PORTALE DELLA DIDATTICA
Z
AREA INGEGNERIA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Regolamento didattico del Corso di Studio
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
ALTRE INFORMAZIONI
Modello Informativo SUA-CdS
 
Glossario it-en
 
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA DEI MATERIALI
Anno Accademico 2021/22
DIPARTIMENTO SCIENZA APPLICATA E TECNOLOGIA
Collegio di Ingegneria Chimica e dei Materiali
Sede: TORINO
Durata: 2 anni
Classe di laurea n° LM-53: SCIENZA E INGEGNERIA DEI MATERIALI
Referente del corso
SALVO MILENA   referente.materiali@polito.it
Corso tenuto in Italiano, Inglese
 Obiettivi formativi

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali approfondisce gli aspetti teorico-scientifici dei materiali strutturali e funzionali partendo da un rafforzamento delle basi di ingegneria industriale e dei materiali. Il percorso didattico è progettato in modo da fornire le conoscenze necessarie per la progettazione di materiali innovativi con proprietà migliorate nonché per la gestione e l’ottimizzazione delle tecnologie di trasformazion... Espandi...

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali approfondisce gli aspetti teorico-scientifici dei materiali strutturali e funzionali partendo da un rafforzamento delle basi di ingegneria industriale e dei materiali. Il percorso didattico è progettato in modo da fornire le conoscenze necessarie per la progettazione di materiali innovativi con proprietà migliorate nonché per la gestione e l’ottimizzazione delle tecnologie di trasformazione, lavorazione e riciclo.
Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali richiede l'acquisizione di 120 crediti formativi universitari e prevede una durata di due anni. Il percorso didattico, dopo un primo anno comune, è organizzato in due orientamenti che si differenziano per gli insegnamenti obbligatori del secondo anno. Durante il secondo anno è, inoltre, offerta agli studenti la possibilità di inserire 14 CFU di insegnamenti a scelta. In questo modo, gli studenti hanno l'opportunità di personalizzare il proprio percorso formativo orientandolo in relazione ai propri interessi verso diverse classi di materiali o specifici campi di applicazione. Nel programma di molti degli insegnamenti dei due orientamenti sono anche inseriti laboratori didattici grazie ai quali gli studenti possono imparare ad utilizzare, mediante un approccio “learning by doing”, tecnologie di trasformazione e tecniche di caratterizzazione avanzata dei materiali nonché sviluppare la capacità di lavorare in team e le abilità comunicative (soft skills). L'offerta formativa è infine completata dalla prova finale.
Il corso di laurea magistrale ha una forte integrazione con le industrie dell'ambito territoriale, nazionale ed europeo e una vocazione allo scambio culturale con le altre istituzioni universitarie europee ed extra-europee. In questo ultimo ambito il corso di studi ha stretto numerosi accordi con altre Università, rivolti ad offrire la possibilità di trascorrere un semestre di studio all'estero o di conseguire un doppio titolo di studio. Nello stesso spirito il corso di studi offre anche la possibilità di svolgere il periodo all'estero per lo svolgimento della sola tesi di laurea. Al momento sono in vigore più di 15 accordi con istituzioni internazionali per lo svolgimento di tali esperienze.

 Sbocchi occupazionali e professionali

Questa figura professionale trova occupazione prevalentemente nel settore industriale pubblico e privato con mansioni progettuali, direttive, organizzative e gestionali. Inoltre svolge attività anche come libero professionista o come lavoratore dipendente nell'ambito di società di servizi e consulenza. Gli ambiti tipici di attività sono quelli dell'innovazione, dello sviluppo, della progettazione, della qualificazione dei materiali e della organi... Espandi...

Questa figura professionale trova occupazione prevalentemente nel settore industriale pubblico e privato con mansioni progettuali, direttive, organizzative e gestionali. Inoltre svolge attività anche come libero professionista o come lavoratore dipendente nell'ambito di società di servizi e consulenza. Gli ambiti tipici di attività sono quelli dell'innovazione, dello sviluppo, della progettazione, della qualificazione dei materiali e della organizzazione e gestione di sistemi complessi di trasformazione dei materiali e produzione di beni industriali.





Il profilo professionale che il CdS intende formare Principali funzioni e competenze della figura professionale
Ingegnere dei materiali  FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L’ingegnere dei materiali opera con ruoli di responsabilità nel campo della innovazione di prodotto e processo con particolare riferimento ai materiali metallici, polimerici, ceramici e compositi, ai materiali innovativi strutturali e funzionali. Si tratta di un tecnico chiamato a ottimizzare materiali e tecnologie già consolidate a livello industriale o a progettare e sintetizzare materiali e tecnologie innovative. L’ingegnere dei materiali ha un profilo professionale tale da permettere, a tendere, anche una carriera di responsabile dei prodotti, dei processi e di project manager.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Le principali competenze dell’ingegnere dei materiali sono:
- gestione del processo produttivo (impianti di produzione di materiali, impianti di trattamento termico, semilavorati e manufatti) di materiali tradizionali;
- gestione di laboratori di controllo della qualità del prodotto che conducono valutazioni sulle proprietà dei materiali o sul controllo del processo;
- gestione del processo di selezione di materiali innovativi nel contesto di attività di progettazione ed innovazione di prodotto;
- gestione del processo di sviluppo di tecnologie industriali innovative di produzione e trasformazione dei materiali.

SBOCCHI PROFESSIONALI:
I laureati magistrali in Ingegneria dei Materiali trovano occupazione prevalentemente nel settore industriale pubblico e privato (manifatturiero, dell’energia, industria aeronautica e aerospaziale, del settore bomedico, del settore elettronico, ecc.) per la produzione e la trasformazione di materiali metallici, polimerici, ceramici, vetrosi e compositi, in laboratori industriali e in centri di ricerca e sviluppo di aziende ed enti pubblici e privati.
I laureati in Ingegneria dei Materiali, previo superamento dell’Esame di Stato, potranno conseguire l’abilitazione a Ingegnere-Sezione A e iscriversi all’albo professionale quali Ingegneri Industriali Senior.
La preparazione acquisita con la laurea magistrale in Ingegneria dei Materiali consente ai laureati di proseguire la formazione nei corsi di dottorato nell’ambito della Scienza e Ingegneria dei Materiali. La naturale prosecuzione del percorso accademico è rappresentata dal Dottorato In Scienza e Tecnologia dei Materiali del Politecnico di Torino. 


Risultati di apprendimento attesi

I contenuti scientifico-disciplinari suddivisi per area di apprendimento e definiti tramite i "descrittori di Dublino" sono riportati nella tabella relativa al Quadro A4b - Risultati di apprendimento attesi.



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti