Corsi di Laurea
Per denominazione

CORSO DI LAUREA DI 1░LIVELLO IN INGEGNERIA INFORMATICA

Anno Accademico 2006/07

Istituito per la prima volta nella forma attuale nell'A.A. 2006/07

INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE

Struttura organizzativa della Facolta

Struttura organizzativa del Corso


Sede: IVREA

Classe di laurea n░ 9: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE


Corso tenuto in Italiano


_______________________________________________________________________________

Durata e sede

Durata: 3 anni
Sede: Ivrea (To) - Viale Liberazione 15
Colle Bellavista 10015 0125/632519
Segreteria didattica
Lo stesso corso di studi è tenuto anche presso la Sede di Torino

Profilo della professione

Il laureato in Ingegneria informatica si occupa della progettazione, ingegnerizzazione, produzione, esercizio e manutenzione dei sistemi di elaborazione e dei sistemi informativi. La sua formazione gli consente la direzione e la gestione di laboratori informatici e di sistemi informativi aziendali, sia nel contesto della produzione industriale che nell┐area dei servizi. Può operare inoltre nelle attività di promozione, vendita, assistenza tecnica, e nella libera professione.
Aspetti qualificanti
Sono ben note le carenze di specialisti informatici a livello italiano e mondiale rispetto alla richiesta del mercato: questo perché le competenze informatiche sono richieste ormai in moltissimi settori, non solo scientifici e tecnologici.
Il laureato in Ingegneria informatica si inserisce facilmente in ogni contesto produttivo o professionale grazie all┐accentuata integrazione tra conoscenze teoriche ed esperienze pratiche realizzate nei laboratori e negli stage aziendali.
Possibilità di lavoro
Chi si laurea in Ingegneria informatica ha come sbocco lavorativo naturale le aziende che realizzano sistemi e prodotti informatici, hardware e software, e le aziende e gli enti che progettano servizi per la pubblica amministrazione, la finanza, la comunicazione, i trasporti, e moltissimi altri settori produttivi.
Inoltre, le conoscenze di base e specialistiche apprese in questo corso di laurea sono ampiamente apprezzate in qualsiasi tipo di ente o azienda (anche non specificamente informatici), ad esempio per le attività che riguardano il progetto, la gestione e il controllo dei sistemi produttivi.

Percorso formativo

Gli insegnamenti
Obiettivo didattico del corso di laurea in Ingegneria informatica è una cultura di base ampia, comprendente non soltanto le matematiche, il software e l┐hardware degli elaboratori, ma anche l┐elettrotecnica, l┐elettronica, le misure elettroniche, il controllo automatico, l┐elaborazione dei segnali. Questa impostazione mira a sviluppare nello studente una capacità critica che riguardi non soltanto gli aspetti connessi alla progettazione del software, ma anche quelli relativi al dimensionamento, alla gestione di impianti e ai sistemi informativi nel loro complesso.
Per quanto riguarda le conoscenze specificamente informatiche, il percorso formativo (che per questo corso di laurea è unico) comprende argomenti come l┐architettura dei sistemi di elaborazione, l┐organizzazione dei sistemi operativi, la struttura delle basi di dati, le architetture e i servizi di rete, l┐ingegneria del software, le tecnologie Web, le applicazioni grafiche e multimediali, la sicurezza e la protezione dei sistemi e del traffico di rete.
I laboratori
I laboratori prevedono un┐attività sperimentale nella quale si usano apparecchiature di tipo informatico (calcolatore) o di altro tipo quali oscilloscopi, generatori di segnali, ecc.
In ogni caso è prevista una interazione con metodi e strumenti di misura, in perfetta analogia con quanto l┐ingegnere si trova a svolgere nella sua attività professionale.
Ai laboratori di informatica di base si affiancano laboratori avanzati incentrati sulla conoscenza e sulla gestione dei principali sistemi operativi e prodotti software applicativi del settore informatico contemporaneo.
Altre attività
Sono previsti seminari e giornate di presentazione delle aziende del settore, e visite ad alcune aziende.

Il 3░ anno del corso di laurea e' inserito nel Progetto di Rafforzamento delle Lauree Professionalizzanti (PRLP).

Caratteristiche della prova finale

Per il conseguimento della laurea l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una relazione scritta o di una tesi. Per il conseguimento della laurea specialistica l'esame finale consiste nella discussione pubblica di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. In ogni caso la valutazione del candidato avviene integrando le risultanze dell'intera carriera scolastica con il giudizio sull'esame finale.

Proseguimento su Laurea specialistica

Dopo la laurea si può accedere senza debiti formativi al corso di laurea specialistica in Ingegneria informatica. Se si passa a un altro corso specialistico della III Facoltà di Ingegneria, eventuali carenze formative sono sanate mediante vincoli sugli insegnamenti opzionali all┐interno del piano di studi della laurea specialistica.
Corso di laurea specialistica in Ingegneria informatica
La laurea specialistica in Ingegneria informatica permette di acquisire, oltre alla padronanza della cultura scientifica e tecnologica di base, una solida preparazione specialistica capace di rispondere alle esigenze di innovazione che provengono dalle imprese pubbliche e private.
Le attività professionali tipiche per i laureati magistrali in Ingegneria informatica sono la ricerca scientifica e tecnologica, la progettazione di sistemi hardware e software e di applicazioni in ambito Internet, il dimensionamento e la gestione di sistemi di elaborazione ed impianti informativi complessi.
La laurea specialistica in Ingegneria informatica prevede diversi percorsi formativi nei quali si approfondiscono tematiche differenti a seconda del percorso intrapreso. ╚ quindi possibile acquisire conoscenze approfondite sullo sviluppo dei sistemi distribuiti e dei servizi avanzati su reti locali e geografiche, sulla progettazione e gestione di sistemi informativi aziendali, sulla progettazione e ottimizzazione di sistemi digitali complessi, sulla costruzione e analisi teorica e sperimentale di modelli nonchè sulla rappresentazione grafica e virtuale della realtà.
All'interno della laurea specialistica in Ingegneria informatica è presente un percorso formativo tenuto completamente in lingua inglese (Master of science in computer engineering). Tale percorso, di recentissima istituzione, permette di acquisire, oltre a una solida preparazione di base e avanzata, le capacità necessarie per emergere sul mercato globale, sempre più caratterizzato da realtà multi-nazionali. Le attività professionali tipiche sono quelle degli altri laureati in Ingegneria Informatica. Il laureato nel percorso in lingua inglese si distingue però per la sua maggiore propensione ad agire e misurarsi sul mercato europeo e mondiale, confrontandosi con specialisti e colleghi non solo del proprio settore ma anche di aree affini. Al percorso di studi in inglese sono ammessi indicativamente 40 studenti, selezionati da un'apposita Commissione che ne valuta la carriera.

FAQ

Che differenza c┐è tra il corso di laurea in Ingegneria informatica e il corso di laurea in Informatica? Il corso di laurea in Ingegneria informatica è inserito nelle facoltà di Ingegneria, mentre quello in Informatica è inserito nelle facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. La differenza tra i due corsi di laurea rispecchia quindi la differenza tra le due facoltà: mentre lo scopo principale della scienza è approfondire la conoscenza di base in un determinato settore, l┐obiettivo principale dell┐ingegneria è coniugare la conoscenza di base con l┐innovazione tecnologica. Pertanto un laureato in Informatica è orientato prevalentemente all┐approfondimento dei fondamenti logico-matematici dell┐informatica e alle loro applicazioni nello sviluppo di strumenti informatici, mentre il laureato in Ingegneria informatica è orientato alla progettazione, al dimensionamento e alla conduzione di impianti di elaborazione. Naturalmente queste considerazioni hanno carattere del tutto generale e richiedono valutazioni più dettagliate nel momento in cui si faccia riferimento a specifici corsi di laurea, anche tenendo conto dell┐ampia autonomia con cui le varie sedi universitarie definiscono la loro offerta formativa nel nuovo ordinamento.