en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2017/18
01NTQOD
Tecnologie per le nanoscienze
Corso di Laurea in Ingegneria Fisica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Lamberti Andrea   O2 FIS/03 37 8 15 10 6
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
FIS/03
FIS/03
2
4
E - Per prova finale e conoscenza della lingua straniera
A - Di base
Per la prova finale
Fisica e chimica
Presentazione
Questo insegnamento, collocato al secondo semestre del terzo anno, intende fornire agli studenti in Ingegneria Fisica gli strumenti per la conoscenza delle principali tecnologie di processo e manipolazione, dei principali metodi di caratterizzazione e produzione di alcuni classi di materiali avanzati e nanomateriali di interesse per le nanoscienze e per applicazioni nei settori dell'ottica e fotonica, della sensoristica, dell'energia e per applicazioni nel settore dell'informazione e della comunicazione (ICT).
Il corso è suddiviso in tre parti: nella prima sono trattati gli aspetti fondamentali della preparazione degli ambienti tipici delle tecnologie di crescita e manipolazione e delle tecniche di produzione dei materiali con particolare attenzione ai film sottili. Nella seconda parte lo studente apprende nozioni basilari delle tecniche di caratterizzazione dei materiali, acquisendo gli strumenti essenziali per studiare le proprietà strutturali e morfologiche a livello micro- e nanoscopico. Nella terza parte, viene fornita allo studente una introduzione alle tecniche di manipolazione e processo di materiali e superfici su scale micro- e nanometriche.
Le conoscenze conseguite formano le basi per la comprensione di numerosi successivi insegnamenti delle Lauree Magistrali alle quali il laureato in Ingegneria fisica accede senza debiti formativi.
Le abilità raggiunte riguardano la preparazione tramite tecniche di tipo fisico e la caratterizzazione di materiali artificiali per applicazioni nei settori delle nanoscienze e nanotecnologie.
Risultati di apprendimento attesi
Le conoscenze trasmesse allo studente riguardano:

- la preparazioni di ambienti per processi ad alta tecnologia.
- i metodi fisici di produzione di materiali per alta tecnologia.
- le tecniche di manipolazione e di processo dei materiali e delle superfici su scale sub-micrometriche.

Le abilità trasmesse consistono:

- nell'applicazione delle tecniche di caratterizzazione di materiali e superfici.
- nell'ottimizzazione di materiali artificiali per applicazioni alle nanoscienze
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Le conoscenze ritenute già acquisite riguardano tutta la Fisica di base (meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, ottica ondulatoria, elementi di struttura della materia), la meccanica quantistica, le statistiche quantistiche per fermioni e bosoni, la fisica dello stato solido ed i dispositivi elettronici..

Le abilità che gli studenti devono già possedere riguardano l'applicazione dei principi della meccanica quantistica, statistica e dello stato solido a sistemi semplici e complessi; l'integrazione di concetti propri della Fisica nell'ingegneria dei dispositivi elettronici.
Programma
Tecnologie per la produzione del vuoto e per la preparazione di ambienti per alta tecnologia (1,2 cr)
Elementi base di criogenia (2,3 cr)
Tecnologie per la crescita di materiali e per la produzione di film sottili. Tecniche di modifica delle superfici. Elementi di tecniche di caratterizzazione di materiali e superfici. Analisi delle proprietà strutturali e tecniche di microscopia. Tecniche di manipolazione e processo di materiali e superfici (2,5 cr)
Organizzazione dell'insegnamento
Il corso prevede, accanto a 3,3 cr di lezioni teoriche, 1,7 cr di laboratorio. Nelle attività di laboratorio gli studenti, organizzati in piccole squadre, partecipano a esperimenti che utilizzano tecnologie e strumentazione discussa a lezione.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Materiale messo a disposizione dai Docenti
Criteri, regole e procedure per l'esame
L’esame finale consiste in un orale. L'orale ha una durata di 15'-20' e riguarda tutti gli argomenti trattati nelle lezioni. Gli studenti dovranno anche produrre delle relazioni delle attività di laboratorio, che valutate potranno concorre fino ad un massimo di 2 punti aggiuntivi sul voto finale. Ogni studente dovrà inoltre preparare l’approfondimento di un argomento concordato con il docente e discusso durante la prova orale per il conseguimento del credito aggiuntivo di prova finale (cod. 26IBNOD).
Altre informazioni

Il corso viene normalmente tenuto da tre docenti responsabili rispettivamente della parte di tecnologie del vuoto, della parte di criogenia e della parte di preparazione, caratterizzazione e processo di materiali. I docenti curano congiuntamente la tempistica e gli argomenti delle attività di laboratorio allo scopo di fornire agli studenti un percorso formativo coerente.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2016/17
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti