PORTALE DELLA DIDATTICA
Z
AREA INGEGNERIA
Scheda Istituzionale
 
Presentazione del corso
 
Piano degli studi
 
Guida dello Studente
 
Regolamento didattico del Corso di Studio
 
Dipartimento
 
Collegio
 
Risultati questionari (C.P.D.)
 
Soddisfazione dei laureandi (AlmaLaurea)
 
Condizione occupazionale (AlmaLaurea)
 
Requisiti di ammissione
 
Caratteristiche della prova finale
 
SERVIZI PER GLI STUDENTI
Servizi
 
Tasse e contributi universitari
 
Organizzazione struttura didattica
 
Rappresentanti degli studenti
 
Docenti del Corso
 
Appelli d'esame
 
ALTRE INFORMAZIONI
Modello Informativo SUA-CdS
 
Glossario it-en
 
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA GESTIONALE (ENGINEERING AND MANAGEMENT)
Anno Accademico 2019/20
DIPART. DI ING. GESTIONALE E DELLA PRODUZIONE
Collegio di Ingegneria Gestionale
Sede: TORINO
Durata: 2 anni
Classe di laurea n° LM-31: INGEGNERIA GESTIONALE
Referente del corso
CAMBINI CARLO   coord.gestionale@polito.it
Corso tenuto in Inglese
 Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale mira a formare un ingegnere aperto alle problematiche sistemiche che caratterizzano la vita delle imprese. Obiettivo del Corso è formare un laureato culturalmente preparato sul fronte tecnologico e su quello economico-manageriale e capace di gestire l’innovazione nei prodotti e nei servizi. Il piano formativo segue un percorso che va dall’analisi dei mercati sotto il profilo economico e giu... Espandi...

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale mira a formare un ingegnere aperto alle problematiche sistemiche che caratterizzano la vita delle imprese. Obiettivo del Corso è formare un laureato culturalmente preparato sul fronte tecnologico e su quello economico-manageriale e capace di gestire l’innovazione nei prodotti e nei servizi. Il piano formativo segue un percorso che va dall’analisi dei mercati sotto il profilo economico e giuridico, alla gestione di progetti di sviluppo di nuovi prodotti, alla strategia d’impresa, alla progettazione organizzativa, alla gestione dei sistemi produttivi, alla gestione della qualità.
Il fine è creare una figura professionale di alto profilo, in grado di intervenire fattivamente nelle decisioni strategiche e tecnico-operative (progettazione e gestione di modelli di business, strutture organizzative, progetti di sviluppo nuovi prodotti/servizi, scelte finanziarie, etc.), che influenzano la competitività di imprese e organizzazioni operanti in contesti caratterizzati da elevata innovazione, nonché da una marcata complessità tecnologica e di mercato.
Gli insegnamenti offerti nel Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale si contraddistinguono in due tipologie: la prima, comune a tutti iscritti, è caratterizzata dalle tematiche che, congiuntamente, costituiscono l'ossatura della formazione economico-gestionale; la seconda consente gli studenti di specializzare la propria formazione su differenti ambiti gestionali. In particolare, nel secondo semestre del secondo anno sono previsti sei percorsi: Finanza, Informatica, Innovazione, Logistica, Produzione e Servizi.

 Sbocchi occupazionali e professionali

I principali sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati magistrali in Ingegneria Gestionale riguardano svariati ambiti legati alla gestione operativa e strategica delle imprese. Giova ricordare i più importanti: la gestione dell’innovazione di prodotto (dagli aspetti di progettazione e ingegnerizzazione a quelli relativi alla commercializzazione), la pianificazione del ciclo di vita del prodotto o del servizio, la gestione dell... Espandi...

I principali sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati magistrali in Ingegneria Gestionale riguardano svariati ambiti legati alla gestione operativa e strategica delle imprese. Giova ricordare i più importanti: la gestione dell’innovazione di prodotto (dagli aspetti di progettazione e ingegnerizzazione a quelli relativi alla commercializzazione), la pianificazione del ciclo di vita del prodotto o del servizio, la gestione delle attività operativa di impresa (gestione dell’innovazione di processo produttivo, pianificazione e controllo della produzione, gestione della logistica interna ed esterna alle imprese), la gestione dei sistemi informativi a supporto dei processi operativi e di controllo aziendali, la pianificazione finanziaria e il controllo di gestione, la pianificazione strategica . Gli sbocchi occupazionali degli ingegneri gestionali sono relativi alle imprese manifatturiere e di servizi, alla consulenza direzionale e organizzativa, gli intermediari finanziari (banche, assicurazioni, fondi di Venture Capital), gli enti della pubblica amministrazione (in relazione a settori come sanità).
Considerati gli aspetti di novità che caratterizzano alcune figure professionali che questo Corso di Laurea Magistrale mira a formare, non è possibile individuare nella classificazione delle Unità Professionali NUP proposta dall'Istat attività che identifichino in modo univoco ed esaustivo tutti gli sbocchi occupazionali tipici dell'Ingegnere Gestionale. Considerati tali limiti, il Collegio di Ingegneria Gestionale fa anche riferimento alla classificazione prevista da EUCIP (European Certification of Information Professionals) per i profili professionali attinenti alla progettazione e alla gestione delle ICT (Information Communication Technology) e dei sistemi informativi in azienda.
Nella tabella che segue sono elencati i profili professionali che il Corso intende formare con le relative funzioni principali e competenze.

Il profilo professionale che il CdS intende formare Principali funzioni e competenze della figura professionale
Ingegnere gestionale esperto nella gestione di progetti di innovazione.
 
FUNZIONI:
Si occupa della gestione di progetti innovazione connessi allo sviluppo o al miglioramento di prodotti e servizi e dei relativi processi aziendali. Opera con ruoli e funzioni di collegamento orizzontale tra le aree tecnica, produzione, logistica, marketing, sistemi informativi, finanza e controllo. Interviene nei processi di pianificazione strategica, nell’analisi delle tecnologie e nella definizione e gestione di piani industriali.

COMPETENZE:
Capacità di analizzare le determinanti della redditività di un mercato, integrando elementi relativi alle dinamiche di competizione, alle strategie delle imprese, alla normativa di riferimento, all’evoluzione tecnologica dei prodotti e servizi.

Capacità di analizzare come le principali variabili macro-economiche influenzino la definizione e l’attuazione delle strategie di un’impresa.

Capacità di individuare gli elementi più rilevanti nella progettazione organizzativa, in funzione delle caratteristiche della strategia d’impresa e dei prodotti.

Capacità di valutare un piano economico legato a un nuovo investimento o al lancio di un nuovi prodotti e servizi, prendendone in esame anche gli aspetti di sostenibilità finanziaria.

Conoscenza degli strumenti del marketing: leve di marketing, metodi e strategie di pricing in differenti contesti, strategie distributive e ruolo dei contratti nell’allineamento degli attori delle filiere distributive.

Conoscenza di tecniche per la gestione di portafogli di progetti di sviluppo prodotto, per le ricerche di mercato, la previsione delle vendite e dei processi di diffusione delle tecnologie.

SBOCCHI PROFESSIONALI:
Aziende manifatturiere e servizi 
Ingegnere gestionale esperto nel controllo e gestione di imprese.   FUNZIONI:
Opera come analista a supporto del management direzionale all’interno delle aree di marketing, produzione e finanza per la definizione e l’attuazione delle rispettive strategie.

COMPETENZE:
Capacità di applicare metodologie avanzate per il controllo di gestione e la contabilità industriale.

Capacità di analisi e progettazione dei flussi e dei processi di business e relativa definizione dei requisiti e caratteristiche dei sistemi informativi in grado di supportarli.

Capacità di comprendere le implicazioni reddituali e patrimoniali di specifiche scelte aziendali di tipo sia operativo che finanziario.

Capacità di comprendere l'interazione tra l'andamento dei mercati finanziari, le opportunità di investimento e le scelte di struttura del capitale adottate dalle imprese.

Conoscenza di aspetti legati agli adempimenti inerenti alla creazione di impresa, alla sua struttura finanziaria e patrimoniale, ai diritti e obblighi dei soci di società, alle regole di gestione e di amministrazione.

Capacità di applicare gli strumenti quantitativi per il risk management. Capacità di individuare, valutare e gestire i principali rischi finanziari, creditizi ed operativi.

SBOCCHI PROFESSIONALI:
Aziende di produzione di beni o servizi. Organizzazioni pubbliche e private. 
Ingegnere gestionale esperto nella gestione di sistemi informativi a supporto dei processi aziendali.   FUNZIONE:
Analizza i processi aziendali, definendone i requisiti informativi e identificando le adeguate tipologie di soluzioni informatiche e di architetture di sistemi informativi. Partecipa a programmi e progetti per il miglioramento dei sistemi informativi e delle prestazioni organizzative alla luce del necessario equilibrio tra rischi, costi e benefici.

COMPETENZE:
Capacità di applicare tecniche per lo sviluppo di progetti di innovazione basati sull’utilizzo dell’ICT (Information Communication Technology)

Conoscenza delle logiche di analisi, progettazione, controllo e sviluppo dei sistemi informativi all'interno delle imprese di produzione di beni e di servizi, compresi gli aspetti di interazione utente.

Comprensione degli aspetti manageriali specifici in contesti organizzativi finalizzati allo sviluppo e all’erogazione di servizi ICT.

SBOCCHI PROFESSIONALI:
Imprese manifatturiere e di servizi 
Ingegnere gestionale esperto nella gestione di attività operative delle imprese  FUNZIONE:
Ricopre ruoli di responsabilità nella gestione di specifiche attività operative delle imprese, nelle aree della produzione e della logistica interna ed esterna.

COMPETENZE:
Conoscenza delle strategie di gestione applicabili ad un sistema produttivo e delle procedure di analisi della performance del sistema stesso.

Conoscenza delle tecniche integrate di progettazione e produzione im-piegate nell’industria manifatturiera.

Capacità di applicare metodi per valutare efficienza, efficacia e sostenibilità economica del sistema di produzione.

Conoscenza delle principali tecniche di controllo di processo e controllo di accettazione sia in fase di acquisizione delle materie prime sia in fase di immissione sul mercato del prodotto/servizio.

Capacità di applicare metodologie di misura della Qualità e dei concetti fondamentali previsti dalla normativa di riferimento per la Qualità.

Capacità di applicare metodi di pianificazione, programmazione, monitoraggio e controllo di commesse attraverso l’uso di strumenti quantitativi.

Conoscenza approfondita di tematiche quali l'assetto dei sistemi distributivi, l'outsourcing delle attività logistiche, l'impatto delle nuove tecnologie (e-logistics), le soluzioni attuate in differenti settori industriali e commerciali

Capacità di affrontare le principali problematiche di una supply chain attraverso l’applicazione di strumenti di analisi quantitativa e qualitativa.

Capacità di applicare tecniche per la valutazione economica in una catena logistica, l’Activity Based Costing applicato alla logistica, la Lean logistics.


SBOCCHI PROFESSIONALI:
Imprese manifatturiere e di servizi. 


Preparazione per la prosecuzione degli studi Conoscenze necessarie per la prosecuzione degli studi

 Risultati di apprendimento attesi

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale comprende due tipologie distinte di insegnamenti, la prima è costituita da tematiche tipiche della formazione economico-gestionale ed è comune per tutti gli iscritti, la seconda permette la scelta tra specifici percorsi formativi ove lo studente possa completare la propria formazione tecnico-economica grazie a un ventaglio di corsi a scelta. Gli obiettivi formativi in termini di risultati d... Espandi...

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale comprende due tipologie distinte di insegnamenti, la prima è costituita da tematiche tipiche della formazione economico-gestionale ed è comune per tutti gli iscritti, la seconda permette la scelta tra specifici percorsi formativi ove lo studente possa completare la propria formazione tecnico-economica grazie a un ventaglio di corsi a scelta.
Gli obiettivi formativi in termini di risultati di apprendimento sono dettagliati nella tabella seguente.
L'intero Corso di Laurea Magistrale può essere seguito anche in inglese con, per ora, un numero ridotto di percorsi a scelta disponibili.



© Politecnico di Torino
Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY
WCAG 2.0 (Level AA)
Contatti