Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2007/08
04ECBEN
Requisiti ambientali del prodotto industriale
Corso di Laurea in Progetto Grafico E Virtuale - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Barbero Silvia ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/13 60 20 0 0 7
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/13 4 B - Caratterizzanti Design e comunicazioni multimediali
Obiettivi dell'insegnamento
L'obiettivo principale dell'insegnamento è quello di sviluppare nello studente una forte sensibilità alla problematica ambientale ed apprendere le linee guida dell'ecodesign, da applicare all'intero ciclo di vita dei prodotti industriali (in particolare dei prodotti grafici).
Le lezioni ex-catedra si alternano a momenti di discussione stimolati da video, materiali, prodotti e ad esercitazioni pratiche, in modo da rendere tangibili e quotidiane le tematiche ambientali. Gli esempi che vengono proposti vogliono essere il più attuali ed aggiornati possibile per mostrare agli studenti come è possibile leggere gli oggetti, le situazioni, i filmati sotto l'ottica dell'ecocompatibilità e come è di crescente interesse, anche per le aziende, lo sviluppo sostenibile.
Competenze attese
Lo studente a fine corso sarà in grado di gestire e valutare ai fini ambientali la scelta e l'utilizzo delle risorse in merito ai sistemi di produzione e ai prodotti, riconoscendo le problematiche all'interno di un panorama complesso.
Prerequisiti
Capacità critica e di analisi.
Programma
Gli argomenti trattati nel corso riguardano la cultura della sostenibilità, come i temi dello sviluppo sostenibile e delle società sostenibili, la saturazione dei mercati e le tendenze di consumo, la responsabilità del designer nei confronti del mondo industriale e sociale, i principi per una progettazione ecocompatibile, il ruolo della tecnologia e il concurrent ecodesign (Luigi Bistagnino, Carla Lanzavecchia e Gian Federico Micheletti.). La consapevolezza della funzione cruciale che il settore produttivo assume nei confronti dell'ambiente e dei suoi equilibri, porta a fornire ai futuri progettisti le basi per una progettazione che preservi l'eco-sistema e che innesti il cosiddetto 'circolo virtuoso' della sostenibilità. Sempre più nella sensibilità ecologica si afferma la coscienza che non siano più sufficienti soluzioni tecniche parziali e che quindi si debbano elaborare nuovi scenari in grado di ri-orientare gli sforzi della cultura del progetto e della produzione. Il mondo della progettazione eco-compatibile ha la possibilità di inscrivere nuove soluzioni tecniche in un più ampio immaginario di qualità e di valori. Si tratta di un discorso aperto e trasversale, che tra i vari attori coinvolgerà sempre più il design strategico e il design del prodotto, per raggiungere la finalità primaria di scindere lo stretto legame tra il benessere dell'individuo e il possesso di beni materiali. Ne consegue una grande attenzione alle tecnologie informatiche e alla dimensione immateriale e al design dei servizi, pur sempre con lo sguardo rivolto anche allo scenario materiale dei beni, che malgrado le fondate accuse di un uso eccessivo delle risorse resta al momento una delle poche esperienze esistenziali di cui il mondo industrializzato dispone. Il bisogno di fattori correttivi a monte delle produzioni, nell'area delle strategie iniziali, porta a razionalizzare non solo l'oggetto ma anche i concept che sono alla base delle politiche economiche ed imprenditoriali. Il raggiungimento di tali obiettivi richiede un solido sostrato metodologico, in modo da favorire e da rendere reale il cambiamento.
Laboratori e/o esercitazioni
Affrontare direttamente sul campo i requisiti ambientali con esercitazioni pratiche permette agli studenti di prendere dimestichezza con la materia e rendere propri i concetti spiegati. Le esercitazioni proposte sono tre:
1- lettura critica e stesura di una recensione di un libro a scelta tra quelli forniti in bibliografia secondo la chiave di lettura dell'ecocompatibilità e dello Sviluppo Sostenibile. L'obiettivo è quello di stimolare la lettura di libri (ma anche oggetti, eventi,') in modo critico, attraverso l'ottica dell'eco-compatibilità: un cambiamento di prospettiva che per essere realmente acquisito ha bisogno di applicazioni pratiche, affinché non siano passivi di fronte agli stimoli esterni ma sappiano avere un approccio analitico e critico.
2- analisi di imballaggi primari Nella prima esercitazione i packaging sono analizzati in base al peso, ai materiali, alle marchiature (ecologiche e non) e alla comunicazione che portano. Preferibilmente viene richiesto di analizzare i diversi imballaggi di uno stesso prodotto, in modo che sia possibile effettuare direttamente delle comparazioni qualitative sull'ecocompatibilità delle diverse scelte progettuali. La comunicazione sul prodotto viene analizzata sia in modo generale che nel dettaglio della comunicazione riguardante l'ambiente (soprattutto attraverso le marchiature). La lettura critica degli imballaggi vuole approfondire i temi trattati ex-cathedra, per sottolinearne la complessità.
3- l'analisi critica di un prodotto industriale o di un prototipo che ritengono ecocompatibile: descrizione tecnica dell'oggetto (nome del prodotto, designer, azienda produttrice, anno di produzione, materiali,') e sua collocazione in base alle linee guida dell'ecodesign.
3- scelta di un prodotto di comunicazione e nell'analisi di campagne pubblicitarie, eventi, mostre che comunicano l'ecocompatibilità, oppure prodotti grafici sostenibili, oppure ancora la comunicazione di oggetti che sono ecocompatibili.che rientri in una delle tre categorie elencate prima e ne raccolga tutte le informazioni disponibili (nome, agenzia, anno, finanziatore, graphic designer,') in modo da poter realizzare una corretta analisi critica.
L'obiettivo di tutte le attività didattiche è quello di prendere dimestichezza con le tematiche trattate nel corso in modo autonomo e pratico, di saper valutare e leggere gli oggetti se eco-compatibili oppure simulacri ecologici, anche quando non sono denunciati come tali.
Bibliografia
- Lanzavecchia C., Il fare ecologico, nuova edizione, Time&Mind edizioni, Torino 2004,(Paravia Bruno Mondadori Editori, Torino 2000)
- Manzini E., Vezzoli C., Lo sviluppo dei prodotti sostenibili, Maggioli Editore, Rimini 1998
Controlli dell'apprendimento / Modalità d'esame
Durante alcune ore di lezione vengono svolte le esercitazioni sopra descritte che verranno corrette in modo continuativo e valutate (-1; 0; +1) prima della discussione d'esame in modo da permettere un eventuale miglioramento in sede di esame, perché verranno sommate al voto dell'orale.
L'esame è orale e valuta l'apprendimento dei temi teorici proposti nel corso.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2007/08
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti