PORTALE DELLA DIDATTICA
1
AREA INGEGNERIA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Percorsi internazionali
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
SERVIZI AGGIUNTIVI
Streaming - lezioni on-line
 
ALTRE INFORMAZIONI
AIQ - Assicurazione Interna della Qualità
 
Glossario it-en
 
Ordinamento Didattico
 
CORSO DI LAUREA DI 1°LIVELLO in INGEGNERIA ELETTRONICA
Anno Accademico 2011/12
DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI
Collegio di Ingegneria Elettronica, delle Telecomunicazioni e Fisica (ETF)
Sede: TORINO
Durata: 3 anni
Classe di laurea n° L-8: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE
Docenti di riferimento del corso:
DEL CORSO DANTE   dante.delcorso@polito.it   011/0904044
BONANI FABRIZIO   fabrizio.bonani@polito.it   011/0904140
ZAMBONI MAURIZIO   maurizio.zamboni@polito.it   011/0904079
ESPANDI Obiettivi formativi

Nella vita quotidiana utilizziamo una miriade di oggetti ‘elettronici’: calcolatori, telefoni cellulari, televisori, riproduttori audio, fotocamere digitali, automobili (ormai praticamente calcolatori su ruote), sistemi di controllo, di impianti industriali, e di gestione di operazioni finanziarie (dal bancomat alla borsa). La creazione e lo sviluppo di tali applicazioni richiedono competenze diversificate, che spaziano da una approfondita conosc... Espandi...

Nella vita quotidiana utilizziamo una miriade di oggetti ‘elettronici’: calcolatori, telefoni cellulari, televisori, riproduttori audio, fotocamere digitali, automobili (ormai praticamente calcolatori su ruote), sistemi di controllo, di impianti industriali, e di gestione di operazioni finanziarie (dal bancomat alla borsa). La creazione e lo sviluppo di tali applicazioni richiedono competenze diversificate, che spaziano da una approfondita conoscenza dell’applicazione stessa alla preparazione in diversi settori dell’ingegneria. Il Laureato in Ingegneria Elettronica è un professionista che possiede la preparazione necessaria a progettare e realizzare queste diverse applicazioni.
Nel contesto generale dell’Ingegneria dell’Informazione, il corso di laurea in Ingegneria Elettronica presenta una impostazione ad ampio spettro, che bilancia l’approfondimento degli argomenti specifici dell’Elettronica con una solida preparazione nei settori affini dell’Informatica, delle Telecomunicazioni e dell’Automazione industriale. L’ingegnere Elettronico rivolge particolare attenzione agli aspetti più applicativi delle diverse discipline ed alla struttura e realizzazione dei sistemi elettronici, di calcolo, di controllo e in generale per il trattamento dell’informazione. Rispetto alle altre lauree del settore, l’Ingegneria Elettronica è maggiormente focalizzata sul progetto degli oggetti fisici, dai dispositivi più minuscoli, basati sulle nanotecnologie, ai sistemi complessi e di grandi dimensioni. Tutto questo richiede una conoscenza approfondita delle caratteristiche dei dispositivi, dei circuiti e dei sistemi elettronici di ogni tipo, integrata con competenze ingegneristiche ad ampio spettro relative a progettazione, ingegnerizzazione, produzione e gestione di laboratori e impianti.
Il sapere scientifico è in continua evoluzione e le tecnologie cambiano rapidamente.. E’, quindi, necessario preparare al cambiamento ed al continuo aggiornamento professionale. Per questo motivo nella formazione dell’Ingegnere Elettronico viene riservato ampio spazio a una solida preparazione ingegneristica generale, che pone le basi per un rapido adattamento alle più diverse esigenze professionali.

ESPANDI Sbocchi occupazionali e professionali

L’ingegnere Elettronico negli ultimi anni ha visto ampliarsi le proprie attività e diversificarsi le competenze richieste. Queste ultime non sono più limitate agli aspetti tradizionali, ad esempio i circuiti e i dispositivi elettronici, ma comprendono i settori affini delle Telecomunicazione, dell'Informatica, dell’Automazione, ed altre aree dove le tecnologie dell’Informazione sono presenti in modo nascosto e forniscono elevato valore aggiunto.... Espandi...

L’ingegnere Elettronico negli ultimi anni ha visto ampliarsi le proprie attività e diversificarsi le competenze richieste. Queste ultime non sono più limitate agli aspetti tradizionali, ad esempio i circuiti e i dispositivi elettronici, ma comprendono i settori affini delle Telecomunicazione, dell'Informatica, dell’Automazione, ed altre aree dove le tecnologie dell’Informazione sono presenti in modo nascosto e forniscono elevato valore aggiunto. Questo porta ‘contenuti elettronici’ in settori apparentemente estranei alle tecnologie dell’informazione, ad esempio nella meccanica, nell’edilizia e nella produzione e gestione dell’energia e dell’ambiente. L’elenco di aziende ed enti interessati alle competenze dell’Ingegnere Elettronico comprende le imprese che operano direttamente nelle tecnologie dell’informazione, la maggior parte delle industrie manifatturiere, svariati settori delle amministrazioni pubbliche ed imprese di servizi.
Gli sbocchi occupazionali sono pertanto individuabili sia nell’area dell'Ingegneria Elettronica in senso stretto (aziende di progettazione e produzione di componenti, apparati e sistemi elettronici), sia in quei settori che applicano tecnologie ed infrastrutture elettroniche per il trattamento, la trasmissione e l’impiego dell’informazione. La preparazione ingegneristica di base e quella tecnica specifica permettono al laureato di indirizzarsi verso un’ampia varietà di sbocchi professionali, tanto nel contesto della produzione industriale quanto nell'area dei servizi al cittadino ed alle imprese, ricoprendo un ampio ventaglio di ruoli professionali, quali ad esempio:
- progettista: partendo dagli obiettivi definiti dal committente definisce le specifiche di componenti o sistemi elettronici, e ne realizza il progetto;
- esperto di produzione: a partire dal progetto realizza lo sviluppo e organizza la produzione industriale del componente o del sistema elettronico, e la sua integrazione con altri sistemi (ad esempio meccanici, di gestione dell’energia, di trasporto);
- organizzatore e gestore di laboratori e impianti elettronici o che utilizzano apparati elettronici, di processi e di prodotti, compresi i servizi di promozione e assistenza.

ESPANDI Descrizione del percorso formativo

Il corso di laurea in Ingegneria Elettronica presenta un unico percorso di studi che fornisce nozioni ingegneristiche di base e un'approfondita conoscenza delle principali caratteristiche dei componenti, dispositivi e sistemi elettronici e delle loro applicazioni. Il percorso inizia con argomenti comuni a tutte le ingegnerie, passa successivamente a contenuti più specifici del settore dell'Informazione, e si conclude con argomenti focalizzati su... Espandi...

Il corso di laurea in Ingegneria Elettronica presenta un unico percorso di studi che fornisce nozioni ingegneristiche di base e un'approfondita conoscenza delle principali caratteristiche dei componenti, dispositivi e sistemi elettronici e delle loro applicazioni. Il percorso inizia con argomenti comuni a tutte le ingegnerie, passa successivamente a contenuti più specifici del settore dell'Informazione, e si conclude con argomenti focalizzati su diversi aspetti dell'Elettronica. Numerosi corsi prevedono come parte integrante laboratori di misura e di progettazione, per rafforzare l'interazione tra modelli matematici e realtà sperimentale, fondamentale in questa branca dell'ingegneria.
Nella laurea triennale il primo anno, comune a tutte le lauree in Ingegneria, è dedicato alle discipline ingegneristiche di base nell'ambito matematico, fisico, chimico e informatico e della lingua inglese. Il secondo anno approfondisce argomenti di Matematica e Fisica legati alle Tecnologie dell'Informazione, e comprende corsi dedicati agli argomenti fondamentali per chi opera in questo settore: Elettrotecnica, Informatica, Elettronica generale e Misure. Il terzo anno si concentra sui contenuti specifici dell'Ingegneria Elettronica, integrati con argomenti di Telecomunicazioni e Automazione. Si dà rilievo agli aspetti applicativi, progettuali e di approfondimento, in modo da consentire sia una attività lavorativa direttamente con la laurea di primo livello, sia la prosecuzione nella laurea specialistica.
Durante il 3° anno l'allievo può seguire un tirocinio in azienda. La prova finale comprende la preparazione, sotto la supervisione di un docente, di una monografia scritta, su un argomento che può essere correlato al tirocinio aziendale.
Data la consistente presenza di allievi provenienti da altre nazioni, gli insegnamenti sono tenuti in Italiano e in Inglese. E' anche possibile frequentare parte dei corsi all'estero e conseguire doppi titoli di laurea, nel contesto di accordi con sedi universitarie di altri paesi.
Dalla Laurea in Elettronica è possibile proseguire direttamente verso tutte le Lauree Magistrali dell'area ICT.

 Risultati di apprendimento attesi

L’ingegnere elettronico è un tecnico di elevata preparazione, qualificato per affrontare i problemi tecnici nell’immediato e con formazione sufficientemente estesa e valida per recepire e utilizzare l’innovazione. La formazione dell’ingegnere elettronico privilegia gli aspetti più applicativi delle diverse discipline. In questo contesto, si evita un’eccessiva specializzazione per puntare a una solida preparazione tecnica e di base, nei divers... Espandi...

L’ingegnere elettronico è un tecnico di elevata preparazione, qualificato per affrontare i problemi tecnici nell’immediato e con formazione sufficientemente estesa e valida per recepire e utilizzare l’innovazione.

La formazione dell’ingegnere elettronico privilegia gli aspetti più applicativi delle diverse discipline. In questo contesto, si evita un’eccessiva specializzazione per puntare a una solida preparazione tecnica e di base, nei diversi ambiti culturali propri dell’Ingegneria elettronica. Ciò consente un rapido adattamento alle più diverse esigenze professionali, evitando il rischio di una rapida obsolescenza, permettendo al laureato di indirizzarsi verso i diversi possibili profili caratterizzanti la figura professionale dell’ingegnere elettronico.

La professione dell’ingegnere elettronico richiede la conoscenza e l’apprendimento di un ampio spettro di materie scientifiche di base (matematica, fisica e chimica), necessarie per sviluppare un’approfondita e dettagliata conoscenza nel settore dell’ingegneria dell’informazione (elettronica, informatica, telecomunicazioni ed automazione). L’ingegnere elettronico, per svolgere adeguatamente la sua professione, deve integrare le conoscenze tecnico-scientifiche con una adeguata conoscenza delle materie economiche e gestionali e avere dimestichezza con le lingue straniere utilizzate nel settore.

Al laureato vengono forniti metodologie e nozioni che gli consentono di operare nei settori della progettazione, ingegnerizzazione, produzione, esercizio e manutenzione dei sistemi elettronici, nella direzione e gestione di laboratori e di linee di produzione, anche al di fuori del settore produttivo elettronico. Il laureato conosce le principali caratteristiche di componenti, apparati e sistemi. Le competenze acquisite al termine del percorso formativo consentono di operare, oltre che nella progettazione e sviluppo, anche nelle attività di promozione, vendita, assistenza tecnica.



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti