'azione di feedback metodologico, descrivono a piccoli gruppi gli scenari culturali e tecnici da cui può scaturire il meta-progetto di un prodotto o di un servizio, sintesi finale di una riflessione ad ampio orizzonte. Ogni anno il meta-ambito oggetto di esplorazione varierà; in relazione a ciò, il corso prevede, oltre ad alcune lezioni teoriche, contributi mirati sulla tematica dell’anno, offerti da esperti del mondo scientifico e culturale.

VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PROGETTO (6CFU, 60 ore)
Nel mercato attuale, prodotti tecnologicamente sofisticati e di alta qualità non sono più garanzia di lungo successo. Le aspettative dei consumatori richiedono oggi alle aziende di migliorare la qualità di prodotti e servizi abbreviandone i tempi di sviluppo e aumentando la loro diversificazione. In un mercato saturato da un’offerta crescente quest’ultima può tuttavia non essere sufficiente e occorre superare i tradizionali strumenti di marketing e mettere in discussione il concetto di innovazione technology-driven. I contributi della valutazione economica e del marketing al design dell’esplorazione vogliono, di conseguenza, puntare su nuovi concetti – come quello di marketing laterale e di innovazione design-driven – che fungano da collegamento tra creatività come processo concettuale mediante il quale vengono generate le idee e loro applicazione nella realizzazione di prodotti e/o servizi migliori di quelli esistenti, sia dal punto di vista di chi produce, sia da quello del consumatore e dell’utente finale. Allo stesso tempo, vuole fornire alcune nozioni fondamentali, atte a consolidare le conoscenze dello studente e utili a valutare la performance di un prodotto all’interno del mercato. A tale scopo, l’attività didattica è, nella prima parte, articolata in moduli, aventi ciascuno una propria coerenza teorica e metodologica (introduzione al marketing, formazione dei prezzi e dei costi in ambiente competitivo, analisi dei risultati economici aziendali, comportamento del consumatore, innovazione e pensiero laterale) e in esercitazioni di consolidamento delle conoscenze apprese. Nella seconda parte ci sia affiancherà invece all’attività meta-progettuale e progettuale, giungendo a produrre un elaborato che concorrerà alla valutazione finale. Il corso è infatti organizzato per erogare: 4 CFU dedicati alle conoscenze di marketing e valutazione economica e 2 CFU dedicati all’elaborato finale facente capo al Laboratorio.

NUOVI MATERIALI PER IL DESIGN (6CFU, 60 ore)
Il corso di Nuovi materiali per il Design intende ampliare le conoscenze di base dello studente di Design mediante lo studio di materiali innovativi e processi tecnologici speciali.
In particolare, il corso prevede l’analisi dei materiali compositi a base di particelle e di fibre, nonchè lo studio delle proprietà ottiche dei materiali (luminescenza, fosforescenza, indice di rifrazione). Inoltre vengono illustrate tecnologie di produzione non convenzionali che fanno ricorso alla metallurgia delle polveri quali, ad esempio, la sinterizzazione laser ed il Metal Injection Moulding. Alcune lezioni sono dedicate ai materiali intelligenti (smart materials), con un particolare focus sui piezoelettrici e le leghe a memoria di forma.
Per quanto riguarda i processi innovativi, si analizza la deposizione di strati sottili mediante tecniche CVD e PVD per oggetti di vario tipo (utensileria, arredamento, meccanica). Quindi si studia la tecnologia dell’Additive Manufacturing, che caratterizza sempre di più l’attività del Designer, grazie alla possibilità di realizzare prototipi di prodotto utilizzando vari tipi di materiali.
Infine viene sviluppata la capacità di valutazione, con misure qualitative e quantitative, delle prestazioni della nuova materia e della sostenibilità del suo inserimento nel meta-progetto di Laboratorio.
Organizzazione dell'insegnamento
Il Laboratorio si compone di tre discipline (6CFU ciascuna) organizzate in lezioni e brevi esercitazioni (4CFU) più un loro contributo di approfondimento (2CFU) dato alla macro-esercitazione di Laboratorio, in questo caso attivata da "Design 3", disciplina fondamentale nella formazione del designer e con funzione di coordinamento del Laboratorio.
Ogni disciplina è organizzata in lezioni, esercitazioni e attività di verifica dell'apprendimento, cioè revisioni e discussioni in aula (singole o collettive) delle esercitazioni prodotte. In particolare:

DESIGN 3:
lezioni teoriche usufruendo della materioteca MATto del Corso di Studi in Design e dei metodi e strumenti per la valutazione prestazionale degli stessi, contributi di esperti, macro-esercitazione. Quest'ultima è articolata in fasi: il brainstorming tra macro-gruppi (15 studenti ca. caduno) con obiettivo la costruzione di uno scenario di sottoambito; lo scenario settoriale tra piccoli gruppi (3/4 studenti ca. caduno) con obiettivo la definizione della massa critica di informazioni inerenti una specifica direzione di meta-progetto; il concept tra piccoli gruppi (3/4 studenti ca. caduno) con obiettivo l'analisi esigenziale-prestazionale del meta- progetto di prodotto o di servizio, l’elaborazione del progetto.
E' richiesta la dotazione di pc personale.

VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PROGETTO:
mini-moduli di lezioni teoriche alternati a brevi esercitazioni in aula. Esercitazione finale collegata al tema oggetto del laboratorio. E' richiesta la dotazione di pc personale.

NUOVI MATERIALI PER IL DESIGN:
Lezioni teoriche ed esercitazioni in aula e in laboratorio informatico a gruppi con l’utilizzo del software di selezione dei materiali CES Edu Pack.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
DESIGN 3
Ashby Mike, Johnson Kara, Materiali e Design, CEA, Milano, 2005
Bistagnino L., Design con un futuro, Time & Mind, 2003
Cornish E., Materiali progetto industriale e Design, Hoepli Milano, 1992
Germak C., Uomo al centro del progetto. Design per un nuovo umanesimo, Umberto Allemandi, Torino, 2008 http://www.allemandi.com/university/Progetto_Uomo_INTERNO.p
Lerma B., De Giorgi C., Allione C., Design e materiali. Sensorialità_sostenibilità_progetto, FrancoAngeli, Milano, 2011
Manzini E., La Materia dell’invenzione, Arcadia, Milano 1986
Rognoli V., Levi M., Il senso dei materiali per il design, FrancoAngeli, 2011

VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PROGETTO
Bugané G. (2006) Ufficio marketing & comunicazione. Principi, attività e casi di marketing strategico e operativo, Hoepli, Milano.
Aloi F. (2005) Costi e prezzi. La contabilità dei costi e la formazione dei prezzi in ambiente competitivo, Franco Angeli, Milano.
Kotler P., Trias de Bes F. (2004) Il marketing laterale, Il Sole24 Ore, Milano.

NUOVI MATERIALI PER IL DESIGN
- appunti delle lezioni;
- per alcuni argomenti:
Cigada A., Del Curto B. et al., "Materiali per il design: introduzione ai materiali e alle loro proprietà", Edizioni CEA, 2008
Ashby M.F., H. Shercliff, D. Cebon, "Materiali. Dalla scienza alla progettazione", Edizioni CEA, 2009.
Criteri, regole e procedure per l'esame
Il Laboratorio richiede una assidua frequenza anche in considerazione del giudizio finale che sarà espresso con un unico voto d'esame. Le attività svolte saranno monitorate attraverso valutazioni intermedie, sia a carattere monodisciplinare, sia seminariale con la partecipazione di tutte le discipline. Tali valutazioni intermedie concorreranno al giudizio conclusivo, basato sulla presentazione e discussione degli elaborati finali (scritti e grafici). Le attività di Laboratorio sono svolte dagli studenti accorpati in gruppi, ma il giudizio per ciascuno studente sarà un giudizio individuale (espresso con unico voto), che terrà conto delle valutazioni intermedie (scritte, orali, grafiche) monodisciplinari e seminariali, della valutazione della presentazione e discussione degli elaborati finali e della partecipazione individuale a tale lavoro e ai momenti di presentazione.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2015/16
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti