PORTALE DELLA DIDATTICA
Z
ARCHITECTURE
Course outline
 
Course description
 
Programme syllabus
 
Guide for Students
 
Degree Programme Regulation
 
Department
 
Collegio
 
Results of assessment questionnaires (C.P.D.)
 
Level of satisfaction of graduating students (AlmaLaurea)
 
Employment condition (AlmaLaurea)
 
Admission requirements
 
Final exam
 
SERVICES TO STUDENTS
Services
 
Tuition fees
 
Organization of academic structures
 
Students' representatives
 
Teaching staff
 
Examination sessions
 
FURTHER INFORMATION
SUA-CdS Information Model
 
Glossary en-it
 
TERRITORIAL, URBAN, ENVIRONMENTAL AND LANDSCAPE PLANNING, Laurea Magistrale (Master of science-level of the Bologna process)
Academic Year 2021/22
INTERUNIVERSITY DEPARTMENT OF REGIONAL AND URBAN STUDIES AND PLANNING
Collegio di Pianificazione e Progettazione
Campus: TORINO
Program duration: 2 years
Class LM-48 Degree: REGIONAL, URBAN AND ENVIRONMENTAL PLANNING
Reference Faculty
VOGHERA ANGIOLETTA   referente.lm.PTU@polito.it
AESOP® Certified program, Association of European Schools of Planning
Certificato AESOP

Risultati di apprendimento attesi
Conoscenza e capacità di comprensione
I risultati di apprendimento attesi sono riferiti a 3 aree di apprendimento:
− Analisi e valutazione dei contesti storici, geografici, economici, ambientali e sociali,
− Governo del territorio: pianificazione urbanistica e territoriale, infrastrutture urbane
− Governo del territorio: pianificazione paesaggistica, territoriale e ambientale

Le 3 aree di apprendimento sono state individuate in relazione all'approccio alla pianificazione proposto dal Corso, che è un approccio coerente con il processo stesso di pianificazione, un processo integrato in cui si combinano attività analitiche e progettuali e prospettive disciplinari diverse. I risultati di apprendimento attesi rispondono alle esigenze di formazione di un "pianificatore" in grado di assumere la funzione di coordinamento o direzione di équipe progettuali multidisciplinari, che affrontano i temi della pianificazione a scale diverse, con particolare attenzione alla centralità attuale delle questioni urbane e territoriali, in un’ottica di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nelle diverse dimensioni e problematiche – approccio integrato allo sviluppo, all’inclusione sociale, al diritto alla città, alla questione energetica e del cambiamento climatico, alla difesa del suolo, con una particolare attenzione nei confronti del patrimonio naturale, storico-culturale e paesaggistico e delle risorse disponibili. Una figura in grado di elaborare e supportare - anche grazie alle conoscenze avanzate nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali, delle banche dati territoriali, delle analisi spaziali - strategie, politiche, programmi e progetti di trasformazione urbana e territoriale che abbiano al centro un corretto uso delle risorse locali e coinvolgano i soggetti (istituzionali, economici, sociali) interessati; al pianificatore si chiede anche la capacità di interagire con attori diversi e anche con soggetti non esperti, stimolandone la collaborazione e la partecipazione, agendo da regia dell’iniziativa sul territorio.

Le attività destinate all'acquisizione di conoscenze e capacità di comprensione sono svolte in tutte e 3 le aree di apprendimento attraverso le lezioni frontali dei corsi curriculari obbligatori, a cui si affiancano, per permettere un maggior approfondimento specialistico, due o più insegnamenti opzionali, eventualmente connessi al tema di tesi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Entrambi gli orientamenti si snodano attorno a 2 esperienze formative centrali - Atelier/Studio multidisciplinari - incentrati sulla definizione di strumenti di pianificazione a scale diverse, che stimolano, attraverso gli apporti di più discipline, l'integrazione di una pluralità di punti di vista, propria delle équipe di pianificazione. Esse permettono allo studente di:
• simulare un processo di redazione di uno strumento di pianificazione a livello locale e di uno strumento di pianificazione paesaggistica e territoriale, per l’orientamento in italiano;
• raccogliere la sfida di operare in un contesto globale attraverso una prima esperienza progettuale orientata alla pianificazione attenta alla protezione del patrimonio e una seconda esperienza indirizzata alla pianificazione a fronte dei cambiamenti climatici, per l’orientamento in inglese.
Queste sono le attività formative principali che gli consentono di acquisire la capacità di applicare le conoscenze e la comprensione fornite dai corsi curriculari obbligatori, cui si affiancano talvolta piccole attività esercitative (area di apprendimento 1).
La tesi è un momento formativo centrale per il corso (30 crediti, secondo la prassi in vigore in molte Università europee, un quarto dei crediti previsti per il percorso formativo), nel quale è centrale la capacità di applicare le conoscenze a la comprensione acquisite. Allo studente viene offerta un’alternativa: elaborazione di una tesi di ricerca o elaborazione di una tesi di carattere maggiormente professionalizzate, all'interno della quale è previsto un periodo di tirocinio.
 
A cura di: Cristiana Rossignolo Data introduzione: 13.01.2016 Data scadenza:

Area di apprendimento Risultati di apprendimento attesi Insegnamenti / attivita formative
Analisi e valutazione dei contesti storici, geografici, economici, ambientali e sociali   Conoscenza e comprensione
- conoscenze nel campo dell'analisi delle relazioni tra soggetti sociali e ambiente: le molteplici dimensioni del concetto di “ambiente”; le relazioni tra i sistemi sociali e l'ambiente; la partecipazione sociale nella pianificazione dell'ambiente e del territorio; la percezione soggettiva dell'ambiente e del rischio ambientale;
- conoscenze nel campo della geografia urbana e territoriale: conoscenza dei fenomeni urbani e territoriali in una prospettiva geografica; visione multiscalare dell'organizzazione urbana e territoriale e dei suoi problemi; geografia dell'azione collettiva; conoscenza delle dinamiche di sviluppo connesse alla programmazione e partecipazione a iniziative di partenariato internazionali
- conoscenze nel campo della storia dei fenomeni urbani e insediativi e dell’urbanistica (con riferimento a esperienze e modelli internazionali) e nel campo dell’analisi dei tessuti storici e ambientali: periodizzazione e individuazione di sistemi storico-territoriali, riferite alla storiografia, concetti di “monumento storico”, “bene culturale”, “patrimonio storico” e “bene paesaggistico”, con le relative ricadute critiche, normative e professionali;
- conoscenza dei metodi di analisi e interpretazione storico-critica del patrimonio costruito, in particolare alla scala urbana, territoriale e paesaggistica, conoscenza dei principali orientamenti internazionali sul tema
- conoscenza nel campo dell’economia e delle politiche pubbliche: micro fondamenti economici della condotta dei soggetti privati e pubblici; analisi dei meccanismi di gestione privata e pianificazione collettiva dei processi di sviluppo urbani e territoriali; valutazione dell’impatto di decisioni pubbliche, collettive e private nella dimensione territoriale, economica ed ambientale;
- processo decisionale nel contesto della pianificazione urbana per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), misurazione e monitoraggio a diverse scale;
- conoscenze avanzate nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali, della creazione e gestione di banche dati territoriali, delle analisi spaziali.

Queste conoscenze vengono acquisite dagli studenti attraverso lezioni frontali, letture, analisi di documenti ufficiali e di casi studio.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
capacità di:
- analizzare le potenzialità e risorse specifiche dei contesti urbani e territoriali, i progetti di sviluppo locale
- analizzare i tessuti storici e i beni culturali ed ambientali del territorio da pianificare
- costruire scenari, strategie e partenariati territoriali per lo sviluppo
- svolgere e rappresentare le analisi spaziali con strumenti GIS avanzati
- applicare concetti, metodi per l’analisi qualitativa e quantitativa e per la stimolazione dei processi partecipativi
- utilizzare strumenti valutativi di supporto alle decisioni e, in particolare per valutare la sostenibilità ambientale.

Queste capacità vengono acquisite attraverso attività esercitative previste nell'ambito degli insegnamenti.

 
Comparative City History - 01SOYQA - ICAR/18 (6 cfu)
Decision Making for Sustainable Development Goals - 01SOXQA - ICAR/22 (6 cfu)
Geografia urbana e territoriale - 02NTBQA - M-GGR/01 (6 cfu)
Geomatics for Urban and Regional Analysis - 01RVBQA - ICAR/06 (6 cfu)
Global urban geographies - 02ROVQA - M-GGR/01 (6 cfu)
Methodologies for Social Inclusion and Participation - 01RUWQA - SPS/10 (6 cfu)
Sociologia dell'ambiente e del territorio - 04EOEQA - SPS/10 (6 cfu)
Storia e critica del patrimonio territoriale - 01OTVQA - ICAR/18 (6 cfu)
Transnational Programmes Design - 01RUXQA - M-GGR/02 (4 cfu)
Urban and Regional Economics - 01RVXQA - SECS-P/06 (6 cfu)
 
Governo del territorio: pianificazione urbanistica e territoriale, infrastrutture urbane   Conoscenza e comprensione
a) conoscenza approfondita dell'ordinamento istituzionale, degli strumenti di governo del territorio, delle politiche e degli atti di pianificazione connessi anche con riferimento agli aspetti economici, di mercato e ambientali
- natura e contenuti normativi dei piani urbanistici e territoriali e dei relativi riferimenti legislativi;
- sistemi di governo del territorio in Europa e nel mondo, con riferimento agli orientamenti espressi nei documenti ufficiali dell’Unione europea e di enti e organismi internazionali (UN);
- conoscenza approfondita degli strumenti di pianificazione territoriale e paesaggistica, delle esperienze di pianificazione strategica e del relativo dibattito teorico; ruolo che la pianificazione di area vasta svolge in rapporto ai processi insediativi e alle connesse modificazioni del territorio e dell'ambiente;
b) conoscenze approfondite nel campo della pianificazione della mobilità e dei trasporti: concetti generali alla base della pianificazione dei trasporti, assetto normativo italiano. Transport policy e controllo e gestione della mobilità considerando l’interazione tra trasporti e territorio e la valutazione dei costi sociali dei sistemi di trasporto.
c) conoscenze nel campo delle infrastrutture urbane per l’energia:
- infrastrutture urbane: acquisizione di una conoscenza approfondita delle tecnologie per il risparmio energetico, del loro impatto ambientale, del loro inserimento nel tessuto urbano considerando ove possibile lo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabili;
- valutazione delle tecnologie per la produzione dell’energia da fonti rinnovabili e della disponibilità di tali fonti su scala territoriale (in particolare vengono applicati i modelli di consumo di energia a scala urbana e quelli per la valutazione del risparmio energetico);
- cambiamento climatico sui processi di insediamento e urbanizzazione, metodologie utili a analizzarne e monitorarne gli impatti.
Capacità di orientarsi e aggiornarsi in merito a sedi e livelli decisionali ed amministrativi che esprimono politiche condizionanti le dinamiche territoriali.
Queste conoscenze e capacità di comprensione vengono acquisite attraverso lezioni frontali.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Capacità di pianificare a livello locale, analizzare e progettare le forme urbane e valutare la fattibilità economica- finanziaria dei progetti pubblici e pubblico-privati e delle decisioni di investimento e applicare le tecniche appropriate di valutazione.
Queste capacità vengono acquisite nel corso della simulazione di un processo di pianificazione a scala locale condotta nell' Atelier/Studio multidisciplinare al quale i moduli afferiscono.
L'accertamento delle capacità acquisite avviene durante lo svolgimento dell’Atelier/Studio attraverso i momenti destinati all'esposizione e alla discussione dei prodotti intermedi, a cui partecipano tutti i docenti che afferiscono all'Atelier/Studio, e nel momento dell’esame finale, momenti nei quali viene richiesta l’esposizione dei risultati con l’uso di forme diverse di rappresentazione e comunicazione.

Capacità di definire strategie e strumenti di analisi, valutazione e gestione del rischio e della resilienza del tessuto urbano (non solo quale strumento di difesa dai disastri naturali, ma anche come generale capacità della struttura di assorbire shock di altro genere).

Queste capacità vengono acquisite nel corso della simulazione di un processo di assorbimento, adattamento, ripresa (con relative strategie) di una comunità ad una situazione di rischio condotta nell’Atelier/Studio multidisciplinare a cui i moduli contribuiscono. L'accertamento delle capacità acquisite avviene durante lo svolgimento dell'Atelier/Studio attraverso i momenti destinati all'esposizione e alla discussione dei prodotti intermedi, a cui partecipano tutti i docenti che afferiscono all'Atelier/Studio, e nel momento dell’esame finale, momenti nei quali viene richiesta l’esposizione dei risultati con l’uso di forme diverse di rappresentazione e comunicazione.

Capacità di:
- individuare e valutare scelte relative alla realizzazione di infrastrutture urbane, individuare criteri di scelta tra soluzioni alternative.
- analizzare i dati di mobilità con tecniche statistiche e di redigere un piano di trasporti nelle sue fasi principali; capacità di utilizzare modelli per la previsione della domanda di trasporto e di utilizzare modalità di calcolo dei costi dei trasporti.
- valutare i principali impatti in tema di inquinamento atmosferico, acustico e luminoso degli interventi urbanistici su scala urbana e territoriale tenendo conto dei criteri di distribuzione sul territorio delle risorse energetiche.
Queste capacità vengono acquisite attraverso attività esercitative condotte nell'ambito di ciascun insegnamento.

 
Energy Challenges and Environmental Sustainability - 01SOSQA - ING-IND/11 (4 cfu)
Governo del territorio in Europa - 01RUPQA - ICAR/20 (6 cfu)
Pianificare la città (Atelier) - Analisi e progettazione della morfologia urbana - 01RUUQA - ICAR/14 (3 cfu)
Pianificare la città (Atelier) - Pianificazione locale - 01RUUQA - ICAR/21 (6 cfu)
Pianificare la città (Atelier) - Valutazione e fattibilità economica - 01RUUQA - ICAR/22 (3 cfu)
Pianificazione dei trasporti - 04BWIQA - ICAR/05 (6 cfu)
Pianificazione territoriale e pianificazione strategica - 02JIWQA - ICAR/21 (6 cfu)
Profili normativi e istituzionali nella pianificazione - 01NTCQA - ICAR/21 (6 cfu)
Sostenibilità energetica ed ambientale - 01RUOQA - ING-IND/11 (4 cfu)
Spatial Planning for Climate Change (Studio) - Climate Planning - 01RVGQA - ICAR/20 (6 cfu)
Spatial Planning for Climate Change (Studio) - Urban Hydrology and Ecology - 01RVGQA - AGR/02 (3 cfu)
Spatial Planning for Climate Change (Studio) - Urban Hydrology and Ecology - 01RVGQA - AGR/08 (3 cfu)
Territorial Governance and Spatial Planning Systems - 01SORQA - ICAR/20 (6 cfu)
 
Governo del territorio: pianificazione paesaggistica, territoriale e ambientale   Conoscenza e comprensione
a) conoscenza del quadro concettuale e di indirizzo delle principali politiche europee ed internazionali per la natura, l’ambiente e il paesaggio, o che possono avere effetti su questi (inclusi concetto di servizi ecosistemici, di agricoltura multifunzionale e di infrastruttura verde, di consumo di suolo); conoscenza degli strumenti di pianificazione territoriale e paesaggistica, di pianificazione ambientale e dei parchi naturali (con particolare approfondimento del contesto istituzionale e legislativo italiano, e comparazione con altri modelli); conoscenza delle relazioni tra gli strumenti di area vasta, gli strumenti urbanistici locali; conoscenza dei principi e di alcune procedure di valutazione ambientale.
b) conoscenze relative alla difesa del suolo, alla gestione delle acque e al controllo del rischio idraulico per la pianificazione territoriale, urbanistica ed ambientale,
c) conoscenze sul ruolo del patrimonio materiale e immateriale nello sviluppo urbano e territoriale, dei concetti e dei metodi di indagine per il riconoscimento dei valori esistenti: sociali, storico culturali, patrimoniali, e delle relative problematicità;
- Conoscenza delle politiche per la protezione del patrimonio, con attenzione alle linee guida di soggetti internazionali come Unesco, Iucn, Icomos, best practices, strumenti giuridici, linee guida e strumenti (come i piani di gestione).
- Conoscenza dei problemi e degli strumenti d'intervento nei sistemi insediativi esistenti, con attenzione al riconoscimento e al trattamento del patrimonio esistente: densificazione, rigenerazione, rinnovo urbano.

Queste conoscenze vengono acquisite dagli studenti attraverso lezioni frontali.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Capacità di:
- elaborare strumenti di pianificazione paesaggistica e territoriale, delineare processi di implementazione a livello locale e elaborare strumenti urbanistici locali adeguati agli indirizzi di area vasta; capacità di rappresentazione dei valori e degli indirizzi adeguata alla scala di lavoro
- analizzare la dimensione ecologico-ambientale della pianificazione in linea con i più recenti orientamenti di tutela del suolo agricolo e contrasto al consumo di suolo;
- valutare l’effetto sull'ambiente di piani e programmi con metodologie di estimo ambientale;
Queste capacità vengono acquisite nel corso della simulazione di un processo di pianificazione a scala di area vasta condotta nell’Atelier/Studio,multidisciplinare, a cui contribuiscono i moduli.
L'accertamento delle capacità acquisite avviene durante lo svolgimento nell'Atelier/Studio attraverso i momenti destinati all'esposizione e alla discussione dei prodotti intermedi, a cui partecipano tutti i docenti che afferiscono all'Atelier/Studio, e nel momento dell’esame finale, momenti nei quali viene richiesta l’esposizione dei risultati con l’uso di molteplici forme di rappresentazione e comunicazione.

Capacità di:
- analizzare i contesti esistenti e il loro patrimonio e definire misure di protezione e trasformazione secondo le più recenti metodologie di intervento;
- elaborare piani di recupero di città e territori nel rispetto del patrimonio dei valori esistenti, attraverso un “approccio italiano” alla protezione del patrimonio.
Queste capacità vengono acquisite nel corso della simulazione di un processo di recupero condotto nell’Atelier/Studio.
L'accertamento delle capacità acquisite avviene durante lo svolgimento nell'Atelier/Studio multidisciplinare attraverso i momenti destinati all'esposizione e alla discussione dei prodotti intermedi, a cui partecipano tutti i docenti che afferiscono all'Atelier/Studio, e nel momento dell’esame finale, momenti nei quali viene richiesta l’esposizione dei risultati con l’uso di molteplici forme di rappresentazione e comunicazione.

Valutazione dei rischi di carattere idrogeologico.
Queste capacità vengono acquisite attraverso attività esercitative condotte nell'ambito del corso di Idrologia del territorio.

 
Idrologia territoriale - 02PMYQA - AGR/08 (6 cfu)
Pianificare il territorio e il paesaggio (Atelier) - Ecologia del paesaggio rurale - 01RUTQA - AGR/02 (4 cfu)
Pianificare il territorio e il paesaggio (Atelier) - Estimo ambientale - 01RUTQA - ICAR/22 (4 cfu)
Pianificare il territorio e il paesaggio (Atelier) - Pianificazione paesaggistica e territoriale - 01RUTQA - ICAR/21 (6 cfu)
Planning for Environment - 01SOQQA - ICAR/21 (6 cfu)
Planning for Heritage (Studio) - Heritage-based Planning - 01RVCQA - ICAR/21 (6 cfu)
Planning for Heritage (Studio) - Urban and Landscape Heritage - 01RVCQA - ICAR/18 (4 cfu)
 
Crediti liberi   Conoscenza e comprensione
I crediti liberi possono essere scelti dallo studente fra alcuni corsi attivati dal Corso di laurea o altri presenti nell'Ateneo. Lo studente può anche scegliere corsi presso altri Atenei (ad esempio, l’Università di Torino, anche in considerazione della natura Interateneo del Dipartimento nel quale è incardinato il CdS), il cui riconoscimento è effettuato dal Referente del CdS.
Inoltre, il Referente può riconoscere crediti formativi per altre attività formative extracurriculari (quali ad esempio workshop, seminari, viaggi di studio, concorsi) e esterne all’Ateneo, quando coerenti con gli obiettivi formativi del CdS.




 
Crediti liberi attivati da altri Corsi di studi - 01SHTQA - *** N/A *** (6 cfu)
Crediti liberi attivati da altri Corsi di studi - 02SHTQA - *** N/A *** (6 cfu)
Crediti liberi attivati e consigliati dal Corso di studi - 01SHRQA - *** N/A *** (6 cfu)
Crediti liberi attivati e consigliati dal Corso di studi - 02SHRQA - *** N/A *** (6 cfu)
Free ECTS credits available and recommended by the MSc - 01SHSQA - *** N/A *** (6 cfu)
Free ECTS credits available and recommended by the MSc - 02SHSQA - *** N/A *** (6 cfu)
 
Tesi e tirocinio   Conoscenza e comprensione
Il tirocinio non è obbligatorio, ma viene inserito nel carico didattico da coloro che scelgono di fare una tesi professionalizzante (30 crediti comprensivi di 10 crediti per il tirocinio)

Le attività svolte nel tirocinio (presso enti pubblici, privati e del terzo settore) hanno un forte contenuto professionalizzante e consentono allo studente, oltre all'applicazione delle conoscenze acquisite, una conoscenza diretta delle condizioni del mondo del lavoro, l'acquisizione di una maggiore autonomia di giudizio ed un affinamento della capacità di lavorare in gruppo. L’accertamento delle capacità raggiunte viene verificato attraverso il giudizio espresso dal tutor aziendale e dal tutor accademico.

In alternativa, lo studente può scegliere di svolgere una tesi di ricerca (30 crediti).
La tesi di ricerca consente di applicare le conoscenze acquisite, ma anche di incrementare le capacità di approfondire autonomamente le tematiche affrontate, e di rafforzare, attraverso l'acquisizione di una metodologia di ricerca, le capacità di autoapprendimento.
L’accertamento delle capacità raggiunte viene verificato dal relatore, che approva l’elaborato, e dalla Commissione nel corso della discussione della tesi.

In entrambi i casi, è richiesto che lo studente studi autonomamente un problema adottando un approccio metodologico rigoroso e con l’intento di proporre soluzioni adeguate alla sua risoluzione e all’avanzamento della conoscenza. La tesi può essere teorica (sviluppo di un tema attraverso teorie, metodi, casi di studio, con approccio critico e ricerca bibliografica) o di tipo applicativo (applicazione o sviluppo di metodi sperimentali, su caso studio), in entrambi i casi producendo un apporto originale orientato alla ricerca di una soluzione.
 
Master Thesis (potentially internship-based) - 01VEBQA - *** N/A *** (20 cfu)
Professional Training - 10MSYQA - *** N/A *** (10 cfu)
Research thesis - 01VEAQA - *** N/A *** (30 cfu)
Tesi di ricerca - 01PGEQA - *** N/A *** (30 cfu)
Tesi professionalizzante - 01NTMQA - *** N/A *** (20 cfu)
Tirocinio - 02CWHQA - *** N/A *** (10 cfu)
 
A cura di: Cristiana Rossignolo Data introduzione: 15.03.2016 Data scadenza:
Autonomia di giudizio
Le attività previste negli atelier multidisciplinari sono proposte come attività di "simulazione" di processi di pianificazione il più possibile "reali", complessi, che hanno come esito prodotti tecnici di standard elevato. Stimolano, quindi, nello studente l'opportunità e la necessità di compiere scelte, basate sull'interpretazione e sulla valutazione di situazioni "reali", e la necessità di un'autonomia di giudizio e di una consapevolezza di tutti i fattori economici, sociali, istituzionali, ambientali ed anche etici che intervengono in un processo di pianificazione. L'acquisizione di questa capacità di giudizio si rafforza attraverso la redazione della tesi.
Abilità comunicative
Le attività negli Atelier svolte in gruppo e sotto la regia di docenti di diverse discipline incoraggiano l'attitudine dello studente a lavorare nell'ambito di gruppi multidisciplinari, favorendo la formazione di capacità comunicative e la capacità di operare efficacemente come leader di équipe composte da specialisti di diversi settori, in cui fondamentale è la capacità di integrare apporti diversi e di gestire la complessità che ne deriva.
Gli Atelier curano anche la comunicazione in forma grafica, sia attraverso l'uso del linguaggio tecnico sia attravreso elaborati di sintesi non tecnica.
Un aiuto allo sviluppo di queste capacità può venire dalla possibilità di svolgere un tirocinio.
La stessa possibilità di redigere la tesi di laurea in lingua inglese e di svolgere eventualmente un tirocinio all'estero, forniscono ulteriori possibilità di incrementare le proprie abilità comunicative

Capacità di apprendimento
Il corso di laurea magistrale fornisce conoscenze e strumenti che il laureato potrà applicare con un alto grado di autonomia nel mondo del lavoro, ma indica anche modelli di comportamento e approcci metodologici, anche attraverso confronti internazionali, che predispongono il laureato a ricercare nuove soluzioni favorendo un atteggiamento di disponibilità all'aggiornamento delle proprie conoscenze ed una capacità di apprendimento fondamentali per la successiva formazione continua.
Questa preparazione metodologica, oltre alla preparazione scientifica, fornisce anche la base per un eventuale proseguimento degli studi (scuola di dottorato, Master di II livello).
La verifica di queste acquisizioni avviene lungo tutto il percorso di studi attraverso gli esami e le attività di Atelier, e trova un momento significativo nell'elaborazione e discussione della tesi.

 
A cura di: Cristiana Rossignolo Data introduzione: 11/02/2015 Data scadenza:


© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti