Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2016/17
02NDAPN
Communication design I
Corso di Laurea in Design E Comunicazione Visiva - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Cafarelli Michele ORARIO RICEVIMENTO     60 0 0 35 5
Guida Fabio ORARIO RICEVIMENTO     60 0 0 35 8
Molinar Piergiuseppe ORARIO RICEVIMENTO     60 0 0 20 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/13
ICAR/13
ING-IND/16
6
6
6
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Design e comunicazioni multimediali
Design e comunicazioni multimediali
Discipline tecnologiche e ingegneristiche
Presentazione
Il Laboratorio multidisciplinare ha come obiettivo quello di fornire gli strumenti tecnici e culturali per l'elaborazione di progetti di comunicazione nel campo dell'identità visiva e relative applicazioni, dai supporti cartacei istituzionali e promozionali, alla grafica editoriale, ai sistemi di segnaletica, al packaging, ecc. I differenti apporti tematici si integrano con l'obbiettivo di affrontare i requisiti del prodotto di comunicazione riferiti alle questioni specifiche delle differenti fasi del processo realizzativo: dalle problematiche progettuali (culturali, etiche, funzionali, compositive di tipo metodologico-progettuale,..) a quelle produttive (conoscenze tecniche di base dei processi dell'industria grafica e cartotecnica, di fattibilità tecnologica, delle attrezzature e dei cicli produttivi, nonché dei materiali impiegati per la realizzazione dei prodotti). Il Laboratorio è semestrale e collocato al 2° periodo didattico, indirizzo DESIGN GRAFICO&VIRTUALE: completa ed approfondisce le acquisizioni teoriche fornite da altri corsi nei semestri precedenti.
Risultati di apprendimento attesi
- Conoscenze nel campo della cultura del progetto e delle modalità e metodologie di approccio.
- Conoscenze nel campo delle tecniche di produzione di prodotti grafici-cartotecnici.
- Conoscenze nel campo della grafica
- Capacità di sviluppare analisi finalizzate alla conoscenza di uno specifico tema progettuale o ambito di mercato, per individuarne vincoli ed opportunità di progetto.
- Capacità di affrontare un progetto di comunicazione visiva, di rispondere in maniera efficace alle richieste specifiche, di valutarne la fattibilità e di gestirne le fasi.
- Capacità di comunicare con chiarezza una proposta progettuale attraverso rappresentazioni grafiche efficaci.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Conoscenze consolidate nel campo della metodologia progettuale, competenze relative alla rappresentazione del progetto, cognizioni dei requisiti ambientali della progettazione.
Programma
Il Laboratorio ha carattere interdisciplinare e integra le discipline:

DESIGN PER LA COMUNICAZIONE VISIVA 1(6CFU, 60 ore)
L'attività, a carattere prevalentemente progettuale, è incentrata sullo sviluppo di una tematica definita anno per anno, articolata in esercitazioni e lezioni frontali. Tra le tematiche delle lezioni frontali: Metodologia progettuale: briefing, scenario, sistema esigenziale, avanprogetto, fase escutiva; Sistemi di comunicazione e promozione di un servizio/prodotto; Sviluppo di progetti grafici e di comunicazione: ideazione, fasi e tipologie di presentazione.

GRAFICA (6CFU, 60 ore)
L'attività, articolata in comunicazioni frontali ed esercitazioni, intende fornire gli strumenti teorici capaci di supportare la fase della sperimentazione. In particolare l'attività esercitativa si focalizzerà sul tema progettuale sviluppato nel corso di Design per la Comunicazione Visiva 1. Tra le tematiche delle lezioni frontali: La griglia: tipologie e sviluppo; Il carattere e lo stile; Meccanica del testo (interlinea, paragrafo, margini, allineamento); Texture; Uso del colore; Segno, senso, significato; Identità visiva e immagine coordinata; Marchio e logo: linguaggio e funzioni; Percezione della struttura narrativa dell'immagine; Gerarchia visiva degli elementi grafici; Uso dell'immagine.

SISTEMI DI PRODUZIONE IN CAMPO GRAFICO (6CFU, 60 ore)
L'attività, a carattere teorico ed esercitativo, ha come fine la definizione degli strumenti di produzione in campo grafico utili per realizzare alcune tipologie di prodotto e a diversa scala: dall'immagine aziendale coordinata al libro e alle riviste. In particolare l'attività esercitativa si focalizzerà sul tema progettuale sviluppato nel corso di Design per la Comunicazione Visiva 1.
Tra le tematiche delle lezioni frontali: Software per realizzazioni grafiche.
Formati dei file di maggior utilizzo: file nativi, mappa di bit, file raster e vettoriali, dimensioni e risoluzione file, creazione di file ps e PDF e utilizzo nei flussi di lavoro;
La tipografia e la redazione dei testi: il sistema duodecimale, la classificazione dei caratteri, regole d’impaginazione, le normative editoriali e la correzione di bozze;
Colore e inchiostri: cenni di colorimetria e profili ICC, i sistemi RGB CMYK e pantone, composizione degli inchiostri; Formatura: preparazione e tecniche impiegate, segnature e imposizione, nuove tecnologie: work-flow e computer to plate; Cartotecnica e sue problematiche; Industria grafica, entipologia e procedimenti di stampa: planografico (Offset e rotooffset), rilievografico (Flessografia), incavografico (rotocalco), permeografico (serigrafia); Allestimento dello stampato: macchine da piega, raccolta, cucitura, brossura e loro funzionamento.

SISTEMI DI PRODUZIONE IN CAMPO GRAFICO (6CFU, 60 ore)
L'attività, a carattere teorico ed esercitativo, ha come fine la definizione degli strumenti di produzione in campo grafico utili per realizzare alcune tipologie di prodotto e a diversa scala: dall'immagine aziendale coordinata al libro e alle riviste. In particolare l'attività esercitativa si focalizzerà sul tema progettuale sviluppato nel corso di Design per la Comunicazione Visiva 1.
Tra le tematiche delle lezioni frontali: Software per realizzazioni grafiche. Formati dei file di maggior utilizzo: file nativi, mappa di bit, file raster e vettoriali, dimensioni e risoluzione file, creazione di file ps e PDF e utilizzo nei flussi di lavoro; Formatura: preparazione e tecniche impiegate, segnature e imposizione, nuove tecnologie: work-flow e computer to plate; Cartotecnica e sue problematiche; Industria grafica, entipologia e procedimenti di stampa: planografico (Offset e rotooffset), rilievografico (Flessografia), incavografico (rotocalco), permeografico (serigrafia); Allestimento dello stampato: macchine da piega, raccolta, cucitura, brossura e loro funzionamento.
Organizzazione dell'insegnamento
Il Laboratorio ha carattere interdisciplinare e si compone di tre discipline (6CFU) organizzate in lezioni e brevi esercitazioni (4CFU) più un contributo di approfondimento (2CFU) finalizzato alla macro-esercitazione di Laboratorio attivata da Design per la comunicazione visiva, disciplina fondamentale nella formazione del designer.
Ogni anno il Laboratorio avrà un focus tematico comune (dall'immagine aziendale coordinata al libro, alle riviste, al packaging di prodotto), nell'ambito del quale si articoleranno le esercitazioni proposte dalle diverse discipline.
L'attività è sviluppata in gruppi (massimo 3-4 per gruppo), che insieme lavoreranno al fine di elaborare nuovi prodotti ricchi di contenuti culturali, espressivi e sostenibili dal punto di vista tecnico e produttivo.
Sono previste interventi di professionisti esterni, visite in aziende e presso fiere del settore.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Sintesi degli argomenti trattati, copia delle slide in powerpoint usate durante le lezioni e documenti utili all'organizzazione delle attività dei gruppi sono disponibili sul portale della didattica.
Alcuni testi di riferimento:
- Munari B., Design e Comunicazione Visiva, Laterza, Bari 2008
- Bistagnino L., Design con un futuro, Time & Mind, Torino 2003
- Van Roojen P., How to fold, The Pepin Press /agile rabbit editions, Amsterdam 2002
- Pathak H., Structural Package Designs, The Pepin Press /agile rabbit editions, Amsterdam 1999
- Hachen M., Scienza della visione - 'Spazio e Gestalt, design e comunicazione' - Edizione Apogeo, Milano 2007
- Kanizsa G., Grammatica del vedere, il mulino, Bologna 1997
- Munari B., Il cerchio, Il quadrato, Il triangolo, ed. Corraini, Mantova 2005
- Frutiger, segni e simboli, Stampa alternativa & Graffiti, Roma, 1998
- Iliprandi GC., Lorenzi ., Pavesi J., Dal testo alla pagina grafica, Lupetti,Milano 2005
- Iliprandi GC., Lorenzi G., Pavesi J., Dal marchio alla brand image, Lupetti, Milano 2005
- Iliprandi GC., Lorenzi G., Pavesi J., Dalla scrittura alla identità aziendale, Lupetti, Milano 2005
- Iliprandi GC., Lorenzi G., Pavesi J., Dal carattere alla composizione, Lupetti, Milano 2004
- Iliprandi GC., Lorenzi G., Pavesi J., Dalla lettera a lettering, Lupetti, Milano 2004
- Fioravanti G., Il nuovo Manuale del grafico, Zanichelli, Bologna 2002
- Spera M., Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Gangemi Editore, Roma 2005.
- Riviste del settore (Progetto Grafico, Lineagrafica).
Criteri, regole e procedure per l'esame
Il Laboratorio richiede una assidua frequenza anche in considerazione del giudizio finale che sarà espresso con un unico voto d'esame. Le attività svolte saranno monitorate attraverso valutazioni intermedie, sia a carattere monodisciplinare, sia seminariale con la partecipazione di tutte le discipline. Tali valutazioni intermedie concorreranno al giudizio finale, basato sulla presentazione e discussione di elaborati finali (scritti e grafici). Le attività di Laboratorio sono svolte dagli studenti accorpati in gruppi, ma il giudizio per ciascuno studente sarà un giudizio individuale (espresso con unico voto), che terrà conto delle valutazioni intermedie (scritte, orali, grafiche) monodisciplinari e seminariali, della valutazione della presentazione e discussione degli elaborati finali e della partecipazione individuale a tale lavoro ed ai momenti di presentazione.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2016/17
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti