Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2017/18
01QNAPL
Elementi di diritto privato
Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Mantelero Alessandro ORARIO RICEVIMENTO A2 IUS/01 64 16 0 0 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
IUS/01 8 C - Affini o integrative A11
Presentazione
Il corso di Elementi di Diritto Privato mira a far acquisire allo studente il lessico ed i concetti di base del diritto privato italiano, con particolare attenzione all'ambito contrattuale e della responsabilità civile.
Risultati di apprendimento attesi
Il corso consente di conseguire le conoscenze basilari del diritto privato italiano, in relazione alle sue aree principali (persone, diritti sulle cose, contratto ed obbligazioni, responsabilità civile). Alo studente è richiesto di comprendere la logica dei diversi istituti, nonché la connessione e l’interrelazione esistente fra gli stessi.
Grazie a tali conoscenze, lo studente sarà in grado di sviluppare le seguenti abilità:
- comprensione ed utilizzo del linguaggio giuridico di base
- capacità di analizzare problemi giuridici elementari di tipo casistico
- capacità di risolvere quesiti e casi giuridici elementari
Tali competenze consentiranno allo studente di avere un approccio maggiormente consapevole delle problematiche giuridiche correlate all’attività di impresa, con particolare riguardo ai profili contrattuali e della responsabilità civile.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Nessuno.
Programma
Preliminarmente all'analisi dei diversi istituti del diritto privato verranno svolte alcune lezioni introduttive al fenomeno giuridico, volte a definire il contesto all'interno del quale le singole regole si collocano ed a delineare le dinamiche e le interazioni fra i diversi soggetti che concorrono nel definire i contenuti dell'ordinamento giuridico.

La trattazione dei diversi istituti del diritto privato seguirà la seguente partizione per macro-aree:
- i soggetti;
- i diritti soggettivi e la loro tutela;
- i diritti della personalità ed il loro sfruttamento economico;
- la proprietà ed i diritti reali;
- il contratto in generale;
- i contratti commerciali;
- la responsabilità civile e per attività di impresa.
Le ultime tre aree sono quelle su cui l’analisi verrà maggiormente approfondita, in ragione della loro attinenza all'attività di impresa.
Organizzazione dell'insegnamento
Dal punto di vista metodologico, il corso non prevede la tradizionale lezione frontale, bensì una ricerca condivisa ed interattiva fra docente e studenti, al fine di cogliere - attraverso l'impiego della logica giuridica - gli elementi caratterizzanti i vari istituti. Da tale scelta di metodo consegue che agli studenti frequentanti verrà richiesta una partecipazione attiva alle lezioni e che quest'ultime non costituiscono una trattazione completa nei dettagli della materia, mirando a delineare gli aspetti di maggior rilievo e complessità del diritto privato, lasciando allo studio individuale l'apprendimento nozionistico dei profili minori e di dettaglio, che non necessitano di una particolare disamina.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
La preparazione dell'esame va effettuata sui seguenti materiali:
- Zatti-Fusaro, Diritto privato. Corso istituzionale, CEDAM, ult. ed.
- appunti di lezione
Verranno inoltre rilasciati on-line materiali integrativi, utili allo studio della materia, ma non sostitutivi dei precedenti.
Criteri, regole e procedure per l'esame
L’esame è in forma scritta, secondo una delle seguenti modalità, a scelta dello studente:
- esame a domande aperte
- esame in modalità semplificata

Entrambe le modalità consentono l’uso del Codice Civile durante l’esame. Il codice non deve essere commentato, né contenere schemi o annotazioni di commento.

ESAME A DOMANDE APERTE
Struttura
L'esame è strutturato in tre domande aperte.
La prova utilizza un modulo pre-stampato con l'indicazione dello spazio massimo disponibile per rispondere a ciascuna domanda. La valutazione dell'elaborato prevede un punteggio differenziato per le domande in ragione della complessità delle stesse:
- prima domanda (risoluzione di un caso di maggior complessità): max 12 punti;
- seconda domanda (risoluzione di un caso di minor complessità): max 10 punti;
- terza domanda (risposta ad un quesito teorico): max 8 punti.

Per superare l'esame occorre ottenere la sufficienza in almeno due domande (queste le rispettive soglie di sufficienza: 6/12, 5/10, 4/8), nonché la votazione globale pari o superiore a 18/30.
Non è previsto in nessun caso l'esame orale, né sostitutivo della prova scritta, né integrativo della medesima. In via eccezionale, la prova orale sostitutiva di quella scritta potrà essere prevista a discrezione del docente quando giustificata dal numero esigo dei candidati.

Non è disponibile alcun archivio delle prove d'esame, durante il corso verranno però svolte diverse esercitazioni volte ad apprendere le modalità di risoluzione dei casi oggetto dell'esame.

Durata della prova
60 min.

Prerequisiti
Regolare iscrizione all’appello per via elettronica.


ESAME IN MODALITÀ SEMPLIFICATA
Struttura
L’esame mantiene la struttura della modalità precedente: due casi, una domanda di teoria.
I casi, a differenza della modalità precedente, si equivalgono fra loro come complessità.
La soluzione dei casi è a domanda chiusa con scelte multiple. Ogni caso prevede due domande ed ogni domanda quattro risposte possibili.
La domanda teorica rimane con struttura aperta.

Non è previsto in nessun caso l'esame orale, né sostitutivo della prova scritta, né integrativo della medesima. In via eccezionale, la prova orale sostitutiva di quella scritta potrà essere prevista a discrezione del docente quando giustificata dal numero esigo dei candidati.


Durata della prova
45 min.

Criteri di valutazione
Casi
Le quattro risposte previste per ciascuna delle due domande di ogni caso differiscono per punteggio come segue:
• risposta esatta: 5 punti
• risposta parzialmente esatta: 3 punti
• risposta errata: 0 punti
Ogni domanda prevede una sola risposta esatta, due parzialmente esatte ed una errata.
Domanda di teoria a risposta aperta
La valutazione va da un minimo di 0 ad un massimo di 8 punti, in ragione della qualità della risposta.
In base a quanto sopra descritto, la modalità semplificata d’esame consente di conseguire un voto massimo di 28/30 (10+10+8).

Prerequisiti
Regolare iscrizione all’appello per via elettronica ed email indirizzata al docente entro il termine per l’iscrizione elettronica, avente il seguente contenuto:
Oggetto email: iscrizione modalità semplificata
Contenuto messaggio: nome, cognome, matricola, data appello, "intendo sostenere l’appello con modalità semplificata".

Si precisa che la scelta non può essere variata al momento dell’esame.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2016/17
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti