Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2009/10
04BYREL
Progettazione architettonica/Estimo
Corso di L. Specialistica in Architettura (Progettazione Urbana E Territoriale) - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Giammarco Carlo       100 6 0 0 5
Zorzi Ferruccio ORARIO RICEVIMENTO     80 0 0 0 8
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/14
ICAR/22
5
4
B - Caratterizzanti
B - Caratterizzanti
Architettura e urbanistica
Edilizia e ambiente
Esclusioni:
12CYA
Obiettivi dell'insegnamento
L'unità di progetto affronta un tema rilevante nella trasformazione e potenziale valorizzazione dei territori urbani 'ordinari': la costruzione di parti ex novo di edificato e la loro ricaduta sul paesaggio insediativo complessivo. Il tema viene declinato proponendo un caso studio in cui la previsione di nuove espansioni urbane per attività produttive si possa porre in relazione alla presenza di aree industriali di vecchio impianto sottoutilizzate o dismesse su cui applicare una azione di rigenerazione che comporti interventi di reindustrializzazione o di riqualificazione e integrazione urbana.
Il caso studio scelto è nel territorio del comune di Collegno ove si prevede di trasformare una vasta area industriale esistente nel tessuto urbano in una porzione di città con caratteri urbani e di nuova centralità, e di insediare nuove attività produttive contenendole ai bordi della città (tra la tangenziale e la SS 24).
La UP si propone di esplorare con il progetto urbano i caratteri morfologici degli insediamenti :del polo di nuova urbanità nel tessuto esistente e della area industriale ecologicamente sostenibile (APEA) di nuovo impianto al margine urbano adiacente al parco agronaturale della Dora. I contenuti programmatici fanno riferimento alla pianificazione urbanistica di Collegno ' PRGC vigente e varianti ', alle indicazioni del Programma territoriale integrato della Provincia, alle linee guida e agli indirizzi indicati dal piano paesistico della Regione
Il lavoro progettuale degli studenti è finalizzato alla sperimentazione di indirizzi progettuali sostenibili sotto il profilo della fattibilità tecnica, procedurale e economico-finanziaria, in grado di interagire con le previsioni della pianificazione locale e di area vasta in modo da rendere coerenti gli interventi con l'architettura complessiva della città e territorio.
Competenze attese
Obiettivo dell'Unità di Progetto è quello di conferire competenze in merito a:
- capacità di leggere le potenzialità progettuali presenti nel luogo, intrecciando valori e elementi del palinsesto storico e opportunità di trasformazione e modernizzazione nell'ottica della sostenibilità nelle sue varie declinazioni;
- capacità di mettere a punto principi e modelli insediativi pertinenti alla scala territoriale e puntuale, con particolare attenzione al rapporto tra paesaggio e costruito, tra distribuzione veicolare e insediamento, tra tipologie differenti dello spazio aperto, anche in relazione a sperimentazioni progettuali che possano risultare più significative per il contesto;
- capacità di prefigurare i nuovi insediamenti e loro caratteri morfologici e architettonici attraverso l'uso di forme di rappresentazione appropriate;
- capacità di valutare la fattibilità dell'intervento, sotto il profilo tecnico-normativo, urbanistico, procedurale, economico, ambientale.
Prerequisiti
I prerequisiti sono quelli relativi alla formazione acquisita nel corso del I livello, con particolare attenzione ai temi del progetto architettonico alla scala urbana e territoriale, e alla fattibilità e valutazione economica dei progetti.
Programma
Il programma dell'Unità di Progetto si articola nei seguenti punti:
- presentazione del tema progettuale e analisi delle problematicità e dei valori del sito d'intervento;
- progettazione del modello insediativo, con particolare riferimento al rapporto tra costruito e paesaggio, tra spazi della mobilità e spazi dell'abitare, tra tipologie differenti di spazio aperto;
- valutazione della fattibilità dell'intervento, sotto il profilo tecnico e ambientale, con particolare attenzione agli aspetti economico-finanziari e procedurali;
- messa a punto di immagini del nuovo modello insediativo, attraverso il ricorso a forme di comunicazione e rappresentazione appropriate.
Laboratori e/o esercitazioni
L'Unità di Progetto è strutturata, per sua stessa natura, come un laboratorio all'interno del quale le attività di docenza e quelle di esercitazione sono di fatto strettamente connessi.
Bibliografia
F. Prizzon, Gli investimenti immobiliari, Celid, Torino 1995
G. Ambrosini et.al. (a cura di), Disegnare paesaggi costruiti, FrancoAngeli, Milano 2003
AA.VV., Forme insediative e infrastrutture. Infra Atlante. Ricerche coordinate da Aimaro Isola in 12 scuole di architettura, Marsilio, Venezia 2003
AA.VV., Forme insediative e infrastrutture. Infra Manuale. Ricerche coordinate da Aimaro Isola in 12 scuole di architettura, Marsilio, Venezia 2003
AA.VV., Forme insediative e infrastrutture. Infra Esperienze. Ricerche coordinate da Aimaro Isola in 12 scuole di architettura, Marsilio, Venezia 2004
Regione Piemonte, Valutare i programmi complessi, Artistica Editrice, Savigliano 2004
Regione Piemonte, Per un nuovo Piano Territoriale Regionale. Documento programmatico, Regione Piemonte, Torino 2005
C. Ronchetta, M. Trisciuoglio (a cura di), Progettare per il patrimonio industriale, Celid, Torino 2008
Chiara Corsico, Davide Rolfo, Alberto Rosso (a cura di), Paesaggi in trasformazione. La bassa valle di Susa: esperienze progettuali a Condove e dintorni, Alinea, Firenze 2008
La bibliografia verrà integrata durante il corso.
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
Presentazione e discussione degli elaborati progettuali richiesti per lo sviluppo del tema proposto e definiti dallo studente durante il percorso di lavoro svolto all'interno dell'Unità di Progetto.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2009/10
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti