Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2015/16
01NCZPN
Exhibit design
Corso di Laurea in Design E Comunicazione Visiva - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Borri Brunetto Mauro ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/08 40 20 0 0 5
Vaudetti Marco ORARIO RICEVIMENTO     42 0 0 48 8
Shtrepi Louena   RB ING-IND/11 60 0 0 9 2
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/08
ICAR/16
ING-IND/11
6
6
6
A - Di base
B - Caratterizzanti
A - Di base
Formazione tecnologica
Design e comunicazioni multimediali
Formazione tecnologica
Esclusioni:
01NDA
Presentazione
Il Laboratorio, a carattere multidisciplinare, include contributi da settori disciplinari differenti (Design dell'Esporre, Luce,suono,clima,Principi di Statica) che si integrano con l'obiettivo primario di sviluppare nello studente una base di cultura generale nel campo dell'esporre, facendo riferimento sia al settore dell'Exhibit (mostre, eventi, esposizioni) sia a quello del Retail ( punti vendita, negozi, concept store, temporary store), sviluppando la conoscenza dei riferimenti esigenziali e dei principali metodi e criteri per esporre .
Un secondo obiettivo è quello di far seguire all'impostazione metodologica un'applicazione progettuale che spinga lo studente a misurarsi con aspetti di dettaglio, di sperimentazione del comportamento dei materiali e degli elementi strutturali per progettare (capacità metodologica di come si affronta il problema) e costruire (capacita di realizzazione) i sistemi espositivi. Saranno inoltre prese in considerazione le relazioni funzionali e tecniche tra evento espositivo e contesto ambientale e architettonico.
Il Laboratorio è semestrale e collocato al 2° periodo didattico - indirizzo DESIGN DI PRODOTTO -: completa ed approfondisce le acquisizioni teoriche fornite da altri corsi nei semestri precedenti.
Risultati di apprendimento attesi
Comprensione dell'esperienza progettuale del prodotto espositivo e del suo rapporto con lo spazio attraverso contributi interdisciplinari: a partire da tematiche definite di interventi espositivi, sviluppare soluzioni innovative, sostenibili e condivisibili approfondendo le problematiche tecniche correlate.
Capacità di identificare, analizzare e risolvere i problemi progettuali utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati: verificare la validità delle soluzioni proposte anche dal punto di vista tecnico-costruttivo e fruitivo nello spazio.
Capacità di descrivere e interpretare i problemi posti dal contesto al fine di predisporre strategie e soluzioni progettuali appropriate e pertinenti.
Capacità decisionali nella consapevolezza del proprio ruolo, coscienza delle responsabilità professionali, etiche, sociali del lavoro del designer.

Più in particolare:
1. Conoscenza dell'evoluzione del mostrare, con particolare riferimento alle innovazioni nei settori dell'exhibit e del retail.
2. Capacità di sviluppare una proposta che risulti corretta sia dal punto di vista della rispondenza a criteri esigenziali e prestazionali, sia dal punto di vista della fattibilità costruttiva, sia della contestualizzazione della proposta negli spazi scelti.
3. Autonomia progettuale.
4. Conoscenze di base e capacità di scelta tra diverse soluzioni tipologiche e strutturali.
5. Abilità comunicativa spiccata, nel proporre soluzioni per 'mostrare'.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Si richiedono ottime conoscenze della geometria descrittiva e delle tecniche della rappresentazione, indispensabili per affrontare e redigere il progetto e in particolare:
- ottima conoscenza della geometria cartesiana e delle tecniche di rappresentazione sia manuali che informatiche;
- una spiccata capacità di osservazione del mondo circostante e grande curiosità nei confronti delle tecnologie costruttive e dei materiali;
- buona capacità di analisi e di sintesi.
Programma
Il Laboratorio intende illustrare le seguenti problematiche specifiche:
- l'evoluzione dell'esporre sia nell'Exhibit che nel Retail
- i rapporti tra esposizione/informazione/comunicazione/ interattività e multimedialità/grafica e comunicazione.

Nel corso delle lezioni verranno inoltre illustrati e discussi i seguenti argomenti:
- le principali categorie espositive
- criteri espositivi
- principi di statica: funzioni di forma e funzioni di resistenza dei corpi e degli elementi strutturali
- principi di fisica tecnica ambientale: luce, suono e clima nel design dell'esporre
- caratteristiche di elementi e sistemi di produzione seriale
- materiali e finiture
- luce e colore

Particolare attenzione sarà rivolta:
- all'analisi ambientale, esigenziale e prestazionale
- al comfort delle raccolte, del pubblico, del contenitore edilizio
- alla conoscenza dei materiali e alle loro applicazioni in campo
- all'integrazione del progetto espositivo con il progetto della luce e con la grafica

Il Laboratorio ha carattere multidisciplinare e comprende i seguenti contributi disciplinari:
DESIGN DELL'ESPORRE (6CFU, 60 ore)
Sviluppa in particolare le conoscenze metodologiche e applicative inerenti il mostrare.
Fornisce allo studente una base di cultura generale nel settore dell’exhibit e del retail insieme alla conoscenza dei riferimenti esigenziali e dei principali metodi e criteri per il progetto in questi settori.
All’impostazione metodologica fa seguire un’applicazione progettuale che spinga lo studente a misurarsi sia con aspetti di dettaglio e di costruzione, sia con le relazioni tra evento e contesto ambientale e architettonico.


LUCE, SUONO, CLIMA (6CFU, 60 ore)
Sviluppa le conoscenze relative alla caratterizzazione delle condizioni ambientali di esposizione con particolare riferimento agli aspetti luce, suono e clima. In particolare nelle lezioni verranno definiti i parametri e le grandezze di caratterizzazione dell'ambiente luminoso, acustico e termico ed i principi per il comfort ambientale e la conservazione dei materiali; verranno forniti gli strumenti per la valutazione delle prestazioni fotometriche, acustiche e termiche di materiali e componenti di impianto utilizzati nell'esporre, con particolare attenzione agli impianti di illuminazione artificiale, e verranno illustrati gli strumenti numerici ed informatici per la simulazione dei risultati riferiti al progetto della luce intesa come elemento essenziale per la fruizione e la valorizzazione dell'oggetto dell'esporre. Particolare attenzione verrà dedicata allo sviluppo di soluzioni improntate al contenimento dei consumi energetici e all'uso di tecnologie innovative.

PRINCIPI DI STATICA (6CFU, 60 ore)
Sviluppa le conoscenze relative alle funzioni di forma e funzioni di resistenza dei corpi e degli elementi strutturali. Attraverso lo studio specifico degli argomenti teorici fondamentali per la comprensione di schemi statici semplici. Fornisce esempi pratici che potranno essere utilizzati per la risoluzione degli schemi utili nell’ambito del design dell’esporre. Il contributo si propone di offrire gli strumenti idonei a considerare la progettazione come un processo integrato tra dimensionamento strutturale, comportamento e resistenza dei materiali, ricerca della forma strutturale più idonea.
Organizzazione dell'insegnamento
Per quanto riguarda le applicazioni progettuali verrà proposto un tema espositivo, sviluppato anche mediante una serie di esercitazioni in aula e in Laboratorio , da sviluppare facendo riferimento sia alle esperienze internazionali in atto nel settore, sia ai presupposti culturali del design dell'esporre.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Principali testi di riferimento:
-Vaudetti M.,Canepa S.,Musso S.,Espore Allestire Vendere, Wolters Kluwer Italia, Milano 2014
- Vaudetti M., Biblioteche e musei, Utet Scienze e Tecniche, Torino 2005
- Vaudetti M., Edilizia per il commercio , Utet Scienze e Tecniche, Torino 2007
- Polano S., Mostrare, Lybra Immagine, Milano 1988
- Scodeller D., Negozi-l'architetto nello spazio della merce, Electa, Milano 2007
- Domus Dossier, Esporre ' numero monografico della rivista DOMUS, Aprile 1997

- Algostino F., Faraggiana G., Sassi Perino A.M., Scienza delle costruzioni, UTET, Torino 1998, voll. I, II
- Algostino F., Faraggiana G., Esercizi di Scienza delle costruzioni, UTET, Torino 2002.

- Forcolini G., Lighting - Lampade, apparecchi, impianti, progettazione per ambienti interni ed esterni, HOEPLI, Milano 2004
- Spagnolo R. (a cura di), Manuale di acustica applicata, CittàStudi, Milano 2008.
- G. Alfano, F.R. D'Ambrosio, G. Riccio, La valutazione delle condizioni termoigrometriche negli ambienti di lavoro: comfort e sicurezza, CUEN, Napoli, 1997

Sintesi degli argomenti trattati e copia delle slide in powerpoint usate durante le lezioni sono disponibili sul portale della didattica.
Altre indicazioni bibliografiche più specifiche saranno contenute nelle sintesi presenti sul portale o verranno fornite durante il Laboratorio.
Criteri, regole e procedure per l'esame
Il Laboratorio richiede una assidua frequenza anche in considerazione del giudizio finale che sarà espresso con un unico voto d'esame. Le attività svolte saranno monitorate attraverso valutazioni intermedie, sia a carattere monodisciplinare, sia seminariale con la partecipazione di tutte le discipline. Tali valutazioni intermedie concorreranno al giudizio finale, basato sulla presentazione e discussione di elaborati finali (scritti e grafici). Le attività di Laboratorio sono svolte dagli studenti accorpati in gruppi, ma il giudizio per ciascuno studente sarà un giudizio individuale (espresso con unico voto), che terrà conto delle valutazioni intermedie (scritte, orali, grafiche) monodisciplinari e seminariali, della valutazione della presentazione e discussione degli elaborati finali, della partecipazione individuale a tale lavoro, delle conoscenze acquisite attraverso i contributi di lezione.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2015/16
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti