Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2014/15
01QJKQN
Atelier Progetto urbanistico A
Corso di Laurea Magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Forni Elisabetta ORARIO RICEVIMENTO     28 0 0 0 2
Voghera Angioletta ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/21 42 0 0 20 6
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/21
SPS/10
6
4
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Progettazione urbanistica e pianificazione territoriale
Discipline economiche, sociali, giuridiche per l'architettura e l'urbanistica
Presentazione
Il corso di Laurea magistrale in "Architettura per la sostenibilità" intende formare un progettista consapevole delle ricadute, alle diverse scale e nei diversi contesti territoriali, delle scelte progettuali compiute, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, economica, sociale e culturale nella gestione delle risorse disponibili. Al centro del progetto viene posto quindi lo sviluppo "sostenibile", in cui i sistemi urbani hanno un ruolo strategico. Il progetto urbanistico si caratterizza come progetto complesso: insieme agli obbiettivi di sostenibilità ambientale vengono ricercati la coesione sociale, la fattibilità economica, l’equità distributiva, la qualità morfologica. I temi progettuali verteranno quindi su problemi di trasformazione urbana complessi, in cui l'impiego delle risorse territoriali e ambientali può essere esaminato alla luce di tali obbiettivi.
Risultati di apprendimento attesi
Gli studenti in questo Atelier acquisiscono conoscenze multiple e specialistiche riguardanti in particolare:
- il concetto di sostenibilità, nelle sue diverse accezioni e nella sua evoluzione disciplinare;
- le tecniche di analisi e rappresentazione del territorio;
- la comprensione del sistema di segni, significati e usi che caratterizzano il paesaggio;
- la conoscenza delle esigenze sociali ed ambientali necessarie per la progettazione;
- la struttura morfologica dei luoghi, i caratteri fisico-spaziali e organizzativi degli insediamenti;
- le caratteristiche sociali e culturali delle comunità locali, le loro relazioni con l'ambiente naturale e costruito;
- il processo progettuale alle diverse scale, dal punto di vista formale, funzionale, nelle sue relazioni con il contesto socio-economico e ambientale.
Tali conoscenze vengono acquisite con un apparato di lezioni frontali monodisciplinari ed una esercitazione progettuale congiunta su un tema urbanistico, con momenti di discussione seminariale, anche in piccoli gruppi.
A conclusione lo studente deve avere acquisito le capacità di:
- analizzare qualitativamente il contesto degli spazi urbanizzati e aperti, scegliere strategie e strumenti operativi appropriati, di far condividere la trasformazione proposta;
- raccogliere, organizzare e interpretare dati per la conoscenza del territorio e delle comunità insediate e di saper operare nella progettazione in ambiti territoriali complessi in collaborazione con altre professionalità;
- comprendere e di essere in grado di utilizzare i parametri urbanistici necessari per una trasformazione urbana;
- di prevedere le ricadute a livello sociale e ambientale e di valutare le ripercussioni che le trasformazioni proposte possono indurre sugli assetti esistenti;
- rappresentare in modo efficace il progetto.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Le competenze e le conoscenze che lo studente deve aver acquisito nel percorso formativo pregresso, riguardano in particolare gli elementi tecnici della progettazione urbanistica, le nozioni di storia dell'architettura che consentono di riconoscere stili e periodi costruttivi, l’estimo inteso come capacità di valutazione di costi e prezzi immobiliari e di comprensione delle scelte di carattere economico-finanziario, la geografia relativa ai caratteri socio-economici tipizzanti dei luoghi nei differenti ambienti insediativi, il sistema delle autonomie locali nella articolazione dei poteri e delle procedure da adottarsi per portare a compimento le operazioni previste, la sociologia urbana nell’applicazione delle tecniche di coinvolgimento partecipativo delle popolazioni coinvolte nel progetto.
Programma
L'Atelier mira a procurare padronanza concettuale e operativa delle numerose e differenti discipline che convergono nel progetto alla scala urbanistica. Il progetto si incentra sulla trasformazione urbano-territoriale della località prescelta, muove dall'analisi degli strumenti vigenti e approda alla loro applicazione (o variazione) sulla base di un approfondimento che consenta di verificare l'applicazione dei criteri di sostenibilità ambientale, sociale, economica. L'Atelier si articola in lezioni ex-cathedra (40% circa dell’orario previsto per la parte urbanistica), indagini operative, confronti seminariali e revisioni sullo stato di avanzamento (60% dell’orario).
Il modulo di sociologia dell'ambiente e del territorio si propone di offrire una comprensione approfondita della dimensione sociale della sostenibilità, con riferimento al progetto urbanistico e concorre a svolgere un complesso di attività che consentono di acquisire conoscenze teorico-metodologiche e competenze pratiche relativamente a percezione soggettiva dell'ambiente costruito, qualità della vita urbana e equità sociale, partecipazione della cittadinanza al processo decisionale.
Organizzazione dell'insegnamento
Le modalità didattiche prevedono lezioni frontali mono e pluri-disciplinari, anche con la partecipazione di relatori esterni (tecnici, amministratori pubblici, docenti di altre materie connesse, esperti in campi specifici, ecc.) sopralluoghi e visite guidate, che orientano il loro contenuto all'esperienza concreta del progetto, da svolgersi prevalentemente in aula (e, se del caso, nei laboratori informatici). Si effettuano altresì verifiche periodiche di tipo collegiale, sullo stato di avanzamento del progetto.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Indicazioni bibliografiche vengono specificate di volta in volta dal docente titolare dell’insegnamento nelle lezioni e nel corso del lavoro di progettazione, in relazione alle specifiche esigenze dei temi affrontati nell'attività dell'Atelier. In ogni caso il materiale di base (sotto forma di dispense e raccolte di documenti, sia di studio sia di utilizzo nella progettazione d’atelier) viene messo a disposizione degli studenti iscritti, per le lezioni e le esercitazioni, attraverso il portale della didattica.
Criteri, regole e procedure per l'esame
La frequenza all’Atelier è condizione per poter sviluppare positivamente le attività previste. Le conoscenze acquisite sono verificate attraverso la discussione degli elaborati richiesti dalla docenza, un test scritto a risposta libera e eventuali colloqui che vertono sugli aspetti teorici ed applicativi delle diverse discipline di cui si compone l'Atelier. Richiedono inoltre approfondimenti di argomenti monografici, o la stesura di relazioni su argomenti tecnici. Lo studente sostiene la prova di esame singolarmente, all’interno del gruppo di cui fa parte, recando con sé la valutazione che ottenuta nella prova scritta d’esame e che viene tenuta in considerazione ai fini dell’emissione del giudizio complessivo. La valutazione finale tiene conto delle valutazioni in itinere, della presentazione e discussione degli elaborati definitivi e del lavoro complessivamente svolto dal gruppo, ma anche della partecipazione individuale a tale lavoro. L'esame è superato soltanto nel caso in cui lo studente riporti un giudizio sufficiente in tutte e due le discipline afferenti l'Atelier.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2014/15
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti