Corsi di Laurea
Per denominazione

CORSO DI LAUREA DI 1░LIVELLO IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

Anno Accademico 2006/07

Istituito per la prima volta nella forma attuale nell'A.A. 2006/07

INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE

Struttura organizzativa della Facolta

Struttura organizzativa del Corso


Sede: TORINO

Classe di laurea n░ 9: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE


Corso tenuto in Italiano


_______________________________________________________________________________

Durata e sede

Durata: 3 anni
Sede: Torino, C.so Duca degli Abruzzi 24
Gli studenti del 1░ anno frequenteranno in C.so Duca degli Abruzzi 24 e in C.so Francia 366. Le lezioni del 2░ e del 3░ anno si terranno in C.so Duca degli Abruzzi 24.

Profilo della professione

Il laureato in Ingegneria delle telecomunicazioni è un tecnico in grado di operare nei settori della progettazione, ingegnerizzazione, produzione, esercizio e manutenzione dei sistemi di telecomunicazioni. Può dirigere, coordinare e gestire gruppi di lavoro operanti sia in centri di ricerca e sviluppo sia in settori operativi aziendali. Gli ingegneri delle telecomunicazioni sono gli scienziati, i tecnici, gli operatori che consentono agli abitanti del cosiddetto villaggio globale di instaurare delle comunicazioni. L┐ingegnere delle telecomunicazioni progetta e gestisce i sistemi che consentono in un mondo senza frontiere di comunicare con tutti senza limitazioni e con costi contenuti; progettano terminali che permettono una gran varietà di forme di comunicazione, dal parlare con un amico lontano, ai collegamenti a Internet per scaricare una canzone o un film, o prenotare un viaggio, o una vacanza, o ancora scoprire che cosa si può acquistare in un negozio di un altro continente.
Aspetti qualificanti
La progettazione e la costruzione di antenne, di cavi sottomarini, di fibre ottiche e di calcolatori palmari, è affidata ad altri tipi di ingegneri, ma sono gli ingegneri delle telecomunicazioni che sanno come trasferire l┐informazione (la voce di una telefonata, una fotografia, una canzone, un film, ma anche i dati misurati da un rilevatore sulle pendici di un vulcano, le immagini osservate da un satellite spia, l┐elettrocardiogramma misurato a bordo di un elicottero del soccorso alpino, ecc) dalla sorgente che ha prodotto i dati fino all┐utente finale (ad esempio un amico al telefono dall┐altra parte del mondo, ecc).
Queste possibilità sono una realtà già oggi; altre possibilità saranno realtà tra poco, grazie al lavoro e alla capacità di innovazione tecnologica di molti ingegneri delle telecomunicazioni. In un mondo dove si parla sempre più di società dell┐informazione, l┐ambito delle telecomunicazioni non può che avere importanza centrale.
Per fare un esempio, immaginiamo un ragazzo che scatta una fotografia digitale da inviare a casa usando un telefono cellulare di quarta generazione. L┐immagine digitale è costituita da tanti piccolissimi ┐atomi┐ (i pixel). Non è possibile trasmettere tutti i pixel, perché sono troppi e il loro invio richiederebbe molto tempo (e denaro), ma un ingegnere delle telecomunicazioni saprà come fare a scegliere i pixel importanti per preservare la qualità dell┐immagine. Saprà progettare il sistema per trasmettere i pixel importanti attraverso segnali elettromagnetici. Tali segnali devono transitare dall┐antenna del cellulare all┐antenna della stazione base insieme ad altri dati trasmessi da altre persone che stanno contemporaneamente usando i propri cellulari e trasmettono la loro voce e le loro fotografie alla stessa stazione base. Un ingegnere delle telecomunicazioni saprà come far convivere e mantenere separate le diverse comunicazioni che avvengono contemporaneamente verso la stessa stazione base. Da questo punto in poi i dati (le fotografie e la voce) si troveranno a convivere con i dati che si stanno scambiando gli altri abitanti del villaggio globale, sulle diverse reti di comunicazione (cellulari, satellitari, cablate, ecc) che vanno a costituire la rete globale chiamata Internet. La gestione di queste reti è la competenza specifica dell┐ingegnere telematico, come si può vedere andando a leggere la descrizione del corso di Ingegneria telematica.
Per informazioni sulle Possibilità di lavoro è possibile consultare l'offerta formativa della III Facoltà di Ingegneria, a pag. 184.

Percorso formativo

Gli insegnamenti
Il primo anno è caratterizzato dalle discipline di base nell'ambito matematico, fisico, chimico e informatico, ed è completato dallo studio dell'inglese. Il secondo anno prevede principalmente insegnamenti nell'ambito dell'informatica, delle telecomunicazioni,dell' elettrotecnica e dell'elettronica e dell'automazione, con complementi di matematica e cultura generale. Il terzo anno si concentra sui contenuti peculiari dell┐ingegneria delle telecomunicazioni, con approfondimenti e attenzione particolare rivolta agli aspetti applicativi.
I laboratori
I laboratori prevedono un┐attività sperimentale nella quale si usano apparecchiature di tipo informatico (calcolatore) o di altro tipo quali oscilloscopi, generatori di segnali, ecc.
In ogni caso è prevista una interazione con metodi e strumenti di misura, in perfetta analogia con quanto l┐ingegnere si trova a svolgere nella sua attività professionale. Sono previsti laboratori avanzati sulla simulazione dei sistemi di trasmissione.
Altre attività
A integrazione di alcuni insegnamenti sono organizzate visite guidate ad aziende e seminari tenuti da esperti internazionali del settore (sia provenienti dal mondo universitario che dall┐industria).

Il 3░ anno del corso di laurea e' inserito nel Progetto di Rafforzamento delle Lauree Professionalizzanti (PRLP).

Caratteristiche della prova finale

Per il conseguimento della laurea l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una relazione scritta o di una tesi. Per il conseguimento della laurea specialistica l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. In ogni caso la valutazione del candidato avviene integrando le risultanze dell'intera carriera scolastica con il giudizio sull'esame finale.

Proseguimento su Laurea specialistica

Dopo la laurea si può accedere senza debiti formativi al corso di laurea specialistica in Ingegneria delle telecomunicazioni. Se si passa a un altro corso specialistico della III Facoltà di Ingegneria, eventuali carenze formative sono sanate mediante vincoli sugli insegnamenti opzionali all┐interno del piano di studi della laurea specialistica.
Corso di laurea specialistica in Ingegneria delle telecomunicazioni
Nel percorso di studi della laurea specialistica si ampliano le conoscenze di tutti gli elementi che costituiscono un sistema di trasmissione, approfondendone gli aspetti teorici.
Corsi specifici sono dedicati allo studio della codifica di sorgente e compressione dati, alla codifica di canale per proteggere l┐informazione, al progetto dei ricevitori numerici. Altri moduli di insegnamento affrontano ambiti applicativi dell┐ingegneria delle telecomunicazioni, quali ad esempio le tecniche di analisi ed elaborazione dei segnali, e la simulazione. Altri moduli analizzano sistemi complessi di comunicazione presentandone le metodologie di progetto, quali sistemi satellitari, sistemi wireless, in fibra ottica, radar e sistemi di radionavigazione, o la trasmissione video e la TV digitale.
Il corso di laurea specialistica culmina in una importante attività di progettazione, che si conclude con un elaborato nel quale si deve dimostrare la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e una buona capacità di comunicazione.
Gli ambiti professionali tipici per i laureati specialisti in Ingegneria delle telecomunicazioni sono quelli dell┐innovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi.
I laureati specialisti possono trovare occupazione presso:

  • imprese di progettazione e produzione di apparati e sistemi per i servizi di telecomunicazioni nelle varie forme (telefonia fissa e mobile, trasmissione di dati, diffusione, rete Internet, sistemi satellitari, ecc);
  • imprese erogatrici di servizi di telecomunicazioni;
  • imprese ed enti pubblici e privati che si occupano di reperimento ed elaborazione di dati di telerilevamento terrestre o spaziale;
  • enti di controllo del traffico aereo, terrestre e navale;
  • enti di sorveglianza ambientale;
  • aziende o enti di altri settori produttivi che, per la loro articolazione sul territorio, hanno necessità di servizi interni di telecomunicazioni (esempio banche, grandi imprese, imprese erogatrici di energia, ecc).

FAQ

Che cosa distingue Ingegneria delle telecomunicazioni dalle altre ingegnerie dell┐informazione? L┐ingegneria delle telecomunicazioni si occupa nello specifico di tutti gli aspetti necessari per instaurare una comunicazione (all┐interno di un circuito elettrico, su un cavo, wireless, ecc.) e di tutti gli aspetti di elaborazione dei segnali (ad esempio compressione di immagini digitali, codifica della voce, ecc). Per ottenere questo l┐ingegnere delle telecomunicazioni utilizza ciò che viene progettato dall┐ingegnere elettronico che si preoccupa invece principalmente di progettare gli apparati che consentono il trattamento dei dati digitali, cioè ad esempio i microprocessori, i componenti integrati o lo studio dei campi elettromagnetici.
L┐ingegnere informatico invece, sulla base dei sistemi di comunicazione progettati dall┐ingegneria delle telecomunicazioni, costruirà delle applicazioni multimediali, o progetterà architetture complesse per i calcolatori.
L┐ingegnere informatico avrà inoltre un maggior numero di insegnamenti focalizzati sulla programmazione avanzata.