Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
02ERAFJ, 02ERADL, 02ERAFI
Oleodinamica
Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica - Torino
Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica - Alessandria
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Nervegna Nicola ORARIO RICEVIMENTO     36 12 8 0 11
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-IND/08 5 B - Caratterizzanti Ingegneria energetica
Obiettivi dell'insegnamento
FinalitÓ del Corso
Si tratta di un modulo didattico che mira, in modo concreto, a costituire una opportuna familiaritÓ con i componenti e i sistemi oleodinamici di potenza e di regolazione applicati su impianti fissi e mobili. Questi vengono considerati in termini di rappresentazione simbologica normalizzata, di caratteristiche e prestazioni. L'allievo apprende quindi la interpretazione di schemi circuitali oleodinamici e la comprensione delle modalitÓ di funzionamento in relazione ai componenti presenti. Le conoscenze di base necessarie per l'utilizzo, la scelta e il dimensionamento di sistemi e componenti oleodinamici costituiscono obiettivo primario del Corso.

Obiettivi Formativi
Al termine del Corso gli allievi devono essere in grado di:
' conoscere i principali componenti oleodinamici, la loro specifica funzione e applicazione in impianti fissi e mobili;
' interpretare correttamente il funzionamento e le potenzialitÓ di un circuito oleodinamico;
' dimensionare un circuito completamente nuovo, scegliendo criticamente i componenti che ne faranno parte, a fronte di determinate specifiche tecniche;
' determinare e confrontare dal punto di vista tecnico e del rendimento la convenienza connessa all'utilizzo di un componente o di un intero impianto in relazione agli usi finali.
Programma
Il programma prevede lo studio dei gruppi di generazione, controllo e utilizzazione della potenza idraulica e dei loro componenti ausiliari, l'analisi di alcuni impianti fissi e mobili completi e un cenno sui fluidi di lavoro impiegati:
Gruppi di alimentazione: a portata fissa e portata variabile, a pressione fissa vera e approssimata, in circuito chiuso e in circuito aperto; loro caratteristiche e prestazioni ideali e reali; classificazione delle macchine volumetriche opera-trici;
Gruppi di controllo: distributori a posizionamento discreto, valvole proporzionali, servovalvole, valvole di regola-zione della portata, valvole di controllo della pressione; caratteristiche di funzionamento ideali e reali di detti compo-nenti;
Gruppi di utilizzazione: attuatori lineari e rotativi, problematiche di stazionamento e movimentazione di carichi resistenti, trascinanti e inerziali, controllo in velocitÓ di uno o pi¨ utenti, tecniche rigenerative, sincronismi; loro caratteristiche e prestazioni ideali e reali; classificazione delle macchine volumetriche motrici lineari e rotative;
Componenti ausiliari: accumulatori, condotti rigidi e flessibili, raccordi, scambiatori di calore, filtri, strumenti di misura, guarnizioni;
Analisi di alcuni tra i seguenti sistemi oleodinamici: trasmissioni idrostatiche, servosistemi di sterzatura, impianto frenante, sistemi di azionamento della frizione e cambio marce, dispositivi di fasatura variabile per MCI.
Fluidi di lavoro: classificazione ISO, proprietÓ fisiche (densitÓ, viscositÓ), modulo di comprimibilitÓ, contamina-zione e suo controllo.
Laboratori e/o esercitazioni
ESERCITAZIONI
Si prevede lo svolgimento, da parte degli allievi guidati da un docente, di esercizi numerici sugli argomenti trattati durante il corso e la presentazione di realizzazioni costruttive di componenti e sistemi oleodinamici a complemento e preparazione delle esperienze di laboratorio.

LABORATORI
Sono previste 4 esperienze di laboratorio, svolte a squadre e della durata di 2 ore ciascuna, scelte dal docente ogni anno tra le seguenti:
Smontaggio e analisi di componenti: vengono illustrati e spiegati alcuni componenti (pompe, attuatori rotativi e line-ari, valvole di controllo della direzione, della portata e della pressione) comunemente utilizzati negli impinti reali.
Centrale di alimentazione: Ŕ prevista l'analisi del funzionamento e la visita guidata al gruppo di alimentazione da 100 kW installato al piano interrato del laboratorio.
Centralina didattica: vengono rilevate le prestazioni di alcuni semplici circuiti oleodinamici (taratura di una valvola limitatrice di pressione, azionamento in serie e parallelo di attuatori lineari, utilizzo di logiche di sequenza, controllo della velocitÓ di rotazione di motori a cilindrata fissa mediante strozzatore variabile o valvola regolatrice di portata).
Rilievo delle caratteristiche stazionarie e istantanee di una pompa: utilizzando i banchi prova presenti nel laborato-rio si ricano sperimentalmente alcune curve caratteristiche stazionarie (Q-p, Q-n, C-p, C-n) e istantanee (oscillazioni di pressione) di una macchina volumetrica operatrice (a ingranaggi, a stantuffi, a palette).
Sistemi Load Sensing: vengono smontati, analizzati e commentati diversi componenti che sfruttano il principio load sensing (distributori proporzionali PVG60 e PVG32, valvole di prioritÓ, pompe a cilindrata variabile con limitatore differenziale di pressione). Attraverso misure sperimentali di portata, pressione e rendimento, guidate da pagine html, si confrontano le capacitÓ di controllo in velocitÓ e risparmio energetico offerte da questi sistemi abbinati a un gruppo di alimentazione a portata fissa e uno a portata variabile.
Servovalvole elettroidrauliche: vengono smontate, analizzate e commentate le due tipologie principali (nozzle flap-per, jet pipe) di servovalvole presenti sul mercato. In seguito vengono ricavate le caratteristiche stazionarie e dinami-che di una di queste facendo uso di un banco prova per la certificazione a norma ISO.
Simulazione: facendo ricorso ad un ambiente software specifico (AMESim) vengono affrontate le problematiche di modellizzazione e simulazione di alcuni semplici componenti e sistemi oleodinamici.
Servosistemi di sterzatura: vengono smontati, analizzati e commentati alcuni servosistemi di sterzatura idrostatica impiegati su autoveicoli (servosterzo), natanti e macchine movimento terra (idroguida, amplificatore di portata).
Sistemi elettroidraulici di frenatura: vengono smontati, analizzati e commentati i componenti presenti in un impianto frenante (servofreno a depressione, pompa doppia, ABS) di diverse case costruttrici (Bosch, Nissin-Honda).
Valvole oleodinamiche: vengono smontate, analizzate e confrontate diverse valvole di controllo della direzione, della pressione e della portata fornite da diverse ditte costruttrici. Particolare enfasi viene data alla metodologia per rica-vare lo schema simbologico equivalente, secondo normativa ISO, del componente.
Pompe, motori e attuatori lineari: vengono smontate, analizzate e confrontate diverse tipologie di macchine volume-triche operatrici (pompe a ingranaggi, a palette, a stantuffi) e motrici (attuatori rotativi, semirotativi e lineari) di diverse case costruttrici.
Per una delle esercitazioni di laboratorio Ŕ prevista la stesura di un breve elaborato scritto da presentare all'esame.
Note


Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti