Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2015/16
03FOENE
Dinamica dei sistemi meccanici
Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Fasana Alessandro ORARIO RICEVIMENTO O2 ING-IND/13 39 21 0 0 12
Marchesiello Stefano ORARIO RICEVIMENTO O2 ING-IND/13 39 21 0 0 9
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ING-IND/13 6 B - Caratterizzanti Ingegneria meccanica
Presentazione
L'insegnamento si propone di fornire le conoscenze e le abilità per la modellazione matematica di sistemi meccanici nell'ambito delle applicazioni industriali, con particolare attenzione all'analisi dei fenomeni dinamici che si possono verificare negli organi di macchine.
Risultati di apprendimento attesi
Conoscenze relative al comportamento dinamico di strutture, sistemi meccanici e macchine rotanti in regime stazionario o periodico e in fasi transitorie. Capacità di modellizzare e analizzare il comportamento dinamico di strutture, sistemi meccanici e macchine rotanti, mediante gli strumenti analitici forniti durante il corso.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Sono richieste conoscenze di base nell'ambito della meccanica teorica e applicata e dei fondamenti di calcolo differenziale e integrale.
Programma
Vibrazioni di sistemi a un grado di libertà smorzati; risposta armonica con notazione complessa; trasmissibilità; ingressi non periodici (gradino, impulso, convoluzione )
Vibrazioni di sistemi a molti gradi di libertà con smorzamento viscoso proporzionale: equazioni del moto in forma matriciale; autoproblema; ortogonalità dei modi; analisi modale
Meccanica analitica: principio dei lavori virtuali; principio di Hamilton; equazioni di Lagrange
Vibrazioni di sistemi continui: equazione delle onde; vibrazioni flessionali delle travi (Bernoulli-Eulero); operatori autoaggiunti.
Metodi energetici: equazione dell’energia; metodo di Rayleigh.
Dinamica dei rotori: rotore di Jeffcott; analisi di stabilità; diagrammi di Campbell; influenza dell’elasticità dei supporti e dello smorzamento.
Programma (Prof. S. Marchesiello)
1 – (lez. ed eserc. 12 ore) Vibrazioni di sistemi a un grado di libertà smorzati; risposta libera, risposta armonica con notazione complessa; trasmissibilità; ingressi non periodici (gradino, impulso) e integrale di convoluzione.
2 – (lez. ed eserc. 14 ore) Vibrazioni di sistemi a molti gradi di libertà con smorzamento viscoso proporzionale: equazioni del moto in forma matriciale; autoproblema; ortogonalità dei modi; analisi modale; risposta libera; funzioni di risposta in frequenza; assorbitore dinamico.
3 – (lez. ed eserc. 10 ore) Meccanica analitica: principio dei lavori virtuali; principio di Hamilton; equazioni di Lagrange.
4 – (lez. ed eserc. 9 ore) Vibrazioni di sistemi continui: equazione delle onde (vibrazioni longitudinali e torsionali di barre); vibrazioni flessionali delle travi (Eulero-Bernoulli); condizioni al bordo; operatori autoaggiunti.
5 – (lez. ed eserc. 6 ore) Metodi approssimati: equazione dell’energia; quoziente di Rayleigh.
6 – (lez. ed eserc. 9 ore) Dinamica dei rotori: rotore di Jeffcott; diagrammi di Campbell; orbite di precessione; velocità critiche; influenza dell’elasticità dei supporti e dello smorzamento.


Programma (Prof. A. Fasana)
1 – (lez. ed eserc. 12 ore) Vibrazioni di sistemi a un grado di libertà smorzati; risposta libera, risposta armonica con notazione complessa; trasmissibilità; ingressi non periodici (gradino, impulso) e integrale di convoluzione.
2 – (lez. ed eserc. 14 ore) Vibrazioni di sistemi a molti gradi di libertà con smorzamento viscoso proporzionale: equazioni del moto in forma matriciale; autoproblema; ortogonalità dei modi; analisi modale; risposta libera; funzioni di risposta in frequenza; assorbitore dinamico.
3 – (lez. ed eserc. 10 ore) Meccanica analitica: principio dei lavori virtuali; principio di Hamilton; equazioni di Lagrange.
4 – (lez. ed eserc. 9 ore) Vibrazioni di sistemi continui: equazione delle onde (vibrazioni longitudinali e torsionali di barre); vibrazioni flessionali delle travi (Eulero-Bernoulli); condizioni al bordo; operatori autoaggiunti.
5 – (lez. ed eserc. 6 ore) Metodi approssimati: equazione dell’energia; quoziente di Rayleigh.
6 – (lez. ed eserc. 9 ore) Dinamica dei rotori: rotore di Jeffcott; diagrammi di Campbell; orbite di precessione; velocità critiche; influenza dell’elasticità dei supporti e dello smorzamento.


Organizzazione dell'insegnamento
Gli argomenti teorici presentati durante le lezioni sono accompagnati da esempi e applicazioni. Durante le esercitazioni agli allievi è richiesto di interagire attivamente con il docente, in particolare nella impostazione della soluzione dei problemi proposti.
Organizzazione dell'insegnamento (Prof. S. Marchesiello)
Gli argomenti teorici presentati durante le lezioni sono accompagnati da esempi e applicazioni. Le esercitazioni in aula permettono allo studente di verificare la comprensione delle lezioni e di implementare le tecniche di calcolo proposte. Durante le esercitazioni agli allievi è richiesto di interagire attivamente con il docente, in particolare nell’impostazione della soluzione dei problemi proposti.
Il docente è disponibile su appuntamento (e-mail) per chiarimenti sugli argomenti illustrati.


Organizzazione dell'insegnamento (Prof. A. Fasana)
Gli argomenti teorici presentati durante le lezioni sono accompagnati da esempi e applicazioni. Le esercitazioni in aula permettono allo studente di verificare la comprensione delle lezioni e di implementare le tecniche di calcolo proposte. Durante le esercitazioni agli allievi è richiesto di interagire attivamente con il docente, in particolare nell’impostazione della soluzione dei problemi proposti.
Il docente è disponibile su appuntamento (e-mail) per chiarimenti sugli argomenti illustrati.


Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
FASANA, MARCHESIELLO, Meccanica delle vibrazioni, CLUT
VIGLIANI, Lectures on rotordynamics, CLUT
VATTA, VIGLIANI, Il rotore di Jeffcott, CLUT
MALVANO, VATTA, Dinamica delle macchine, Levrotto & Bella
Dispense su specifici argomenti, esercizi e altro materiale didattico sono forniti durante lo svolgimento del corso.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico (Prof. S. Marchesiello)
FASANA, MARCHESIELLO, Meccanica delle vibrazioni, CLUT
VIGLIANI, Lectures on rotordynamics, CLUT
VATTA, VIGLIANI, Il rotore di Jeffcott, CLUT
MALVANO, VATTA, Dinamica delle macchine, Levrotto & Bella
Dispense su specifici argomenti, esercizi, alcuni semplici codici in ambito MATLAB e altro materiale didattico sono forniti durante lo svolgimento del corso e consultabili attraverso il portale della didattica.


Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico (Prof. A. Fasana)
FASANA, MARCHESIELLO, Meccanica delle vibrazioni, CLUT
VIGLIANI, Lectures on rotordynamics, CLUT
VATTA, VIGLIANI, Il rotore di Jeffcott, CLUT
MALVANO, VATTA, Dinamica delle macchine, Levrotto & Bella
Dispense su specifici argomenti, esercizi, alcuni semplici codici in ambito MATLAB e altro materiale didattico sono forniti durante lo svolgimento del corso e consultabili attraverso il portale della didattica.


Criteri, regole e procedure per l'esame
L’esame di consiste in una prova scritta inerente al programma svolto, corredata da esercizi simili a quelli proposti nell’ambito dell’insegnamento. È oggetto di valutazione la capacità di descrivere quantitativamente il comportamento di sistemi dinamici, partendo dalla definizione del modello per arrivare alla sua analisi.
Criteri, regole e procedure per l'esame (Prof. S. Marchesiello)
L’esame consiste nello svolgimento di una prova scritta senza l'aiuto di appunti o libri ed è composta di tre parti: nella prima è richiesto di risolvere un esercizio simile a quelli sviluppati nell’ambito dell’insegnamento; nella seconda è indicato un argomento illustrato durante le lezioni e si richiede di rispondere ad una serie di domande sullo stesso; nella terza è richiesta l’applicazione di metodologie descritte durante le lezioni in un contesto applicativo differente. È oggetto di valutazione la capacità di descrivere quantitativamente il comportamento di sistemi dinamici, partendo dalla definizione del modello per arrivare alla sua analisi. In particolare, nella prima parte della prova sarà verificata la capacità di applicare le conoscenze, mentre nella seconda e nella terza saranno verificate le conoscenze acquisite, le abilità comunicative e la capacità di estendere gli strumenti forniti dai docenti ad ambiti non direttamente affrontati dagli stessi. Durante le lezioni è inoltre fornito un esempio di tema d’esame, con discussione in aula del relativo svolgimento e con indicazione degli errori più frequenti e di come questi sono valutati.
Di norma pochi giorni dopo la prova scritta lo studente è convocato per ricevere informazioni sui criteri di correzione, verificare insieme ai docenti la correzione della sua prova scritta e la relativa formulazione del voto. In questa fase egli può chiedere delucidazioni agli esaminatori segnalando eventuali problemi di interpretazione dell’elaborato.
Ulteriori dettagli sulle regole d’esame sono indicati nel portale della didattica alla pagina dell’insegnamento.


Criteri, regole e procedure per l'esame (Prof. A. Fasana)
L’esame consiste nello svolgimento di una prova scritta senza l'aiuto di appunti o libri ed è composta di tre parti: nella prima è richiesto di risolvere un esercizio simile a quelli sviluppati nell’ambito dell’insegnamento; nella seconda è indicato un argomento illustrato durante le lezioni e si richiede di rispondere ad una serie di domande sullo stesso; nella terza è richiesta l’applicazione di metodologie descritte durante le lezioni in un contesto applicativo differente. È oggetto di valutazione la capacità di descrivere quantitativamente il comportamento di sistemi dinamici, partendo dalla definizione del modello per arrivare alla sua analisi. In particolare, nella prima parte della prova sarà verificata la capacità di applicare le conoscenze, mentre nella seconda e nella terza saranno verificate le conoscenze acquisite, le abilità comunicative e la capacità di estendere gli strumenti forniti dai docenti ad ambiti non direttamente affrontati dagli stessi. Durante le lezioni è inoltre fornito un esempio di tema d’esame, con discussione in aula del relativo svolgimento e con indicazione degli errori più frequenti e di come questi sono valutati.
Di norma pochi giorni dopo la prova scritta lo studente è convocato per ricevere informazioni sui criteri di correzione, verificare insieme ai docenti la correzione della sua prova scritta e la relativa formulazione del voto. In questa fase egli può chiedere delucidazioni agli esaminatori segnalando eventuali problemi di interpretazione dell’elaborato.
Ulteriori dettagli sulle regole d’esame sono indicati nel portale della didattica alla pagina dell’insegnamento.


Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2015/16
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti