PORTALE DELLA DIDATTICA
1
AREA ARCHITETTURA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
ALTRE INFORMAZIONI
AIQ - Assicurazione Interna della Qualità
 
Glossario it-en
 
CORSO DI LAUREA DI 1°LIVELLO in DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA
Anno Accademico 2012/13
DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA E DESIGN
Collegio di Design
Sede: TORINO
Durata: 3 anni
Classe di laurea n° L-4: DISEGNO INDUSTRIALE
Posti disponibili: 215 (15 riservati a studenti stranieri contingentati)
Docenti di riferimento del corso:
BISTAGNINO LUIGI   luigi.bistagnino@formerfaculty.polito.it   011/0906550
DE GIORGI CLAUDIA   claudia.degiorgi@polito.it   011/0906540
CAMPAGNARO CRISTIAN   cristian.campagnaro@polito.it   
Corso tenuto in Italiano
Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio
Conoscenza e capacita di comprensione (knowledge and understanding)

Le conoscenze e le capacita conseguite sono individuabili nelle seguenti aree di apprendimento

FORMAZIONE DI BASE IN STORIA - AREA COMUNE
Nuovo è il metodo di formazione disciplinare, che attraverso il Laboratorio tematico offre un percorso storico critico integrato tra architettura contemporanea e design da un lato e comunicazione visiva e design dall'altro, volto ad illustrare le tradizioni comuni a questi settori nella tradizione europea e in particolare, per il design, italiana.

SOSTENIBILITA' DI PROCESSI E MATERIALI - AREA COMUNE
Introduce il designer ad un livello di sensibilizzazione più consapevole nei confronti delle problematiche ambientali e di sostenibilità dei processi produttivi e dei materiali in essi implicati, proponendo un background culturale di tipo scientifico e tecnologico di riferimento, dal quale il designer possa evincere versatili strumenti di approccio alla problematica ambientale.

RAPPRESENTAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PROGETTO - AREA COMUNE
Nuovo è il metodo di formazione disciplinare, che attraverso il Laboratorio tematico presenta le connessioni tra l'approccio scientifico alla rappresentazione secondo i codici della geometria descrittiva e le tecniche di rappresentazione grafico-visiva manuale su carta tipiche dell'attività del designer; parallelamente, il Laboratorio informa ed esplora, attraverso la disciplina Rappresentazione reale e virtuale, le tecniche essenziali per rappresentare con modelli iconici prodotti esistenti o progetti elaborati dallo studente da un lato; le tematiche legate alla descrizione geometrica della forma, alla sua rappresentazione ed alle differenti metodologie da adottare nel processo di modellazione virtuale 2D e 3D dall'altro.

CONCEPT DESIGN - AREA COMUNE
Propone l'esperienza progettuale del COME FARE per modificare e valorizzare ciò che già esiste: a partire da un ambito dato e da una funzione specifica, ricercare per il proprio prodotto un valore culturale aggiunto associato all'ampiezza e alla precisione delle prestazioni offerte. Progettare seguendo una metodologia prestazionale e deduttiva rispetto alla quale un prodotto si afferma come la concretizzazione di un percorso che considera come parametri di valutazione le esigenze, i requisiti, le prestazioni richieste, la misura delle prestazioni offerte e delle prestazioni fornite. Si propone di fornire inoltre le basi per lo sviluppo di sistemi di comunicazione visiva, riferite specificatamente al settore grafico/pubblicitario.

DESIGN DI SCENARIO - AREA COMUNE
Nell'esperienza progettuale del COSA FARE, rispetto ad un ambito di indagine allargato, il designer lavora in collaborazione con competenze diverse alla costruzione di uno scenario in cui si accumulano come massa critica valori contestuali sociali, culturali, etici, biologici, tecnologici. E' obiettivo di questa figura la definizione di nuove tipologie di prodotti o di sistemi di prodotti che tengono conto delle diverse esigenze di utenza, delle diverse tecnologie disponibili e delle relative ricadute ambientali.

DESIGN DELL'ESPLORAZIONE - AREA COMUNE
Nell'esperienza progettuale del DOVE FARE, rispetto ad un ambito di indagine molto allargato, il designer ricerca nuovi ambiti per il progetto, possibili e nascosti, attraverso una ricerca libera in cui la fattibilità è una questione che si presenta solo in un secondo tempo, demandata ad un feed-back sulle attività del designer consapevole e del designer di scenario.

EXHIBIT DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN DI PRODOTTO
Comprendere l'esperienza progettuale del prodotto espositivo e del suo rapporto con lo spazio attraverso contributi interdisciplinari; a partire da tematiche definite di interventi espositivi, sviluppare soluzioni innovative, sostenibili e condivisibili approfondendo le problematiche tecniche correlate.

DESIGN PER L'INDUSTRIALIZZAZIONE - AREA DI INDIRIZZO DESIGN DI PRODOTTO
Grazie all'esperienza progettuale come simulazione professionale (dall'ideazione alla fase esecutiva di un prodotto o di un sistema di prodotti rispetto ad un ambito di indagine definito nella precedente esperienza del Design dell'esplorazione), approfondisce le conoscenze dei sistemi di produzione e delle tecniche gestionali aggiornate, compresi i quadri di riferimento legislativi, al fine di predisporre strategie e soluzioni progettuali pertinenti e verificate sotto il profilo della producibilità.

COMMUNICATION DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN GRAFICO E VIRTUALE
Grazie all'esperienza progettuale del prodotto grafico in campo editoriale (dal cartaceo tradizione al digitale e web), acquisisce le conoscenze tecniche di base per i processi dell'industria grafica, per la valutazione della fattibilità tecnologica, delle attrezzature e dei cicli produttivi, nonché dei materiali impiegati per la realizzazione dei prodotti.

INTERACTION DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN GRAFICO E VIRTUALE
Capacità di comprendere la complessità dell'interazione uomo-macchina, che diventa oggetto di progetto laddove l'interfaccia, ormai multisensoriale, è il luogo principale di molti degli avvenimenti in cui veniamo coinvolti tutti i giorni: dal prelevamento del denaro al bancomat alla fruizione di un museo o una mostra con funzione educativa e di intrattenimento, fino alla progettazione di luoghi virtuali immersivi e socializzanti.


Modalità didattiche
Queste conoscenze e capacità vengono acquisite dagli studenti attraverso lezioni frontali, esercitazioni e momenti di revisione (singola e collettiva) in aula e in laboratori informatici; i diversi insegnamenti coinvolti all'interno dei laboratori collaborano infatti al raggiungimento degli obiettivi formativi disponendo di momenti autonomi disciplinari (2/3) e di momenti di condivisione dell'esercitazione del laboratorio (1/3).
Nella maggior parte degli insegnamenti sono anche presenti altre attività, condotte in modo autonomo da ciascuno studente o da gruppi di lavoro, secondo modalità indicate dai docenti (ad esempio, approfondimento di argomenti monografici).
Ogni insegnamento indica quanti crediti sono riservati a ciascuna modalità didattica.

Modalità di accertamento
L'accertamento delle conoscenze e capacità di comprensione avviene tramite esami scritti e/o orali, che comprendono quesiti relativi agli aspetti teorici disciplinari, e tramite l'esame congiunto dell'elaborato grafico/multimediale oggetto dell'esercitazione del laboratorio, in cui particolare attenzione è posta alla capacità di integrazione delle conoscenze acquisite in insegnamenti e contesti diversi, alla capacità di valutare criticamente e scegliere modelli e metodi di soluzione diversi.

CREDITI LIBERI


PROVA FINALE


TIROCINIO


LINGUA INGLESE

Capacita di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

Le capacita di applicare le conoscenze e le capacita di comprensione sono individuabili nelle seguenti aree di apprendimento

FORMAZIONE DI BASE IN STORIA - AREA COMUNE
Capacità di utilizzare gli strumenti storiografici (teorie, informazioni, interpretazioni) per una lettura della genesi e sviluppo del design (prodotto, comunicazione, servizio).
Consapevolezza dei propri strumenti cognitivi e metodologici per leggere il passato come patrimonio di informazioni e di conquiste per lo sviluppo dell'azione di design.

SOSTENIBILITA' DI PROCESSI E MATERIALI - AREA COMUNE
Consapevolezza delle problematiche di (eco)sostenibilità dei principali processi di produzione/trasformazione dei materiali impiegabili. Capacità di dialogare con altre culture tecnico-scientifiche per la selezione di processi/prodotti più idonei in vista di una progettazione in grado di coniugare sinergicamente creatività, innovazione e riduzione dell'impatto ambientale.

RAPPRESENTAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PROGETTO - AREA COMUNE
Capacità di scegliere tecniche e strumenti adeguati per la rappresentazione 2D e 3D reale o virtuale dei progetti.
Consapevolezza dei propri strumenti cognitivi, metodologici e di comunicazione.

CONCEPT DESIGN - AREA COMUNE
Identificando questa figura come designer consapevole, si sottolinea la capacità di confrontarsi con un quadro ampio di problematiche, di progetto e di processo, atte a definire un prodotto buono, giusto ed espressivo.
Capacità di prendere decisioni nella consapevolezza del proprio ruolo e delle proprie responsabilità, imparare a gestire il tempo e le risorse.

DESIGN DI SCENARIO - AREA COMUNE
Il designer di scenario prefigura il futuro utilizzando le occasioni progettuali per favorire e incrementare la qualità ambientale, fisica, sociale dei luoghi e quella dei processi di produzione e trasformazione.
Capacità decisionali nella consapevolezza del proprio ruolo e delle responsabilità professionali, etiche, sociali del designer.

DESIGN DELL'ESPLORAZIONE - AREA COMUNE
Il designer esploratore ricerca nuovi ambiti ambiti e significati per ampliare l'orizzonte possibile dell'innovazione a partire da meta-ambiti allargati di riflessione; comprende appieno la natura dei fenomeni, senza isolarli dal contesto, e sviluppa soluzioni non precostituite né confinate nella consuetudine.
Capacità decisionali nella consapevolezza del proprio ruolo, cosciente delle responsabilità professionali, etiche, sociali del designer e delle ricadute molteplici del proprio operare, anche in termini di strategie economiche per il territorio.
Consapevolezza delle potenzialità di innovazione della figura del designer.

EXHIBIT DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN DI PRODOTTO
Capacità di identificare, analizzare e risolvere i problemi progettuali utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; verificare la validità delle soluzioni proposte anche dal punto di vista tecnico-costruttivo e fruitivo nello spazio.
Capacità di descrivere e interpretare i problemi posti dal contesto al fine di predisporre strategie e soluzioni progettuali appropriate e pertinenti.
Capacità decisionali nella consapevolezza del proprio ruolo, coscienza delle responsabilità professionali, etiche, sociali del lavoro del designer.

DESIGN PER L'INDUSTRIALIZZAZIONE - AREA DI INDIRIZZO DESIGN DI PRODOTTO
Capacità di tematizzare i portati e gli esiti della ricerca e del lavoro progettuale, al fine di incrementare il "saper fare" disciplinare e i valori aggiunti determinati dall'attività tecnica e culturale del designer.
Capacità decisionali nella piena consapevolezza del proprio ruolo, pieno controllo della gestione del tempo e delle risorse.

COMMUNICATION DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN GRAFICO E VIRTUALE
Capacità di elaborare progetti di elevato contenuto tecnico ed etico: un forte spirito progettuale, ma critico, unito a una duttilità nei confronti di un mercato editoriale sempre più difficile e parcellizzato.

INTERACTION DESIGN - AREA DI INDIRIZZO DESIGN GRAFICO E VIRTUALE
Capacità di gestire la complessità dell'interazione uomo-macchina e di definire in modo dinamico nuovi modi di interazione uomo macchina e uomo-uomo (attraverso i media) dove le tecnologie siano davvero foriere di nuovi modi d'uso, efficaci ed efficienti. Capacità gestire la tecnologia in modo critico, non sovraccaricando la vita di tecnologie ridondanti e ripetitive.


Modalità didattiche
Il Corso propone attività tutorate di analisi e progetto. Le lezioni ed esercitazioni in aula sono fortemente correlate alle attività progettuali del laboratorio; le attività di revisione e discussione in aula sono finalizzate alla verifica di criticità e limiti dei modelli rispetto ai casi reali. Viene curata l'applicazione integrata di conoscenze acquisite in differenti insegnamenti o in modo autonomo. Ogni insegnamento indica quanti crediti sono riservati a ciascuna modalità didattica.

Modalità di accertamento
Gli accertamenti comprendono esami tradizionali (scritti e/o orali), con quesiti relativi agli aspetti teorici delle discipline coinvolte nel laboratorio e la valutazione comparata degli elaborati progettuali del laboratorio, in cui viene verificata la capacità di applicare le conoscenze acquisite a problemi di carattere interdisciplinare. Alcuni corsi richiedono l'approfondimento di argomenti monografici.

Un accertamento complessivo delle capacità di applicare quanto appreso nei diversi insegnamenti avviene con la preparazione e la stesura della tesi di laurea, che consiste nella predisposizione di una ricerca originale che il candidato redige sotto la guida di un docente tutore e presenta alla Commissione di Laurea per la discussione. Questa prova finale, che approfondisce e sviluppa una tematica di carattere interdisciplinare scelta a partire dall'esperienza del tirocinio, richiede l'integrazione di conoscenze acquisite in diversi insegnamenti, e la capacità di apportare nuovi sviluppi.

CREDITI LIBERI


PROVA FINALE


TIROCINIO


LINGUA INGLESE

Autonomia di giudizio (making judgements)

Capacità di raccogliere e interpretare informazioni elaborandole autonomamente; sensibilità e capacità di riflettere sui temi etici, sociali, culturali ad essi connessi.
Tale capacità viene perseguita durante tutto il percorso didattico e raggiunta, in particolare, attraverso l'elaborazione della prova finale, che si conferma un momento di riflessione approfondita e personale di importanza fondamentale.

Abilita comunicative (communication skills)

Capacità di interagire con le diverse culture, aree disciplinari e professionalità che il design connette; capacità di lavorare in team mono e multidisciplinari; capacità di presentare in pubblico il proprio lavoro in lingua italiana e inglese; capacità di lavorare in un quadro internazionale o di rapporti internazionali.
Tali abilità vengono conseguite attraverso il lavoro in team, il confronto tra i gruppi di studenti e i docenti in momenti dedicati alla presentazione e discussione degli avanzamenti; quindi nel momento dell'esame finale, per il quale è richiesta l'esposizione e la presentazione con mezzi e strumenti diversi.

Capacita di apprendimento (learning skills)

Apertura all'innovazione, interesse per la multidisciplinarietà e per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze. Il Corso di Laurea fornisce agli studenti gli strumenti utili all'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze, anche dopo la conclusione del proprio percorso di studi. Questa attitudine, necessaria per tutti i versanti dell'attività, consente anche di intraprendere con facilità studi di livello superiore: ad esempio la Laurea Magistrale in Ecodesign.



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti