Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
04BYREL
Progettazione architettonica/Estimo
Corso di L. Specialistica in Architettura (Progettazione Urbana E Territoriale) - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Boschetti Andrea       100 0 0 0 1
Zorzi Ferruccio ORARIO RICEVIMENTO     80 0 0 0 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/14
ICAR/22
5
4
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Architettura e urbanistica
Edilizia e ambiente
Esclusioni:
12CYA
Obiettivi dell'insegnamento
L'Unità di progetto B2, dal titolo, 'progettazione complessa: scenari di trasformazione per la città del futuro', pone innanzitutto un duplice interrogativo complesso ed insieme stimolante: 'cosa sarà la città nel prossimo futuro perseguendo un percorso sostenibile di modificazione di quella attuale?'. La relazione tra luoghi e potenzialità, in termini sia strettamente urbanistici sia economici, rappresenta, infatti, un nodo problematico cruciale dell'insegnamento negli ultimi anni di formazione dell'architetto. Un passaggio didatticamente obbligato per coloro che intendono svolgere concretamente la professione di progettisti confrontandosi con la realtà di luoghi e contesti urbani. E' all'interno, infatti, di tale delicato equilibrio che si afferma in modo pervasivo il concetto di complessità contemporanea. Capire cos'era la città, rilevare cos'è, e, soprattutto, immaginare cosa sarà domani, entro un percorso concreto di opportunità progettuali, è innanzitutto un modo per sensibilizzare 'lo sguardo' degli studenti verso una realistica prassi di concettualizzazione. Il percorso didattico di uno studente quindi, dopo aver affrontato, durante gli anni centrali di formazione, gli aspetti più tecnici e specifici della professione di architetto, si trova di fronte alla possibilità, affrontando quest'ulteriore passaggio formativo, di poter mettere alla prova le conoscenze acquisite concentrandosi in un'esperienza di progetto che si confronta con la realtà dei fenomeni urbani con cui si deve necessariamente entrare in relazione.
In poche parole: progetto come visione teorica entro un quadro di potenzialità reali.
Tutti obiettivi che intendono superare il nodo spesso critico negli anni di formazione della scala di progetto; di fatto, la separazione tra urbanistica ed architettura.
Competenze attese
La realtà contemporanea, sempre più indifferente ai luoghi ed alle specificità, obbliga sempre più gli architetti a 'teorizzare' un futuro possibile mettendo in campo, oltre che capacità progettuali, anche una dimensione etica del pensiero in grado di disegnare scenari innovativi per la città di domani. In questo quadro d'azione del progetto appare chiaro quanto fattibilità e strategia procedurale siano determinanti. L'unità di progetto, per questo, pone al centro dell'insegnamento la prefigurazione di scenari, chiamando in causa anzitutto un 'se fosse' capace di far emergere valutazioni progettuali, procedurali ed economiche, cioè conseguenze plausibili, sempre pertinenti.
Le competenze attese pertanto attengono il campo della fattibilità reale delle idee, senza che queste perdano lungo il percorso di progettazione la carica espressiva e concettuale che ne esalta la forza di contenuti, la chiarezza ed il senso.
Prerequisiti
Le conoscenze necessarie per comprendere al meglio i temi trattati nel corso sono:
1. una buona propensione progettuale a tutte le scale di lavoro.
2. la capacità di tenere insieme la produzione d'idee entro un chiaro processo di concettualizzazione delle stesse.
3. possedere un buon 'backgroud' di riferimenti storici moderni e contemporanei.
Programma
Complex design: backgrounds transformation for the future town.
Understanding what the concept of town originally was, noting what it is now, and above all capturing what it will be tomorrow in a concrete way of planning enables students to follow a realistic conceptualization procedure.
The place for this planning practice is Milan. Furthermore the students will have to be responsible for re-planning the San Siro area, an area defined as "strategic" in the master plan that is certainly an important part of the urban fabric and is located in one of the most historically and functionally charming districts.
Programma: informazioni integrative
Il luogo dell'esercitazione progettuale proposto dall'unità di progetto è Milano. In particolare gli studenti si dovranno occupare di ri-progettare un brano di città definito 'strategico' dal documento d'inquadramento di piano della città; certamente una parte importante del tessuto milanese tra le più affascinanti per storia, localizzazione e funzioni presenti: le aree di San Siro.
Le aree di San Siro 'più di 100 ha.- sono costituite oltre che dallo stadio Meazza, uno dei monumenti simbolo della contemporaneità milanese, anche dalle aree del Trotto, dell'Ippodromo Internazionale, dalle piste d'allenamento Trenno e Maura, e da una serie di eterogenei insediamenti residenziali interclusi alcuni dei quali di rilevantissimo interesse urbanistico ed architettonico. L'area confina a nord-ovest con il quartiere Gallaratese; a nord con la collina del Monte Stella e con il quartiere QT8; ad est con Piazzale Lotto; a sud con via San Giusto e via Novara ove è localizzato lo stadio internazionale di San Siro; ad ovest con il Parco di Trenno, compreso in quello che viene comunemente definito margine del Parco Sud.
Le aree di San Siro di fatto costituiscono forse la più importante risorsa di 'vuoti urbani' dell'intero tessuto milanese oltre che rappresentare uno dei luoghi più verdi della città. Inoltre, il sistema di spazi aperti costituito dalle attuali funzioni delle piste d'allenamento dei cavalli e dall'Ippodromo vero e proprio (funzioni che presto saranno dimesse e traslocate in altri luoghi), disegnano un cuneo di spazi aperti che da ovest si spinge fino al cuore della città. Non lontano da Piazzale Lotto, inoltre, si sta costruendo uno degli interventi più significativi a livello europeo, per dimensioni in gioco e rilevanza urbanistica, vale a dire la trasformazione delle aree della vecchia Fiera di Milano, in un nuovo ambito d'interesse urbano dall'immagine rappresentativa e contemporanea. Qui stanno già crescendo le simboliche architetture a torre di Liebeskind, Arata Isozaki e Zaha Hadid oltre che servizi vari ed un importante parco urbano.
Da tale inquadramento si evince l'assoluta rilevanza urbana di un progetto che ha come obiettivi principali: quello di restituire a 'città pubblica' una parte considerevole di suolo oggi non disponibile; quello di favorire il ripensamento tipo-morfologico di uno dei margini più preziosi a livello ambientale e paesaggistico di tutta la città di Milano. Le aree di San Siro, inoltre, si collocano non lontane dalle aree destinate urbanisticamente dall'Amministrazione Milanese a quella che potrebbe divenire la sede futura dell'Expo. Si comprende ancora di più, quindi, l'importanza strategica dell' area oggetto d'investigazione progettuale.

I progetti del corso dovranno quindi misurarsi necessariamente con due questioni su tutte:
-la valutazione della sostenibilità della trasformazione in termini qualitativi, quantitativi ed economici in relazione all'idea di progetto urbano di modificazione proposto;
-la capacità del progetto di coniugare qualità degli spazi esistenti con un progetto di città in grado di mettere a sistema tutte le potenzialità urbanistiche di un'intera parte di città in trasformazione.

L'Unità di progetto si articolerà in tre fasi distinte:
1. una prima fase di inquadramento generale del progetto nel tessuto milanese; di conoscenza dei luoghi; di esplorazione degli strumenti urbanistici attuativi di riferimento; di descrizione delle necessità, delle opportunità e degli obiettivi generali enunciati dalla città.
2. una seconda fase di progetto ove sarà individuato un master plan di trasformazione che dovrà far emergere una prima valutazione di sostenibilità del progetto sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo.
3. una terza fase di approfondimento progettuale ove dovrà emergere chiaro il 'significato' finale del lavoro oltre che i caratteri specifici degli interventi proposti sia da un punto di vista architettonico che urbanistico. In questa fase il progetto dovrà essere accompagnato da una valutazione economica di sostenibilità degli interventi di modificazione proposti dal progetto complessivamente.
Laboratori e/o esercitazioni
L'Unità di Progetto è strutturata, per sua natura, come un laboratorio all'interno del quale le attività di docenza e quelle di esercitazione sono di fatto strettamente connesse.
Bibliografia
La bibliografia di riferimento verrà via via indicata dai docenti durante le attività dell'UP.
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
Presentazione e discussione degli elaborati progettuali richiesti per lo sviluppo del tema proposto e definiti dallo studente durante il proprio percorso di lavoro.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti