English version

 

Il Dottorato di ricerca è il più alto grado di istruzione previsto nell'ordinamento accademico italiano ed è volto all'acquisizione delle competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione presso Università, enti pubblici e soggetti privati. Il dottorato dura 3 anni e mira a fornire gli studenti di una cultura scientifica e tecnica avanzata e a dotarli degli strumenti metodologici necessari per diventare ricercatori.

I dottorandi della Scuola Interpolitecnica hanno fruito, sia in termini di strutture di ricerca che di prestazioni didattiche, del massimo grado di qualità e di efficienza che la sinergia dei tre Politecnici poteva fornire: corsi e seminari organizzati congiuntamente dai tre Politecnici, selezione in comune degli studenti migliori, scambio di buone pratiche nell’ambito della gestione dell’attività di dottorato, messa in comune dei rapporti di cooperazione internazionale…

  Diritti e Doveri di un dottorando della Scuola Interpolitecnica
 

Gli studenti della Scuola Interpolitecnica sono stati iscritti ad un corso di dottorato presso uno degli Atenei partner; per ciascuno studente stato predisposto un percorso formativo specifico, costituito sia da corsi istituzionali sia da seminari e corsi specialistici.

  • L’attività di ricerca era costantemente monitorata da un Consiglio Scientifico internazionale che incontrava periodicamente i dottorandi;
  • Era richiesta una permanenza all'estero per partecipare ad attività formative e di ricerca presso università, istituti di ricerca, centri e laboratori, stranieri o internazionali;
  • Durante i periodi di formazione e ricerca all’estero (minimo 6 mesi, massimo 18 mesi) l’importo della borsa di dottorato era aumentato proporzionalmente del 50%;
  • Le spese sostenute nell’ambito dell’attività svolta per il progetto Scuola Interpolitecnica, in Italia e all’estero, per mobilità, iscrizione a congressi, acquisto di materiale didattico erano a carico della Scuola Interpolitecnica, secondo quanto previsto nel Regolamento della Scuola e dietro presentazione dei giustificativi di spesa;
  • Per i dottorandi della Scuola Interpolitecnica non era previsto il pagamento dei contributi per la frequenza dei corsi organizzati nelle sedi partner.