Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2017/18
01QXMPM
Fondamenti di analisi delle strutture
Corso di Laurea in Architettura - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Barpi Fabrizio ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/08 60 0 0 0 4
Borri Brunetto Mauro ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/08 60 0 0 0 4
Invernizzi Stefano ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/08 60 0 0 0 4
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/08 6 B - Caratterizzanti Analisi e progettazione strutturale per l'architettura
Presentazione
Il corso si propone di fornire allo studente le nozioni e gli strumenti per interpretare e comprendere il comportamento meccanico delle strutture, allo scopo di valutarne la sicurezza. I contenuti sono organizzati in tre parti, rispettivamente dedicate al comportamento meccanico dell’elemento strutturale, ai metodi di analisi delle strutture per il calcolo delle sollecitazioni e degli spostamenti, e ai fondamenti della meccanica dei solidi. L’analisi strutturale è affrontata mediante l’uso di un codice di calcolo professionale di cui vengono illustrati i principi di funzionamento e di applicazione.
Risultati di apprendimento attesi
Al termine del corso lo studente conoscerà le nozioni fondamentali sul comportamento meccanico delle strutture e dei materiali in termini di resistenza e deformabilità, nonché i concetti di base della sicurezza strutturale. Lo studente sarà in grado di comprendere i modelli interpretativi più semplici per la determinazione della risposta strutturale, individuando i parametri geometrici e meccanici da utilizzare, in funzione delle azioni previste. Inoltre, lo studente potrà comprendere e valutare criticamente i risultati dei calcoli eseguiti, anche ottenuti tramite il calcolatore. Lo studente avrà la capacità di schematizzare e risolvere una struttura intelaiata impiegando un codice di calcolo professionale e di provvedere i risultati in termini di sollecitazioni e spostamenti dei punti della struttura. Inoltre, saprà eseguire le verifiche di sicurezza delle sezioni e di stabilità delle membrature.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Nel corso si fa ampio uso di concetti e metodi matematici. È richiesta la conoscenza dell’analisi matematica (concetti di funzione, derivata, integrale, equazione differenziale, vettori e matrici). È inoltre indispensabile la familiarità con il concetto di equilibrio dei sistemi di forze e la capacità di calcolare le reazioni vincolari e di tracciare i diagrammi delle caratteristiche della sollecitazione nelle travature piane isostatiche.
Programma
0. Introduzione e richiami (3 ore):
0.1 introduzione al corso, modalità di esame, strumenti didattici;
0.2 introduzione all’utilizzo di codici di calcolo strutturale.

1. Comportamento degli elementi strutturali (18 ore):
1.1 cinematica della trave, introduzione fenomenologica del legame costitutivo del concio di trave, proprietà geometriche della sezione;
1.2 linea elastica della trave inflessa, esempi e casi notevoli;
1.3 crisi per instabilità dell’equilibrio elastico;
1.4 crisi per raggiungimento del limite di resistenza nelle sezioni.

2. Metodi di analisi strutturale (18 ore):
2.1 metodo delle forze e metodo degli spostamenti;
2.2 esempi di calcolo di semplici strutture iperstatiche;
2.3 calcolo automatico dei sistemi di travi;
2.4 applicazione e utilizzo di codici di calcolo strutturale.

3. Elementi di meccanica del continuo (21 ore):
3.1 stato di deformazione, stato di tensione, legame costitutivo elastico lineare;
3.2 principi di sicurezza strutturale secondo il metodo semiprobabilistico agli Stati Limite;
3.3 il solido di de Saint-Venant: ipotesi di base, casi semplici e composti di sollecitazione (sforzo normale, flessione e pressoflessione retta e deviata, taglio, torsione), esempi di calcolo delle tensioni.
Organizzazione dell'insegnamento
Il corso si svolge mediante lezioni frontali nelle quali vengono presentati tutti gli argomenti in programma e alle quali è raccomandata un’assidua frequenza.
Il corso prevede l’utilizzo di un server web 2.0 per il miglioramento dello studio a casa, sul quale sono disponibili: applicazioni interattive e test periodici di autovalutazione, un social forum per l’interazione tra gli studenti e con i coadiutori ed i docenti, ed attività collaborative tipo wiki.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Il materiale proiettato a lezione è disponibile sul portale della didattica.
Testi di riferimento:
A. Carpinteri, Scienza delle costruzioni, Vol. 1, 2a ed., Pitagora Editrice, Bologna, 1995, ISBN 88-371-0529-0
A. Carpinteri, Scienza delle costruzioni, Vol. 2, 2a ed., Pitagora Editrice, Bologna, 1993, ISBN 88-371-0560-6
Testi complementari:
F.P. Beer, E.R. Johnston, J.T. DeWolf, Meccanica dei solidi – Elementi di scienza delle costruzioni, 2a ed., McGraw-Hill, Milano, 2002, ISBN 88-386-6045-X
M. Salvadori, R. Heller, Le strutture in architettura, 2a ed., Etas, Milano, 1991, ISBN 8845305023
Testi di esercizi:
M. Bertero, S. Grasso, Complementi ed esercizi di scienza delle costruzioni, Levrotto & Bella, Torino, 1984, ISBN 8882180484
E. Viola, Esercitazioni di scienza delle costruzioni, Pitagora Editrice, Bologna, 1985-1994
Criteri, regole e procedure per l'esame
Test composto da 30 domande a risposta chiusa, della durata di un’ora, da svolgersi presso il Laib, con accertamento delle conoscenze, della comprensione degli argomenti, e delle abilità sopra descritte. Il punteggio conseguito corrisponde al voto finale dell’esame. Coloro i quali abbiano conseguito un voto del test almeno pari a 25/30 possono sostenere un colloquio, su un argomento concordato con il docente, per incrementare il voto fino a un massimo di 5 punti.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2017/18
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti