Corsi di Laurea
Per denominazione

CORSO DI LAUREA DI 1░LIVELLO IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO

Anno Accademico 2006/07

Istituito per la prima volta nella forma attuale nell'A.A. 2004/05

INGEGNERIA I

Naviga nel Sito del corso di studio


Sede: TORINO

Classe di laurea n░ 8: INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE


Corso tenuto in Italiano


_______________________________________________________________________________

Durata e sede

Durata: 3 anni
Sede: Torino - C.so Duca degli Abruzzi 24
Gli studenti del 1░ anno frequenteranno le lezioni in C.so Duca degli Abruzzi 24 e le esercitazioni presso l'Alenia, in C.so Francia 366. Le lezioni del 2░ e del 3░ anno si terranno presso la sede di C.so Duca degli Abruzzi 24.

Profilo della professione

Il laureato in Ingegneria per l┐ambiente e il territorio realizza, gestisce, misura e controlla i sistemi di salvaguardia dell┐ambiente, le strutture produttive e le infrastrutture di servizio, con particolare attenzione alle condizioni di sicurezza del lavoro e alla protezione ambientale. Può occuparsi in particolare di:

  • uso razionale e compatibile delle risorse minerarie, petrolifere, idriche e geo-ambientali, primarie e di trasformazione;
  • analisi dell┐impatto ambientale di opere, processi, impianti, prodotti;
  • progettazione e costruzione di gallerie, realizzazione di scavi minerari e civili, stabilizzazione e bonifica di pendii;
  • progettazione e gestione di impianti di trasformazione e di trattamento ambientali;
  • valutazione di eco-compatibilità dei processi e recupero delle aree contaminate;
  • realizzazione di sistemi informativi e reti di monitoraggio per acquisire e gestire i dati ambientali;
  • previsione e prevenzione delle diverse forme di calamità naturali, e della loro gestione mediante le tecniche più adeguate di protezione civile;
  • predisposizione degli interventi strutturali (ossia progettuali e costruttivi) e non strutturali (ossia normativi) per il recupero del territorio e delle risorse.

Aspetti qualificanti
L'esigenza di armonizzare lo sviluppo produttivo del Paese con la tutela dell'ambiente, la pianificazione e la corretta gestione del territorio è di estrema attualità come l'importanza della gestione delle emergenze generate da eventi calamitosi di ogni origine. Le normative internazionali, europee e italiane sono sempre più attente a definire regole che permettano uno sviluppo compatibile con la salvaguardia, la conservazione e protezione del territorio e dell'ambiente. Parte importante di questo sviluppo sono le opere che intervengono sul territorio: dalle grandi infrastrutture alle imprese estrattive e agli impianti di smaltimento di rifiuti. ╚ proprio sulla progettazione, sulla gestione e sul controllo di tali opere che può intervenire con competenza la figura professionale formata dal corso di laurea in Ingegneria per l'ambiente e il territorio.
Possibilità di lavoro
I laureati in Ingegneria per l'ambiente e il territorio trovano impiego prevalentemente in: imprese di costruzioni, imprese petrolifere, libera professione o studi professionali, pubbliche amministrazioni di ogni ordine e grado (Stato, Regioni, Province, Agenzie Ambientali, Comunità Montane, Autorità di bacino), industrie manifatturiere, grandi committenti per opere infrastrutturali, cave ed attività estrattive, centri di ricerca italiani o stranieri. Possono ricoprire i seguenti ruoli: direzione lavori, responsabile di produzione, ingegnere dell'ufficio tecnico nel settore della geoingegneria, ingegnere di cantiere, specialista sicurezza ed antincendio, specialista ambientale, specialista di pianificazione territoriale e logistica, specialista di idraulica, specialista di gestione delle calamità. I laureati in Ingegneria per l'ambiente e il territorio, possono iscriversi all'albo professionale dell'Ordine degli Ingegneri, settore civile ed ambientale. L'offerta formativa del corso di laurea in Ingegneria per l'ambiente ed il territorio è completato da Master post laurea finalizzati a fornire qualifiche di alta professionalità.

Percorso formativo

Gli insegnamenti comuni a tutti i percorsi formativi
Il corso di laurea prevede insegnamenti di base e formativi per un avvicinamento scientifico ai problemi(matematica, fisica, chimica, disegno, geometria); insegnamenti delle principali discipline ingegneristiche della classe civile e ambientale (scienza delle costruzioni, fisica tecnica, topografia, elettrotecnica); insegnamenti più specifici che trattano con particolare attenzione i problemi ambientali e cantieristici (geofisica,geotecnica,idraulica,sicurezza nei cantieri, chimica ambientale, ecologia).
Gli insegnamenti caratterizzanti i diversi percorsi formativi
Il Percorso tutela ambientale offre gli strumenti per operare nel campo dell┐analisi e della gestione di problemi ambientali. Approfondisce quindi le tematiche che riguardano sia la riduzione di sostanze inquinanti in fase di produzione sia la localizzazione, la gestione ed il monitoraggio di impianti per lo smaltimento ed il riciclaggio di rifiuti urbani ed industriali. Gli insegnamenti caratterizzanti sono Ingegneria sanitaria ambientale, Ingegneria degli acquiferi, Geologia applicata.
Il Percorso geoingegneria forma una figura professionale che è in grado di organizzare, gestire e controllare cantieri di scavo di infrastrutture sul territorio ed altri lavori ed opere che prevedono interventi su rocce e terreni. Approfondisce tra l┐altro le tematiche inerenti ai lavori,alle tecnologie ed alle macchine di scavo di gallerie e spazi sotterranei ed ai necessari monitoraggi e controlli. Gli insegnamenti caratterizzanti sono Tecnica degli scavi e dei sondaggi, Gallerie, Petrografia tecnica.
Il Percorso protezione del territorio forma una figura professionale con competenze nel campo del monitoraggio di qualsiasi produttore di rischio: dai fiumi ai laghi (anche artificiali), dalle pendici montane franose alle zone soggette a valanghe, dai siti industriali ad alto e medio rischio ecc. E' esperto nell'ambito della valutazione e della cartografia delle aree a rischio (d'alluvione, di frana, d'inquinamento, di valanga, sismico, vulcanico, d'incendio ecc.). E' in grado di intervenire nell'immediato post-evento nell'ambito della protezione civile.
Il Percorso Ingegneria del petrolio forma una figura professionale esperta in gestione e produzione delle riserve naturali di idrocarburi. Approfondisce quindi le tematiche relative ai giacimenti sotterranei di olio e di gas,al funzionamento degli impianti di estrazione, alla gestione della produzione dei fluidi nel tempo in relazione alle caratteristiche e alle potenzialità degli accumuli e a vincoli di carattere economico, di sicurezza eambientale. Gli insegnamenti caratterizzanti sono Tecnica degli scavi e dei sondaggi, Elementi di ingegneria del petrolio, Meccanica dei fluidi nel sottosuolo.
I laboratori
Molti insegnamenti prevedono attività di laboratorio ed attività di rilevamento e misure sul terreno. Sono attualmente disponibili tutti i laboratori del DITAG(Ingegneria del territorio, dell'ambiente e delle geotecnologie)e quelli che fanno capo al Laboratorio d┐Alta Qualità del Politecnico che riunisce le tre componenti di Geologia Applicata, Geomatica e Geotecnica.
Altre attività
Sono previste visite a cantieri di grandi opere,impianti di estrazione, sopralluoghi in aree di particolare interesse geologico tecnico e visite ad impianti di smaltimento e riciclaggio rifiuti.

Caratteristiche della prova finale

Per il conseguimento della laurea l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una relazione scritta o di una tesi. Per il conseguimento della laurea specialistica l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. In ogni caso la valutazione del candidato avviene integrando le risultanze dell'intera carriera scolastica con il giudizio sull'esame finale.

Proseguimento su Laurea specialistica

Dopo la laurea si può accedere senza debiti formativi al corso di laurea specialistica in Ingegneria per l'ambiente e il territorio e in laurea specialistica in Ingegneria della protezione del territorio.
Corso di laurea specialistica in Ingegneria per l┐ambiente e il territorio
Il corso di Laurea specialistica dà una formazione culturale più approfondita e avanzata rispetto al corso di Laurea. L┐ingegnere specialista è messo in grado di ideare, pianificare e progettare interventi sul territorio e sistemi complessi di monitoraggio e controllo di fenomeni geologici ed ambientali.
La laurea specialistica in Ingegneria per l┐ambiente e il territorio si pone dunque come obiettivo la formazione di tecnici specialisti in grado di pianificare, progettare, realizzare, gestire, misurare e controllare processi, opere e infrastrutture che comportano la modificazione della biosfera e del territorio, tenendo sotto controllo i principi della eco-sostenibilità e della qualità estetica.
Più in dettaglio, il corso degli studi forma competenze professionali complete nei settori dell┐ambiente, del territorio, delle infrastrutture che interagiscono con il territorio.
Il laureato specialistico ha il compito di interagire e dialogare sia con gli specialisti degli altri settori dell┐ingegneria, sia con le pubbliche amministrazioni e gli enti per la gestione territoriale, su temi ingegneristici come:

  • impianti di trasformazione e di trattamento ambientali;
  • caratterizzazione e bonifica dei siti inquinati;
  • discariche;
  • gallerie;
  • grandi scavi civili e minerari;
  • opere e interventi per la bonifica e la stabilizzazione dei pendii;
  • uso razionale e compatibile delle risorse minerarie, idriche e geo-ambientali, primarie e di trasformazione.

Sono attualmente previsti percorsi di Tutela ambientale, Geoingegneria, Ingegneria del petrolio, Gestione territoriale.
Corso di laurea specialistica in Ingegneria della protezione del territorio
La laurea specialistica in Ingegneria della protezione del territorio prevede una specializzazione per settori, con particolare riguardo alla difesa del suolo, alla protezione dalle catastrofi idrogeologiche (piene, alluvioni, frane, inquinamento delle acque e del suolo), alla protezione delle risorse idriche superficiali e sotterranee.
Particolare attenzione è rivolta alla previsione dell'inquinamento idrico a livello locale ed a livello regionale, all'analisi, al controllo e alla bonifica dei siti inquinati, ai piani di protezione civile, alla definizione dei piani di previsione e protezione del territorio, alla progettazione di opere di intervento per la messa in sicurezza ed ai controlli dell'applicazione delle norme e delle leggi che tutelano il suolo, il territorio e le sue risorse.

FAQ

Che differenza c┐è tra il corso di laurea in Ingegneria per l┐ambiente e il territorio e il corso di laurea in Ingegneria civile? Il corso di laurea in Ingegneria per l┐ambiente e il territorio fornisce specifiche competenze di natura geologica, chimica ambientale e tecnologica su processi, macchine e tecniche di scavo ed intervento sul territorio. Il laureato in Ingegneria per l┐ambiente ed il territorio ha inoltre un ampio bagaglio di conoscenze ed esperienze sulle tecniche di misura di parametri geologici ed ambientali utili sia per la realizzazione di opere di ingegneria sia per la gestione ed il monitoraggio del territorio, dell┐ambiente e di processi industriali. Il laureato in Ingegneria per l┐ambiente ed il territorio progetta il sistema complesso, costituito dall┐opera e dalla sua interazione con l┐ambiente circostante mentre l┐ingegnere civile si focalizza sulla singola opera e considera l┐ambiente naturale come una sollecitazione esterna al sistema. La possibilità di disporre di conoscenze interdisciplinari rende l┐ingegnere per l┐ambiente ed il territorio il professionista adatto per la gestione ed il coordinamento dei gruppi di progettazione, di gestione e di controllo delle grandi opere infrastrutturali.