PORTALE DELLA DIDATTICA
Z
AREA INGEGNERIA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Regolamento didattico del Corso di Studio
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
ALTRE INFORMAZIONI
Modello Informativo SUA-CdS
 
Glossario it-en
 
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA MATEMATICA
Anno Accademico 2020/21
DIPARTIMENTO DI SCIENZE MATEMATICHE
Collegio di Ingegneria Matematica
Sede: TORINO
Durata: 2 anni
Classe di laurea n° LM-44: MODELLISTICA MATEMATICO-FISICA PER L'INGEGNERIA
Referente del corso
BERRONE STEFANO   coord.matematica@polito.it
Corso tenuto in Italiano, Inglese
 Obiettivi formativi

Obiettivo specifico del corso di laurea magistrale in Ingegneria Matematica è la formazione di una figura professionale che sappia utilizzare le tecnologie dell'Ingegneria e le metodologie della Matematica Applicata per descrivere e risolvere problematiche complesse, che richiedono un'approfondita indagine di tipo modellistico-numerico e di tipo probabilistico-statistico. Caratterizzato da una forte sinergia tra la Matematica e le discipline p... Espandi...

Obiettivo specifico del corso di laurea magistrale in Ingegneria Matematica è la formazione di una figura professionale che sappia utilizzare le tecnologie dell'Ingegneria e le metodologie della Matematica Applicata per descrivere e risolvere problematiche complesse, che richiedono un'approfondita indagine di tipo modellistico-numerico e di tipo probabilistico-statistico.
Caratterizzato da una forte sinergia tra la Matematica e le discipline proprie dell'Ingegneria, il corso di laurea magistrale dà la possibilità agli studenti di affrontare problemi provenienti da vari settori dell'Ingegneria e riguardanti sia sistemi artificiali, costruiti o costruibili dall'uomo, sia sistemi e fenomeni naturali.
La formazione avrà come obiettivi specifici quello di rendere l'ingegnere matematico magistrale in grado di svolgere le seguenti attività:
- Scegliere il modello matematico opportuno da utilizzare sulla base di un compromesso tra complessità e accuratezza desiderata.
- Analizzare dal punto di vista qualitativo e quantitativo l'output generato dal modello e la rispondenza dei risultati con il fenomeno da analizzare.
- Simulare numericamente fenomeni naturali, processi industriali e comportamenti di materiali e di strutture.
- Effettuare una analisi di dati statistici, sintetizzarli, adattarli ai modelli stocastici di interesse nelle applicazioni, utilizzarli a scopo previsionale in analisi affidabilistiche e decisionali.
- Affrontare, con la mentalità propria dell'ingegnere, problematiche relative a sistemi complessi, nei quali è presente una forte interdisciplinarietà, utilizzando metodologie offerte dai vari settori della Matematica Applicata.
Il percorso formativo consta di due indirizzi, uno più orientato agli aspetti modellistici e numerici di interesse per le applicazioni industriali ed uno più orientato agli aspetti probabilistico-statistici o legati a problemi di ottimizzazione o di dinamiche su reti o di analisi di dati. I due indirizzi presentano sia un blocco comune che un certo grado di osmosi, in quanto alcune materie obbligatorie per un indirizzo sono opzionabili in una tabella di materie caratterizzanti per l'altro.
Il percorso formativo è comunque volto ad assicurare che siano presenti tutti gli strumenti conoscitivi necessari per lo svolgimento della professione di ingegnere matematico, nella quale si integrano conoscenze e competenze di:
- Modellazione matematica, finalizzate alla deduzione, a partire dal problema applicativo, del modello matematico adatto alla descrizione del fenomeno ed alla analisi delle soluzioni dal punto di vista qualitativo e quantitativo;
- Simulazione numerica, finalizzato alla descrizione dei più aggiornati metodi di approssimazione ed integrazione numerica e delle metodologie di rappresentazione della soluzione numerica;
- Probabilità e statistica, finalizzato alla trattazione dei problemi non deterministici ed alla gestione ed all'interpretazione dei dati sperimentali e provenienti da modelli probabilistici;
- Ingegneria, finalizzato all'acquisizione dei campi di applicazione e dei problemi che caratterizzano i vari settori dell'Ingegneria.
Con lo svolgimento e la discussione della tesi lo studente integra le proprie conoscenze e mette a frutto le proprie competenze dedicandosi ad un'attività che tendenzialmente mescoli contributi di tipo teorico ed applicativo e/o sperimentale e nella quale dovrà fornire il proprio contributo originale.

 Sbocchi occupazionali e professionali

I laureati in Ingegneria Matematica sono in grado di svolgere le seguenti attività:
- scegliere il modello matematico opportuno da utilizzare sulla base di un compromesso tra accuratezza desiderata e complessità tollerata;
- analizzare dal punto di vista qualitativo e quantitativo l'output generato dal modello e la rispondenza con il fenomeno di interesse;
- simulare numericamente fenomeni naturali, processi industriali e com... Espandi...

I laureati in Ingegneria Matematica sono in grado di svolgere le seguenti attività:
- scegliere il modello matematico opportuno da utilizzare sulla base di un compromesso tra accuratezza desiderata e complessità tollerata;
- analizzare dal punto di vista qualitativo e quantitativo l'output generato dal modello e la rispondenza con il fenomeno di interesse;
- simulare numericamente fenomeni naturali, processi industriali e comportamenti di materiali e di strutture;
- effettuare una analisi di dati statistici, sintetizzarli, adattarli ai modelli stocastici di interesse nelle applicazioni, utilizzarli a scopo previsionale in analisi affidabilistiche e decisionali;
- affrontare, con la mentalità propria dell’ingegnere, problematiche relative a sistemi complessi, nei quali è presente una forte interdisciplinarietà, utilizzando metodologie offerte dai vari settori della Matematica Applicata.

Il percorso formativo è quindi volto ad assicurare che siano presenti tutti gli strumenti conoscitivi necessari per lo svolgimento della professione di ingegnere matematico, nella quale si integrano conoscenze e competenze di:
- modellazione matematica, finalizzate alla deduzione, a partire dal problema applicativo, del modello matematico adatto alla descrizione del fenomeno ed alla analisi delle soluzioni dal punto di vista qualitativo e quantitativo;
- simulazione numerica, finalizzata alla approssimazione e rappresentazione della soluzione utilizzando i più aggiornati metodi di integrazione numerica;
- probabilità e statistica, finalizzate alla trattazione dei problemi non deterministici ed alla gestione ed all'interpretazione dei dati sperimentali e provenienti da modelli probabilistici;
- ingegneria, finalizzate all'acquisizione delle conoscenze e delle problematiche che caratterizzano le applicazioni derivanti dal mondo reale.

I laureati si inseriscono tendenzialmente in gruppi di progettazione per sviluppare modelli matematici e simulazioni, analizzare dati, fare analisi di rischio, risolvere problemi di ottimizzazione.




Il profilo professionale che il CdS intende formare Principali funzioni e competenze della figura professionale
Ingegnere matematico specializzato in modellazione matematica e simulazione numerica   FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

E' un professionista dotato sia di una buona preparazione ingegneristica che di una solida preparazione matematica. Ciò lo rende particolarmente adatto all'inserimento in gruppi di ricerca e sviluppo e di progettazione per le quali siano necessari studi progettuali approfonditi, basati sull'uso di procedure matematiche avanzate, al fine di sviluppare modelli matematici e simulazioni.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

- Partendo dal problema applicativo identifica e deduce il modello matematico da usare sulla base di un compromesso tra accuratezza desiderata e complessità tollerata, ricercando una soddisfacente aderenza alla realtà e ottimizzando i costi in termini di tempo e di denaro.
- Utilizza i più aggiornati metodi numerici e quelle metodologie di visualizzazione e rappresentazione della soluzione utili a riportare i risultati ai collaboratori di altre discipline.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

- Società di produzione di beni industriali
- Aziende informatiche
- Agenzie ambientali
- Industrie biomediche
- Società di progettazione e/o gestione di complesse strutture di ingegneria civile,
- Società di ingegneria specializzate nella simulazione
- Centri e i laboratori di ricerca.  
Ingegnere matematico specializzato in probabilità e statistica  FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

E' in grado di gestire le basi di dati di una azienda o di impresa di altro tipo e di estrarre informazioni dai dati presenti su internet e nei social networks.
Può prendere iniziative autonome nella pianificazione di esperimenti o di ricerche, fornendo ai colleghi soluzioni originali per ottenere i dati necessari.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

- Pianifica esperimenti, sondaggi e ricerche di mercato in maniera autonoma e con una visione complessiva degli scopi dell'impresa.
- Analizza i risultati delle ricerche, individuandone e valorizzandone il contenuto informativo e inferenziale e fornendo delle solide basi di supporto alle decisioni aziendali.
- Analizza le dinamiche di reti (sociali, biologiche, infrastrutturali, logistiche).
- Affronta problemi di ottimizzazione identificando le migliori soluzioni anche di problemi vincolati, sia di tipo continuo che discreto che su reti.
- Utilizzando gli strumenti della matematica dell'incerto affronta problematiche e situazioni caratterizzate da un'alta aleatorietà, come quelle presenti nel mondo delle assicurazioni, degli investimenti, della qualità, dell'analisi di rischio, della biologica e della medicina.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

- Società statistiche
- Società di produzione di beni industriali
- Società di consulenza
- Banche
- Assicurazioni
- Industrie biomediche e farmaceutiche
- Centri e i laboratori di ricerca.  
Consulente scientifico in aziende di servizi per le industrie   FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

Grazie alla formazione interdisciplinare ricevuta, l'ingegnere matematico e' particolarmente adatto a lavorare in aziende di consulenza, sia di tipo gestionale che informatico, dove piuttosto che una specializzazione specifica, serve una spiccata versatilità e multidisciplinarità con competenze generali di tutte le Ingegnerie, degli aspetti economici e dei metodi di previsione e simulazione degli scenari possibili.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

Supporta i processi decisionali legati alla specifica richiesta di miglioramento della produzione e della gestione commissionata di volta in volta all'azienda di consulenza, abbinando la sua solida formazione matematico-fisica e le competenze proprie di più settori dell'Ingegneria.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

- Società di produzione di beni industriali
- Società di consulenza
- Aziende informatiche  
Programmatore scientifico  FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:

Responsabile della produzione e della programmazione di codici ed elaborati di alto contenuto tecnologico.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:

- Utilizza i più aggiornati metodi di calcolo computazionale.
- Raccoglie ed analizza dati e programmi utili ai fini aziendali.
- Utilizza con competenza software di tipo numerico e statistico, costruendo ex-novo codici di calcolo o di interfaccia oppure adattando codici esistenti a nuove esigenze.

SBOCCHI PROFESSIONALI:

- Società di produzione di beni industriali
- Aziende informatiche,
- Società di ingegneria specializzate nella simulazione
- Centri e i laboratori di ricerca.  


Preparazione per la prosecuzione degli studi Conoscenze necessarie per la prosecuzione degli studi
Dottorato di ricerca

 
Grazie alle forti competenze multidisciplinari il laureato magistrale in Ingegneria Matematica è in grado di proseguire gli studi in programmi di dottorato di ricerca non esclusivamente nel settore della matematica applicata, ma anche in alri settori dell'Ingegneria, come quantificabile dai dati presenti nel file brochure.pdf.
Per proseguire negli studi servono
- ottime capacità matematiche e computazionali e conoscenze approfondite dei problemi dell'ingegneria.
- un'eccellente attitudine all'analisi dei problemi, alla loro formulazione in termini matematici ed alla loro risoluzione in termini computazionali.
- capacità comunicative mirate alla trasmissione della conoscenza e atteggiamento critico nei confronti delle idee correnti. 

 Risultati di apprendimento attesi

Dopo lo studio di alcune discipline matematiche trasversali, lo studente può scegliere tra un percorso indirizzato alla formulazione di modelli matematici ed alla loro simulazione numerica ed un percorso indirizzato allo studio dei sistemi aleatori, della gestione dati, dei problemi su reti e dei problemi di ottimizzazione. Le materie a scelta permetteranno comunque un osmosi tra i due indirizzi conferendo allo studente una forte connotazione mu... Espandi...

Dopo lo studio di alcune discipline matematiche trasversali, lo studente può scegliere tra un percorso indirizzato alla formulazione di modelli matematici ed alla loro simulazione numerica ed un percorso indirizzato allo studio dei sistemi aleatori, della gestione dati, dei problemi su reti e dei problemi di ottimizzazione.
Le materie a scelta permetteranno comunque un osmosi tra i due indirizzi conferendo allo studente una forte connotazione multidisciplinare.
La conclusione del percorso formativo prevede la stesura di una tesi di laurea riferita ad un lavoro svolto autonomamente dallo studente che evidenzi o l'uso innovativo di metodi matematici noti nell'applicazione specifica o lo sviluppo di metodi matematici innovativi.
I contenuti scientifico-disciplinari suddivisi per area di apprendimento e definiti tramite i "descrittori di Dublino" sono riportati nella tabella relativa al Quadro A4b - Risultati di apprendimento attesi.



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti