Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
02CHIFU
Sistemazioni idrauliche
Corso di L. Specialistica in Ingegneria Civile - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Claps Pierluigi ORARIO RICEVIMENTO PO ICAR/02 58 46 0 0 3
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/02 5 B - Caratterizzanti Ingegneria civile
Programma
Principi di sistemazione idraulica del territorio: cosa proteggere, da cosa proteggere; il concetto del rischio. Principi di valutazione del rischio idraulico, gli elementi base e la loro interazione nella determinazione dl rischio. La pericolosità, il danno, la vulnerabilità e l’intensità degli eventi.La frontiera di Pareto per la valutazione dei costi legati agli interventi di sistemazione. La mappatura delle classi di rischio: approcci teorici ed applicazioni. Le Fasce Fluviali ed il PSFF.


RICHIAMI DI IDROLOGIA ED IDRAULICA
Fondamenti di moto a superficie libera, moto uniforme, moto permanente
I fenomeni di piena: Condizioni idrologiche di formazione e teoria della propagazione delle onde di piena

PRINCIPI di SISTEMAZIONE E RISCHIO
I principi della protezione idraulica del territorio:
a. Interventi strutturali e non strutturali
b. Interventi distribuiti e localizzati
c. Interveni intensivi ed estensivi
Richiami alle:
d. istituzioni: Regione, Autorità di bacino, etc
e. norme di settore con particolare riguardo al Regolamento di attuazione della L. 183/89, al Piano di Bacino ed ai Piani stralcio sull’assetto idrogeologico.
f. Inquadramento dell’evoluzione giuridico-normativa dalla commissione DeMarchi ad i giorni nostri.

SISTEMAZIONE CON GOLENE E CASSE D’ESPANSIONE
Principi di laminazione delle piene, la scala globale e la scala locale. La laminazione dell'onda di piena con casse di espansione, tipologie, funzionamento ed impatto ambientale.

SISTEMAZIONE CON OPERE STRUTTURALI
Principi di trasporto solido. Le condizioni di dissesto e le possibili diverse interpretazioni. Le alluvioni ed il conseguente dissesto, deposito e scavo.
Le condizioni di dissesto e le metodologie di stabilizzazione planimetrica del corso d'acqua. Soluzioni in materiali sciolti, rip-rap, muri in conglomerato e gabbionate. La protezione dal dissesto: briglie di consolidamento. Fondamenti di moto "bruscamente" vario e briglie di trattenuta


Programma (Prof. P. Claps)
PROGRAMMA DETTAGLIATO ED AGGIORNATO AL 2009 REPERIBILE ALL'INDIRIZZO:

THE COMPLETE COURSE OUTLINE FOR 2009 IS AVAILABLE AT THE ADDRESS:

http://www.idrologia.polito.it/~didattica/PIT/


Laboratori e/o esercitazioni
A) Progettazione di una cassa di espansione
Presentazione del caso di studio ed inquadramento del problema della laminazione.
Modellazione di evento di piena con HEC-HMS. 1. Preparazione dei dati (EVENTO REALE)
Modellazione di evento di piena con HEC-HMS. 1. Costruzione del modello e taratura dei parametri
Utilizzo di HEC-HMS e delle curve di possibilità pluviometrica (RICOSTRUZIONE STATISTICA)
Inquadramento dell'area dove costruire la cassa e tracciamento dei profili con HEC-RAS

B) Protezione dal dissesto: Progettazione di briglie di consolidamento




Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti