Politecnico di Torino
Politecnico di Torino
   
Login  
en
Politecnico di Torino
Anno Accademico 2016/17
08BEKMC, 08BEKMO
Idraulica
Corso di Laurea in Ingegneria Civile - Torino
Corso di Laurea in Ingegneria Per L'Ambiente E Il Territorio - Torino
Docente Qualifica Settore Lez Es Lab Tut Anni incarico
Boano Fulvio ORARIO RICEVIMENTO A2 ICAR/01 67 30 3 0 2
Ridolfi Luca ORARIO RICEVIMENTO PO ICAR/01 67 30 3 0 16
SSD CFU Attivita' formative Ambiti disciplinari
ICAR/01 10 B - Caratterizzanti Ingegneria civile
Presentazione
Il corso fornisce i concetti base della meccanica dei fluidi, riguardanti la statica e la dinamica dei fluidi perfetti e reali Newtoniani. Particolare attenzione è posta alla applicazioni pratiche e gli aspetti ingegneristici.
Risultati di apprendimento attesi
E’ necessaria la conoscenza dei principi del calcolo differenziale e integrale, così come del calcolo vettoriale.
Prerequisiti / Conoscenze pregresse
Sono necessarie le conoscenze fornite dai corsi di Matematica e di Fisica tenuti nei primi due anni del corso di laurea in Ingegneria
Programma
Fluidi e loro caratteristiche. Definizione di fluido; fluido come mezzo continuo; variabili tipiche della meccanica dei fluidi; regimi di moto; deformazioni, celerità di deformazione e tensioni in un mezzo fluido; equazione di stato.
Statica dei fluidi. Equazione locale della statica dei fluidi; equazione globale dell’equilibrio statico, statica dei fluidi incomprimibili pesanti; misure di pressione; forze su superfici piane; forze su superfici curve; forze su corpi immersi; stabilità dei galleggianti; equilibrio relativo.
Cinematica. Approcci Euleriani e Lagrangiani: velocità e accelerazione; correnti; equazioni di continuità (in forma locale, globale e per una corrente).
Dinamica dei fluidi perfetti. Equazioni di Eulero; equazioni globali; teorema di Bernoulli; sue applicazioni ed estensioni.
Dinamica dei fluidi reali. Equazioni di Navier-Stokes; equazioni globali per fluidi Newtoniani; numero di Reynolds.
Moto laminare. Definizione; equazioni globali; soluzioni analitiche per casi con geometrie semplici.
Turbolenza. Esperienza di Reynolds; proprietà generali; concetto di media temporale e media d’insieme; equazioni del moto medio; tensioni di Reynolds; modello della cascata dei vortici; vortex stretching; teorema pi-greco; turbolenza di parete e profilo di velocità.
Correnti in pressione. Impostazione empirica; diagramma di Moody; resistenze; leggi pratiche; linee dei carichi piezometrici e totali.
Lunghe condotte. Definizione; problemi di verifica e problemi di progetto; casi emblematici.
Moto di correnti a superficie libera. Concetti base; equazioni di de Saint Venant; moto uniforme; moto critico; numero di Froude; pendenza critica.
Moto permanente di correnti a superficie libera. Equazioni dei profili; integrali generali; risalto idraulico; casi tipici; passaggio su una soglia, stramazzi laterali; curve.
Moti a potenziale. Definizione; potenziale e funzione di corrente; relazioni di Chauchy-Riemann; equazioni differenziali dei moti a potenziale; funzione complessa di velocità e sue proprietà; esempi (moto negli angoli, pozzo-sorgente, vortice; flusso attorno ad un corpo e ad un cilindro); teorema di Blasius; trasformazioni conformi.
Moti di filtrazione. Caratteristiche generali e tipi di approccio; Equazione di Darcy; tensore di conducibilità idraulica; alcune soluzioni analitiche per geometrie semplici, in acquiferi freatici e in pressione.
Organizzazione dell'insegnamento
Saranno svolte esperienze di laboratorio ed esercitazioni in aula riguardo tutti gli argomenti svolti nel corso.
Testi richiesti o raccomandati: letture, dispense, altro materiale didattico
Gli argomenti trattati in gran parte del corso si ritrovano in vari testi di Idraulica (p.es., Citrini e Noseda, Idraulica, CLUT; Munson et al., Fundamentals of Fluid Mechanics, ecc.)

Per appronfondimenti:
- Marchi, Rubatta, Meccanica dei Fluidi, UTET
- Tritton, Physical Fluid Mechanics
- Kundu, Fluid Mechanics,
Criteri, regole e procedure per l'esame
L'esame è costituito da una prova scritta e una prova orale. La prova scritta è svolta al LAIB e consta di una serie di domande a scelta multipla. La durata dello scritto è di 2 ore. L'esame scritto si intende superato quando il candidato riporta una votazione maggiore o uguale a 12. Tale condizione è necessaria per l’accesso all’esame orale. Il voto massimo della prova scritta è pari a 20. Il risultato di un esame scritto è valevole per il solo appello corrispondente, ovvero il risultato di un esame scritto non è valevole in appelli diversi da quello in cui è stato svolto lo scritto.
Orario delle lezioni
Statistiche superamento esami

Programma definitivo per l'A.A.2016/17
Indietro



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti