Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2011/12
03CLMLZ, 03CLMJM, 03CLMLI, 03CLMLJ, 03CLMLL, 03CLMLM, 03CLMLN, 03CLMLS, 03CLMLX, 03CLMMA, 03CLMMB, 03CLMMC, 03CLMMH, 03CLMMK, 03CLMMN, 03CLMMO, 03CLMMQ, 03CLMNX, 03CLMNZ, 03CLMOA, 03CLMOD, 03CLMPC, 03CLMPI, 03CLMPL, 03CLMPN
Storia della filosofia contemporanea
Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale - Torino
Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (Mechanical Engineering) - Torino
Corso di Laurea in Ingegneria Dell'Autoveicolo (Automotive Engineering) - Torino
Espandi...
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Anni incarico
Rebaglia Alberta ORARIO RICEVIMENTO     54 0 0 16
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
M-FIL/06 6 D - A scelta dello studente A scelta dello studente
ORA-01722: invalid number
Presentazione
Obiettivo del corso è un’analisi critica del percorso storico attraverso il quale sono state definite, e progressivamente ripensate, le tradizionali regole metodologiche alla base tanto della cultura tecnica quanto dello spirito scientifico.
L’investigazione della natura, tendente a porne in evidenza le leggi regolative, e l’introduzione di dispositivi artificiali, quali vantaggiose risorse adattive di agevolazione nell’agire, sono processi che -pur essendo spesso considerati separatamente- hanno origini concettuali comuni, radicate in un complicato intreccio di sollecitazioni culturali nonché di interferenze positive con dottrine e concezioni portanti del pensiero occidentale.
Esaminando caratteristiche e limiti di applicabilità degli strumenti metodologici primari dell’indagine scientifica e della progettazione tecnologica, si evidenzieranno le tappe principali del tragitto concettuale che correla il processo cognitivo dapprima alla rappresentazione di fatti e successivamente, con sempre maggiore rilievo, alla comprensione di significati. L’attenzione verso la collezione di dati (considerati elemento indispensabile di ogni dinamica cognitiva, resi accessibili attraverso la percezione, accumulati, conservati e gestiti seguendo modalità lineari) si sposterà gradualmente verso il flusso di informazione, i processi di comunicazione e la continua elaborazione di significati (deterritorializzati e complementarmente dipendenti dal contesto, trattati in base a modelli cibernetici retroattivi e ricorsivi).
Una presentazione dell’approccio sistemico e del pensiero complesso, delle loro potenzialità metodologiche transdisciplinari e delle molteplici, efficaci modellizzazioni di strutture dinamiche autopoietiche e/o cognitive costituirà l’approdo finale dell’analisi.
Risultati di apprendimento attesi
Lo studio delle relazioni di interdipendenza tra principi metodologici, criteri euristici e influenze culturali che hanno accompagnato, e spesso plasmato,
l’evoluzione scientifico tecnologica contemporanea consentirà di acquisire un rilevante strumento di analisi metodologica e concettuale a chi oggi si impegna nello studio delle discipline ingegneristiche, ed è sollecitato da problemi che non risultano essere unicamente quelli tradizionali dell’uso efficiente e finalizzato di modelli e leggi della fisica, ma deve sapersi misurare adeguatamente anche con nuovi interrogativi (lontani dall’orizzonte classico) che richiedono un approccio multidisciplinare e una duttilità di riflessione su problematiche che vedono l’ingegneria quale sistema aperto a sollecitazioni e vincoli provenienti dal più vasto orizzonte culturale e sociale.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Sono da ritenersi utili nozioni di fisica generale. Non è richiesta alcuna preliminare conoscenza di autori e temi di filosofia, in quanto obiettivi e impostazione del corso sono modulati sulle specifiche esigenze di allievi che intraprendono i loro studi nei differenti settori dell’ingegneria.
Programma
1. Le origini del pensiero tecnico
Cultura tecnica come manifestazione del linguaggio simbolico; duplicità dell’interazione tra naturale e artificiale; utensili e macchine: identificazione di funzioni e cooptazione di ‘attori’.
Principali autori di riferimento: Spengler, Gehlen, Mumford
2. I metodi del sapere tecnico
Strumenti ‘razionali’; oggettivazione della forza e dominio sulla natura. Dalle tecniche alle tecnologie; processi artificiali e ‘sostituzione’ della natura.
Principali autori di riferimento: Ihde, Koyré, Bachelard
3. I metodi della conoscenza scientifica
Strumenti scientifici e conoscenza come rappresentazione di fatti; metodi empirici e assiomatizzazione; logica della scoperta scientifica e principio di ‘retroduzione’.
Principali autori di riferimento: Schlick, Popper, Quine
4. Dalla scienza applicata alla tecnoscienza
Convenzioni e inidoneità del metodo scientifico a rivelare una realtà indipendente; congetture e negoziazioni, percorribilità delle strade cognitive e vincoli
dell’interazione sociale.
Principali autori di riferimento: Lakatos, Hacking, Latour
5. Dispositivi automatici. Oggettivazione del controllo e trasmissione di dati
Servomeccanismi e controllo in sistemi eterodiretti; percezione e apprendimento: dalla logica di dominio sulla natura al nuovo orizzonte cibernetico.
Principali autori di riferimento: Wiener, Heidegger, Watzlawick
6. Cibernetica. Comunicazione e processi cognitivi
Elaborazione e trasmissione dell’informazione; referenti extralinguistici e strutture concettuali che danno significato ai dati; omeostasi cognitiva e conoscenza come risorsa adattiva.
Principali autori di riferimento: Pask, von Glasersfeld, Heylighen
7. Cibernetica del secondo ordine. Statuto epistemologico dell’informazione
Dallo studio dei sistemi osservati all’epistemologia dell’osservatore; computazione e macchine non banali; autopoiesi, chiusura organizzativa e determinismo strutturale.
Principali autori di riferimento: von Foerster, Maturana, Varela
8. Proprietà emergenti e pensiero complesso
Complessità di organizzazione; conoscenza come proprietà emergente di un sistema complesso di informazioni; complessità logica; meta-livelli logici e prospettiva multidimensionale.
Principali autori di riferimento: Bertalanffy, Bateson, Morin
9. Ambienti di sintesi e realtà aumentata
Tecnologie digitali e confini dell’esperienza; immersione in spazi virtuali e intensificazione dell’informazione; rapporto tra realtà fisica e dominio dell’empiria.
Principali autori di riferimento: Borgmann, Heim, Maldonado
10. Intelligenza collettiva e cyberspazio
Internet come sistema complesso e modello di autopoiesi cognitiva; nodi comunicativi, l’informazione come labirinto rizosomatico e il virtuale come elemento dinamico del reale.
Principali autori di riferimento: Dreyfus, Stengers, Levy